giovedì 8 gennaio 2009

Riproduciti consuma krepa

E' bene fermarsi e riflettere.
Esiste una guerra giusta?
Esistono attacchi o difese innocenti?
La guerra è santa?
Quali le cause?
Infine, le persone meditino su ciò che insegnano biologia ed etologia, osservato e riprodotto sperimentalmente fino alla noia.

Un qualsiasi animale superiore ha il concetto di spazio vitale (i nazisti lo avevano definito con molta precisione, Lebensraum). Se in uno spazio fisico aumenti il numero di esemplari, essi competerenno per il loro spazio vitale, fino ad arrivare alla selezione naturale per la quale il più forte vince.
Ancora: a parità di risorse, eliminati predatori e  fattori di contenimento della popolazione, ad esempio epidemiologici (da questo punto gli antibiotici sono i migliori e più efficaci ingredienti per un collasso cruento futuro dell'umanità) questa ha aumento (esponenziale) fino al punto di collasso, quello in cui le risorse non sono più sufficienti per garantire la sopravvivenza di quella popolazione. Si arriva al collasso numerico (avviene per morte per inedia, infanticidi, soppressione dei deboli, uccisioni, fino al cannibalismo di specie) od all'estinzione della specie.

Gaza e l'area napoletana sono due chiari esempi, due piccoli anticipi di futura evoluzione del mondo. Una sorta di antipasto di apocalissi. Il tumore che esplode. Una pressione antropica insostenibile (nel senso letterale del termine) che divora risorse e produce rifiuti (in quasi totalità tossici e non biodegradabili). Diossina, liquami di fogna, mancanza di acqua, cibo ed acqua inquinati, distruzione delle falde, nanopolveri, centinaia di migliaia di sostanze tossiche, dipendenza dall'esterno per la sopravvivenza, a partire da quella alimentare, violenza sociale, moti insurrezionali, ulteriore aumento demografico, organizzazioni criminali (camorra ed hamas) che sfruttano la situazione, individuazione di non meglio precisati nemici esterni imputati di ogni male, caccia al diavolo (non importa se siano israeliani da prendere a missilate o i rom da bruciare a Ponticelli) che rubano o uccidono i bambini (non si capisce bene come si possa decidere di fare la guerra tirando missili sul nemico, sull' "impero del male" se nella casa vicino ci sono 6 famiglie con 48 bambini, mah).

Tutto ciò è ampiamente previsto da scienza e conoscenza.
Il risultato? Zero.
Sette miliardi di Locusta Insapiens in ulteriore fantastico progressivo sviluppo esponenziale. Tutti fanno conto sull'estero per importare risorse. Evvai a fare figli come conigli, secondo i più rigorosi ed ortodossi precetti religiosi, più consumatori, più soldati, più martiri, più fedeli, più braccia per la patria. In alcuni formicai umani si osserva già cosa succederà.
Però c'è il cattivo ed è colpa degli altri. Sempre.
Al diavolo, alla pietra nera, al caprone, si tirano sempre le pietre. Tutta colpa sua, brutto cattivo. Noi siamo candidi ed immacolati.
Nell'immagine crescita edilizia tumorale a danni di terreni agricoli a Gaza City e inquinamento idrico e ambientale dovuti a reflui di una discarica collassata, il 27 marzo 2007, progettata per 50000 palestinesi e che ne serve 190000. Quattro vittime sepolte vive dall'onda di rifiuti e liquami.


March 27th, 2007.   Four dead, thousands evacuated in Gaza, sewage flood
(via The Associated Press / Dust In My Eyes)

7 commenti:

  1. [questi giorni sono l'accavallarsi del dolore]

    RispondiElimina
  2. UnUomoInCammino8 gennaio 2009 15:07

    Un male profondo non si sviluppa da ieri.

    Osservo molte lacrime di coccodrillo, in giro, di questi giorni. Unita, come sempre, a strabismo, completa mancanza di logica e conoscenza, moralismi, soluzioni per parrocchia presa, sciocchezze su Male e Bene in bianco e nero senza toni di grigio.

    Mah.

