venerdì 10 aprile 2015

Di una Puttana

Pensavo ad _ana, ieri. Proprio nessuna tensione verso di lei. Non repulsione, non attrazione. Eppure domenica son stati momenti piacevoli. Se portassi la mente alle cose belle e interessanti che potrei fare con lei, sarebbero molte. Nessuna attrazione fisica. Cosa cambierebbe rispetto ad un amic*? Uomini che spariscono, voi dite. "Uomini fiacchi, in difficoltà, con problemi sessuali di vario genere, piatti, smorti, pantofolai, prevedibili." mi scrive una lettrice in privato.
Sì. Ma anche no.
Se una donna ti piace tutto diventa impetuoso, irruente. Alla fine, dopo tre giorni, le ho mandato un semplice "Buonanotte dal mio eremo soave e fiorito", di più non sapevo proprio cosa scriverle.

Ho capito che... ultimamente sono attratto da donne che hanno meno anni di me. _tra ne ha compiuti trentasei, stamane osservavo una donna mora e ricciola in treno, proprio bella, si è accorta che la guardavo.
Eh, forse _ana la tiziana non mi attrae anche per il fatto che vedo in lei il segno del tempo.
_ana è uno specchio, infine, come sempre succede nell'eros, in questo caso neppure sul principio.
Vedo in lei i segni del mio tempo? E' questo? Forse anche questo.

Una volta erano i puritani di destra. Ora l'ondata di stupido moralismo sinistro che invade l'Europa (v. Francia, Svezia), sofisticato e adulterato da dabbenaggine politicamente corretta - quindi ancora più pericoloso! - è arrivato ad Amsterdam. Vedevo le foto di queste donne a difesa delle loro officine, dei loro studi, delle loro foreste fresche, ossigenanti, rivitalizzanti, oasi di riparazioni sociali.
Io ho sempre idealizzato le prostitute per il fatto che esse vivono l'eros in modo a-morale, a-sentimentale, sportivo, ludico. Beate loro. Sul piano razionale considero nobile la loro professione, sono delle eroine ecologiche. Il fatto che Cristo ne amasse una non è un caso.
Nella galleria delle immagini vedo un volto (immagine sotto) e mi innamoro, trovo in lei quasi il mio archetipo, bella, mora e fine, audace, maestra sessuale, discrezione, stile. Così difficile innamorarsi di un'elfa, così facile innamorarsi di una Puttana.


74 commenti:

  1. Quanti anni ha _ana? Se si può dire.
    Poi penso che i segni del tempo non siano visibili quando si è fatta della strada assieme. Quando quei segni rappresentano anche per noi qualcosa, di vissuto, di attraversato. Quando quei segni sono anche la nostra storia.
    Iniziare dai segni anonimi, è dura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non lo so. Forse mi viene qualcosa tipo... uno più di me (seconda metà degli anni quaranta).

      Elimina
    2. Intendo che io sono nella fascia [45-50],

      Elimina
    3. Omo, ti piace la carne fresca.
      Quando anch'io inizierò a preferire i dieci anni in meno, invece dei dieci anni in più allora vorrà dire che sarò diventata troppo vecchia...

      Elimina
    4. Ora, per capire se è solo o quandto sia questione di età, dovrei trovare una coetanea che mi acchiappi parecchio.
      Comunque... non è escluso. Forse sono solo all'inizio di quanto scrive Lorenzo qui sotto.

      Elimina
  2. Sei un passo avanti allora. Basta pagare.

    A me le donne che si lamentano degli uomini fanno abbastanza ridere. Per diversi motivi, ne cito solo due:
    1. difficile avere una conversazione con una donna, perché non hanno niente in testa. Per farle contente bisogna dire "cara, non posso dirti niente del mio lavoro, sarebbe troppo pericoloso" invece di dire "sai lavoro allo sportello INPS". Poi i giorni pari bisogna arrivare col mazzo di fiori e il giorno dopo dargli due ceffoni e chiavarle sul tavolo della cucina.
    2. una donna alla mia età è inguardabile, le donne sono come lo yogurt, hanno la data di scadenza. Per cui UomoCoso, sappi che non solo è normale che tu guardi quelle più giovani ma che più tu invecchi più giovani le vuoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che palle, Lorenzo. Sarebbe troppa fatica risponderti.

      Dico solo che intorno ai cinquanta alcune donne sono bellissime (senza chirurgia, s'intende), anche più belle che a vent'anni.

      Elimina
    2. 1.
      Con _tra parlavo per ore.
      Anche con _ana la conversazione è stata abbastanza vivace.
      Francamente io non so proprio cosa dire in certi ambienti , con certe persone, ma questo non dipende dal sesso della persona.
      Giorni pari e giorni dispari... :))

      2.
      Diciamo che l'avvenenza delle donne, essendo basata non poco sull'estetica, sull'aspetto fisico, a differenza della fascinazione maschile "potere (in senso ampio) e/o soldi", soffre di più col passare degli anni.
      Si dice che noi uomini abbiamo una rivincita con l'età, visto che quando siamo adolescenti o post-adolescenti, esse "cagano" quelli più "grandi". Ecco, forse ora noi possiamo essere quelli "più grandi".
      :)

      Elimina
    3. Vabbè, poi le donne dovrebbero avere il buon gusto di ammettere che una bella ventenne è più esteticamente gustosa di una bella cinquantenne. E che fascino, eleganza, classe e stile son tutte gran belle cose che non bastano a vincere l'autentica fresca e spontanea bellezza di una gioventù ben portata.
      Per contro gli uomini che con le donne non quagliano dovrebbero smetterla di usare clichè e luoghi comuni che sapevano di muffa già 50 anni fa.
      Detto questo, Uomo mio, come la maggior parte degli uomini di mezza etù sei attratto dalla gioventù. Normale. In qualche modo triste, ma normale.

