mercoledì 20 giugno 2018

Ciò che è senza fine

Stelle nella notte fresca e tersa. Stelle, oscurità e silenzio. Trenta chilometri senza incontrare  un'auto.
Seduto in loggetta a contemplare ciò che è senza fine.
Tango e ultima sera di  tredici anni di lavoro.
Un paio di rane gracidano.

14 commenti:

  1. 30 km senza incontrare auto per me sarebbe stato terribile.
    Ma sei sicuro Uomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che se corri in torno attorno al tavolo oppure corri dritto avanti e indietro dentro il tunnel della metropolitana puoi fare 30km senza incontrare nessuno. Qui UCoso ti racconta una delle sue fisse ridicole di quanto sarebbe bello il mondo SE CI FOSSE SOLO LUI ma dimentica che se al km 25 gli si rompe l'auto, non solo deve fare 5km a piedi per arrivare a destinazione ma il giorno dopo deve fare 30 km a piedi per tornare da dove è venuto e cosi PER SEMPRE, visto che se non ci fosse tutta la filiera che parte dalla miniera e arriva al meccanico, UCoso da solo manco i sandali saprebbe fabbricare.

      Elimina
    2. Quindi 30 km senza incontrare un'auto ma con tutte le comodità a portata di mano. Sempre alla Capitan Fantastic.

      Elimina
    3. Emmessa

      In realtà i km senza auto sono stati poco meno di trenta, visto che nei primi nove chilometri qualche veicolo l'avevo incrociato.

      Elimina
    4. > che se al km 25 gli si rompe l'auto

      Ancora esempi che sono stupidi, visto che in molte zone del pianeta, distanze di decine di chilometri tra centri abitati sono frequenti se non ordinarie e che ciò non impedisce di utilizzare le auto o altri veicoli nonostante questi si possano guastare, anche di notte.

      NOn è che i sandali li sappiano fare solo a Hong Kong, a Montecarlo o in altri formicai disgustosi, aberranti.
      Anzi, in quei tumori le persone sono talmente artificalizzate che oltre a non sapersi fare i sandali non sanno più cucinare, fanno lavori di plastica se non nefasti, parassitano il resto del pianeta e scaricano i loro rifiuti tossici (reali e ideologici, paradigmatici) su di esso.

      Elimina
    5. > 30 km senza incontrare un'auto ma con tutte le comodità a portata di mano

      Ancora, puoi dare concretezza alle tue teorie e trasferirti nell'opposto contrario, Kowloon, scomodità, spazi infinitesimi per ciascuno, oltre alle auto c'avrai pure le insegne di plastica con tanti bei colorini brillanti, sopra, sotto, indietro, avanti, a destra, a sinistra.

      Elimina
    6. Non ci siamo capiti, ciccio. Nei posti che dici tu se si rompe la macchina MUORI o anche se sbagli a girare a destra invece che a sinistra. Qui non parlo mica di situazioni estreme tipo la Terra del Fuoco, parlo degli USA, per dire.

      Te ti glori dei 30km senza macchine perché sai che IN REALTA, sempre per via del "teratoma", ti basta usare lo scemofono per chiamare il carro attrezzi, quindi se passa un altro UCoso dice "corbezzoli, avrei voluto non incontrare nessuno in questi 30km e invece ho trovato uno fermo che parlava nello scemofono".

      Poi vorrei dire che se tu non hai le fabbriche di viti non hai le fabbriche di auto. Certo, puoi comprare viti e auto ma ti serve una miniera d'oro. Ancora, la descrizione dei 30km paradisiaci senza nessuno è PARADOSSALE, perché stai parlando di una strada che tu percorri in auto. Non lo capisci?

      Elimina
    7. Siamo sempre al gioco della mite pastorella.

