domenica 10 giugno 2018

Tutto da smantellare

Leggo dei giochi di forza delle ONG scafiste straniere contro il governo e Salvini.
Sui media come il Corriere (accanto alla pagina di radio popolare e al solito articolo che cita l'Associazione Scafisti Giuridici anti Italiani, ASGI e codici e codicilli da interpretare sempre in senso massmigrazionista, ovviamente) non troverete mai notizie su quali giochi sporchi facciano questi, fino a mettere  a repentaglio la vita dei im/deportati, inducendoli a gettarsi a mare o incitandolo verbalmente. Bisogna uscire dai media della propaganda, della catechesi.
Nel gioco di frantumazione e nella guerra migratoria contro l'Italia e l'Europa questi induttori di flussi e di vittime poi le usano, in patetiche campagne politiche speculative. Creano il problema, creano i morti e poi li usano contro chi tenta di resistere.
Qui bisogna smantellare tutto perché c'è un intricato tessuto legale e illecito, malavitoso e di criminalità geopolitica che lavora per il problema.
Lustri di deportazione e di innestamento di masse, una magistratura sinistrante e una rete criminosa internazionale.
Io sarei per la confisca degli scafi delle ONG, per  il loro affondamento ma questo andrebbe contro quella camicia di forza tessuta proprio per reprimere ogni principio di resistenza.
Sarei per una modifica costituzionale che limiti la libertà di culto escludendo esplicitamente l'islam, la chiusura e la demolizione delle moschee e il divieto del culto islamico se non in privato, limitatamente alle abitazioni, per i soli appartenenti per il nucleo famigliare, per il divieto di portare il velo per le donne. Insomma, bisogna rendere sufficientemente sgradevole stare in Italia per i devoti islamici per indurli a emigrare verso un paese islamico.
Il segno dell'Austria che ha chiuso sei moschee già sediziose (questi invasori turchi sono sfacciati) ed espulso una quarantina di imam è solo un piccolo segno di inizio di resistenza.

30 commenti:

  1. Prima di potere combattere il nemico esterno ci tocca regolare i conti col nemico interno. Fortunatamente non dobbiamo creare una guerra civile nuova, ne abbiamo una vecchia tutt'ora in corso, quella dei "partigiani di quartiere", quella per cui se non mangi il kebap sei "fascista".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il merdbap con carne di tacchini marci al petrolio se lo.mangino pure loro.
      Un'altra evidenza che sono malati.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ho letto poco e velocemente un paio di ore fa.
      La maggior parte dei commenti erano duri se non inferociti con quel tuttologo.
      Anxhe i militanti sinistranti iniziano a destarsi dall'obnubilamento delle menti.

      Elimina
  3. Hanno spostato il problema di 600 in Spagna. Non so se sia meglio o peggio.
    Qualxosa inizia a cambiare ma è solo una tessera sola in un mosaico twrrificante e criminale.
    Veramente si desteranno anxhe gli altri paesi a furia di tsunami migratorio? Verso una nuova alleanza europea contro l'invasione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le risorse necessarie ad avviare e mantenere la pressione migratoria sull'Europa sono cosi enormi che non vedo come sia possibile invertire il processo. E' più facile che Salvini riceva una offerta che non può rifiutare e che torni a miti consigli.

      Elimina
    2. spero che Salvini di quelle offerte se ne sbatta, a meno che non siano minacce

      Elimina
    3. Salvini si trova tra l'incudine delle Elite Apolidi che gli possono mettere il Polonio nella merenda dei figli e il martello della "sinistra" che minaccia la guerra civile.

      Dato che secondo me ha più la stoffa del salumiere che quella del martire, dubito che andrà tanto più lontano di dove è già andato. Le cose torneranno allo stato precedente, vedrete.

      Elimina
    4. Che poi basta parlare con la gente per capire che il problema vero è la merda che hanno in testa dopo cinquant'anni di lavaggio del cervello.

      Elimina
  4. In "Effetto Cassandra" è apparso un articolo nel quale si affronta (con una certa superficialità) la questione dell'accaparramento e della cessione dei territori. All'Italia è stato riservato giusto un asterisco e due righe in una notarella assai generica a fondo pagina. Mi son permesso di commentare... chissà se anche questa volta il mio commento verrà bloccato... Per i curiosi, lo replico qui.

