sabato 22 gennaio 2011

A rivivere questo mistero

Con te e senza di te.
Forse non ci sono parole migliore di quelle dello zio Osho sul paradosso dell'Amore, delle sue frecce che punzecchiano e, un po' piu' in la', entrano fino a intingere la loro cuspide del rosso d'anma e del cuore.
_rio, un Amico grande, amico del cuore, che mi aiuto' cosi' tanto, ci ospito' a Milano quando andammo all'Arena Club, quella notte che dormimmo abbracciati teneramente, il mio maestro del maschile, si e' separato.
Ci siamo parlati, con la testa e il cuore e le orecchie mie ben aperte, a sentire il suo dolore, la sua fragilita', cio' che vissi, cio' per cui fui cosi' vulnerabile, inerme e cosi' aperto alla vita, seme putrefacente da cui germogliai.
La notte e' buia e tempestosa. Fa freddo,amico mio,  ora e il cuore e' solo, con i suoi ricordi, sei nudo rispetto a questa vita.
Ho sentito il travaglio in parole. Ho sentito la ferita del tornare bimbi rifiutiati, ti ho sentito, amico mio.
Hai buon credito, in quegli anni fosti caro e brezza calda di primavera, con l'odore della vita e del rinascimento.
Così ora ti aspetto. Posso comprendere e condividere cio' che ho appreso. E ho cosi' bisogno anche io di capire, del tuo aiuto. A-Woman mi ha sfanculato, anche io sono qui, da solo. Vieni, che avrai ascolto, Ma ti tocchera' aiutarmi a capire.

Caro Amico mio, mi aiuti a vivere, a rivivere questo mistero della vita. A sentirla giu'  nel cuore, nell'anima.


Egon Schiele, autoritratto come San Sebastiano, galleria Arnot

4 commenti:

  1. Un amico non ti negherà mai il suo aiuto a man..mai..

    Apriti al tuo amico, abbandona l'idea della stampella..

    Fidati di lui..

    Descrivi ciò che senti..

    Aiutalo ad aiutarti a vincere le tue stesse paure

    non aver timore di far scorgere le tue debolezze, che spesso, possono ambire a mutarsi in punti di forza..

    Apriti, apriti amore mio, perchè il tuo silenzio è già mio oro tutto ciò che splende..è da te che vorrei sentire :"Ti amo ancora"..

    Apriti a man..apriti..non scappare capito? non scappare..

    Trova il modo di spiegarle ciò che vorresti da lei, aiutala ad aiutarti..aiutala..

    Sarebbe così bello sentire il calore delle tue mani..

    Hai delle mani talmente belle, da equiparare quelle d'un pianista..

    Mi sono sempre chiesta se, suonassi il pianoforte come secondo strumento è una cosa che non so ma che vorrei sapere..

    Parlami di te ti prego parlami..

    RispondiElimina
  2. Se ti ho ferito per avere scritto qualcosa che magari avresti preferito non condividere ti chiedo scusa..

    Ma vorrei che tu sapessi che, i miei sentimenti nei tuoi riguardi sono sinceri e prescindono dalla finalità che tu credi..

    Liberissimo di crederci oppure no..

    Il fagiano in genere ama cibarsi in solitudine..

    t.a.t.

    Vado a cenare..un bacio

    RispondiElimina
  3. UnUomoInCammino25 gennaio 2011 13:24

    x fenia:

    Benvenuta.

    Ohibò, come potresti?

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.