      Elimina
    4. Uomo, tu sei un tipo abbastanza cerebrale, pertanto se trovassi una piacente cinquantenne che ci sapesse fare (che ti scopa il cervello, per usare parole tue) non staresti a fare tanti discorsi, nè perderesti tempo con una ventenne gnocca ma noiosa. (tanto, un figlio lo hai già fatto, per dire)

      Poi io mi meraviglio sempre di come tu ti possa definire una persona pratica e senza tante fanfaluche o costruzioni intellettualoidi...

      Elimina
    5. Scusate, apro una parentesi.
      Questo "scopa il cervello" che si sente da un po' di tempo a questa parte (e che secondo me è uscito dalla fantasia di qualche coatto di periferia) è inascoltabile, orrendo e greve. Esiste da sempre un vocabolo apposito: seduzione.
      Poi mi rendo conto che sia più facile ed immediato "scopare il cervello", basta che non si dica che l'italiano è povero di vocaboli relativi al sesso ed alla sua sfera, perchè è una bugia incommensurabile. Semplicemente bisogna conoscerli e si fa meno fatica ad usare una voglarissima espressione piuttosto che l'apposito lemma.
      Fine OT.

      Elimina
    6. @Alahambra

      Hai ragione, ma qui seduzione potrebbe essere relativo a quanto concerne il preambolo. Avremmo dovuto utilizzare termini come "coinvolgere" e "condividere"

      La nostra specie è "intelligente" (spesso non si direbbe, comunque...), quindi tende a trascendere il mero gesto naturale per farne "cultura".
      La mediazione dell'elaborazione fatta dalla testa diventa in ogni caso preponderante.
      (Se non fosse così, nessuno si siederebbe a tavola con inutili tovaglioli, bicchieri, posate, e tutto il resto. Nessuno si limita a nutrirsi, in genere).

      Elimina
    7. Certo che sì Notte, assolutamente sì.
      Dico solo che la seduzione è quella parte di colloqui, approcci, tentativi, mediazioni, sguardi, gesti, parole che arrivano alla testa dell'altro per poi giungere al corpo e che quindi viene necessariamente prima. Il vocabolo vuol dire esattamente quello: usiamolo.

      Elimina
    8. Alahambra, apprezzo molto il tuo intervento e cruscantico e sui registri.
      Cero, "scopare il cervello" non è una gran italiano ma, usandolo a mo' di licenza è efficace.
      Mi permetto di sottolineare che la nostra lingua è relativamente povera rispetto al gergo dell'eros.
      I greci avevano sette categorie per l'eros (o qualcosa del genere), le popolazioni artiche hanno decine di termini per indicare i vari tipi di neve (già nell'area alpina di lingua tedesca hanno più termini per indicare vari tipi di neve, io mi ricordo ad esempio Firn, Graupel etc.).
      La seduzione può avvenire in molti modi, diciamo lungo vari canali.
      La seduzione del potere, quella dell'umorismo, quella della tonicità, della vigoria e vitalità, quella del proprio stile, del proprio fisico.
      Ci sono più seduzioni "fisiche", "estetiche" e anche più seduzioni "intellettuali".

      Elimina
    9. Ragazzi...però vi garantisco che qualsiasi donna, a qualsiasi età, preferisce un bel culo maschile giovane e sodo al sedere floscio di un uomo "grande"!!
      Ma che cazzo di discorsi sono?
      Parliamo di carne? Allora mi sta bene. Ma vale per gli uomini quanto per le donne. Chi se ne frega del binomio potere/soldi quando si tratta di carne?
      Se invece consideriamo la carne un contenitore di idee, pulsioni, vita, slanci, allora una bella testa pensante vale più di mille culi sodi.

      Elimina
    10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    11. > qualsiasi donna, a qualsiasi età, preferisce un bel culo
      Sui grandi numeri l'aspetto estetico e il canale visivo contano sensibilmente di meno per le femmine rispetto ai maschi.

      Questi sono atteggiamenti di genere sui cui gli etologi hanno lavorato parecchio. Spesso ci sono pesanti condizionamenti morali, (in)culturali come è stato verificato da celebri esperimenti da parte di Desmond Morris.

      > Chi se ne frega del binomio potere/soldi quando si tratta di carne?
      In genere c'è una concentrazione molto più alta di belle donne in contesti abbienti, etc..

      E' così palese che io trovo strano che sia necessario sottolinearlo.
      Come sempre, si tratta di caratterizzazione di specie, con eccezioni.

      Elimina
    12. Sai qual è la differenza Gioia? Che in media le donne (femministe in testa e fanno tanti di quei danni alle donne che meglio sarebbe si ritirassero a vita privata) negano l'evidenza e si indignano.
      Se poi hanno superato i 40 guai a dire loro che una ventenne parimenti carina è meglio per forza per via della giovinezza. E guai a dire anche che pure loro degli uomini guardano il torace ampio e il bel sedere prima che le mani o gli occhi.
      Almeno in questo gli uomini sono molto più diretti e si nacondono molto meno dietro ad un dito, dal momento che la prima occhiata non contempla nè cervello nè idee ma meravigliosamente semplice carne.

      Elimina
    13. UomoCoso, io vorrei essere una mosca e assistere a queste tue lunghe conversazioni con le tue sorelle o con quelle che non vedi come sorelle ma che poi ti danno il due di picche. Perché è come se tu avessi scritto che in giardino tieni una coppia di unicorni viola.

      Il resto dei commenti soprastanti io lo archivierei alla voce "cose che non si possono dire".

      Elimina
    14. Esatto Uomo. La concentrazione di tope pazzesche dove c'è il soldo dice cosa? Che a queste belle tope piace il culo floscio? No. Dice semplicemente che si trovano furbescamente il Briatore di turno che garantisce loro gli agi per scoparsi in tranquillità il Deep...

