mercoledì 1 luglio 2009

Libero per inedia


Chiuso la causa di divorzio, ieri. Nove anni e rotti della vita mia, di UnBimbo, di sua madre.
Detto francamente, abbiamo trovato due giudici su due in gamba, gli altri ... lasciamo perdere. Non avevano neppure aperto i nostri atti. E' dal 2005 che attendevo un pronunciamento, tra rimandi, rinvii e altre cose del genere. Zio cane marcio, la mia vita con mio figlio sarebbe cambiata radicalmente se quanto deciso ieri fosse stato deciso in qualche mese. Finita una quasi guerra. Una guerra lenta, lentissima. Ad ogni rinvio di udienza, sua madre godeva. Ora si è stufata di godere pure lei. Questo giudice le ha fatto capire che non ha senso continuare, solo per negarmi la frequentazione della domenica sera. Si era stupito che ciò non fosse, ma così fu deciso da colleghi. Temporaneamente. Sette anni su nove. Temporaneamente.
La signora madre di mio figlio ha avuto tempo a sufficienza per il progetto di farmi diventare zio di mio figlio. Ora, per molte cose, è tardi. Il tempo è passato e certe cose non si recuperano.
Rallegrarmi?
Ieri sera siamo andati a mangiare una pizza insieme. Forse sì, forse è tempo anche per un po' di serenità.

31 commenti:

  1. La vita sa essere durissima. Soprattutto quando la comprensione non sa piu' ricordarsi di quando una volta c'è stato anche amore e,soprattutto, che i figli non sono di proprietà di alcuno

    RispondiElimina
  2. UnUomoInCammino1 luglio 2009 16:39

    I figli sono in mezzo al cozzare della lotta anche di potere tra i due genitori ex-coniugi.

    Ora, io ho fatto talmente tanti passi indietro, di pazienza, tolleranza, ritiri di querele, etc. che, forse sarò stato saggio, forse ho evitato che si arrivasse a cose peggiori.

    Ora, dopo anni, sono uno zio simpatico da vedere di tanto in tanto, uno zio che deve essere divertente, un po' intrattenitore, lavorare sempre in punta di piedi, col cesello.

    Mancati centinaia di giorni di semplice quotidianità dove l'affetto e il legame tra babbo e figlio si fanno anche facendo colazione insieme o parlando durante il tragitto verso scuola.

    RispondiElimina
  3. Io non riesco a comprendere perchè tutto questo?

    Se tra due coniugi non va più, non significa che il legame tra padre-figlio debba esserne compromesso..

    Ma perchè?

    Con le nuove normative poi, la tua ex moglie ha veramente molto poco da poter dire..

    Ed onestamente, la vita sarebbe completamente diversa se invece di spendere del tempo a conoscere l'altra donna in maniera virtuale tu trovassi il tempo di frequentarla diversamente, alternandola ai tuoi figli..Che so il sabato con l'uno la domenica con l'altra o tutti insieme perchè no?

    Ci sono diversi modi per garantire la serenità di bambini innocenti che con le beghe coniugali dovrebbero non entrarci mai..

    RispondiElimina
  4. UnUomoInCammino1 luglio 2009 19:10

    Non reisci a comprendere?

    Ora la relatà è la realtà a prescindere dalla nostra comprensione. La guerra dei Roses è un'opera che ha rappresentato ciò che succede frequentemente tra ex.

    Se cerchi in rete Sindrome della madre malevola o anche sindrome alienazione genitoriale troverai un po' di scienza e conoscenza relativa all'osservazione e studio di questa realtà.



    > Con le nuove normative poi, la tua ex moglie ha veramente molto poco da poter dire..



    Pensi che sia il diritto, la normazione, lo strumento che può risolvere questi probolemi?

    Ora, cosa succede ad una madre che non rispetta o che boicotta il rapporto padre-figlio?

    Come lo dimostri? Quali sono le azioni repressive? le sanzioni?

    La madre di mio figlio ha detto non molto e fatto molto, a dire il vero.

    Non è questione di dire, ma di atti ed omissioni.