    ===========================

    In questa paginata, alla condizione Italiana è stato riservato un asterisco con due sole righe di testo. In tutta la trattazione (comprese le due misere righe riferite all'Italia) si è parlato del rapporto popolazione/territorio nella sua forma lorda, laddove sarebbe stato più significativo fare riferimento alle superfici effettivamente utilizzabili ai fini agricoli, tenendo conto della loro produttività "affidabile" a lungo termine.

    Importante: tra i modi in cui si può accaparrare territorio, una via è l'acquisto di terreni in terra straniera, l'altro è il trasferimento diretto di popolazione. In questo senso, l'Italia è "Paese bersaglio", perché ha ceduto (per decisione e implementazione delle sue dirigenze negli ultimi quindici anni soltanto) almeno il 10% del suo territorio nazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente il commento non è passato. Forse perché a filtrare i messaggi c'è qualche persona tanto limitata (nonostante i titoli accademici) da considerarlo razzista... Ora lo rispedisco tal quale, così "il limitato" lo blocca di nuovo.

      Magari poi è solo che non è stato notato, eh!

      Elimina
    2. Guarda, sono osservazioni talmente precise e adamantine nelle loro semplicità ed evidenza che le ho citate al centro della pagina odierna.

      Elimina
    3. Or ora l'ho inviato per la terza volta. Il "respingimento seriale" sta dimostrando (qualora fosse necessario) che ha alla base una motivazione ideologica. Be', se consideriamo che questi sono i deputati alla "alta formazione" degli Italiani...

      Elimina
    4. Loracolo, mai dare niente per scontato.

      Elimina
    5. Terza volta... Repetita juvant.
      Mah.
      Certamente hai riscontro, ancora una volta, che certi pensieri, osservazioni vengono censurati.

      Osserva, però, che appaiono anche commenti come questo:

      Paolo 14 giugno 2018 15:08
      "Dei 60,6 milioni di abitanti nel nostro sovraffollato paese oggi, 6 milioni sono di provenienza migratoria. E continuano ad aumentare. Fare meno figli è giusto, limitare le migrazioni in paesi sovraffollati lo è ancora di più."

      Quindi qualcosa viene lasciato trapelare.
      La censura potrebbe essere data
      o - da antipatia personale
      o - con intenti ideologici/politici basati su criteri quantitativi ovvero non far passare che pochi segnali sul problema, in modo da sminuirlo;
      o - per altri motivi che io ignoro visto che non ho doti di lettura della menti.

      Elimina
    6. UUIC, provo a dare una lettura tutta mia: a differenza di quello che segnali, che enuncia un punto in modo non direttamente collegato, il mio commento partiva dall'analisi proposta nell'articolo e ne riprendeva l'assunto evidenziando come potesse portare anche a conclusioni altre. A me sembra che non sia una differenza da poco.

      Elimina
    7. In risposta al commento di Paolo ho appena scritto:

      "Se ricordo bene, anche in questo luogo, si esaminò l'effetto delle migrazioni sulla demografia nei paesi di origine.
      In altre parole, le rimesse portano ad un ulteriore aumento della popolazione che, a sua volta, utilizza la demografia (nuovi figli) verso i paesi consumisti per ottenere più risorse e una colonizzazione (si pensi all'islamizzazione in Europa, nel 2030 il Belgio sarà un paese islamico, intendo a maggioranza islamica https://video.ilmessaggero.it/primopiano/gli_occidentali_si_preparino_a_un_onda_di_sharia_ed_islam_il_documentario_choc_dal_quartiere_islamico_di_bruxelles-1257370.html).

      E' un circolo vizioso che si avvita su se stesso.
      In questo contesto, gli islamici (e ancora, i cattolici, in parte, non su tutti i punti) in Africa e Asia attuano ancora
      o - campagne ideologiche a favore della natalità
      o - campagne di repressione, boicottaggio a politiche di contraccezione,
      o - (gli islamici) ostacolano l'emancipazione istruzione e reddito per le femmine
      o - campagne antiabortiste feroci."

      Probabilmente questo commento non passerà il vaglio-censura di Ugo Bardi.

      Elimina
    8. In Europa il continente ci sono 740 milioni di persone.

      In Africa il continente ci sono 1.2 miliardi di persone.

      Per il principio dei vasi comunicanti l'idea "no borders" implica un travaso di 230 milioni di persone dall'Africa all'Europa, fino a che entrambi si pareggino a 970 milioni ciascuno.

