martedì 13 novembre 2007

Chi ci da la luce? Il sole!



Ho aggiunto un desiderio nel mio indaco. Oltre a quello dei multigrovigli xx-xy (alias maialate barocche e come arrivarci) ho deciso che installerò tra i 2 ed i 3 KW di fotovoltaico. Ci sono molto problemi, visto alcuni condomini con pochi neuroni e pure geologici hanno rifiutato il termosolare condominiale (questione di tempo, ciò che non farà la loro ottusa miopia lo farà la scarsità di petrolio e metano e relativi prezzi alti, il portafogli anoressico è il miglior attivatore di coscienze, putroppo non abbiamo ancora superato la prima sana, meravigliosa, fantastica soglia dei 100$ per barile) e dovrà passare per l'autorizzazione del condominio (la legge non è che aiuti, sgrunt!)
Me la faccio per i cavolacci miei. Un piccolo contribuito nella lotta contro le deliranti ed anacronistiche idiozie filonucleariste, ciarpame vecchio, decrepito, un non-sense ingegneristico, ambientale, politico e pure economico.
E tutto sommato un ottimo investimento a lungo termine. Far fruttare i propri risparmi. In maniera ecologica. C'è di meglio?

12 commenti:

  1. Perché non chiedi il distacco del riscaldamento centralizzato, e ti installi un modello di riscaldamento come meglio ti aggrada ?

    un taoista

    RispondiElimina
  2. Senza parlare del rovescio della medaglia, come quando i no-global dovevano essere epr forza chiamati dai TG: disobbedienti...

    RispondiElimina
  3. Francesco07196613 novembre 2007 22:42

    un buon investimento è sempre tale.....

    RispondiElimina
  4. UnUomoInCammino14 novembre 2007 11:05

    x nuovo45:

    Abbiamo ciascuno le propria ciofechinacaldaietta autonoma, scelta improvvida del costruttore che a suo tempo tentati di dissuadere, macché.

    L'idera era quella di integrare gli impainti con un campo solare. Alcuni non vogliono.



    x Ubikindred:

    Non ho capito. Rovescio di quale medaglia? no-global?

    La disobbedienza automatica è una scemenza, diventa comportamento antagonista.



    x Francesco071966:

    Per me un buon investimento è uno che conserva il capitale e sostiene e produce un'economia sana, etica, che produce ricchezze a tempo medio lungo e contribuisce alla conservazione e pure al miglioramento dell'ambiente.

    RispondiElimina
  5. Di meglio non c'è niente... almeno fino a quando non saremo riusciti ad oscurare il sole con tutte le schifezze che mandiamo fuori in atmosfera come residui del petrolio e del carbone.



    RispondiElimina
  6. Intendevo dell'uso della parola come grande distortore...

    Un no-global non è necessariamente un disobbediente. semplicemente una persona che ha una opinione e la porta avanti con forza, ma senza usare necessariamente la violenza (io non lo sono, nel caso...). Il punto è proprio questo, chiamarli per forza disobbedienti li fa associare agli imbecilli alla Caruso...

    RispondiElimina
  7. tutta una serie di cose ecologiche.

    bravo.

    salva il pianeta almeno tu ;)

    RispondiElimina
  8. Bravo UUIC. Senti ma spiegami bene una cosa:

    tu abiti in un condominio giusto?

    Lo dici qui. Però nell'altro blog, che sembrava morente e invece del tutto inaspettatamente (seee) si è ripreso dici che sotto casa ti vengono a trovare i Daini.

    Ora, non è una cosa importante ai fini dei tuoi bellissimi diari (ma è importante ai fini della tua credibilità) ci potresti dire in che razza di condominio abiti? I daini hanno forse la tana nell'autorimessa?

    Per noi sei sempre un'OTTIMA PERSONA, però a volte ci lasci un po' basiti con le tue incongruenze.

    RispondiElimina
  9. UnUomoInCammino15 novembre 2007 12:04

    x dirkgently1:

    Di meglio ci sarebbe subito il risparmio energetico (il 30% dell'energia viene letteralmente buttata, sono ca 20000MW solo per la corrente elettrica). Poi ci sarebbe il caso di chiedersi a cosa serve il resto dell'energia. Dobbiamo mettere su 7 nuove centrali turbogas perché a luglio ci sono 10 milioni di persone che vogliono stare con 24 gradi in casa? (le stesse che hano 26 gradi di riscaldamento in inverno!!) Parliamone.