      Elimina
  2. Vedi UCoso, la sciampista ti cade ai piedi dopo questo pensiero profondo. Invece a me fai ridere, perché:
    1. tu non sei infinito. Ti basta incorrere in un banale problema di salute come ho avuto io per non vedere più le stelle e per non guidare l'auto. Puff, sparisce tutta la poesia.
    2. nello stesso momento tu puoi anche inventare stelle e auto, che puff, appaiono come opera di ingegno e immaginazione senza esistere.
    3. tutte le cose iniziano e finiscono. Alcune in maniera cosi rapida che tu non le percepisci, altre alla tua velocità e quindi vedi la gente che nasce invecchie e muore, altre cosi lentamente che per te sono "infinite", cioè senza fine.

    E qui ti faccio notare la tua solita incongruenza tornando al discorso che una cosa grandissima o piccolissima in termini pratici è "infinitamente" grande o piccola, anche se concettualmente è "finita".

    Cosa vuoi, le pose neoromantiche e decadenti non fanno per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dire, se non ci fosse il "teratoma umano", non ci sarebbe la corrente elettrica in loggetta.

      Elimina
    2. Lorenzo, di tanto in tanto perdi il raziocinio e scrivi cazzate stupefacenti.
      Ancora con la menata dell'infinitamente piccolo o del negare i limiti.
      Allora, dai l'esempio e trasferisciti a Kowloon, visto che affermi che accatastare via e via più esseri umani in un certo territorio non è un problema. Tanto l'inifinitesimo e la tecnologia, no!?
      Ecco, dai l'esempio e vai a a Kowloon.
      Invece di perdere tempo con sofismi crescitisti demenziali che negano la realtà.

      Elimina
    3. > tutte le cose iniziano e finiscono

      In un testo così, poche parole scritte in un particolare stato d'animo, ciascuno può interpretare come crede.

      Ora, io scrivo ciò che io percepivo e io sentivo.
      Osservavo il firmamento ed esso, per i nostri tempi umani, può essere assimilato a ciò che è senza fine.
      A fronte di questa eternità le nostre vicende, le mie, quelle dei miei prossimi, sono così estemporanee, volatili, segno della finitezza e caducità umana.
      La meditazione su questo è ciò che mi ha fatto sentire finito, comprendere la transitorietà della mia esistenza.
      Insomma, come sottolinei, io sono assai finito, dipendente anche solo dalla salute, come tutti.

      Elimina
    4. > se non ci fosse il "teratoma umano", non ci sarebbe la corrente elettrica in loggetta.

      Altra cazzata senza limiti.
      In Finlandia la densità di popolazione è di 18 persone / kmq, 11 volte inferiore a quella italiana e non sono certo con le ascie e le clave, a mangiar carne cruda marcia nelle caverne.
      O preferisci l'esempio del Canada, che ha 3,9 abitanti al kmq, un cinquantesimo di quella italiana?

      Elimina
    5. Tutto quello che hai scritto non cambia una virgola rispetto a quello che ho scritto io, che rimane tutto vero.

      Il "sofismo" è nella tua percezione perché SEI DOGMATICO e nell'essere dogmatico, sei irrazionale. Infatti basta dire che dove ci sono n persone ce ne puoi mettere n+1 per dimostrare che il "limite" una "tendenza", nel senso che fai progressivamente più fatica ad aggiungere +1.

      Nello stesso momento, mi fai ridere perché tu non dici "l'ideale sarebbe trovare 73 veicoli lungo i 30km da qui a li", tu dici "l'ideale sarebbe non trovare nessuno". Be certo, se il tuo "limite" è ZERO allora non si pone la faccenda del n+1.

      A proposito della Finlandia, sei finlandese tu? Sono finlandesi le persone che frequenti? Non capisco perché tu ritenga che la tua loggetta abbia le stesse proprietà delle loggette finlandesi invece delle proprietà delle loggette afghane, per dire. Il fatto è che in Italia ci sono molti posti disabitati ma di solito sono poveri e non ci sono i servizi di base, tipo corrente e acqua. Chiedere a Lupolibero, che pure non si trova sulla Luna. Te ti sei scelto l'eremo in un posto dove c'è la trippa per gatti, solo che è leggermente discosto quindi della trippa tu non senti l'odore.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.