    > spendere del tempo a conoscere l'altra donna in maniera virtuale

    > tu trovassi il tempo di frequentarla diversamente



    Che stai scrivendo?? Quale donna?

    Piantala di fare miss Infatuata altrimenti rimuovo subito le tue cazzate.

    Patti chiari, commentaggio lungo.

    RispondiElimina
  5. Parlavo di A woman no?

    Ovvio che i tuoi problemi con il rapporto tra te e tuo figlio e la tua ex moglie si riverberino negativamente sulla coppia..

    Oppure non 6 più in coppia..non so forse ho seguito male il vostro diario da quando non è più consentito agli anonimi commentare, in tutta onestà non l'ho più seguito..

    Ti auguro di recuperare il rapporto con tuo figlio..ciao a man

    RispondiElimina
  6. > Parlavo di A woman no?



    Ah sì!?

    Quindi spenderei del tempo a conoscere l'altra donna (A-Woman) in maniera virtuale.

    Interessante.

    Altra...

    Se A-Woman è "altra", potrei sapere, per cortesia, chi sia il duale, ovvero l'altra donna per la quale A-Woman è definita "altra"?



    Il fatto che awomanaman.splinder.com sia stato chiuso agli anonimi (abbiamo perso gerry, e ciò mi dispiace, ma anche trollaggi, commenti fuori luogo, dichiarazioni strampalate, cagate varie, l'epica dell'infatuata, etc.) modifica anche la modalità di interazione.

    Ora, per dare movimento alle dita (non si può usare il più comune "dare aria alla bocca") richiede un piccolo impegno, quello di iscriversi alla piattforma.

    Se ciò è sufficiente per scoraggiare alcuni anonimi, significa che ciò che avevano da dire non merita neppure di salire un semplice gradino (non di certo di farsi una parete in 5 o 6 a+) ed è bene che ci sia silenzio.

    Commenti pattume USA&getta non mi piacciono.

    E' un meccanismo noto: un costo, anche piccolo, tiene lontani il 90% dei perditempo, scarsamente o malamente intenzionati. Va bene così, per il momento.

    RispondiElimina
  7. ilrancore e la bassezza non hanno limiti, non ho figli e lo sai ma per togliermi dai marroni una ex moglie incargnita son dovuto arrivare all'annullamento in sacra rota, alla faccia delle leggi a tutela di codesto stato laico, vabbè, transeat, brindo a te anche se il perduto è tempo e sentimenti che non possono tornare, un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. UnUomoInCammino2 luglio 2009 18:21

    Trolla

    acquaforte esiste, ha avuto anche un diario, quando scriveva come anonima (non colegata) le chiedevo conferma via messaggeria.



    gerry... non so se legge, a me era simpatico, non mi va che fai la comare spettegolando su di lui



    Commenti pattume rimossi, trolla.

    Buona parte non li ho neppure letti, la ciarlataneria pettegola non mi è mai piaciuta.

    RispondiElimina
  9. UnUomoInCammino2 luglio 2009 18:32

    x perschiava:

    La sacra rota, il separazionificio vaticano. Tu paghi, essi separano. Pensa che gli euri riescono a fare ciò per cui sono pervicacemente integralisti, l'indissolubilità del matrimonio.

    Ovviamente, su pagamento, trovano varie condizioni ostative, tu non volevi figli, quell'altro non consumava, o consumava ma non per figli...

    Se la zootecnia non funziona, si può mandare a quel paese il partner e trovare un nuovo compagnio di allevamento da portare all'altare.

    Ovviamente, nell'italia del vaticancro, lo nullità del matrimonio religioso comporta la nullità di quello civile, compresi gli obblighi giuridici da esso derivanti.

    Repubblicca italiana del vaticancro.

    Il diritto laico, giustamente, soccombe.

    In quanto a me, maestro, anche ciò che ha fatto od omesso la madre di UnBambino, probabilmente ha un senso, nella mia vita. Non che lo apprezzi ora, ma è presto, per com-prendere.