      Ovviamente se rimane tutto congelato, perché se l'Europa decresce e l'Africa cresce esponenzialmente, il travaso sarà maggiore.

      Elimina
    9. Una conseguenza del Popolo Unico - Cultura Unica del meticciato scalfariano è appunto questa, che ci sia una densità di abitanti per chilometro quadrato MEDIA uguale in tutto il mondo. Dato che si devono determinare le condizioni di UGUAGLIANZA, la premessa è che sia tutto uguale nel contesto, per esempio la quantità di risorse pro-capite.

      Notare che negli USA ci sono 325 milioni di abitanti e rispetto all'Italia, una densità media SEI VOLTE MINORE. Fate il calcolo del travaso di persone necessario per creare una densità media uguale con l'Africa, per non parlare dell'Asia.

      Elimina
    10. Anche oggi mi è toccato sentire un signore che mi raccontava dei "poveri neri che fuggono dalla guerra".

      Io gli ho detto, scusi, se lei va a vedere le nazionalità dei "profughi" scoprirà che vengono in maggioranza da Paesi che di perse sono RICCHI ma sono anche molto sovrappopolati rispetto alla capacità di gestione dei nativi, ovvero ci sono pochi che vivono nelle regge protette dai muri e guardie armate e moltissimi che vivono nelle baracche di lamiera, le "bidonville", in conglomerati urbani tipo Lagos che ha quasi 17 milioni di abitanti, quando Milano, che pure è affollata rispetto ad altri contesti europei, ne ha 1.3 milioni.

      E' solo OVVIO che le masse di quelli che vivono nella baracca di lamiera, appena vede che esiste un posto come Milano, cerchi in tutti i modi di venirci a vivere. Anche perché nello stesso momento le ONG e magari l'ONU e magari anche qualche agenzia governativa, gli raccontano che a Milano è tutto gratis, che la gente lascia le biciclette attaccate ai cancelli apposta per il nigeriano che ne vuole una, che puoi avere tre pasti al giorno gratis, che puoi avere il furbofono gratis, un letto con bagno e doccia gratis, eccetera.

      Ma quando io faccio questo discorso, la persona in questione mi guarda tipo robot andato in errore e dopo qualche secondo si resetta e riparte col profugo che fugge dalla guerra.

      Per la stessa identica ragione per cui il prof. Ugo non pubblica i commenti.

      Elimina
    11. Per controbattere alla obiezione UCosica che il problema è il "limite" della popolazione, se al posto dei Nigeriani ci fossero, che ne so, i Giapponesi, Lagos sarebbe come Tokio, che ha 13 milioni di abitanti.

      Ci sono poveri e ricchi anche in Giappone ma nel suo insieme la società funziona molto meglio e riesce ad alzare il "limite" dove la Nigeria non arriverà mai.

      E qui veniamo al concetto INNOMINABILE, che non solo le persone non sono UGUALI ma che ce ne sono certe che sono meglio (misurando i dati concreti) e altre che sono peggio.

      Il paradosso Capitan Fantastic è che per essere "felici" dobbiamo tutti cacare per strada come fanno i Nigeriani, i quali, anzi, sono anche troppo "civilizzati", perché ovviamente non tutti cacano per strada.

      Quindi se il poliziotto nazifascista si permette di manganellare il tipo che caca per strada, scatta il partigiano di quartiere.

      Poi arriva UCoso che dice "più treni" ma siccome se ci sale la gente poi mette i piedi sui sedili per via del "cachiamo tutti per strada", ecco l'idea, "più treni vuoti", puff sparisce l'umanità cacona e sui treni che vanno su e giù efficientissimi ci sono solo due o tre UCosi.

      Elimina
  5. Per buona misura, mi son permesso di commentare anche qui. E, di nuovo, riporto il mio commento perché non è detta che "passi".

    ================================

    E perché non un semplice divieto di accesso? Perché non farebbe cassa?

    Inoltre, se il territorio è congestionato è anche (soprattutto?) perché sempre più gente ci vive. Considerare gli oltre cinque milioni di persone iniettate a forza sul territorio italiano dalle dirigenze e chiedersi in che misura quei milioni di persone aggravano la congestione è un passo troppo impegnativo concettualmente, ideologicamente o economicamente? Un buon provvedimento sarebbe, per cominciare, smettere di "importare" gente. Quindi provvedere a meccanismi per favorire l'allontanamento di chi, forestiero, è già è qui.

