venerdì 22 maggio 2009

Ah come godo



  • Ambiente, abbattuto lo scheletro dell'ecomostro di Palmaria
    La costruzione che deturpava il panorama dell'isola di Palmaria, di fronte a Portovenere, in provincia di La Spezia, è stata fatta brillare stamane con 672 candelotti di esplosivo gelatinato. Si chiude così la vicenda di uno dei più famosi 'ecomostri' d'Italia
    (Repubblica.it)

Una rondine non fa primavera.
Una rondine è meglio del nulla.
Colpire uno per educarne 100.
Ecco, allora dovremmo usare un po' di candelotti alcune altre di migliaia di volte.
Ah, come godo libidinosamente.

2 commenti:

  1. Mi chiedo che senso avrebbe avuto far largo all'edicificio piantato nel luogo sbagliato per poi abbatterlo?

    Non sarebbe stato meglio forse non costruirlo proprio?

    Evidentemente ci sono cervelli e cervelli..

    Cervelli nati per costruire in armonia con l'ambiete..

    E cervelli criminali, nati per costruire, distruggere, e godersi lo spettacolo..dall'alto della propria ignoranza..bang bang

    RispondiElimina
  2. UnUomoInCammino24 maggio 2009 08:45

    Il senso era quello di un tentativo di pochi di fare palanche a danno di ambiente e comunita'.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.