lunedì 16 ottobre 2017

I sani raptus



Sono in un raptus lavorativo/creativo.
Venerdì sono andato direttamente a lezione di milonga, dopo quasi dodici ore di lavoro. Mi è venuta a prendere lì. Ero cotto, abbiamo mangiato qualcosa e poi via verso casa.
In auto prende la mano, scosta la sua gonna e me la poggia sul reggicalze. Ride.
Sabato ho lavorato più di undici ore a casa. Si è riposata ma di tanto in tanto mi chiedeva fai? vieni? andiamo? Io l'avevo avvisata che sarebbe stato meglio se fosse venuta domenica...
Ad un certo punto scende dal lettone, si siede sul mobile alle mie spalle, in guepiere e reggicalze, ancora, e mi massaggia la schiena con i piedi.
Beh, io ho continuato a lavorare come un treno.
Proprio come in uno di quei siparietti con lei suspersexy e lui che la sposta che vuole continuare a giocare alla pleistescion o vedere la partita.
Il testosterone che diminuisce fa perdere i sani raptus sessuali. Devo dire che non avrei mai pensato di arrivare a questo.

23 commenti:

  1. No, UCoso. La partita dura un'ora e mezza. Hai ventidue ore e mezza per fare altro, ergo "lei supersexy" può essere benissimo servita prima e/o dopo e per noi comuni mortali che non abbiamo le tue capacità amatorie che si misurano in ere geologiche, anche durante l'intervallo.

    Inoltre, il "raptus" è uno stato parossistico nel quale perdi la capacità di intendere e volere. Non si da il caso ne in un senso ne nell'altro, non esiste un raptus di dodici ore.

    E sorvoliamo sul fatto che lavori in camera da letto con una che ti massaggia coi piedi. Che lavoro fai, il produttore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uomo si aggira per casa in vestaglia come uno di quei registi di fama internazionale.
      Quando ha l'ispirazione scrive di getto e la tipa passa incsecondo piano.

      Elimina
    2. Io sto morendo dal ridere, mi sono figurata Uomo in vestaglia di seta

      :)

      Elimina
    3. A me il tipo che gira in vestaglia fa venire in mente un puttaniere col naso incipriato (ci siamo capiti) alla Hugh Effner. Fa tanto anni '70.

      Elimina
    4. > può essere benissimo servita prima e/o dopo

      Infatti ella fu servita bene domenica mattina.
      Quando noi uomini siamo su un obiettivo, Lorenzo, sai che non hai altro per la testa.
      A me le sveltine NON piacciono.

      Se non ti garba raptus, sostituiscilo con "lavoro matto e disperatissimo" di origine leopardiana.

      Elimina
    5. Ahaha, in vestaglia da camera...
      Io ero vestito normalmente, un paio di jeans, una camicia, una felpa.

      Elimina
  2. A me succede il contrario. Quando sono sotto stress divento maniaco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io metto in ordine gli armadi.

      Elimina
    2. Io butto via roba e litigo con chi ne compra altra. Chissà cosa ne penserebbe uno psicanalista...

      Elimina
    3. MKS, a me la mamcanza di spazio rende idrofobo.
      La madre di mio figlio teneva tutto, T U T T O.

      Elimina
  3. Bè...è il momento giusto per trasgredire. Vedrai si riaccende tutto...ahahah Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad un certo punto, domenica mattina, abbiamo fatto le birbate.
      Non come quelle di una volta, descritte qui, solo un accenno, un sospetto di esse.
      Poiché io so che ella è incuriosita dal sesso con altri uomini, le avevo detto :- "il pomeriggio ti rimetti guepiere e reggicalze, ci vediamo un qualche video che so io e ti "torturo" un po'!".

      Dopo siamo andati veloce, ad una curva stretta sono uscito di strada e il pomeriggio siamo andati a farci un giro in questa bella e orribile estate calda, arida che non finisce mai.
      Per attizzare le femmine ed "elaborarle" a versione da rally - ahaha, il gergo motoristico va proprio bene! -
      ci vuole tempo, energia, costanza.

      Elimina
  4. Io ho letto sono un rapper invece di sono in un raptus.
    Ciao!
    Buonanotte!
    Ciao!
    E poi rido perché mi hai ricordato una puntata a caso di The Lady, la webserie capolavoro (e sottolineo capolavoro) di Lory Del Santo.
    Ahahahahahahahaha non ce la faccio rido troppo.
    Uo', grazie di esistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. See il rapper. Te lo vedi UCoso coi pantaloni sbracaloni e mutande a vista, la pistola infilata nelle mutande il dente d'oro e il calleppuccio da pirla?

      A lui piacerebbe potere vivere come D'Annunzio, cito:
      "La relazione con Eleonora Duse si incrinò nel 1904, dopo il tradimento con Alessandra di Rudiní e la pubblicazione del romanzo Il fuoco, in cui il poeta aveva descritto impietosamente la loro relazione. In quell'epoca la vita dispendiosa condotta dal Vate lo portò a sperperare le cospicue somme percepite per le proprie pubblicazioni, che divennero insufficienti a coprire le spese prodottesi. Nel 1910, convinto dalla nuova amante Nathalie de Goloubeff[22], D'Annunzio si trasferì in Francia: già da tempo aveva accumulato una serie di debiti e per evitare i creditori aveva preferito allontanarsi dal proprio Paese. L'arredamento della villa fu messo all'asta e D'Annunzio per cinque anni non rientrò in Italia. Risale a questo periodo la relazione con l'americana Romaine Beatrice Brooks."

      E la veste da camera.

      Elimina
  5. Ah ah ah !
    Post d'autore, ma pure i commenti sono bellissimi.

    { buona giornata a tutti }.

    ===

    RispondiElimina
  6. incomincia sempre così e la mancanza di tostosterone è solo una povera giustificazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che UCoso nel frattempo sia morto di cunei e non di karoshi.

      Il "testosterone" è una figura retorica che ricorre nella narrativa UCosica. Una narrativa che ci propone il concetto dello "eccesso" come virtù, come bellezza, come affermazione di se. Va bene abbasso il tiro.

      Il fatto è che se tu mangi la pizza ogni tanto, te la godi. Se la mangi mattina e sera per una settimana, non ne puoi più. La prima cosa che provi per fartela piacere è aumentare lo "stimolo" del condimento della pizza, invece della "margherita" (prende il nome di una regina d'Italia) comincia mangiare la pizza con sopra il bufalo tibetano marinato con contorno di petardi e cocci di vetro. Alla fine sbotti.

      Non so quanto il personaggio della narrativa ucosica sia reale ma questa è la sua parabola, che si ripete. Partenza, pum pam, PUM PAM, PUUUM PAAAM, pluf, plin, fine, periodo di quiete e ripartenza.

      Elimina
    2. Lorenzo: "pizza con sopra il bufalo tibetano marinato con contorno di petardi e cocci di vetro"

      Ricordo che la provai tanto tempo fa, in una pizzeria pugliese. Non è male, se la si accompagna con le bevande più adatte. Io ordinai una bottiglietta d'ottima benzina al piombo tetraetile del 1992. Un po' cara, ma valse la pena.

      Elimina
    3. > e la mangi mattina e sera per una settimana, non ne puoi più.

      Ecco, proprio così!

      Elimina
    4. Scherzavo con lei...
      Mia capito quelli che c'hanno due o tre femmine. IO non ho tempo, voglia, risorse neppure per una.

      Elimina
    5. Enio, il testosterone che cala è un fatto oggettivo.
      Con contro e pro.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.