      Elimina
    15. x Alahambra:
      Sei lucida nelle tue analisi. Per me, una quarantenne parimenti carina è meglio di una ventenne.
      Per ragioni che spiegherò qui sotto.

      x Lorenzo:
      > io vorrei essere una mosca e assistere a queste tue lunghe conversazioni con le tue sorelle
      Io in milonga parlo poco. In milonga si dovrebbe ballare molto e cianciare (con discrezione) poco. Quando una mi ispira ci si vede fuori dove si puo' conversare piacevolmente.
      Una delle cose che scrissi piu' volte in passato e' che... _ica, la mora del profumo, tanto e' carina tanto ... non saprei che dirci. Ricca, bella, affermata professionista nella borghesia bene felsinea, mi manda messaggi carini ma che sono ad un livello sensibilmente inferiore a quello dei mio figlio quando quindicenne. Sono su un piano lessicale, di registro, di contenuti a livello di media inferiore.
      Sono uscito con lei un'unica volta in pausa pranzo.
      Se ci penso mi ricorda... A-Woman: bella, mora, mi piace un sacco,semplice. A-Woman aveva uno spirito graffiante, toscanaccio che mi piacque molto. _ica e' piu' pacata, e dolce.
      Insomma, bella ma.. come diresti tu, con lei non saprei che dire.

      x gioia:
      > si trovano furbescamente il Briatore di turno che garantisce loro gli agi per scoparsi in tranquillità il Deep
      Non lo so.
      L'anerdottica goliardesca e meno goliardesca o la letteratura (si pensi solo a L'amante di Lady Chatterley di Lawrence o a Catherine Millet) e' ricca di storie di nobildonne o di ricche borghesi o di intellettuali che hanno un amante o uno trombamico di rango sociale inferiore o basso.
      Secondo me, se gestita bene, e' una scelta intelligente.
      Mediamente un uomo ricco/potente/di successo non e'molto diverso da altri uomini. Mettersi con lui per avere una base economica e poi scorazzare piu' o meno liberamente nei territori dell'eros e' una buona scelta. La questione e' che poche persone gestirebbero tutto cio' ecologicamente, alla luce del sole. I piu' lo fanno clandestinamente, pagando prezzi alti (essere dissociati a lungo ha un bilancio decisamente negativo), problemi di ipocrisia, etc. . Bisogna dire che questo pathos e' una fonte energetica per la passione non trascurabile.

      Elimina
    16. "Ricca, bella, affermata professionista nella borghesia bene felsinea, mi manda messaggi carini... ma..."

      UomoCoso, adesso sono serio. Sopra scrivi:
      "Con _tra parlavo per ore.
      Anche con _ana la conversazione è stata abbastanza vivace."

      Io posso parlare per ore con un albero. Ma è un albero. Se devo scegliere tra un albero e un altro albero, scelgo che ne so, un castagno, che fa le castagne, non un Tasso di cui tutte le parti tranne le bacche sono velenose.

      A parte che non ci credo che una possa essere "affermata professionista" ed essere più scema di una "artista" tatuata, tutto quello che scrivi dopo "bella" è assolutamente irrilevante. Proprio perché come dicevo sopra, le donne non ci attirano perché sono divertenti, infatti mediamente sono fastidiose ma perché sono belle.

      UomoCoso, sei uno sprecone.

      Elimina
  3. UnUomoInCammino, beh, consolati: anche le donne sono attratte dalla gioventù, solo che se lo ammettono spesso si ride loro in faccia!
    Inoltre non e' insolito sentirsi attratti dalla mera novità: conosci una persona e sei incuriosito e attratto, poi la conoscenza continua, magari non succede qualcosa che vorresti succedesse e quindi l'interesse sfuma. Non si può vivere sempre in tensione (o almeno, questo e' cio' che penso io).

    Riguardo alle obiezioni di Lorenzo:
    1. difficile avere una conversazione con una donna, perché non hanno niente in testa.
    Anche certi uomini eh! Comunque, le mie amiche sono tutto meno questo stereotipo. E sono pure discretamente tope! Certo, non sono carne fresca-fresca, le mie amiche hanno sopra i 35. E beh, sono di solito sposate e spesso madri, altro particolare non trascurabile. E poi, che te lo dico a fare, sono piu' o meno con la mia stessa formazione, spesso parliamo di laser e di oscillatori, di tracciare particelle etc etc. Ma anche di orecchini, gonne, borse, bambini, scuola, etc.

    2. una donna alla mia età è inguardabile, le donne sono come lo yogurt, hanno la data di scadenza.
    Sono d'accordo sul fatto che le giovani sono più' belle. Giudicando da donna, pero' trovo che ci siano esemplari di splendide quarantenni-cinquantenni. Certo, non e' la regola, ma ce ne sono. Soldi e cultura aiutano. E, appunto, il tempo passa per tutti, anche per i maschi, rassegnamoci.
    E poi, lo yogurt bianco e' buonissimo! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > anche le donne sono attratte dalla gioventù
      Sai quante tanghere con più anni di me sono... "molto carine" con me?

      > non succede qualcosa che vorresti succedesse e quindi l'interesse sfuma
      Ecco, lo hai descritto molto bene, con precisione.

      > sono pure discretamente tope! Certo, non sono carne fresca-fresca, le mie amiche hanno sopra i 35. E beh, sono di solito sposate e spesso madri

      Ma hai delle amiche milfe! Quando me le presenti? :)
      A me non piacciono le adolescenti, o le ventenni (forse non ancora, Lorenzo dice che col passare del tempo...), Mi piacciono le milfe a cavallo dei 40, più o meno.

      E questo dice anche chi sono le più belle per me.

      Elimina
    2. Non hai fatto attenzione ad una cosa: parlano di laser&diodi&compagnia bella, sei sicuro che ti piacerebbe una conversazione del genere?
      Inoltre, ricordati dove sono: le mie amiche di che nazionalità possono essere? :)

      Elimina
    3. @Nuvola

      Mensch sfodera il filtro passa-banda (ehm...) con tutti i diagrammi di Bode del caso: la conversazione sarebbe ugualmente interessante, nun te preoccupe ;-)

      Elimina
    4. Ah ah ah, nottebuia!
      In effetti potrebbe essere una tecnica moooolto efficace!

