venerdì 20 dicembre 2013

Schiva la ridda!

Sto schivando la ridda di feste, aperitivi, cene. A volte (quando non ne posso fare a meno) sono lì senza partecipare (ieri sera a lezione di tango, poi n volte altrove :- Mangi? bevi? No grazie, vorrei godermelo a Natale... Mi guardano un po' storti). Ho sentito qualche persona che inizia a bofonchiare su questo ingozzamento di pandoro, salamelecchi, prosecco, pizzette, panettoni, auguri, e cene, mangiatine e mangiatone. Che senso ha arrivare alla festa del solstizio (altrimenti detta Natale) stufi di... festeggiare? Questo appiattimento in un orribile stato di perenne confusione anacronistica, disarmonica, fuori fase, indistinto stato di non-festa, non non-festa, lo trovo, edonisticamente parlando, uno dei più efficaci metodi per ottundere i contrasti e con ciò, il piacere.

La causa più grave di diabete_con_nausea sono le mille mila sagre, festicciole, raccolte, saggi di beneficenza. Ma le persone si accorgono dei problemi del mondo solo in due settimane di dicembre? lavorando alacremente le altre cinquanta settimane dell'anno per aumentarli e peggiorarli? Questo sfoggio di viscide ipocrisie perbeniste mi rivolta l'anima, mi procura orticarie aggressive.
No grazie, lungi da me! Sto diventando sempre più allergico a questo teatrino.

Poi arriverà il tempo dell'esilio incantato in quell'angolino del Trentino. La mamma ha deciso, prima volta, che ci "presterà" la casa al paesino natale della quale è tanto fiera e pure un po' gelosa. Tanto dovrò andarmene prima o poi... meglio che ve la godiate.
Orso tra orsi, sarà silenzi, passi e cuori battenti, focolare, affetti, sapori. E qualche puntata in milonga, a proposito di contrasti! Non è escluso che riavrò tra le braccia Mora di Rovo. Tornerò alla sensualità dei sensi, alla vittoria dell'estetica, dei contrasti.
Eh, stasera me ne tornerò in milonga. Stasera poi domenica "la tarde". Il pensiero mi da gioia, più di un calice o anche due di Franciacorta Ca' del Bosco.

16 commenti:

  1. Ciò che non capisco è proprio la valanga di inviti che ti arrivano dalla gente più disparata per vedersi "anche solo per un aperitivo veloce e farci gli auguri".
    Come se poi durante l'anno non ci si possa vedere. E c'è dell'ipocrisia in questo circo prima di Natale. Cosa che mi da' alquanto noia.

    RispondiElimina
  2. Buon pomeriggio Olivolì Olivolà! :)
    In me convivono l'orso solitario e il lupo sociale ma sono entrambi amanti degli spazi liberi e naturali.
    Così non riesco a comprendere, a far mio, il piacere del "vedersi anche solo per un aperitivo veloce e farci gli auguri".
    Mah.
    Più o meno come "il divertimento obbligato" a San Silvestro. Avendo così tante occasioni di divertimento a volte tanto esagerato da doparmi di gioia e biochimica nel corso di quasi ogni settimana dell'anno, a me_mi sembra una evidente forzatura, Il "divertimento obbligato strutturale" lo trovo triste e cerco di starmene lontano da esso.
    Così pure per auguri e salamelecchi prenatalizi.
    Ti abbraccio per questa comunanza di sentire.

    RispondiElimina
  3. boh
    quando un amico mi squilla "vieni che facciamo aperitivo", e l'amico è una giusta compagnia, sto in prima linea.
    farsi gli auguri, penso sia un gesto carino, un pensiero, da dare a quelle persone che giornalmente senti dentro di te.
    insomma, rifuggo gli auguri naftalina, quelli che riservi a parenti o persone che per il resto dell'anno manco consideri o che ti considerano.
    ma le altre, io le cerco e spacco con gli auguri.
    se poi ci scappa qualcosa da bere o da mangiare, io son felice :-)

