giovedì 28 febbraio 2008

Deutscher Pragmatismus

I servizi segreti tedeschi hanno "lubrificato" con circa quatto milioni di euro un funzionario di una banca del paradiso salvaladri del Liechtenstein per ottenere un nutrito elenco di evasori teutonici ma non solo (i furbastri italici non mancano). Un'operazione etica: si chiama dare la caccia ai ladri con metodi efficaci.
Sono tedeschi.
Pensano a risolvere i problemi, non a complicarli per non combinarci nulla.

Mi ricorda le Dreizig Zonen, le aree urbane in cui il limite di velocità è stabilito in 30 km all'ora. Hai il cartello, devi rispettare. Non serve il teatrino italiano del mettere segnale primo secondo e terzo e poi quarto, poi l'avviso primo e secondo che potresti essere misurato e multato da dispositivi elettronici a norma del decreto blablablabla così come omologato il blablabla e certficato secondo regolamento blablabla. Si mettono con l'autovelox in un furgone da fornaio oppure in un'auto gialla stile Deutsche Bundespost. Tu conosci i limite in quanto infornato dalla segnaletica semplice e chiara. Punto. E non puoi sapere se esista o meno il controllo oggi. Potrebbe essere anche in quel furgone del gelataio. Devi rispettarli. I limiti sono rispettati, morti e altro ridotti drasticamente (non come in questo caso, dove il traffico allegro e lo sviluppo metastasico delle periferie a base di centri commerciali favorito da Walter ha dato il meglio si sè)
Questa è Democrazia.
Questo è civismo.
Significa fare rispettare le leggi e garantire che la libertà tua termini dove inizia quella altrui.
Ora gli 007 tedeschi applicano la giusta caccia con metodi efficaci a ladri evasori farabutti. Sono Robin Holz novelli che vanno a stanare i nuovi delinquenti sociali, quelli con panfilo ed elicottero che fanno, ciascuno, milioni di danni.

Ecco, in Italia siamo fermi al peggio, che esprime e vota il cloachismo Berlusconiano (Veltroni si sta applicando diligentemente per copiare), siamo fermi al teatrino mentre la nave affonda. Già ci sono le prime objezioni che formalmente non si potrebbero utilizzare le informazioni ottenute in quanto derivanti da azione non propriamente blablabla.
Esistono degli apologeti del reato, i paladini della sovversione dei valori, come tale Oscar Giannino, che quattro e quattr'otto, sovvertono tutto e scrivono le migliori panzane del piu becero pseudolibersimo de noantri, si incazzano contro i "barbari ministri delle Finanze tassatori, che cercano l'applauso dei popoli da essi rapinati con imposte eccessive consegnando loro elenchi di presunti furbi privilegiati, che le evadono".
Se esistessero i NAS per il giornalismo, non esiterei un secondo a chiamarli.

Repubblica delle banane

15 commenti:

  1. A volte mi chiedo se basti protestare con le parole o se invece ...

    Mi fanno paura questi miei pensieri.

    RispondiElimina
  2. grande post. ne parlavo ieri. bravo.

    RispondiElimina
  3. X Baffo, X arpia



    cari lettori del man, non vorrei smorzare i vostri entusiasmi per il roboante discorso del man (a proposito: bravo, bene bis), ma vorrei farvi notare una cosa:



    aman nella sua ansia di denigrazione del nostro ceto politico continua a prendere delle cantonate tremende in geografia. Mi spiego:



    nei giorni scorsi, c'è stato un incidente stradale tremendo, nel Lazio, in cui sono morte diverse persone. Aman ne fa menzione nel post qui sopra.

    Ora, a parte che sarà compito della magistratura risalire alle responsabilità, se, come sembra, i guidatori che hanno causato l'incidente correvano a folle velocità in mezzo ad un centro abitato.

    Ora: il nostro aman (bravo, bene, bis) chi tira in ballo per questa sciagura ? Niente popò di meno che Walter Veltroni! Mi pare di capire che tu imputi all'ex sindaco di Roma di aver favorito quello sviluppo urbanistico che poi ha causato l'incidente. Peccato che tu abbia preso una cantonata:



    Ascolta man: l'incidente è avvenuto a Fiumicino che, bada bene, NON è nel Comune di Roma (ma Osho non ha mai parlato di quanto siano gravi le lacune in geografia?).