    RispondiElimina
  10. Mi spiace che sia un periodo un po' difficile, voglio solo dirti che anche se senti che il rapporto con tuo figlio e' da "zio" sappi che di papa' c'e' n'e' solo uno. Sarai sempre e solo tu il suo papa' nel bene e nel male. Se lo ami e lui lo sente e' gia' tantissimo. Forza per tutto.

    RispondiElimina
  11. in questo contesto, il sospetto sorge spontaneo - che l'anonima sia tua moglie?

    ;)

    RispondiElimina
  12. Un umorismo abborracciato che paiceva solo a TE, che parlava secondo un ricerca linguistica puerile come piace a TE, un personaggio senza spessore, etereo e con un che di fasullo che ricordano tanto i Caprioli e i Daini che tu avvisti da casa tua...



    eppure nera assai direi..Sarà che la semplice visione del Daino dagli occhi di cerbiatta ha il potere di mandarla in tilt..

    Comunque, volevo solo dirti una cosa a man..Io credo, anzi sono sicurissima che, per la dolcezza e com-prensione di cui sei dotato, per lo spirito di tolleranza che hai sempre dimostrato verso tutti e verso tutto, a costo anche di sacrificare te stesso..

    Sei il Papà migliore del Mondo..e tuo figlio da grande queste cose le capirà, nel momento in cui riuscirà a valutare la situazione con la giusta obiettività..

    Per fortuna si cresce, anche in costanza del fatto che una mamma ci possa parlare male del nostro papà, alla fine non dimenticare che un papà soprattutto per un figlio "Maschio" è il punto di riferimento...Quando sarà Uomo s'innamorerà anche lui, e allora capirà, le debolezze che rendono uomini..

    Ammesso e non concesso che la tua ex moglie riuscirà a lasciare libero almeno lui di seguire il cuore, quando suonerà il campanello della sua porta..Perchè è possibile che l'errore si ripeterà..

    Mi auguro di no, come ti auguro di vivere questo periodo con la giusta serenità di cui hai bisogno..Meriti anche tu del resto, d'essere nel tuo piccolo Felice, anche se al momento ti sembra un parolone...Francesca







    RispondiElimina
  13. a-nonim... probabilmente perchè esso e io umani non siamo e quando riusciamo a berci una reale birra assieme ce la ingozziamo alla salute e alla faccia a-nonim degli a-nonim che tutto sanno e sempre e comunque pontificano, ri-amen.

    RispondiElimina
  14. UnUomoInCammino3 luglio 2009 10:29

    x kaliuga:

    Ho superto ben di peggio, per alcuni anni, la signora spariva, uscivo dal lavoro per andare a prendere il pupo, questa non c'era. Le visite ai carabinieri e relative querele, erano mensili, ora è una pacchia.

    Ma ora è anche tardi, visto che l'intimità è sempre precaria e che UnBambino ora ha idee ben precise e volontà sua. A volte ha in mente molte cose, eccetto che stare con lo zio babbo. Ora il gioudice ha deciso che la domenica sera può fermarsi dal papà, solo che non ne vuole sapere. Ecco, erano esattamente 4 anni che attendevo quella cosa, ora che è arrivata, è tardi.

    Per il resto, al mio biedinone dico che, in effetti, ha un solo papà ma è come se ne avesse due, visto che il nuovo marito di sua madre gli vuole bene come un papà.

    L'amore si moltiplica, non si divide.



    x shente:

    Non accede alla rete, anzi, è allergica a tutto ciò che tecnologia. La madre di mio figlio, ad esempio, non legge né scrive brevi messaggi di testo, non sa come si fa né vuole farlo.



    x utente anonimo (Francesca):

    Ho rimosso tutti gli anonimi eccetto il tuo, andando a naso e vedendo gli AI. Quindi non ho capito bene a cosa ti riferisci.



    x perschiava:

    I tentativi di polemica in forma anonima, sono piccoli, estremamente meschini, a maggior ragione quando sono petulanti, pettegoli, tentano lo sputtanamento, etc.

    Cmq, è un loro problema, io non faccio così. Di tanto in tanto, prendo su e rimuovo tutto 'sto rusco.