      Io non conosco UnUomoInCammino se non attraverso queste pagine.
      Confesso che non riesco ad immaginarmi un ipotetico incontro di UnUomo con le mie colleghe.
      A parte il fatto di dover switch-are all'inglese per parlare, quali sarebbero gli argomenti comuni? Bisognerebbe fare l'esperimento, la previsione e' per me difficile. Pero' tutte sono gradevoli conversatrici, molto gentili, molto accoglienti. Questo tratto e' tipicamente culturale, deriva dalla loro origine.
      Pero', ecco, se fossi in UnUomo con loro eviterei di parlare di cio' che pensa della religione musulmana... nessuna porta il velo, ma disprezzargli una parte della loro cultura non credo sarebbe ben accettato.

      Elimina
    5. NuvolaCosa, tu hai due difetti che ti rendono irrilevante in questa discussione.

      Il primo difetto è che tu appartieni all'insieme estremamente ridotto delle donne-cervellone. Non ho nessun problema a riconoscere che probabilmente ne sai molto più di me di tantissime cose. Ma tu sei una eccezione e le eccezioni vanno gestite come eccezioni, non come la regola. Per vedere la regola, basta guardare la TV.

      Secondo difetto, sei donna, quindi il tuo giudizio è per definizione inaffidabile. Posso magari convenire che una top model di quarant'anni ha il suo perché ma siccome io non sono Briatore e di top model non ne conosco, devo considerare le quarantenni e le ventenni che vedo in fila alle Poste.


      Elimina
    6. Ma sono davvero un'eccezione? Secondo me no.
      Pero' in fila alle Poste mi riconosceresti subito, ma probabilmente non ti impressionerei gran che'. O almeno, non ti impressionerei in positivo.

      OT: Comunque, a me Briatore fa ribrezzo (pardon! povero Briatore!). Guarda, a maggior ragione se io fossi topa, nemmeno con tutti i soldi che ha ci andrei insieme. Non capisco come una possa starci insieme.
      Va beh, pure io sto giudicando Briatore solo per il suo aspetto sfatto, che superficiale che sono, eh?

      Elimina
    7. Si ti riconoscerei, saresti quella spettinata con gli scarponi e vestita da saldatore.

      Te dici che Briatore ti fa ribrezzo. Fa tutto parte della tua natura donnesca per cui affermi cose che contraddicono palesemente la realtà. Perché Briatore non solo non fa ribrezzo alla "donna media" in fila alle Poste ma ha fatto dei figli (o ci ha provato) con tute le top model famose (e non sappiamo nulla delle modelle meno famose). Sarà che ci sa fare, sarà che sgheo fa oseo, fatto sta che a Briatore le donne bellissime saranno venute a noia.

      Riguardo essere eccezione, capisci che è relativo. Se vai sulla stazione orbitale di donne ne trovi massimo due e sono entrambe cervellone, se vai alle Poste di donne ne trovi "n" ma la maggior parte, se non tutte, sono "normali", cioè quelle che guardano la TV e ci si riconoscono (vedi post di UomoCoso sullo sceneggiato di RAI Fiction).

      Elimina
    8. Beh Lorenzo, le donne preferiscono Deep a Briatore in genere e la differenza la capisci pure da te :P

      Elimina
    9. Lorenzo: identikit perfetto!

      Sarà che ci sa fare, sarà che sgheo fa oseo, fatto sta che a Briatore le donne bellissime saranno venute a noia.
      Dalle mie parti si dice "scheo". Comunque: povero Briatore, sempre a dover scansare donne bellissime che lo vogliono irretire! Vitaccia... :)

      Riguardo RAI fiction, ti devo ricordare che ogni tanto io guardo le soap operas turche. Ammetto che lo faccio per motivi grammaticali, e che dopo un po' mi saturo, pero' per un po' di tempo riesco a guardarle (sebbene senza identificarmi). Giusto per puntualizzare. Pero', ammetto che quelle italiane mi riesce difficile guardarle, perche' mi annoiano. Pero', se fossero in una lingua che sto imparando, le guarderei, che son semplici da capire.

      Elimina
    10. se Briatore lavorasse alle poste col cazzo che ha tutta quella figa

      Elimina
    11. Se Briatore lavorasse alle Poste dovrebbe mentire, altrimenti verrebbe definito cosi:

      ""Uomini fiacchi, in difficoltà, con problemi sessuali di vario genere, piatti, smorti, pantofolai, prevedibili.""

      Vedi sopra.
      Ma non si tiene conto che Briatore alle Poste non ha a che fare con top model ventenni. Mi domando quale definizione si potrebbe dare della "donna" che si accompagna con la merdaccia di cui sopra.

      Elimina
    12. Intendi dire velatamente che gli impiegati delle Poste hanno delle compagne sfigate dal punto di vista estetico?

      Quindi le donne schifano gli impiegati delle poste? Come non schifano Briatore (che esteticamente non dice fra che, pero' c'ha i soldi, e forse qualità' nascoste, e si può' ben permettere di accompagnarsi a modelle) perche' dovrebbero schifare l'impiegato delle poste, che, oltre ad avere un impiego, ha (come Briatore) magari anche doti nascoste?

      In effetti capisco che, nell'occidente odierno, lavorare alle poste non fa figo. (Forse fare l'idraulico e' considerato più eccitante?)
      Boh, per me che bazzicavo i disadattati della mia specie, magari non avrei saputo di che parlarci, da giovane (ne' impiegati delle poste et similia mi avrebbero considerato una preda, ero troppo disadattata). Ma se, oggettivamente, uno e' figo, che mi frega se fa l'impiegato delle poste? Meglio per lui!
      Secondo me il fatto che uno che lavora alle poste venga percepito come sfigato e' dovuto al fatto che stai a Milano. Se vai nel mio paesino, uno che lavora alle Poste e' considerato un buon partito, pensa te!

      Elimina
    13. Te l'ho detto che tu non fai testo, sei in una categoria a se.

      No, intendo dire che trovo patetico che le donne si lamentino dei loro uomini quando nella maggior parte dei casi gli uomini tendono a conservare più o meno lo stato iniziale mentre le donne decadono come le sostanze radioattive e mano a mano si trasformano in piombo.