    RispondiElimina
  3. [lo so.è un male che fin da sempre ha strisciato nella pelle,nel sangue e nei pensieri....è un male che simbolicamente è diventato feroce anche negli stessi giorni del mio dolore...]

    RispondiElimina
  4. Un cancro che consuma il corpo che lo ospita, certo...ma si puo' e si deve anche oltre la biologia e l'etologia...

    Siamo animali "superiori" perchè possediamo l'intelletto e la capacità di ragionare...quando si usa la violenza difficilmente queste capacità hanno la meglio...siamo come "bambini", ignari del pericolo cacciarci...

    Sul banco degli imputati vogliamo metterci politica e religione? Un processo decisamente lungo che non si esaurisce con poche righe ma sul quale dovremmo profondamente riflettere...

    Gli uomini ancora ignorano che facciamo tutti parte della stessa specie :o, ecco perchè noi "bambini" dobbiamo crescere o siamo perduti...

    Io non spero nella selezione naturale del piu forte, piuttosto mi aguro che la nostra evoluzione, sollecitata dalla ricerca del benessere psicofisico, vada nella direzione di acquisire maggiore consapevolezza che non siamo isole...e che la dignità umana ed il rispetto non sono solo parole ma un sentire che si deve tramutare in azioni...se cosi non sarà temo che ci vorrà l'apocalisse per risvegliare le nostre coscienze, farci crescere e ricominciare con modelli di convivenza nuovi di zecca :o....

    RispondiElimina
  5. Questa vignetta sembra fatta apposta per questo post....

    Ciaooo

    :-DD



    RispondiElimina
  6. UnUomoInCammino9 gennaio 2009 12:28

    x Morfea77:

    Sei molto poetica.

    Ma il male è alquanto poco poetico e molto pratico. E' dovuto allo sviluppo tumorale continuo di Homo Sapiens del quale beneficiano pochi (molto pochi ed estremamente ricchi e potenti) al danno di tutto il resto (Creato, altri Sapiens compresi).

    E' la teoria del più PIL, del progresso, del fare tanti figli etc. ed altre idiozie del genere con effetti funesti.

    Prendi il tuo dolore e usalo per conbattere sta merda.

    Quando i tuoi amici fanno il terzo figlio od oltre, di che stanno facendo un atto criminale.



    x bySoleLuna:

    Se neghiamo la nostra parte naturale, le sue dinamiche, i bisogni fondamentali vitali siamo su una strada di follia moralista. Noi siamo anche biologia ed etologia, negare questo lo si fa spesso, dicendo che non siamo bestie etc. un tentativo patetico moralista di elevazione da poareti metecatto che negano le basi del proprio essere.

    Sul banco degli imputati mettiamo



    credenze

    teologia del PIL

    teologia religioso-zootecnica

    negazione della realtà

    adorazione della tecnologia salvifica

    idolatria dello sviluppo

    dissociazione

    benismo moralista



    Se non vogliamo la selezione naturale (processo antistorico direi, ma possiamo governarlo, in parte) dobbiamo considerare la nostra animalità, cosa richiede e vedere di renderla coerenti , far convivere pulsioni di istintive, di testa e collettive.

    Perché è in quella miscela che si muove il consumismo, la prolificità cunicola, la demonizzazione dell'eros e l'apologia della riproduzione.

    La dignità umana non puà prescindere da alcuna delle nostre parti e da pulsioni e bisogni animali, istintivi che essa comprende e che la formano.



    Per crescere dobbiamo decrescere, ad iniziare dalla decrescita demografica.



    Altirmenti verremo sepelliti vivi dal diossiname antibiologico che produciamo quotidianamente, dall'esaurimento delle risorse e dalle lotte furiose che ciò scatena e scatenerà.

    RispondiElimina
  7. UnUomoInCammino9 gennaio 2009 12:30

    x PV64:

    Come cantava Gaber



    Io se fossi Dio,

    non sarei mica stato a risparmiare:

    avrei fatto un uomo migliore.

    Sì vabbe', lo ammetto

    non mi è venuto tanto bene,

    ed è per questo, per predicare il giusto,

    che io ogni tanto mando giù qualcuno,

    ma poi alla gente piace interpretare

    e fa ancora più casino!

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.