    Un saluto, maestro.

    RispondiElimina
  15. Francesco0719663 luglio 2009 10:57

    io ci sono passato, la stagione del conflitto iniziò nel 2001 e finì tra il 2004 ed il 2005, stremati sotto ogni punto di vista, soprattutto economico.... mia figlia l'ho sempre vista, anche allora, ed oggi che è grandicella posso ritenere che quell'investimento è stato abbastanza ripagato....



    ma di tutto ciò siamo noi i principali responsabili, che non abbiamo saputo tenere in piedi un matrimonio....

    RispondiElimina
  16. UnUomoInCammino3 luglio 2009 11:20

    Mh

    Il matrimonio non è un feticcio, un idolo da adorare e al quale prostrarsi. Anzi, con un po' di maturità e di senno di poi, mi sembra una sciocchezza morale che non rispecchia in alcun modo la realtà della sessalità.



    Per ca 5 anni, fino al 2005, ho visto mio figlio più niente che poco, senza le notti, etc. nonostante le disposizioni dei giudici che sono state violate fino al punto che, una giudice tutelare mi disse "senta, se vuole vedere suo figlio, togliamo la notte temporaneamente" (sua madre spariva il sabato per non lasciarmelo la notte, una volta, l'unica, mandò perfino i carabinieri, che, vista la sentenza, si scusarono con me).

    Io ignoravo cosa significasse temporaneamente, a quei tempi, in termini di giustizia. Quel temporaneamente furono ca. 4 anni, zio cane marcio.

    Mah.

    La stabilità e la solidità degli affetti sono lungi a venire.

    Ad esempio, molte volte devo inventarmi cose più o meno spettacolari per invogliare mio figlio.

    Lo zio deve essere anche intrattenitore, pagliaccio, mimo, propositore, organizzatore, etc.

    Se ciò non succede e UnBambino non ha voglia, nondi rado rimane da sua madre.

    Ovviamente, non posso in alcun modo usare l'autorità. Anche se a volte mi sono chiesto cosa sarebbe successo se mi fossi imposto.

    Alcune cose che vissi con entusiasmo e piacere genuino ed... esagerato, da piccolo, lo devo ai miei che si impuntarono.

    Strillavo, non ne volevo sapere.

    Dopo qualche giorno, non ne volevo sapere di tornare.



    Ho un senso di cose e frittare compiute, ora.

    Pazienza, sono nove anni che cammino e corro in salita, andiamo avanti così.

    Mi tengo... allenato! ;)

    RispondiElimina
  17. UnUomoInCammino3 luglio 2009 13:27

    Trolla, sei petulantemente stupida e cocciuta.

    Anche fuori luogo.

    Se vuoi scrivere di 40_e_6 vai a scriverlo in quella pagina, qui è fuori luogo.

    Pattume rimosso

    RispondiElimina
  18. UnUomoInCammino3 luglio 2009 13:29

    > Trasgressione tra te e awoman



    Anche questo è fuori luogo, vai a scrivere di là.

    Tolto anche 'sta roba

    RispondiElimina
  19. UnUomoInCammino3 luglio 2009 13:33

    > tu chiami "perschiava" con l'appellativo di "MAESTRO"



    perschiava alias cattivomaestro

    Perché cattivo? Da sempre ometto il cattivo.

    RispondiElimina
  20. UnUomoInCammino3 luglio 2009 14:07

    > Vedi aman/uomoincammino, tu rimuovi perchè non sai cosa dire.



    Io rimuovo perché non mi piace la gazzarra protratta, il pettegolame, l'asserire cose che mi riguardano in modo assoluto senza alcun riscontro.

    Non hai alcun obbbligo di venire qui dentro a petulare. Apriti un luogo, trolla.

    Commenti rimossi.

    RispondiElimina
  21. sei dolce.

    e piccolino adesso.

    mi viene di stringerti e una carezza di bene.

    riposati un pò.

    RispondiElimina
  22. Tra l'altro unuomoincammino, vedo che continui a rimuover i commenti che non ti sono graditi, o a cui comunque non vuoi rispondere. Fai bene, in quanto questo blog sta diventando una babele di commenti più o meno pertinenti.