      Sopra si dice di "uomini fiacchi", cosa senz'altro vera. Il mondo dove vivo io è tutto infiacchito. E quindi? Almeno le donne di una volta diventavano delle petroliere (nel senso della nave) ma sfacchinavano da mattina a sera. Quelle di oggi hanno un immaginario e un ego sproporzionato ai loro mezzi, forse non si rendono conto che la petroliera affondata non serve a niente e che il piombo pesa sullo stomaco.

      Chiudo dando l'ennesimo esempio concreto, ovvero le donne hanno rotto il cazzo:
      Lo Zanza

      Elimina
    14. Nota bene che UomoCoso vagheggia di donne ideali ed immaginarie, lo Zanza ha macinato 6000 donne reali. UomoCoso è un uomo fiacco, prevedibile, pantofolaio, lo Zanza invece no.

      Sono abbastanza sicuro che lo Zanza ne sa molte più di me e di UomoCoso sulla natura delle donne. Io posso desumere la natura delle donne dalla natura dello Zanza.

      Elimina
    15. Invertiamo i fattori. La Gregoraci non sta con uno che lavora alle poste

      Elimina
    16. x Nuvola Sospesa:
      > immaginarmi un ipotetico incontro di UnUomo con le mie colleghe
      Io visitai la Turchia nel 92 e non ricordo bene come fossero le donne turche. Anche perche' ero completamente, pazzamente innamorato della madre dei miei figli.
      Ora, di tanto in tanto guardo qualche filmato di tango,milonga o vals in qualche tangheria turca (e' uno dei paesi in cui la passione per il tango e' maggiore, spesso con un livello molto alto) o capito in qualche diario e vedo delle donne turche bellissime.
      C'era una giovane donna turca carina che studiava con _ias che si e' messa poi con un cinquantenne molto fine, _rco.
      Lasciamo perdere la religione. _nia ed _ela la garbata erano stra cattoliche e infatti, con loro intesa quasi zero. Per me le persone religiose hanno un che'di ottusita' mentale che emerge chiaramente, come camminare su un campo minato bene

      x Lorenzo:
      >devo considerare le quarantenni e le ventenni che vedo in fila alle Poste.
      Ma, io vedo certi uomini alla partita della pedata del mio bipede e, francamente, non e'che siano meglio, eh!?

      Mah, non so. Io h veramente una sorta di ribrezzo per personaggi come Briatore e molti altri vipparoli. Sono persone mediocri selezionate dal filtro passamerda. Quando bazzic(av)o sull'Argentario, di tanto osservavo 'sti qi della nobilta' e ricca boghesia nera e io li trovo piuttosto meschini e volgari nel loro manifestarsi.
      Ecco, mi vengono in mente i Versace, Formigoni, Previti, calciatori vari, e tutta questa orribile genia il cui massimo di kitsch e cacca stava intorno a B. nei momenti di successo.

      Zanza:sai che sono stati studiati i seduttori seriali? Essi ribaltano completamente l'approccio, inizialmente: vanno con le donne che che manifestano attrazione per essi. Poi quando la fama aumenta, quando la padronanza della psicologia della seduzione sono maggiori, vivono di rendita: la competizione diventa tra le donne per conquistarseli, anche solo per qualche ora.
      >UomoCoso è un uomo fiacco, prevedibile, pantofolaio
      Puo essere.
      Ma anche questo cambia.
      Forse non ci crederete ma ci fu un anno e mezzo o due, diciamo, tra il 2001 ed il 2003 che avevo avuto una girandola notevole (per me) di donne, del tipo sei o sette, un paio delle quali uscite e trombate la stessa prima sera.
      Poi mi sono cambiato. Fino all'inceppamento attuale.
      In effetti, dal punto di vista della seduzione, e'come se fossi diventato come uno sciatore che non scia piu' da dieci anni.

      x Francesco:
      Io non conosco la Gregoracci e non so che proprieta' abbia oltre a quelle estetiche.
      Ricordo sempre la dissacrante frase al vetriolo di Daniel Boorstin:
      una celebrità è un uomo [ora diremmo persona] noto per la sua notorietà.

      Elimina
    17. Forse non mi sono spiegato. L'impiegato delle Poste vede e frequenta le donne che lavorano o vanno alle Poste. Non frequenta certo le top model come Briatore.

      Nella migliore (relativamente) delle ipotesi, potrebbe avere una doppia vita e trasformarsi ogni tanto in Zanza. A quel punto potrebbe elevare leggermente la sua media.

      Il discorso che facevo è di una semplicità assoluta e cioè che non solo le donne mediamente sono dello stesso ordine degli uomini che frequentano ma spesso e volentieri capita che invecchiando le donne passino ad un ordine inferiore. Quindi trovo risibile che queste donne si lamentino.

      Riguardo poi il criterio con cui le donne selezionano il partner, io non ne ho mai trovato uno apparentemente razionale.

      Elimina
    18. Mi viene da commentare!

      ma spesso e volentieri capita che invecchiando le donne passino ad un ordine inferiore
      E povere donne! Boh, essendo della categoria, va beh, a sessant'anni di sicuro non siamo più' nella categoria delle desiderabili, a quaranta comincia il decadimento radioattivo, ok, pero' insomma, sparare a zero così...
      A sessant'anni spero di lavorare ancora e di essere grosso modo nonna (con il benestare dei miei figli, ovvio) e per il resto, si vedra'. Sempre che ci riesca ad arrivare, ai sessanta (tocco ferro!)


      Riguardo poi il criterio con cui le donne selezionano il partner, io non ne ho mai trovato uno apparentemente razionale.
      Ecco, in questo momento mi verrebbe da dare solo risposte che non possono essere scritte, ma che sono degne del peggiore becero maschilismo e delle cose che sentivo dire dai miei colleghi disadattati in Italia.

      Elimina
    19. La lingua (in questo caso la tastiera) batte dove il dente duole.

      Le cose che ho scritto non sono, come sempre, una mia invenzione, sono la descrizione di un fenomeno. Esiste tutta una letteratura di uomini di mezza età che mollano la moglie per mettersi con la segretaria che ha metà degli anni della moglie. Praticamente TUTTI i politici che vediamo in TV appartengono a questo gruppo.