    Ah, un altro passo concettualmente/ideologicamente/economicamente impegnativo potrebbe essere il considerare le potenzialità, in termini di abbattimento della congestione, offerte dal calo spontaneo della popolazione autoctona -- guarda caso proprio quella che le dirigenze insistono a voler aumentare con campagne di "sostegno alle famiglie" (alias controllo demografico finalizzato all'incremento) e con fattive operazioni di "importazione" di ulteriore carne umana della più varia provenienza.

    Lamentarsi per la "congestione" senza tenere conto di tutto questo è un esercizio di ipocrisia molto ben riuscito, ancor più odioso nel momento in cui si coglie il pretesto per forzare la mandria verso limitazioni di qualsivoglia natura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo riscrivo qui.
      Lagos, la capitale della Nigeria, da sola ha molti più abitanti dell'intera Svezia.

      Metti insieme col famoso Scalfari de:
      "si profila come fenomeno positivo, il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato."
      E' chiaro che su RAI 3, dove ci sono i professori che piacciono a UCoso, l'umanità di Lagos è UNA RISORSA, è come il combstibile per il motore del "popolo unico".

      Elimina
    2. Intanto su Repubblica leggo:
      "Scendono i punteggi del QI:
      oggi siamo meno intelligenti
      Calo iniziato dagli anni '70: media
      di -7 punti per ogni generazione
      ".

      Ma va? Che sopresona! Soprattutto, che evento accidentale, inusitato, naturalmente inevitabile.

      Elimina
    3. Perfino Mendel avrebbe tanto da dire, se non fosse già morto. E non aggiungo altro.

      Elimina
    4. Vedi, anche qui manca un passaggio.

      Mendel osservava i caratteri genetici delle generazioni. Ci sono due condizioni, quella "naturale" in cui opera il meccanismo della "selezione naturale" che favorisce quello che per puro caso ha dei caratteri favorevoli e quella artificiale, su cui opera l'eugenetica, ovvero l'incrocio forzato degli individui, eliminando le caratteristiche inutili o avverse e concentrando quelle utili o favorevoli, tipo il governo cinese che fa accoppiare tra di loro gli atleti olimpici per produrre generazioni via via più "forti" di atleti olimpici.

      Tralascio per semplicità la manipolazione diretta del DNA.

      Noi non viviamo in un sistema "naturale", viviamo in un sistema COMPLETAMENTE ARTIFICIALE, in cui l'eugenetica viene realizzata con tutti i mezzi, sia diretti, tipo il meticciato di Scalfari, che indiretti, determinando i "comportamenti" tramite il lavaggio del cervello.

      Un esempio ovvio è la creazione della "non-famiglia" contemporanea con dentro i "non-ruoli" e la conseguente creazione dell'individuo-monade. Siccome OGNI ASPETTO DEL PENSARE E DEL VIVERE, è manipolato, ti trovi da una parte col racconto di UCoso che non sa come porsi col figlio, perché in poche parole lui non è "padre" e l'altro non è "figlio", dall'altra ti trovi con la gente attaccata disperatamente ai cani e ai gatti. Eccetera eccetera.

      Siccome una parte necessaria del meccanismo è la cancellazione della memoria e/o la riscrittura e trasfigurazione delle cose, UCoso non è consapevole di tutto quello che è a monte del suo stato e non è più di tanto consapevole di quello che è a valle, infatti come vedi straparla di "demografia", come straparla di "ecologia", in astratto, senza collocare se stesso, il figlio, parenti tutti, amici e conoscenti, nella scena.

      Sono un pirla, ovviamente, perché tutto quello che ho scritto cade nel buco senza fare nessuna eco.

      Elimina
    5. Vedi, Loracolo, siamo di fronte a tre entità: Mendel, che non può dire nulla in quanto già morto da tempo; io, che non ho aggiunto altro perché ritenevo non ci fosse altro da aggiungere; tu, che hai aggiunto il tuo classico puntino sulla i (ripetendoti all'infinito in un modo che ormai assume l'apparenza della coazione nevrotica).

      Va be', dai, sei fatto così! :)

      Elimina
    6. Mi ripeto perché altri si ripetono.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.