mercoledì 9 novembre 2016

Un passo in là - 3




UnRagazzo uotsappa con _mlero e le chiede perché io sia così agitato in 'sti giorni. Io rivivo  quanto mi successe. E' assurdo questo transfer, ma io sento male per UnaBipede e anche per mio figlio, questo capitombolo rovinoso che lascerà ferite. Sono partiti proprio male. quei due. Non so neppure se augurar loro che non ne abbiano - rimarrebbero poco coscienti - o se vivano quel dramma, almeno un poco. Ho chiesto a UnRagazzo di saltare scuola e di stare vicino a UnaBipede,  quando prenderà la seconda pillola del farmaco abortivo. Imparerà con le emozioni.

Sono così adolescenziali, da quanto ho percepito da mio figlio, che non si rendono conto. Mio figlio tenta di tranquillizzarmi dicendo che andrà tutto bene. Ma non è un problema tecnico. No, non è un problema tecnico.
_mlero mi diceva che essi sono stati, uso il termine che ritengopiù preciso, diligenti. Questo però non cambia granché.

Ieri ho saltato cointegro e anche milonga, preoccupazioni, malinconia, non avevo voglia.  Abbiamo parlato a lungo_mlero ed io a casa sua. Abbiamo un problema sulla contraccezione, di prospettive. Ora io non voglio che succeda più ciò che mi è successo. A costo di non trombare più.

Stasera parleremo, finalmente, viso a viso. Mio figlio ed io.

7 commenti:

  1. UomoCoso, lo sai che gli amici a volte devono dire cose sgradevoli. Eccoci qui. Ti rendi conto che da quello che hai scritto si ricava che tu sei figlio di tuo figlio? E qui mi fermo perché ci sono altre cose che risalgono all'indietro che preferisco non scrivere e non so se te le direi nemmeno di persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido. ma come detto nel precedente post, per me basta giudicare.

      Elimina
    2. Giudicare significa emanare una sentenza sulla base di un certo codice.

      Indicare un problema, un pericolo, serve ad indurre prima la percezione che il problema esiste e in seconda battuta una azione correttiva.

      Che poi nella vita di solito non serva a nulla, è un altro paio di maniche.

      Elimina
  2. Se posso permettermi, se può essere utile, penso che in situazioni del genere contano due cose di cui giustamente ne fai menzione: lo stato psico-fisico della ragazza e parimenti per il ragazzo...bisogna con pazienza far capire loro che è un incidente di percorso, che a tutto c'è rimedio, e che col tempo capiranno che ogni esperienza è utile per crescere al meglio. Tutto qui

    Auguri a te e prole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un aborto NON è un incidente di percorso. Proprio non si può neanche immaginare di pensare che lo sia.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.