venerdì 2 gennaio 2009

Tanto ci pensa allah - 2

(Tanto ci pensa allah - 1)

  • Giorno della collera per l'uccisione di uno dei suoi cinque principali leader, il falco Nizar Rayan, morto in un raid aereo insieme alle quattro mogli, a 10 figli
    (Corriere.it)

Cosa si diceva? Reificazione della Donna, figliamento conigliesco, patriarchi padri padroni.
Meno ce n'è di questa diossina, meglio è, uno in meno è ancora troppo poco.
Un parassita tossico e prolifico eliminato.

Nizar Ryan

22 commenti:

  1. >Un parassita tossico

    >e prolifico eliminato



    tu non stai bene...

    non è da te parlare in modi così crudi della morte di un uomo...



    mah...



    S.

    RispondiElimina
  2. UnUomoInCammino2 gennaio 2009 13:23

    C'è una parte mia, nera, quella che gli islamici prendono a pietrate, nei riti della mecca, che non voglio censurare.

    Razionalmente capisco che non sia politicamente corretto, emotivamente, sono molto felice che una persona che io considero il peggio del male, sia stata eliminata.

    RispondiElimina
  3. Non mi interessa la censura e io non mi censuro.

    Ma, onestamente, non sono stato capace di godere neanche alla morte di Pinochet (e ti assicuro che per moltissimi anni è stato per me l'emblema dell'orrore e dell'inumano).

    Si può pensare che la morte di un uomo sia comunque un qualcosa che migliora la vita di altri uomini, e razionalmente goderne, ma questo tuo "uno in meno è ancora troppo poco" applicato ad una categoria intera (più o meno esistente) suona molto (perdonami) nazista come approccio agli altri e alla complessità del mondo.

    Voglio dire che così come fatico ad accettare che si possa essere felici per la morte di uno che (fondamentalmente) non ci ha fatto nulla (ne a noi ne ai nostri cari), sono incredulo che lo si possa odiare semplicemente perchè fa (farebbe) parte di un gruppo le cui idee e i cui modi non sono i tuoi. Probabilmente ho sbagliato io a pensarti diverso (ambientalista, di sinistra, aperto e curioso della complessità) e quindi c'è poco da discutere.

    Amen.

    RispondiElimina
  4. abulqasim

    Che dirti, io non riesco ad essere per bene e a modino e se una persona che a fatto ciò che ritengo eticamente è il peggio schiatta, io che ti posso dire, mi rallegro molto. Quel barbuto, inoltre, essendo molto giovane, avrebbe continuato a fare del male. Ovviamente, c'è dolore e altro. Ma tutte le situazioni drammatiche, i mali profondi richiedono, per la gaurigione, altro dolore. Il dolore che si manifesta è cmq meno del dolore che si manifestrebbe se quella patologia non venisse arrestata.

    Il sistema di disvalori, la violenza, l'insulto a Natura e Donna, a tolleranza, laicismo, nonviolenza rappresentato, proclamato e imposto da islamici di quella genia fanno molto male, alla loro gente, ad altra gente, al pianeta.



    Una persona di sinistra (supponiamo che ciò significhi



    egalitè fraternitè libertè



    )



    non può che avere come fumo negli occhi questa genia di integralisti maschilisti, teocrati feduali zeloti religiosi.

    E' ovvio.

    Se vuoi parliamo di Al Fatah, che è altro rispetto a questa merda religiosa invasata.

    RispondiElimina
  5. Ma è chiaro che chi è di sinistra DEVE averli come fumo negli occhi. Ma questo poco c'entra con la morte de 'sto tipo e con i modi che hai usato.

    Quando parlo di complessità (che E' un valore della sinistra) dico che fenomeni come Hamas e tutti i fondamentalismi che vuoi diventano rilevanti quando si muovono in un "humus culturale" che li agevola e li fa diventare credibili e plausibili alla loro gente (a parte della loro gente). Negli anni '50 e '60 questa gente (che pure esisteva) era li a sbattersi senza essere filata da nessuno (o quasi) perchè il contesto culturale era ben altro (Nasser e soci). Se vuoi che questi fenomeni scompaiano non puoi agire uccidendo persone (che rinascono in continuazione) ma modificando la cultura, promuovendo cultura altra. E' sempre li e solo li il problema. Ed è per questo che serve più Emergency che l'esercito in Afghanistan.

    Quindi (e poi ti lascio alle tue cose) l'uccisione di uno non risolve nulla e non può/non dovrebbe procurare orgasmi e felicitazioni.



    Tutto questo senza essere una persona per bene o a modino (?). Qui non si tratta di educazione o di modi, ma di coscienza politica.



