venerdì 13 settembre 2013

L'inverno dell'estate

Lunedì UnRagazzino inizierà il liceo scientifico. Ora è alto quanto me, il mio scarraffone. Ho una foto a casa in cui era piccolo, lo lanciavo per aria due o tre metri in alto e lo riprendevo. Ci divertivamo come dei matti così. E ora è un bambino con un corpo di uomo. Ma è ancora così bambino. La loro fortuna di una vita serena e di agi me li fa apparire come così fragili. Ma forse è solo perché oggi sono un po' introspettivo, forse anche un po' perso nel nulla dell'infinito.

Questa dimensione verticale del tempo mi muove emozioni; osservo questo fuggire del tempo con un po' di malinconia.
Sarò al lavoro anche domattina.
Era freddo ieri sera usciti dal gas. Settembre delle ore scure che si allungano è l'inverno dell'estate e fugge (e rimane un periodo debolissimo, opaco per il tango qui).
Già, il tempo.


7 commenti:

  1. boh, se vedessi la mia allora....

    RispondiElimina
  2. Il crescere dei figli evidenzia il passare del tempo, anzi il correre del tempo.
    Le mie sono grandi, fanno l'università eppure quelle oramai rare sere che siamo a casa assieme mi piace (e anche a loro piace) coccolarle e farmi coccolare, giocare, fare gli stupidi con la Baffina, che sta al gioco e fa finta di arrabbiarsi. Io mi sono rifiutato di andare la lavoro domani, ma tanto mi toccherà di lavorare un po' da casa e lo farò domenica sera

    RispondiElimina
  3. "L'estate dell'inverno". E' vero. Ieri sera sono andata a buttare la spazzatura in pile e infradito (un orrore estetico, ma era proprio fresco!). ^_^ Anche a me sembra che mio figlio, ora dodicenne, sia molto piu' bambino di me alla sua eta'. Sicuramente una vita serena e protetta favorisce un prolungamento della fase intermedia tra infanzia e adolescenza...ma anche questa arrivera', con tutte le sue inquietudini e sfumature caratteriali. .

    RispondiElimina
  4. Anche mio padre mi lanciava in aria. Me lo racconta mia madre. E adesso, che è sempre preso dai suoi impegni, dai pensieri, a me sembra quasi impossibile. Poi, in certi suoi atteggiamenti, mi accorgo che resterò sempre la sua bambina.
    Per fortuna. :-)

    RispondiElimina
  5. io sono abbastanza contento che la mia tredicenne di unoesettanta si ancora un po bambinona... ci sarà da soffrire :)

    RispondiElimina
  6. ha scelto un percorso di studi impegnativo, in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  7. x Francesco:
    Cresciuta anche la tua? Zio bono, il mio cresce come i funghi!

    x baffobp bp:
    La Baffina giustamnente vuole molte bene al suo papa'. :) Che ha tutte le armi e le frecce nella faretra per farsi amare benissimo!

    x Spirito Libero:
    Veramente e' propio e intenfevo proprio "l'inverno dell'estate", nel senso che siamo all'ultio quarto, all'ultima stagione dell'estate. Infradito e pile... 'azz(8/
    In effetti non esattamente il massimo! ;)
    Le inquietudini sono anche nostre, di npoi adulti che dovremmo essere vaccinati e robusti e, fortunatamanente, non lo siamo.

    x La Rossa:
    Tu sarai sempre la sua adorabile rossetta ciccetta scarraffona del babbo tuo. Che a volte ti chiamera' anora cosi':- la mia bimba.
    Anche se tu ormai sei una donna, ma per il tuo papa' sari sempre la sua tenera bambina. :)

    x Marco Ghezzi:
    Tredicene di uno e settanta
    Zio peto, anche la tua non scherza in quanto a dimensioni. Il mio porta ormai il 46 di zampa.
    In effetti arrivera' il tempo dell'adolescenza.
    Papi papi... ecco, ti presento mio figlio e tuo nipotino. Me lo tieni che vado in disco a ballare!?
    Gasp!

    x Sara:
    Dico sempre a mio figlio: bene arrivare all'universita' che da la fomra mentis e un miniumo di metodo scientifico nell'affrontare la vita. Ma il mio augurio e'di diventare un grande arti-giano, ad esempio.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.