      Riguardo il criterio di selezione, esiste anche li una amplissima letteratura, nonché mia esperienza personale, di donne che si lagnano perché il loro marito o compagno non è quello che loro si erano figurate. Nei casi migliori si passa dai litigi alla separazione, nei casi peggiori certe donne si accompagnano col pazzo che le picchia o le butta dalla finestra. Se hai voglia fai una ricerca sulle statistiche delle violenze subite dalle donne e chi le compie.

      Elimina
    20. Ah, ho focalizzato solo dopo che il nostro ex-Presidente del Consiglio, ora decaduto, tale Silvio Berlusconi, ha mollato la prima moglie per sposare una attrice più giovane, poi ha mollato la seconda moglie per accompagnarsi in modalità Briatore con ragazze che potevano essere sue nipoti.

      Come dice sempre anche lui, non ha fatto niente che la maggior parte degli Italiani non farebbe, se fosse ricco sfondato, narcisista all'eccesso e senza tanti scrupoli.

      Cosa confermata d'altra parte dalla casistica che dicevo sopra.

      Elimina
    21. E aggiungo, sempre riguardo i criteri di selezione, che nessuna si è mai lamentata dello Zanza, anzi, organizzavano i viaggi tutto compreso per venirlo a venerare, come se fosse la Madonna di Medjugorje. Prego osservare le fotografie dello Zanza.

      Elimina
    22. Come dice sempre anche lui, non ha fatto niente che la maggior parte degli Italiani non farebbe, se fosse ricco sfondato, narcisista all'eccesso e senza tanti scrupoli.

      Mi arrendo all'evidenza.

      Se ripenso alla vita dei miei genitori e dei miei nonni, beh, erano molto diverse. Forse non capisco nulla e idealizzo in modo errato.

      Supponiamo ora che la consuetudine più' comune diventi la seguente: ci si sposa tra grosso modo coetanei, poi alla data di scadenza della consorte il marito se ne sbarazza per una più' giovane, e tale consorte scartata prosegue la sua vita con pochissime probabilità' di trovare un altro compagno.
      Boh, da un lato e' triste, c'e' proprio una povertà' di sentimenti, dall'altro, meglio sbarazzarsene di uno che ci scarta non appena diventiamo sfiorite. In effetti, meglio sole che male accompagnate.

      Elimina
    23. Capita anche il contrario e cioè che prima della data di scadenza la moglie trovi uno più prestante o che mente con più convinzione.

      In ogni caso qui siamo di fronte ad un mistero insondabile, almeno per me, cioè la natura del matrimonio o della vita di coppia. Dalle mie osservazioni ipotizzo che in realtà non sia un evento singolo e uniforme ma una successione di eventi diversi e che in ognuna di queste fasi si possa prendere una strada o un'altra. La maggior parte delle persone vive in maniera abitudinaria quindi ha un grado di inerzia elevato e, al succedersi degli eventi, tende a mantenere almeno la parvenza dello status quo. Cosa ancora più vera se lo status quo è rinforzato dal controllo sociale e il cambiamento scoraggiato, come succedeva ai nonni e bisnonni.

      Elimina
    24. La casistica di uomini che lasciano la compagna per una più giovane è accompagnata dalla casistica, forse più cospicua, degli uomini che non lasciano la compagna pur incontrandosi con una o più donne più giovani.

      Elimina
    25. x UnUomoInCammino:
      Lasciamo perdere la religione. _nia ed _ela la garbata erano stra cattoliche e infatti, con loro intesa quasi zero. Per me le persone religiose hanno un che'di ottusita' mentale che emerge chiaramente, come camminare su un campo minato

      Sono d’accordo.

      Le mie colleghe non sono strettamente religiose nel senso che, per esempio, non portano il velo, non fanno Ramadan, etc etc. Pero', la religione musulmana permea la loro cultura, come il cristianesimo permea la nostra (o meglio, la mia).

      Io neppure sono fanatica cattolica, sebbene sia battezzata, abbia frequentato la parrocchia con piacere in gioventù (nel mio paesino la comunità religiosa corrispondeva alla totalità’ della popolazione civile, quindi andare all’oratorio significava andare a giocare con gli altri bambini del paese) e per esempio conosca bene tutta la “teoria”. Da quando sono uscita dal mio paese, non vado più alla messa, per esempio, e da sempre mi danno fastidio i bigotti.
      Tante mie convinzioni non sono in linea con i “precetti” cattolici.

      Pero’, per esempio, io non mi sognerei mai di deridere la fede altrui, soprattutto in persone colte e ottime come quelle che incontro io ogni giorno.
      Come mi ferisce se qualcuno si prende gioco del cristianesimo (mi ha dato fastidio una battuta di un mio compagno di gruppo pakistano, che rideva sul fatto che alcuni calciatori si fanno il segno della croce ad entrare in campo. E allora? Non possono fare quello che vogliono? Perché non mangiare maiale va bene, e farsi il segno della croce va male?).
      Insomma, per me, ognuno può’ avere la religione che vuole, a patto che non mi costringa a cambiare la mia e che mi lasci spazio.

      Lo stesso, le mie amiche mica mi dicono “Infedele, convertiti”, semplicemente quando si parla delle nostre usanze loro mi raccontano le loro, io racconto le mie. Se ci si fanno domande, sono domande dettate dal desiderio di conoscenza, non domande per punzecchiare l’altra e portarla “sulla retta via”.
      Io, per esempio, un compagno musulmano convinto non lo vorrei. Certo, ci sono uomini attraenti anche qui, ma, anche se io fossi libera, probabilmente scremerei chi e’ osservante da chi non lo e’.
      Lo stesso penso accada per le mie amiche: ognuna ha la propria idea. A parte che non sono libere nemmeno loro, ma: prenderebbero un compagno stabile di cultura/radici diverse? Non so. Forse si’, forse no. Io, sicuramente, no, se mi trovassi davanti a uno che mi vuole convertire.