    Infatti Fiumicino è Comune a sè.

    Credo inoltre che tu ti riferissi al fatto che quella strada dell'incidente passasse vicino a un grande centro commerciale e che il traffico da questo generato abbia provocato l'incidente. Ma anche il centro commerciale in questione si trova a Fiumicino e non a Roma.

    Come vedi quindi, Walter c'entra poco, anzi niente.



    Allora man ricapitoliamo:



    Roma è Roma, e Fiumicino è Fiumicino (e mi verrebbe da aggiunger anche una cosa su Viterbo...ma quella è storia vecchia).



    La geografia non è importante ma aiuta non fare figure barbine quando si vogliono fare dei post-proclami come il tuo.



    Baci&abbracci



    RispondiElimina
  4. Se non ci fossi tu l'anonimo/a a salvarci, a erurdici, a spiegarci chissà dove potremmo finire seguendo le orme di questo "uomo imbroglione, falso, impreciso, ignorante in geografia, ecc. ecc."



    Grazie anonimo.

    RispondiElimina
  5. Prego, Baffo.



    Se vuoi ti do anche qualche consiglio sulle donne. Hai visto mai che pure tu...

    RispondiElimina
  6. Non è perchè sia un anonimo, quindi una persona che in qualche modo si voglia nascondere, non possa dire cose intelligenti.

    L'appunto su Veltroni e su Fiumicino è più che giustificato e ha tutte le ragioni di ''correggere'' Aman, visto che c'è un errore palese.



    Per quanto riguarda la faccenda Liechtenstein [Oh signore, ho sempre avuto difficoltà con questo stato], prima Di Pietro diceva che ai tempi di Mani Pulite quello stato era una cassaforte in cui nessuno poteva entrare e praticamente era impossibile anche pensare a una rogatoria. I tedeschi ci sono riusciti... ma guarda un pò. Ma come mai????

    RispondiElimina
  7. UnUomoInCammino29 febbraio 2008 10:49

    x Baffobp:

    Ci sono le azioni quotidiane che sono le più sovversive: spegnere i televisori, boicottare tutto quanto viene pubblicizzato, presidiare le amministrazioni locali. Personalmente faccio anche altro, ma intedno scriverlo qui.



    x arpia:

    Grazie. Vedo ache che hai scritto anche tu a proposito.



    x utente anonima (trolla):

    Sei sciocca.

    Perché non sai che Uolter Betoni ha lasciato che migliaia di ettari del comune capitolino venissero cementificati dalla speculazione edilizia che fa tanto sviluppo del fare, quello che piace a lui e diossini belli.

    Che il modello idiota dei mega_iper_super_turbo centri commerciali, fatti all'albanese, con strade carrarecce (i privati non lucrano sulle infrastrutture e sotto tortura realizzano il minimo che amministrazioni colluse per dignità riescono a strappare loro) dove il tamarro o il vipparolo di turno scorazzano col piede pigiato sull'acceleratore.

    Sciocchina, vuoi sapere quanti morti all'anno ci sono al di qua del confine per problemi inerenti il mraviglioso sviluppo progressita diossino che piance tanto a Uolter e poi al Rutellaccio che verrà?

    A fiumicino c'è un geometra (!) di centrodestra. Li vedo, i centidestri e i centricentrsiti, da queste parti, vanno in erezione, pupille spalancate, diossini e forzitaglioti, sviluppisticamente uguali e intersostituibili, appena appare la parola magica nuovo PSC, nuovi centri commerciali, nuoi trafori strade e tangenziali.

    Cosa cambia, sciocchina, di qua e di là del confine?



    Pare che la tua arguzia riesca ad osservare solo quelli, confini amministrativi peraltro ormai sollo sulla carta, nelle belle conurbazioni costruite in combutta dai Berlustroni caltagironi vari e coop rosine.



    Se scopi come ragioni, credo che saranno ben pochi i tarelli che si impegnano a gratificarti. Si limiteranno a controllare che la loro lingua non vada al di là del confine delle tua areole, per non incorrere nelle tue lezioncine di geografia.



    x Chiccolicca:

    Gli anonimo hanno diritto di scrivere quel che vogliono. Pure io.

    Di Pietro (con tutti i suoi limiti e innamoramenti per il cemento e le strade) è uno dei pochi che dice cose giuste. Come cazzo ha fatto a finire nel partito diossino? Veltrusconi gli hanno già fatto capire che anche sulla questione delle tivvì deve stare cacato.

