lunedì 16 ottobre 2017

Ius soli, sopra e sotto

I vertici sostituzionisti coi loro patetici tentativi moralisticheggianti hanno digiunando a cronometro (questi sono proprio grotteschi) per imporre ai meno uguali lo ius soli degli invasori di generazione 1 + n. Peraltro, non si sono più avuto notizie da quando avevo steso la bozza di questa pagina.
Nuovi "italiani" esemplari come questo bravo ragazzo "di Ferrara", questi nuovi cittadini viaggiatori esemplari, questi qui, ancora di ottima famiglia.
Piano, tuttologo, come il compagno Veronesi, dalle sue Schönbrunn ha deciso che s'ha fare.

Lo scollamento tra la società e questi fondamentalisti invasati aumenta di settimana in settimana.
Devo dire che lunedì 2 _ela la garbata, cattocattolica a mille, a lezione di tango era tutta infervorata e ripetente "Accoglienza accoglienza!" dopo le istruzioni del pontefice minimo impartite a pecoroni e pecorelle. Le pulsioni masochistiche, evidentemente, sono connaturate al genere. In quella occasione le dissi alcune cose in modo franco ed ella, poverina, disturbata, scossa dal pensiero non conforme passò imbarazzata al "Pace, pace!" tentando di abbracciarmi.
Mah.
Ma se quelli sopra sembrano pazzi (si ripete il motivo ricorrente di castalie tanto moralizzanti quanto parassitarie, che disegnano e implementano una società a scoppio, in realtà lo sono anche, pazzi, i vertici di una società implodente come la Siria mi pare non abbiano un.bilancio positivo) questi sotto sono proprio pazzi.


9 commenti:

  1. UCoso, esiste una verità fondamentale.
    Ci sono due modi di esistere, fare cose e fare fare cose ad altri. La seconda è enormemente più remunerativa della prima, sia da un punto di vista quantitativo che da quello qualitativo, intendendo che una persona priva di capacità di fare può costruire una "posizione" facendo fare ad altri.

    Nel caso nostro passiamo ad un altro ulteriore livello, ovvero che esiste una gerarchia tra quelli che fanno fare le cose ad altri. Più gerarchie, aggregazioni. Il personaggio privo di capacità di fare ma con quella di fare fare ad altri sceglie a quale aggregazione affiliarsi in funzione dei vantaggi (oggi si direbbe "benefit").

    Ora, la immagine che accludi mostra persone che hanno scelto una carriera nel fare fare le cose ad altri e hanno scelto la "aggregazione" genericamente definita "progressista".

    Una "aggregazione" che storicamente include il peggio del PCI e della DC ma non come le entità astratte re-inventate apposta per nobilitare la finta storia repubblicana, quanto le milizie armate comuniste eterodirette dall'URSS e la emanazione politica della Chiesa e delle mafie scaturita dagli accordi con gli Americani nell'immediato dopoguerra.

    Adesso ci rimane il problema di definire cosa sia la "pazzia". Se la definiamo come un pensiero e quindi un agire irrazionali, allora questi non sono pazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono pazzi nel senso che la loro esistenza si fonda esattamente sul fare fare ad altri e nel farlo all'interno di una certa aggregazione, in cambio di ventaggi personali (vedi "carriera").

      Si diceva che le donne sceglievano consapevolmente di posare per Playboy invece che fare la cassiera. Ecco, uguale, solo che qui scelgono di rovinare Popoli e Nazioni invece di fare la cassiera.

      Elimina
  2. Renzo Piano, nella sua casa di Parigi, parla di getto, nel senso che "si getta" a capofitto dentro un argomento che lo tormenta [ ... ].

    Un'altra emerita TESTA-DI-CAZZO RADICAL CHIC.

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che quelli sopra si comportino così ha qualche fondamento.
      Che quelli sotto si zerbinino alle più assurde e nocive teorie porta alla psicologia, alla psicopatologia.

      Elimina
  3. Devo dire che lunedì 2 _ela la garbata, cattocattolica a mille, a lezione di tango era tutta infervorata e ripetente "Accoglienza accoglienza!" dopo le istruzioni del pontefice minimo impartite a pecoroni e pecorelle.

    Gli invasati sono irrecuperabili.
    Si possono destare solo con un trauma, del tipo essere brutalizzati in prima persona / che i propri figli siano brutalizzati da qualche gioiosa risorsa portatrice di superiore civiltà.
    Io, ogni volta che leggo nuove imprese degli spurghi, spero sempre che le vittime siano di area arcobaleno.

    Con tanto ammore !

    Razionalmente, possiamo lavorare sugli altri, quelli che non hanno buttato il cervello nel cesso e tirato lo sciacquone.

    Sono curioso di vedere se questo governo promulgherà lo Ius soli, e le eventuali reazioni popolari.

    E intanto, oggi si vota in Lombardia e Veneto.

    Il Nord produce 94 miliardi € più di quanto spende, dice oggi il Corriere.
    Poi, ci sono Roma e il Meridione.
    { curiosità }.

    ===

    RispondiElimina
  4. In quella occasione le dissi alcune cose in modo franco ed ella, poverina, disturbata, scossa dal pensiero non conforme passò imbarazzata al "Pace, pace!" tentando di abbracciarmi.

    Conosco il comportamento.
    Agli occhi degli invasati dal cervello svaporato, noi realisti, indistintamente, siamo depressi cronici, poverini bastonati dalla Vita.
    E ci vorrebbero accudire.

    :D

    ===

    RispondiElimina
  5. Ma se quelli sopra sembrano pazzi (si ripete il motivo ricorrente di castalie tanto moralizzanti quanto parassitarie, che disegnano e implementano una società a scoppio, in realtà lo sono anche, pazzi, i vertici di una società implodente come la Siria mi pare non abbiano un.bilancio positivo) questi sotto sono proprio pazzi.

    Abbastanza d'accordo, ma ...
    non capisco il passaggio sulla Siria.

    °_____°

    ===

    RispondiElimina
  6. Come è Milano oggi.
    Non leggete il fatto di cronaca, leggete il contesto. Poi pensate come era 20 anni fa e come sarà tra 20 anni e poi tra 40 anni, quando io presumibilmente non sarò qui a vedere ma ci saranno i miei nipoti.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.