      Per quanto riguarda i flirt, invece, non credo che la religione conti tanto. Certo, a me un fanatico religioso (di qualsiasi religione, o anche di orientamento politico, per certi schieramenti, tipo quelli che mi volevano invitare al corso di marxismo) non attrae. Pero’, appunto, per cose materiali, chi se ne frega della religione! Gli uomini sono uomini, le donne sono donne. Se non c’e’ impegno, si decide liberamente. Ovvio, non vuol dire che si agisca alla luce del sole, anzi, soprattutto in certi casi, occorre assoluta discrezione.
      Tutte questi discorsi (donne belle, brutte, acide, giovani, vecchie) lasciano un po’ il tempo che trovano.
      Si vive, si accetta quello che si e’ e quello che viene, si sceglie, accettando le conseguenze delle scelte.

      Uh, che commentone! Scusa.

      Elimina
    26. x Lorenzo:
      > mistero insondabile, almeno per me, cioè la natura del matrimonio o della vita di coppia
      L'amore e' il piu'grandfe mistero dopo la morte.

      x Nuvola Sospesa:
      > Pero’, per esempio, io non mi sognerei mai di deridere la fede altrui

      La questione e'che 'ste masse islamiche sono venute qui, cazzo me ne fregava prima, nei loro paesi possono fare tutte le cose orribili che fanno.
      Ora le stupidate che permeano l'islam vengono sparse ed hanno effetti qui.
      E' ovvio che o uno mette la testa sotto la sabbia o nota le cialtronaggini e le assurdita' di quella religione.
      Non ci siamo ancora liberati dalle ottusaggini cattoliche che ora arriva 'sta roba che e' pure peggio.
      Il problema e' che nella massa anche quelli che si sono un po' secolarizzati, poi, si esaltano al peggio, come sempre quando lo spirito di branco prende il sopravvento.
      Pensa solo al problema di figliare con un islamico e poi le pretese assurde sul fatto che la prole debba essere anch'essa inquinata dall'islam. Robe che prenderei io la scimitarra....

      Scrivo da ex chierichetto, ragazzo di famiglia cattolica (per quanto critica e indipendente), ex alunno di catechismo,. etc. .

      Elimina
    27. UnUomo: nulla da obiettare per quello che riguarda l'"invasione" dell'Italia/Europa.
      A mio avviso, e' sbagliato l'atteggiamento attuale che a loro, "poverini", tutto e' permesso. Su questo hai ragione: in Italia, dovrebbe essere cosi': o ci si adegua, o si va altrove. Basta con tutto questo servilismo e lasciarci mettere i piedi in testa. Non e' essere razzisti, e' difendere la propria terra. Su questo ti do ragione.

      Quello che non faccio, e' colpevolizzare i miei colleghi per la loro cultura. Loro sono nati in un paese di religione musulmana, non hanno scelto. Molti scelgono di non essere praticanti, ma non lo pubblicizzano. Sai come sono solo se ci parli. Sono persone colte, e se vengono in Italia non ci vengono di straforo. Con loro, ecco, non vedo il perche' devo trattarli male. Sono persone al pari mio, non delinquenti. E soprattutto mai mi hanno voluto convertire, ma rispettano la mia diversità' culturale.

      Questo concerne i miei colleghi.

      Per il resto:
      Pensa, io non vengo catechizzata all'islamismo ma sono impossibilitata a seguire una messa, se volessi farlo.
      Inoltre, non sia mai che provi a protestare per l'ora di religione. Non mi sta bene? Me ne vado da qui. Nessuno si pone il problema di farmi stare in un ambiente a-confessionale.
      Questo, in Italia, non lo tengono presente. C'e' tutta questa retorica insensata del "poverini". E i "poverini" lo sanno benissimo, e la sfruttano. Scusate, ma io vivo qui e so come ragionano le persone.

      Elimina
    28. L'errore consiste nell'andare a cercare il pane tra gente fondamentalmente ostile, che nella migliore delle ipotesi ti tollera, temporaneamente.

      In Italia non c'è la "retorica dei poverini", facciamo finta di non sapere che invece c'è la retorica comunista che usa gli islamici come grimaldello per demolire la "società borghese". Certo, rimarranno anche loro sotto le macerie, come dimostra l'imprevisto francese, perché il comunista è convinto che l'islamico lo veda con simpatia. Ma il comunista è fondamentalmente o troppo stupido per preoccuparsi delle conseguenze oppure è un cinico demagogo che si prepara la figa ben prima che gli crollino le macerie addosso.

      Elimina
  4. sessualmente parlando, dubito che una ventenne sia meglio di una cinquantenne, a meno che non sia una col culo spanato sotto contratto con legalporno, dove ci entrerebbe un nano da giardino. poi possono essere anche belle, e belle lo saranno di sicuro. dubito che sappiano fare dei gran pompini.

    scusate il francesismo, ma sapete che io detesto questi giri semantici privi di senso. a proposito, io per scopare col cervello di solito mi guardo un video di Phoenix Marie o Anissa kate.

    detto questo, scrivere "Buonanotte dal mio eremo soave e fiorito" è una roba da assassini del desiderio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco, io ritengo che le donne necessitino più tempo per imparare l'ars amandi (come la traduciamo, per evitare ambiguità con "arte di amare"? arte erotica?) e che possano essere potenti quando si sono liberate, almeno in parte, dell'allevamento dei figli che è estremamente gravoso, è spesso quasi totalizzante.

      Ai francesismi preferisco i ftranceschismi schietti! :)

      > è una roba da assassini del desiderio
      Infatti.
      In parte voluto.
      Visto che io ritengo che sia meglio che _ana non mi desideri.

      Elimina
    2. Francesco, non farmi ridere.
      Prima cosa, stiamo parlando di essere attratti da una cosa o da un'altra. Noi siamo programmati per essere attratti da certe cose (es. una mela matura) e respinti da altre cose (es. una mela marcia). Se fossimo delle mosche saremmo programmati al contrario. Quindi non ci credo nemmeno per un secondo che tu sia attratto più dalla cinquantenne che dalla ventenne.