    RispondiElimina
  8. La politica fa litigare, la politica divide...taoista

    RispondiElimina
  9. Concordo, ma non so se la colpa sia di Veltroni o del suo predecessore. Mo' che viene eletto Rutelli.. aria nuova !!!

    PS: chi ha preceduto Veltroni ? ......

    RispondiElimina
  10. Oddioddioddio... che ne sarà di noi?!?!?

    :-)))




    RispondiElimina
  11. X Spartac



    ahahahah



    non ci cascare: il man è a corto di argomentazioni e risponde all?anonimo del #3 alla meno peggio.

    Veltroni è stato sindaco solo della Capitale, e non c'entra niente con Fiumicino. Anzi ti dirò che quel centro commerciale di cui parla amn è proprio lontano dalle ultime abitazioni del Comune di Roma.

    Sai cosa brucia realmente al man? Che due volte ha provato a fare le pulci a Veltroni e due volte ha fatto una figuraccia:



    - 18 febbraio, post Uolter:

    aman accusa veltroni di aver voluto l'aeroporto a Viterbo. Ma è palesemente una boiata: che c'entra il sindaco di Roma con Viterbo? Sono città diverse, come sanno tutti quelli che hanno finito la scuola dell'obbligo.



    - In questo meraviglioso post invece aman accusa Veltroni di aver voluto un centro commerciale a Fiumicino. Ma Fiumicino non è nel comune di Roma.



    E il man anzichè fare ammenda che fa? Dice che sul suo blog può scrivere quello che vuole.

    E quindi pur di fare un post come questo cambia la geografia e i confini amministrativi.

    RispondiElimina
  12. Aman scusa, sono una professoressa di geografia in pensione, volevo aiutarti a colmare le gravi lacune in geografia.

    In particolare sul Lazio ti trovo parecchio lacunoso.

    Comiciamo con qualcosa di facile, le province del Lazio:



    Roma

    Latina

    Rieti

    Frosinone

    Viterbo



    Dimmi se vado troppo veloce o se qualcosa non ti è chiaro.

    La prossima volta facciamo i fiumi e i laghi. Va bene?

    Dài che così prima delle elezioni riesci a fare un post contro Veltroni senza dire strafalcioni.

    RispondiElimina
  13. UnUomoInCammino29 febbraio 2008 15:27

    x nuovo45:

    tu lo sai che sono ancora molto poco distaccateo e ci tengo ad esserlo ancora a lungo, per non discutere con foga.

    Se non ci fosse divisione non ci sarebbe unione.



    x spartac:

    Gurda, io conosco benisismo il pensiero diossino che sta massacrando la regione in cui vivo, 160000ha cementificati negli ulit 20 anni (8 ha al giorno) pari alla intera provincia di Ravenna. E' esattamente la stessa attitudine che c'è sul versante nord della periferia padana (quella a guida forzoleghista).

    Pure shit.

    Ah, ecco, con Rutelli, aria nuova.

    Stamo freschi.



    Quando andavo a scuola studiavamo il problema dell'urbanesimo, ci facevano vedere le periferie degradate dai palazzinari romani. Passati 25 anni, è la stessa identica cosa.



    x xthepunisher:

    Ecco, un'immagine vale più di 1000 parole. Quando la bottiglia della coca te la infila il mestierante del potere nostrano di turno fa meno male?



    x utente anonima (trolla):

    Trolletta diossina bella, sei fantastica, abbiamo scoperto un nuovo procedimento di pensiero, Non pià analogia, astrazione, paradosso, assurdo o altro.

    Abbiamo il ragionamento a confini comunali. Per i più bravi si passa alle province.



    RispondiElimina
  14. Ma che scuole hai frequentato man?

    Studiavi urbanesimo ma non la geografia.

    Era il metodo Montessori?



    Allora, riprendiamo:



    fiumi principali del Lazio sono:



    -Il Tevere, parzialmente navigabile

    -L'Aniene



    I monti:

    la catena degli appennini centrali si unisce al complesso dei...



    Oh, man fermami se ti sto dicendo cose che sai già.



    RispondiElimina
  15. Francesco0719663 marzo 2008 00:10

    ucci ucci sento odore di evasori centrodestrucci......

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.