    Io potrei parlarti (invece di Al Fatah) di quanto non sopporto gli zingari e di quante piccole e grandi grane hanno procurato alla mia famiglia e ai miei affetti. Ma da questo a godere se bruciano le loro baracche e qualcuno ci lascia le penne, beh, secondo me c'è un abisso.



    S.



    p.s. A dispetto del nick non sono ne arabo, ne mussulmano.

    RispondiElimina
  6. neanche io godo della morte di nessuno, ma in cuor mio, non posso fare a meno di pensare che la vita di pochi, causa la morte di tanti...e per morte non intendo solo quella fisica, ma soprattutto in alcune dittature anche la morte intellettuale.

    quindi, non ne gioisco, ma nemmeno mi ci consumo. Quando morirono Falcone e Borsellino, piansi per giorni interi...perchè moriva LA SPERANZA di una Sicilia migliore ed anche di un mondo migliore...Quindi l'unico sentimento che provo, per chi muore, dopo aver seminato morte è solo amarezza. Amarezza per aver sprecato la sua vita e quella degli altri...inutilmente.

    RispondiElimina
  7. Uomo, l'odio non porta da nessuna parte...e non serve nascodersi dietro un'ideologia, ne tantomeno riesumare fatti accaduti ad altri. Penso che tutti dovremmo fare uno sforzo a non fare luoghi comuni; perferisco fermarmi quì, tutto ciò che accade é sempre voluto da chi la pensa diversamente da noi, pertanto educare alla tolleranza già da piccoli i propri figli, ecco, forse aiuterà a che essi vivano in un mondo migliore.

    RispondiElimina
  8. UnUomoInCammino3 gennaio 2009 15:09

    x abulqasim:

    La complessita' e' una cosa complessa che puo' essere gestita tra pari. Non puoi invitare a responsabilita', tolleranza e rispetto, un toro inferocito infilatosi in un negozio di strumenti di precisione.

    Se il problema e' che Isralee e' un innesto forzato di un pezzo di civilta' europea ("occidentale") in medio oriente, cio' non significa che non esistano sistema di (dis)valori mussulmano ed integralista che dimostra, in molteplici luoghi, anche in assenza diretta di ingerenze esterne, la virulenza di quel tipo di societa' teocratica e religiosa.

    Israele ha perfidia e delitti in abbondanza (come il suo espansionismo in quell'area, la gestione dell'acqua, la demolizione delle case e l'esproprio delle aree a gricole) alle quali corrispondono peggiori e piu' infamanti criminalita' palestinesi, atti criminali non solo contril pianeta ma perfino contro nessi stessi.

    Se lo stronzo raffigurato in foto e'passato ad altra vita (spero nei gironi delle fiamme, applicandogli le teorie bisclacche che proclamava) ora cessera' di fare danni.

    Dinamiche e complessita' si possono gestire solo tra pari che si rispettano. Altrimenti e' necessario imporre il rispetto della tua zona vitale, del tuo territorio, della tua liberta'.

    Sarebbe interessante divulgare come vengono trattati i gitani nei paesi islamici, a proposito di "tolleranza" di quei violenti...



    x ZuZuli:

    Sei molto melgio di me. Io spero che Isarele elimini uno ad uno tutti i capi di merdhamas. Se la cloaca ha delle bocche che emettono liquami maleodoranti, queste devono essere tappate.

    Per compensare, oggi ho deddicato un pensiero a Maruo Rostagno, morto assassinato, ma, a differenza dello stronzo raffigurato sopra, un Eroe, una persona degna e saggia.



    x nuovo45:

    Se io ho delle pulsioni di odio, non voglio nasconderle. Io sono benevolo, in genere. Ma odio coloro che vogliono imporre, imporsi, speculare, organizzare sistematicamente credo, obbedienza e intolleranza.

    Essere integralista contro gli integralisti e' un atto di dovere civile.

    Come diceva Gandhi, ciascuno sia artefice del cambiamento che auspica.

    RispondiElimina
  9. allora mettiamola così: I pacifisti stanno da tutte le parti, i ghigliottinari stanno da tutte le parti, ecc. IO sono semplicemente per la pace, e per ottenerla non c'é bisogno di aggiungere ai già morti, altri morti; tuttavia lotto contro chi produce armi,chi sfrutta l'incombenza della miseria degli altri, chi si appropria delle coscenze, ecc. proprio come faceva GANDHI.

    RispondiElimina
  10. Francesco0719663 gennaio 2009 19:24

    era un pò che non ti leggevo, e mi pare che nulla sia cambiato riguardo il tuo radicalismo anti-islamico.

