sabato 1 luglio 2017

Sguazzo poco

Sono al Gran Bal(lo) Trad(izionale) a Vialfrè (TO).
Sono molti anni lontano dalle danze popolari. Ho perso dimestichezza, ci sguazzavo ora sono fuor d'acqua.
Poi le ombre che corrono.
Così le polveri non prendono fuoco.
Il Piemonte, il Canavese, qui intorno, è di una bellezza inusitata. Come i molti balli di queste mille Italia nelle mille Europa. Ho seguito il corso di balletti sardi: tutto parla e danza di una comunità nazione che si fa un solo corpo armonico, individuo che sublima fondendosi  nel choreus.
Sento cornamuse e tammorre lontane, qui in tenda, lontano. Mi si chiudono gli occhi.

15 commenti:

  1. Wow, che belle immagini si trovano in rete collegate al Gran Bal Trad!
    Buon divertimento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì?!
      Penso meglio quelle dei video.
      Lasciano spazio all'imnaginazione.

      Elimina
  2. Il Canavese nonostante la bellezza dei luoghi è anche poco frequentato nei week end (ssst! non facciamoci sentire... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mese arriveranno giusto giusto quei 50 mila "migranti-profughi-rifugiati" che non sappiamo dove mettere. Segnalerò il Canavese.

      Elimina
    2. Venendo qui dalla savana appenninica emiliana ho visto risaie e , qui, prati verdi.
      Pensato non esistesse più ll'erba verde.
      In questo cantone del Belpaesei sembra che ci sia uno delle ricchezze più grandi, spazio con vita verde .

      C'erano una decina di africani ragazzi/giovani che ballano.

      Elimina
    3. Ah la gioia di non potere scrivere quello che si pensa perché sarebbe un reato...

      Elimina
    4. La dittatura del politicamente corretto.
      E il fatto è che le moltitudini pensano che tutto ciò sia "democratico". Rotelle in una dittatura con apparenze soft.

      Elimina
  3. Mah, divertiti finché puoi. Tutto quello che vedi sta sparendo sotto i tuoi occhi.

    Per inciso da noi le "cornamuse" si dovrebbero chiamare "pive", da cui "pive nel sacco" sta a significare l'esercito in ritirata con le "pive" riposte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zampogne , pive, launeddas (in sardo)...

      Anche una banda di Ivrea piuttosto militare; energia inquietante, col duetto tra il primo tamburino e gli altri.
      Penso dovesse servire a gasare le proprie truppe e a inquietare quelle nemiche.

      Elimina
  4. Un uuic interetnico nel canavese. Per inciso, ai canavesani piace poco il canavese😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Europa delle piccole patrie.
      Bretagna, Carina, Tirolo, Sardegna, Emilia, Occitania ...
      Che straordinaria ricchezza di culture.
      Forse i canavesani non si rendono conto della bellezza della loro terra perché ci sono abituati .

      Elimina
    2. Da quando ha chiuso l'olivetti non si sono più ripresi

      Elimina
    3. Ho visto paesi, infrastrutture e luoghi più che dignitosi, tenuti bene.
      Ad esempio, il primo segno di civiltà è la poca immondizia lungo le strade. Qui siamo messi molto peggio.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.