      Riguardo la meccanica del sesso, secondo la tua logica potrebbe esistere una macchina o un animale domestico che fa i pompini meglio di qualsiasi donna vivente. Nel mondo reale però, quando devi toccare con mano, toccare una cosa e toccare un'altra da sensazioni diverse.

      E qui non stiamo inventando niente. Se poi certe cose non si possono dire, comunicatemelo ufficialmente.

      Elimina
    3. Lorenzo, se tu parli di frutta io ti dico che ADORO la frutta dura come una pietra: pesche, prugne, kiwi, mele..... dammi un frutto maturo e vedrai che difficilmente lo mangerò con la scusa che non ho più fame.

      siccome una quarantenne non è esattamente come una bambola gonfiabile, direi che il tuo esempio non è calzante.

      quindi ti ribadisco che la ventenne sarà sì figa, esteticamente più esente da difetti rispetto a colei che ha qualche lustro in più ma..... ma qui si parla di chiavare. e per esperienza ti dico che la donna dà il meglio di sè tra i 30 e i 40 anni.

      Elimina
    4. Ecco hai già abbassato il tiro dalla cinquantenne alla trentacinquenne.
      :)

      Comunque siamo a cavallo, dovesse capitare l'apocalisse e rimaniamo solo noi due a ripopolare la Terra, tu prendi quelle dai 35 in su e io quelle dai 35 in giù.

      Elimina
    5. Penso che potreste uscire insieme a caccia. Certo non competereste sull'eta'.
      Per me una bella milfa diciamo trentaseienne o quarantenne si pappa una ventenne sette a zero.
      Ma io sono un po' degenere direi.

      Elimina
    6. Ma figurati se Francesco farebbe quello che dice. Sei te che mi preoccupi invece.

      Elimina
    7. Siccome io cerco di stare lontano dai pericoli, so che per varie ragioni la 36 enne potrebbe crearmi dei problemi. A 36 anni non si è milf però secondo i miei parametri. La ventenne tromba peggio ma non è pericolosa. Ovviamente avrà zero difetti

      Elimina
    8. Madre che mi piacerebbe chiavare.
      36 anni, con figli, perche' non sarebbe una milfa?

      Elimina
    9. Per me deve superare i 40

      Elimina
  5. Risposte
    1. ?
      Stai leggendo con quello?
      Scrivere con le testiere a tocco, virtuali, e' massimamente scomodo.

      Elimina
  6. Secondo me la differenza di eta' e' un fatto soggettivo...tra persone adulte (di testa) ci si piace per quel che si e' indipendentemente veda lbf atto che l'altro possa avere 5 10 15 anni in piu' o in meno.
    Parlo di rapporti tra persone mature e intelligenti....non il 50enne che va con l'amica 20enne della figlia per sentirsi giovane e la 40/50enne che va con il ragazzotto solo per divertirsi...fermo restando che anche tali scelte sono libere e individuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per confutare certe cose che ho letto qui.il mio attuale ragazzo ha 30 anni e io ne ho 44...non ho mai visto uno piu' attratto da me in vita mia. Ed e' anche bello. E io non sono un strafiga. E potrebbe avere tutte le 20enni che vuole. Giusto per precisare i luoghi comuni. Non so, forse io sono fortunata perche' dimostro 10 anni di meno ma secondo me non c'entra.

      Elimina
    2. Peccato che non confuti nulla, per due motivi:
      1. c'è gente che si fa appendere al soffitto con dei ganci infilati nella carne, per il gusto di sentire male. La maggior parte di noi dice "ahi" se si punge con una spina.
      2. qui non stiamo dicendo che uomini giovani non vogliono donne vecchie, stiamo dicendo che uomini vecchi non vogliono donne vecchie, che è un concetto un po' diverso. Tutti noi da ragazzini scrutavamo nella scollatura di qualche insegnante. Adesso scrutiamo nella scollatura delle studentesse.

      Elimina
    3. io quando avevo 20 ebbi una relazione con una donna sposata di 35 anni. Quell'esperienza mi segnò e sinceramente ho una predilezione per il target femminile 30-40 anni. Levati i casi eccezionali quello che dice Lorenzo è giusto. il fascino e la trasgressione derivante dalla differenza d'èta fa molto

      Elimina
    4. x Lorenzo:
      > non stiamo dicendo che uomini giovani non vogliono donne vecchie,
      > stiamo dicendo che uomini vecchi non vogliono donne vecchie

      Sempre preciso, Lorenzo, nelle osservazioni.
      Grazie.

      x Michele Giovannelli:
      > io quando avevo 20 ebbi una relazione con una donna sposata di 35 anni. Quell'esperienza mi segnò

      Il sogno di ogni? quasi tutti i? ventenni.
      Anche il mio caro amico _rio ebbe una storia cosi' con una donna svedese. Una storia di trasporto pazzesco e non di pochi giorni, ma di settimane che stavano diventando mesi. Poi egli chiuse, capiva che ci sarebbe rimasto dentro, doveva tornare per l'universit' in Italia.

      Elimina
  7. Detto da una vecchia come me..peccato che nemmeno le donne vecchie e tanto meno quelle giovani guardino gli uomini vecchi (dentro) di cui tu, Lorenzo, sei il degno paradigma.

    RispondiElimina
  8. Brevemente, come sai di tuo, il rapporto tra l'uomo e la donna non lo si può incanalare su binari specifici, ha bisogno di essere lasciato libero e far si che evolva sia per l'uomo che per la donna...diciamo con la stessa determinazione e libertà esplorativa. E' in questa fascia temporale che bisogna saper giocare con la differenza di età; superarata, non fa più alcuna differenza l'età...verrà sostituita dalla tecnica nella stanza da letto. E non esiste differenza tra la cosidetta normalità di coppia e un rapporto temporale e limitato anche se con una prostituta...a questo livello di conoscenza, conta solo il piacere che il sesso procura e appaga. Ecc.

    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo lascio cosi' libero che nel caso di _ana la rossa, non parte neppure.
      Quindi non mi pongo il problema dell'eta' come nessun'altro connaturato ad una relazione.
      Mai capito cosa sia la normalita', neppure in amore.

      Buon fine settimana, Daoist

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.