    RispondiElimina
  11. In realtà pare che nulla sia cambiato nel suo radicalismo e basta.

    Un paradosso notevole ed alquanto grottesco nel provenire da qualcuno che invece si dichiara libertario e rispettoso di altrui scelte e pensiero.

    RispondiElimina
  12. non capisco questi 'attacchi' ...io ho già detto come la penso e trovo che la non tolleranza sia proprio nel non rispettare le scelte ideologiche di qualcuno. personalmente ad uomo come Rina o a chi semina morte e ignoranza ficcherei un palo nel culo. La morte no, ma la sofferenza si...almeno quella Vivadio... e gli impedirei di generare altri figli, cosichè lo stampo di malvagità vada ad esaurirsi. il troppo buonismo ipocrita genera solo croci nei cimiteri dell'oblio.

    ZuZuli sloggata

    RispondiElimina
  13. UnUomoInCammino4 gennaio 2009 15:25

    x Francesco071966:

    Il mio radicalismo antiintegralista, anti wahhabita non perde un colpo. Ho dati continui che rinforzano il mio giudizio sulla tossicita' ei movimenti ilamici fondamentalisti. Se un giorno qui dovessere proclamare delle enclavi governate dalla sharia, sarei sicuramente uno dei resistenti volontari ad organizzare una lotta armata contro di essi.



    x Alahambra:

    Anche nelle tue critiche talvolta assai sciocche non cambia nulla. Ora che tu da maestrina ti metta ad apologizzare i capistronzi di hamas, mi pare del tutto fuori luogo. Tu, in quella societa' deliranti wahhabite, non potresti neppure guidare un'auto od uscire senza fratello, padre o marito.

    La liberta' e' tra pari; intolleranti oscurantisti di questa risma per me non sono neppure umani e appplicherei a loro cio' che essi ammirano, ovvero i forni crematori.



    x utente anonimo:

    C'e' una sorta di masoschismo latente per cui tutta una serie di persone politicamente corrette prendono le difese della merdaglia che, se qui avesse potere, le tratterebbe come cimici sotto le suole delle scarpe.

    La sinistra, poi, ha un'isteria collettiva nel difendere questi delinquenti medievali il cui sistema di valori e' in completa e totale antitesi a quelli propri.

    Questi sono apologeti di una societa' patriarcale maschilista teocratica ed omologata.

    Piu' ne fa fuori, Israele, meglio e' (non che manchino le merde ortodosse anche in Israele ma quella e' una societa' molto piu' secolarizzata).

    Piu' mi informo sui settori peggiori del mondo mussulmano, piu' capisco essi siano un pericolo planetario non meno del consumismo occidentale.

    RispondiElimina
  14. In primo luogo mi chiedo dove tu abbia letto apologia in quello che ho scritto.

    Come al solito, cambi argomento rispetto alle critiche che ti vengono mosse, e come al solito non rispondi se non con attacchi e provocazioni.

    Per conto mio, mi sono limitata a constatare come, ancora una volta, ci sia una grande contraddizione tra le tesi che sostieni. Non si può essere contemporaneamente carne e pesce: ad un certo punto bisogna fare una sceta. O di qua o di là. E mi sta bene che sia qua o là, basta che ci sia coerenza.

    Ma forse, semplicemente, c'è una mancanza di conoscenza profonda delle definizioni che adoperi.

    RispondiElimina
  15. > In realtà pare che nulla sia cambiato nel suo radicalismo e basta



    E' una frase sciocca, Alahambra.

    Argomenta, invece di profferire sentenze sui sistemi metafisici. Tu hai contribuito con quel commento in una pagina ben specifica.

    Non hai neppure le ovaje di sostenere la difesa di quel babrbuto e del pensiero tossico che produceva in maniera industriale.

    Non c'e'alcuna contraddizione. Ho da sempre scritto che sono un'integralista antiintegralista. Non c'e' alcuna contraddizione, perche' il sistema sociale che io assumo (Liberte' Egalite' e Fraternite') non solo non e' in alcun modo accettato da quella robba ma e' combattuto con zelo e fervore religioso massimo. Non essendo nel mio sistema, non posso applcare le regole che funzionano nel mio sistema.

    Non e' che il tuoi globuli bianchi si fanno delle riserve morali quando attaccano i batteri e i virus che minano l'integrita' del tuo corpo.

    Di qua o di la'? Eh!?

    Che sarebbero qua e la'? A cosa ti riferisci? Scritto da qualche parte che io sono buonista, tollerante? Non c'e' alcun qua.

