martedì 8 aprile 2008

Io sarei qui - 2

(Io sarei qui - 1)

Ieri sera ci siamo accapigliati in una discussione. Tutto ha preso avvio da quanto speso in una spaghetteria, sulla strada di ritorno dopo averi visto Into the wild.

Solo per coperto e vino (mezzo litro di mediamente medio(cre) se non appena sufficiente vino bianco mosso alla spina, costo 0.80€ fattoci pagare 6€ ovvero 24000Lit al litro), 10€ ovvero 10000Lit  a cranio. In cucina ce la caviamo bene e nessuno objetta nulla quando nei piatti , anche poveri, c'è manodopera. Ma nel caso del vino non c'è stata alcuna opera, nessuna arte, ma solo un commercio speculativo di vino di bassa lega, a discapito dei produttori e del consumatore finale.
Ci siamo intavolati in una discusssione tra filosofia, decrescita, politica, sociologia. Questa società piramidale, pochi che stanno sopra che sfruttano quelli che stanno sotto, con una lotta furiosa per invertire le parti, basata sul plagio delle menti, per cui i poareti (i senza capitale, alias proletari, in linguaggio della sinistra, sempre più spesso pure senz'arte) addirittura giustificano che esistano persone che si possono permettere i lussi più strambi e di tenere alla fame quelli sotto che, si prestano al gioco.
Il datore di lavoro di A-Woman si è acquistato una Porsche da 400K € e tiene a stecchetto tutti i dipendenti.
E' un'economia che non da lavoro che consuma le persone e le risorse naturale: il proletario si trova così poareto, senza orgoglio di classe, senza orgoglio d'arte (in parte alienata) e pure senza Natura, usata e sfrutttata a proprio lucro e consumo da un'oligarchia plutocratica.
Preferiscono gli inceneritori teratogeni, che mandano risorse in fumo alla raccolta differenziata porta a porta. La prima garantisce opere, appalti, dividendi agli azionisti, tangenti, sprechi immani ed inquinamenti peggiori ed è a scarsa intensità di lavoro, la seconda garantisce risparmi a tutti i livelli, è positiva per la collettività e per l'ambiente, da lavoro, richiede di investire su processi e persone invece che su impianti e macchine inquinanti ed inefficienti.
Ecco che quel mancato lavoro, il danno pubblico e il lucro privato elevano e assotigliano la piramide, allargano la base.
Per me quelli della spaghetteria possono crepare e chiudere, io non pagherò mai più a quegli stronzi 24000Lit al litro il loro merdoso vino. Possono andare a farsi fottere. Tengano un prezzo dignitoso e con un ricarico decente (non avrei pagato più di 2€ quel mezzo litro di vino). Con gli altri 4€ pago il fatto che il cuoco o il titolare o il sanpancrazio si cambia il Mercedes ogni due anni.
Abbiamo letto il programma della Sinistra arcobaleno e le osservazioni su consumo dell'ambiente e sulla distribuzione iniqua della ricchezza che sta peggiorando. Molto condivisibili alcuni punti, altri imbottiti di demagogia ed ideologia (ad esempio la chimera del volemosebene dell'abolizione della legge Bossi-Fini sull'immigrazione o le idee di salari politici per tutti, la meritocrazia è ancora un tabù, non c'è menzione ad austerità e sobrietà ed al realismo che le persone hanno pregi e difetti che non sempre coincidono con buoni e cattivi, ovvero colla classe di appartenenza).
A-Woman voterà Sinista Arcobaleno.
Mi sono ritrovato, per molti momenti, comunista, a dispetto della mia emotività ed alla mia testa anarchica.
Mah, io ancora non so. Devo leggermi il programma di Sinistra Critica e rioesaminare quello di Per il bene comune.

4 commenti:

  1. Francesco0719668 aprile 2008 22:30

    metà PD metà IDV, un ramo del parlamento a testa. penso

    RispondiElimina
  2. Walter una delusione ..

    probabilmente non vado a votare

    RispondiElimina
  3. UnUomoInCammino9 aprile 2008 10:25

    Stamane ho letto, venendo al lavoro



    NON VOTO

    Verlusconi e Veltroni fuori dai coglioni

    Vogliamo una classe politica nuova.





    Aggiungo che nuovo non significa sempre buono/migliore.

    Se i cittadini uscissero dal credere la politica e la pensassero, si accorgerebbero che i programmi sono spesso allucinanti ciarpami demagogici. Ciò che si salva è relegato in piccoli partiti.

    Ciò dimostar il limitie della democrazia: la qualità politica segue la curva gaussiana e la mediocrità fa massa. Da questo punto di vista, la democrazia rimarrà... mediocrità.



    x kairosh:

    L'alto giorno mi sono messo di buona volontà e ho tentato di leggere il programma arrivato nella cassetta della posta.

    Il 2° punto letto: ambiente

    Realizzare rigassificatori, inceneritori e TAV.

    Programma cestinato immediatamente nel raccoglitore della carta da riciclare.

    RispondiElimina
  4. Ciao,

    sul mio blog qualcuno ti chiedeva di andare avanti con la tua discussione...

    Se vuoi scrivere un commento e linkare il tuo post, fai pure...



    ;-)



    Gg.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.