    RispondiElimina
  4. Quando un amico mi squilla "vieni che facciamo aperitivo" io gli risponderei di sì.
    Quando un amico/tizio/collega/compagno di corso mi squilla "vieni che facciamo aperitivo prima di/per Natale" io gli rispondo di no, Specie se mi fa l'invito solo quella volta in un anno.
    Sono proprio orso, eh!? =:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nu, mi sembri per nulla orso :-)
      ma uno che penso sappia chi è e che vuole dal resto del mondo

      Elimina
  5. belle le vacanze in Trentino :-)

    ci sei stasera per un aperitivo e i saluti di rito? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti devo sfanculare subito o preferisci 'na doppia dose domani? Ahahah

      Elimina
    2. aspetta al 24, quando ti telefonerò ;-)

      Elimina
    3. Riattiverò il telefono solo da 25 in poi. >>:)

      Elimina
  6. ieri sera sono uscito, stasera pure

    e non mi dispiace

    RispondiElimina
  7. Non ho mai amato le pizze-cene-pandorate pre-natalizie...e' vero, tolgono sapore alla vera festa, quelle di quest'anno le ho declinate tutte, non avevo scelta d'altra parte, ma anche con qualche euro in piu' in tasca non ci sarei andata lo stesso. Meglio trovarsi intorno ad un tavolo a casa con le persone care, possibilmente nei luoghi che ami e che significano molto per te. Felici feste in Trentino! :)

    RispondiElimina
  8. E' già tanto che riescano a convincermi ad andare alla cena della vigilia e a un pranzo di Natale. Grazie ad un magnifico mal-di-gola-raffreddore-tosse potrei sempre accampare la scusa giusta.

    Sono ri-apparsa, vedi?
    Quasi quasi ti seguo...
    Ci penso


    Ok, lo faccio.

    RispondiElimina
  9. Lo spreco di questi giorni è un insulto insopportabile al vero spirito del cristianesimo.

    RispondiElimina
  10. al lavoro vedo colleghi con la faccia assonnata, la pancia gonfia, il reflusso gastrico e i nervi a fior di pelle.
    tutti che si lamentano,
    tutti che non capiscono ---- ma si adeguano.
    ma io mi chiedo, te l'ha ordinato il dottore?
    non lo sai che si possono anche dire dei fantastici "NO"?

    RispondiElimina
  11. x Francesco:
    Sono uscito martedì, venerdì, ieri sera, oggi "la tarde". Tango, cinema, gas.
    Belle serate, sono in splendida forma. Non ho gozzovigliato affatto.Cibo buono e sano, forse un po' più leggero da ieri per concomitanze varie. Insomma non bisogna necessariamente farcirsi come dei tacchini da ingrasso ovvero centrare tutto sulNatale prima di Natale.

    x Spirita Libera:
    Mi fa piacere che sei tornata! :)
    Arrivare alle feste senza aver dovuto affrontare stress consumistici e alimentari aiuta a viverle meglio. Se andassi al ristorante dopo aver mangiato sicuro che sarebbe una rottura di koglioni star seduti due o tre ore ad un altro banchetto. No?!
    Abbracci parecchi di ben ritornata.

    x Mia Euridice:
    Seguirmi?! Nooo... Cosa hai fatto di male per meritarlo?
    Parecchie persone raffreddate. Una buona scusa per declinare inviti e obblighi prenatalizi. :)

    x Sara:
    Direi di sì.
    Se ci si distacca un po' si riesce ad osservare 'sto delirio di Più tutto più Prenatale per tutti.
    Aggiungo che io non sono affatto contrario ai vizi, anzi... Ci sono molti ottimi vizi e vari sono non consumistici. Ma... al momento gusto! Sempre per tornare alle metafore alimentari, se vuoi goderti il buob pranzetto non ti ingozzare prima di esso.
    Come sta il tuo spirito diaristico? Tornerà il diario tuo?

    x Sivia:
    Il reflusso gastrico... Ahaah... bellissima questa! :)
    Natal pre Natal? No no grazie!
    I no che aiutano ... l'edonismo del vivere bene (sai che ho parecchia intolleranza alla crescita, questi crescono benissimo... sì, di lardominali e di ciccicipiti e in stress.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.