    RispondiElimina
  16. Zootecnia religiosa - 2

    [..] (Zootecnia religiosa) Ogni maschio adulto potrà ricevere gratis 22 preservativi Brasile, profilattici e pillola gratis per tutti Campagna del governo contro l'Aids e le gravidanze non volute. La Chiesa: «Lo fanno per diminuire popolazione& [..]

    RispondiElimina

  17. Non puoi contemporaneamente sostenere i principi ispiratori della rivoluzione francese e poi costantemente infervorarti se qualcuno esercita il suo proprio dirtto a quella stessa libertà che tu proclami. La non tolleranza ha ben poco a che fare con quei valori (no, scusa, valori ha un che di connotazione morale, chiamiamoli principi). Quanto al buonismo, non lo sopporto nello stesso modo in cui non lo sopporti tu, ma da qui a rallegrasi per la morte violenta di chicchessia ce ne corre.

    Quindi, ribadisco: o di qua (libertà, uguaglianza e fraternità) o di là (radicalismo e baionette in resta contro tutto quello con il quale non ti trovi in sintonia)



    "Non hai neppure le ovaje di sostenere la difesa di quel babrbuto e del pensiero tossico che produceva in maniera industriale."

    Questo è talmente esilarante che quasi mi fa specie rispondere. Il fatto che non sia concorde con la tua linea di pensiero, non significa che io sia d'accordo con la sua. Gli estremismi non mi piacciono nè in un caso nè nell'altro. Indipendemente da quale sia la tesi sostenuta, ad essere integralisti si guadagna solamente eccesso, violenza, scarsa capacità di usare il senso logico e discriminazione. Grazie, ma di questo faccio volentieri a meno.

    RispondiElimina
  18. Guarda che l'utente anonimo ero io e l'ho pure scritto!



    Studdutissimo sei!:)

    RispondiElimina
  19. UnUomoInCammino4 gennaio 2009 21:10

    x Alahambra:

    Nell'articolo riportato da articolo riportato da baccha si riporta che Hamas si ripropone la lotta alla Laicita' dello Stato. E' ovvio che cio' non sia compatibile con una delle cose per cui lotto io che e' esattamente la Laicita' dello Stato.

    Quindi, se avessero chiuso in una stanza lo stronzo sopra e me, saremmo stati radicalmente incompatibili. Non parliamo neppure di uguaglianza etc. Non posso essere fraterno con uno cosi'.

    E' contraddizione? Mah.

    Emotivamente, non lo nascondo, godo molto per l'eliminazione fisica degli ideologhi wahhabiti. Ti direi che a casa loro avrebbero diritto a.. potrebbero pure, ma questi piccoli esseri mediocri figliano come conigli marci, fra 15 anni mi ritrovovo in italia i loro figli ad immigrare, la loro esistenza e' veramente parassitaria e metastasica, ti colpisce anche a migliaia di km di distanza.



    x ZuZuli:

    Scusa, non avevo aggiunto (ZuZuli)

    Precchio studduto sono! :)

    RispondiElimina
  20. sarebbe meglio chiudere quì la discussione, visto il radicalismo che viene espresso da diverse parti in questo post...ognuno tenga le proprie convinzioni, il proprio anti...la storia si concretizza e si scrive giorno per giorno, pertanto a che serve dimenarsi tanto. Penso e concludo, per quel che può interessare i commensali, che" il razzismo non esiste in natura, ma chi lo é genera solo e solamente le differenze di classe tra ricchi e poveri.. sempre e copmunque lIbero esprimersi e libero pensare.

    RispondiElimina
  21. Che dici nuovo45?

    Tu parli di radicalismo che proviene da più parti.



    Qui l'unico radicalismo è quello di aman. E lui ne è anche orgoglioso: guarda che bella discussione che è riuscito a generare.

    Il suo personaggio è l'antieroe che sostiene tesi controverse.



    Ma poi nuovo45, che senso ha il tuo venire sempre qui a fare da paciere, a fare la voce della ragione in questo blog?

    Sembra quasi che tu ti voglia sentire saggio nei confronti di unuomoincammino. E aman/unuomoincammino te lo lascia fare volentieri, basta che tu continui a commentare.

    Perdonami se te lo dico nuovo45 ma chiunque può apparire più intellegente o più saggio di aman: è come quando uno vede una trasmissione televisiva dove si esibiscono guitti completamente privi di talento, uno pensa: "Cavolo! ma anch'io potrei fare di meglio".

    Certo che potresti fare di meglio! Però intanto sei qui che ti sorbisci sta stupidaggine.



    acquaragia

    RispondiElimina
  22. Trolla amante delle tesi dell'ortodossia.

    Quali sarebbe la tua voce "della ragione"?

    Quella della Binetti?



    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.