sabato 6 dicembre 2014

Carico di Terra

Non capivo perché suonasse così presto. Era la sveglia. Ore otto e quaranta.
E così, in una giornata così meravigliosamente grigia e uggiosa, siamo arrivati in quell'angolo di pianura, tra campi aratri, zolle scure, fabbriche di mortadelle, di terra grassa. _ano, era lì per quel piccolo mercato contadino (è il "mio" produttore, di cui sono referente).
Quasi milletrecento euro di ordine per i nostri sei o sette gruppi, quasi cinque quintali di prodotti della terra, leccornie biologiche.
Sentivo _igi, il fornaio del GAS che ha anche tre maiali, vive lassù in quel tentativo riuscito di podere isola felice e autonoma, coi suoi asini, polli, cani, tre maiali, parlare con gli altri contadini. Io mi perdo nella gioia sensuale e rubizza di racconti di terra, di prodotti, di campi, di razze, di sovesci.
E' la magia del mercato.
Eravamo scesi con la sua, nella mia non ci sarebbe stato tutto quel carico di Terra. Abbiamo caricato i sacchi di riso e tutto il resto. Un po' felici, di fatica, di stanchezza, di brume, di fare qualcosa insieme.
Il lavoro per il GAS raggiunge punte di piacere incredibili.
UnRagazzo ha acceso il fuoco, ora vado a cucinare un po' di cibo buono.



10 commenti:

  1. Ma toglimi una curiosità. Qualità a parte, si risparmia ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto a quale riferimento?
      Noissimo rispetto agli spaccaprezzi (ihard discount), no rispetto al "chimico"/industriale della GDO. Sì, sensibilmente, rispetto a filiere lunghe del biologico o negozi di settore (come Natura Chic).

      Elimina
    2. Ma rispetto al biologico della gdo ?

      Elimina
    3. Tra il chimico e il biologico della GDO.

      Elimina
  2. Ritengo questo post uno dei più belli che tu hai scritto. Mi sono ritrovato di botto, nella mia terra il Salento. Ho visualizzato i volti scavati dei contadini, delle donne curve a raccogliere le olive sparse per terra. Ho sentito per un attimo il profumo dell' erba e il calore del sole...ecco ho intimizzato una nuova dimensione del Tao: Tra il Cielo e la Terra c'è luomo con la sua quotidianità e le sue azioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohibò.
      Pensavo di averti risposto, Daoist e invece... non ancora.
      Grazie per l'apprezzamento.
      Quando i dervisci danzano, tengono rivolta la mano sinistra verso terra, quella destra verso il cielo e danzano, danzano per essere loro tramiti.
      :)

      Elimina
  3. Certi gesti sono pura poesia.

    RispondiElimina
  4. Due giorni vaganti per l'Abruzzo hanno richiamato la vicinanza alla terra, al buon cibo e a ritmi desueti, a respiri e occhiate prolisse, sonni calmi e profondi; punti di vista purtroppo parziali e presto interrotti per tornare al caos. Si, sarebbe un altro vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La terra, più di altre cose di valore, richiede impegno, fatica, dedizione.
      Poi ripaga con il meglio.
      Solo che... come il tango, è tutto o niente.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.