mercoledì 29 aprile 2015

Tanga brucia



La fame "chimica". Era una frase che descriveva gli appetiti robusti che molte persone avevano, dopo l'uso di droghe e varie sostanze psicotrope, alla fine di rave e di goa.
Ecco, ieri, semplicemente, usciti alle due dalla milonga in cui c'era stata dolce vita e arte milonghera, ci siamo ritrovati con un robusto appetito prima, poi in un forno artigianale ad abbuffarci di bomboloni e pizza.
Chi tanga brucia, direi.
T. ha richiesto il suo tributo, solo 1 + 4 ore di sonno.
Eppure oggi sono produttivo, energico. Addirittura stamani mi sono venute delle idee su una possibile soluzione per un problema sul quale sto lavorando al lavoro (poi verificatosi non risolutrice). Per quanto in parte in sordina per la mia stanchezza, il bilancio è stato, almeno fino ad ora, più che positivo. Meraviglie del tango!

P.S.
Rispetto all'ultima volta, miglior qualità e prezzo sensibilmente inferiore, non ho più comprato nulla da quei "ladri".
La mia infanzia mi ha formato e mi porta sempra alla trasgressione per il ripieno. Ma anche _vid, toscano di origine, se li è sbaffati ripieni di marmellata di albicocche.

21 commenti:

  1. Stasera mi sa nanna alle dieci

    RispondiElimina
  2. E' tanto (troppo) che non mangio qualche schifezza super dolce alle tre del mattino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, schifezze proprio no.
      Erano buoni prodotti di un forno artigianale abbastanza noto.
      Schifezze sono robe tipo Pringles, chupa chup, dolciumi, bibite con aspartame, prodotti con grassi idrogenati, ...

      Elimina
    2. Ovviamente, schifezze stava per cibi genericamente ultra dannosi per la linea.

      Sia mai 'ste robacce confezionate.

      Elimina
    3. pure io è una vita

      ma è pure una vita che non faccio le tre del mattino.

      Elimina
    4. E' che queste cose si sposano meglio con l'estate (per me)...

      Elimina
  3. E' noto che la produzione di endorfine da parte del nostro cervello a seguito di un'attivita' piacevole stimola l'appetito...
    Mazza che libidine il bombolone caldo appena sfornato! : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo iniziato con uno a testa
      Poi ce ne siamo fatti una metà a testa.
      Poi un mezzo trancio di pizza a testa.
      Poi ancora un altro trancio in due.

      Già! :)

      Elimina
  4. Il pane e la pizza appena sfornati alle 4 del mattino...Man, se c'è anche la fornaia, direi che puoi anche saltare il tango, non c'è problema...;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano intorno alle due e quaranta.
      No fornaia, sì fornaio.
      A proposito... sui viali ieri c'erano delle lavoratrici sessuali di una bellezza spropositata.
      Non penso che si metterebbero a fare la fornaia di notte.
      A parità di orari guadagnerebbero un quarantesimo o anche meno.

      Elimina
    2. Una volta mi hanno scambiata per battona.
      Quando l'ho raccontato al mio fidanzato si è piegato in due dal ridere.

      Elimina
    3. Io una volta tentai di giocare alla battona con A-Woman, uno dei giochi-esercizi del neotantra. Si scandalizzò.

      Elimina
    4. Spiegami la dinamica del gioco. Calarsi nel ruolo rispettivamente di batttona e cliente, oppure tu e le sullo stesso marciapiede per vedere chi riceveva più proposte?

      :)

      Elimina
    5. (***tu e lei, refuso!)

      Elimina
    6. Pippa, sì, un gioco di ruolo che permette di esplorare le zone dell'eros amorale, istintuale.
      Maggiori info in questo splendido libro.

      Elimina
  5. Sempre efficaci, Uomo, questi tuoi resoconti minimalisti.
    Mi vedo la scena davanti gli occhi, sembra la scena di un film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che era tempo che non mangiavo dei bomboloni e pure di bomboloni così buoni!
      Mi vien voglia solo a scriverne.
      :)

      Elimina
    2. Ah.
      I bomboloni caldi in via San Felice, nella notte inoltrata !
      Una delle poche cose che mi mancano di 051 ...

      Elimina
  6. Qualsiasi cosa tu faccia, UomoCoso, goditi la vita.
    Non si capisce la verità contenuta nel "chi vuol esser lieto sia, del doman non v'è certezza" fintanto che non ci si batte il muso contro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo, di tanto in tanto, qualche tua parola inquieta, cupa, Lorenzo.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.