    Tuttavia tra tutti gli anonimi che hai cancellato ce ne erano un paio che giudico interessanti; erano quelli che ipotizzavano una tua responsabilità nella fine del tuo matrimonio.

    Infatti da quello che tu racconti qui, sembra che la tua ex-moglie volesse in qualche modo farti pagare qualche tua mancanza passata. Non si comprenderebbe se no per quale motivo avrebbe dovuto comportarsi in maniera così scorretta nei tuoi confronti. Ora è ovvio che tu non ne voglia parlare, forse perchè per te è una ferita ancora aperta, o forse perchè ancora senti il senso di colpa per quello che puoi aver fatto, ma, e lo dico per te, il superamento del passato è possibile solo se si analizzano con cura le responsabilità del divorzio. Sfuggendo a se stessi non solo si è destinati a commettere gli stessi errori, ma ci si impedisce anche di affrontare serenamente il presente.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  23. UnUomoInCammino3 luglio 2009 16:13

    x miaperfidia:

    Presente quei pomeriggi afosi, nella bassa, campi di cereali mietuti, ai piedi dell'argine maestro. Non si muove una foglia, solo il frinire delle cicale.

    Ecco.

    Aggiungi poco tempo, mezzo servizio, vita quasi monastica.

    Mi sto pure un po' rompendo di tanta sobrietà.



    x utente anonimo:

    Certamente porto la mia parte di responsabilità, c'è il mio 50% di missioni, mancanze, difetti, ostilità, etc.

    Direi... ovviamente.

    La madre di mio figlio ha ovviamente voluto farmi pagare qualcosa, da un certo punto di vista la posso comprendere.

    Ciò che non comprendo è che, a fronte di difficoltà, ha messo in mezzo alla nostra lotta di potere, di rancori, di rivendicazioni, il nostro bambino, usandolo come arma.

    Se fossi stato io la madre mi sarei comportato diversamente? Nonzo, forse sì.

    Io mi sono fatto aiutare da alcune persone che, nei momento di odio, di ira, mi hanno sempre raccomandato di fare uno, due, tre passi indietro per amore di UnBambino.

    Anche in seguito a questi momenti di eccessi emotivi, ho imparato un po' di introversione.

    Detto questo, tentativpo di essere buonomigliore blablabla, vedo che altre coppie, sui figli, hanno collaborato.

    Altre sono in situazione opposta ovvero la ex-coppia di quella madre che ora è la mia amora e che, per mesi, interi estate, vede sparire il padre di suo figlio.

    Io ho fatto 9 anni di cause per vedere mio figlio qualche ora in più, arrivando ad ottenerlo sulla carta, il papà di AWKid sparisce.

    Mah, il mondo è strano.



    In ogni caso, per ciò che ho osservato, è raro trovare coppie in cui ci sia il bianco e nero, una vittima ed un carnefice, un angelo e un diavolo.

    Sebbene sia d'accordo, per ovvietà, ecco, non so cosa possa significare che anche io ho avuto le mie responsabilità.

    Mbeh, ciò legittima, condanna un padre che è stato co-rresponsabile nella fine della coppia con la madre di suo figlio, ad avere quest'ultima che centellina le frequentazioni, in tempi e frequenza? che sparisce i 2/3 delle volte?

    Tutto 'sto zelo materno, fa bene al figlio, in nome del quale 'sto zelo si compie?

    Tutte le consulenze, le perizie, mi hanno dato ragione.

    In certi periodi mi feci venire a casa, ogni volta, una osservatrice pedagoga che relazionasse sulla qualità della ns frequenzazione.

    Mille patacche riconoscimenti certificazioni di papà eccellente, di bravo papà che non sono servite ad una minchia.

    Mi sono esercitato nella rinuncia per il bene di mio figlio.

    Ora, farmi dare lezioni di introspezione, bacchettare di responsabilità, mi pare fuori luogo, mi pare non fondato.

    Ovvietà di corresponsabilità a parte.