    La necessità attiva i neuroni ed aguzza l'ingegno: l'energia deve essere poca e cara perché è l'unico modo in cui gran parte delle persone possono essere sensibilizzate a risparmiarla ed a usarla con oculateza per cose importanti e degne. E forse neppure.E a questo punto bisognerebbe essere ancora più draconiani: tariffe progressive, rapportate al reddito, disponibilità limitata: anche se sei un milionario con 10 SUV e 7 maserati, hai come ogni cittadino, tot litri di carburante al mese. Li finisci in 10gg andando per viale della Repubblica fino in tribunale colla tua stufafuoristrada? Cazzi tuoi, attiva i neuroni, vacci in bici la prox volta, che se a teatro non si vain scafandro in città non si vacol SUV. Questo è solo un esempio.



    x Ubikindred:

    Basterebbe usare l'etimologia ed andare al significato primo delle parole per scremare il 50% della fuffa parolaia colla quale rincoglioniscono i cittadini meno accorti / più indifesi. C'è anche da resistere quando la classe dirigente usa in maniera spregiudicata l'indifferenza, la non partecipazione,la delega acritica per sostenere la propria oligarchia. Fino a prova contraria la democrazia si basa sull'ampia partecipazione. Altrimenti è altro. Ma allora abbiamo sovvertito l'ordine repubbicano ed è qu9ndi giusto adoperarsi, anche colle azioni, affinché sia rispristinato. La lotta contro i feudatari continua.



    x purelust:

    Se ci fossero 10milini di famiglie che installano 2kW di fotocoltaico, avremmo realizzato il 40% dell'energia necessari attualmente (sprechi compresi). Solo col fotovoltaico.



    x utente anonimo (trolla):

    I condomini non sono solo quelli a 13 piani in via Vitruvio o quelli a 16 a Tor Vergata.



    "diritto di proprietà di più soggetti su un medesimo bene, spec. edificio o altro immobile del quale ciascuno abbia in proprietà singolarmente una o più parti (p. e. appartamenti) e in modo indiviso con gli altri le parti e i servizi comuni"

    (Garzanti.it)



    Condominio non vuol dire palazzone in ambito urbano. O almeno non solo quello.

    A volte sei arguta,a volte no. E non c'è di peggio di persone arroganti con prosopopea e stupide.

    RispondiElimina
  10. Ha ragione aman.

    Il troll* è stupido e arrogante.

    Anch'io abito sull'Appennino emiliano e mi capita spesso di affacciarmi dalla finestra e vedere branchi di daini in libertà.

    Tanto che ne ho parlato col nostro amministratore di condominio.

    (Che poi non è un vero condominio, ma solo una vecchia cascina riattata, dove da secoli i daini vengono a mangiare e riprodursi senza avere timore dell'uomo.

    Penso che anche aman sia in una situazione del genere, come milioni di altri Italiani).

    Dicevo che ho parlato di questa cosa dei daini con l'amministratore, e che secondo me 5 daini per il nostro condominio sono troppi:



    - Scusi eh, ma ha visto cosa lasciano queste bestie in giro? Io sono stufo di pulire tutti i giorni il terrazzo, non sarebbe il caso di chiamare il comune per fare qualcosa? Con quello che paghiamo di ICI, dovranno almeno eliminare questi daini randagi.



    - Per carità, ma sta scherzando? A parte che il municipio è nelle mani dei diossini che pensano solo a costruire centri commerciali e figurati se ci danno retta, ma poi chi la sente la signora del terzo piano? Quella se gli tocchi i daini da fuori di matto.

    Da quando è morto il marito è sempre lì che si circonda di quelle bestiacce.



    - Ah, ecco chi è che lascia sempre i piattini di plastica con gli spaghetti freddi davanti all'ingresso sull'aia. Quella vecchia suonata.

    Ma perchè, i daini mangiano gli spaghetti?



    - Ma certo! Questi sono daini addomesticati, non hanno paura dell'uomo e se lasci la finestra aperta te ne trovi uno in salotto. Mia moglie l'altro giorno ne ha trovato uno che si affilava le unghie sul divano di casa.



    - Ma no! Io pensavo che certe cose le facessero solo i gatti, invece anche i daini... Non si finisce mai di imparare.



    - E' vero caro lei. Ah, comunque già che è qui, le consegno anche il bollettino per pagare la sua quota condominiale. L'intestazione è sempre la stessa: "Soc. coop arl: L'isola che non c'è, 3a stella a sinistra 25610, Bologna"



    RispondiElimina
  11. UnUomoInCammino18 novembre 2007 21:36

    Beh, qui ci hai messo almeno un po' di estro e di spirito. A volte ce la fai. :)

    RispondiElimina
  12. Io lo penso, tu lo fai.... :)

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.