    RispondiElimina
  24. ho paura... tutto questo mi fa paura. E' ho appena iniziato!!!!!!!

    RispondiElimina
  25. rossomoleskine7 luglio 2009 18:16

    Il diritto non risolve sempre risolve i conflitti, ed un giudice capace e sensibile non è sempre e comunque garanzia di giustizia sostanziale.

    Dicono che il tempo è l'unica cosa che faccia da padrone.

    Ti auguro che ce ne sia, e molto, e ben speso. Per te e tuo figlio.

    Saluti

    RispondiElimina
  26. UnUomoInCammino8 luglio 2009 18:12

    x Errare:

    paura = voglia

    Solo i folli non hanno paura



    x rossomoleskine:

    Il diritto è il penultimo livello, quello prima della legge del più forte

    Infatti, io penso che il conflitto sia di origine emotiva, nel mio caso, anche di vari problemi della madre (e chi non ne ha? solo che se vuoi bene al tuo pupo, dovresti evitare di muoverti come un bulldozer sulla sua carozzina, no!? e cercare di farti dare una mano, ma questa è un'altra storia).

    Il tempo è dottore, ma certe cicatrici rimangono e tutti noi, col tempo , andiamo verso la morte, la chiusura di questo ciclo.

    Grazie per il pensiero

    RispondiElimina
  27. Paura=Voglia



    Quindi uomo, siccome tu hai paura:



    a) Dell'immigrazione



    b) Dell'ingerenza della Chiesa negli affari Italiani



    c) Della Crescita senza controllo del Pil



    d) Della triste routine del rapporto di coppia con la tua bellissima woman..



    Ecco, siccome tu hai paura di tutte queste cose (come provano i tuoi inimitabili post) in realtà hai voglia di tutte queste cose?



    Ma perchè, oh sommo pensatore, non ci illustri una buona volta il significato del semplice e per niente semplicistico aforisma "paura=voglia"?

    RispondiElimina
  28. Cavoli io mi arrabbio tantissimo quando sento madri che vogliono negare i figli ai padri....ci possono essere motivi seri ma molto seri tipo pedofilia, alcolismo, droga, ecc. ma molte donne si ostinano a riversare le loro ripicche per un matrimonio fallito sui figli e di conseguenza ai padri....lo dico per esperienza personale una strada che non ho percorso.

    RispondiElimina
  29. UnUomoInCammino10 luglio 2009 12:19

    x utente anonimo (trolla):

    > Quindi uomo, siccome tu hai paura:



    Io non ho paura di quelle cose. Le detesto e lo faccio dopo averci pensato, riflettuto, etc.

    Non è paura, trolla, manca uno dei due membri dell' "equazione".

    Sei tu che sei semplicistico nella tua interpretazione stupida. Non sei riuscita a distinguere tra una cosa che si detesta ed una che intimorisce, che incute paura.



    x respiridivita:

    Le donne in genere non hanno capacità di esercitare la violenza per il potere in modo fisico e lo fanno, quindi, in modo psicologico.

    Molte donne usano la loro femminilità, il loro materno, riescono, con la testa, a scindere il conflitto con l'ex dalla necessità dei figli di vivere, frequentare, stare con mamma e papà. Molte altre non ci riescono e così, ricorrono, in gradi diversi, nella sindrome della madre malevola.

    Se tu sei riuscita in questo, avrai solo autostima in più, il piacere di avere contribuito all'ecologia della vostra famiglia "separata".

    Anche dal punto di vista egoistico, è un bilancio solo positivo.

    Grazie per il tuo intervento.

    RispondiElimina
  30. UnUomoInCammino10 luglio 2009 13:19

    Trolla

    La petulanza è poco gradita, figurati se stupida e fuori posto.

    Vai a scrivere, c'è una pagina, paura = voglia, nel diario di coppia, nella quale trovi anche i riferimenti.

    Se non ti garba, vai a protestare con gli sciamani e le ricerche citate.

    La tua roba scadente oltre a esseer fuori posto è in produzione elevata. Qui no.

    Commento rimosso.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.