lunedì 25 settembre 2017

Non c'è altra via?

Dopo quindici mesi di siccità orribile (dalla quale, non siamo usciti e, peggio, molto peggio, temo non usciremmo a breve) e spento l'infernale forno africano estivo, le temperature sono scese ed è possibile nuovamente tornare a muoversi e faticare nella natura. Per una volta ho spento la modalità organizzatore e sono stato felicemente al traino dell'organizzazione di _gorza, forte e paziente camminatore di altre volte.
Siamo andati nell'Appennino alto ormai deserto di vita umana e che scoppia di vita bestiale e vegetale. Ci abitava un tanghero, prima di trasferirsi in città. Furono millecinquecento, poi undici mi raccontava egli, poi andò via con sua madre e ora, ora sono rimasti in sette.
Sul velluto verde di un castagneto delle fiabe, quasi incredibile nella sua bellezza di giardino dell'Eden, nelle nuvole grige di ieri di pioggia un po' stitica, parlavo con un pensionato che si definisce agricoltore hobbista e delle traversie infinite che essi (gli agricoltori) devono superare a causa di ungulati, normazione vessatoria, cambi climatici. In effetti non c'è alcuna politica che preveda un aiuto o, se vogliamo, una minore vessazione per coloro che tentano di stare lassù, di dar vita ad una eco-nomia montana.
Chiudono i piccoli negozietti  della zia Emma, le trattorie residue, non nevica più, non c'è più turismo sciistico. Egli si lamentava, tra altre cose, che...non fanno strade. In effetti se vuoi numeri devi aprire strade: masse e relativi consumi arrivano solo dove arrivano le strade.
Ma è il modello sudtirolese (e quello vicino, trentino), fatto anche di cultura, di legame identitario con le radici, per la piccola patria, di diritto (testamentario, del maso chiuso) e strade ad ogni malga che debba essere turisticizzata che vogliamo? Per quanto adornata di scoppi di gerani e surfinie, di legni scuri finto antichi, non c'è che quasi nulla di montagna selvaggia lì. E' tutto perfettamente organizzato, infrastrutturizzato, messo a listino. Un enorme parco divertimenti montano nel quale puoi andare uscito dall'ufficio, bardarti con l'armatura, salire con la seggiovia e scendere a rotta di collo (downhill), nel quale calzi le ballerine, sali alla stazione di monte della funivia dei miracoli, mangi una pizza e fai due passi fino al bianco del ghiacciaio, senti un po' di freddo ai piedi e torni a valle.
La malinconia dei deserti umani appenninici è il costo da pagare per questa Natura che torna tiranna? Turismifici rutilanti sazi di mediocri canederli fatti con speck di cosci polacchi e lavorati da operai macedoni serviti in kitsch afro fusion che supera ogni limite del kitsch. o pure squallidi turismifici alla Sestriere o alla Tonale oppure... oppure boschi e selve deserti umani che scoppiano di fauna e flora? Non ci sono altre vie?
In questo borghetto incantato abbiamo visto una casetta dei sogni, restaurata finemente, il lusso della bellezza povera recuperata in tutti i dettagli. Macigno e castagno, fuoco scoppiettante e acqua pura, noci, mazze di tamburo e profumo di caffè della moka, asciugamani ricamati a mano e letti in ferro battuto antico, stufe col fuoco e bagni piccini glorificati di marmi preziosi.
L'abbiamo restaurata solo per nostro piacere, se tentassimo di venderla non prenderemmo nulla di quanto investito, chi comprerebbe una casa così qui?
Il paradosso dei paradisi per nessuno.







34 commenti:

  1. Intanto a Metropolis...
    Mi sa che in futuro se vorrò ancora fare qualche escursione dovrò aggregarmi al CAI perché non riesco a trovare nessuno che voglia venire con me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai da solo, è una meraviglia unica. Non c'è sarcasmo, dico sul serio.

      Elimina
    2. Lo sai che su questo punto non ci intendiamo. L'unica cosa che preferisco fare in solitudine è la cacca.

      Elimina
    3. Giustamente, ognuno vede le cose alla sua maniera, anche in base alle esperienze passate, alle abitudini, alle attitudini. A me le uscite "in solitaria" han sempre appagato parecchio, anche se ne faccio ormai ben poche e sempre meno "audaci" (non che sia mai stato chissà quanto "audace", intendiamoci). Se tu non ti ci trovi hai tutte le ragioni del mondo per fare altrimenti.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Adesso ricordo: l'espressione in Tresana era diventata comune nel pennolese/pratonovello/cadefalchi perche mia zia andava a scopare in Tresana con tutti. A suo tempo le case della Tresana, come quelle della Pennola e borghi limitrofi avevano esclusivo accesso per strada bianca, dalla parte di Castelluccio/Porretta. Dalla parte opposta, si arrivava dalla mulattiera di Monteacuto (via Madonna del Faggio) o dal Molino della Squaglia, più in basso. In tutta quella terra ci son tre cognomi: Pranzini, Balducelli, Lancioni. I Pranzini venivano dalla Toscana. Avevano una casa su Pontevecchio, e sempre tiravano le castagne ai vigili dalla finestra che guardava il Ponte. I Balducelli erano proprio di lì, di quella cresta che guarda il Corno. Da almeno 3/4 generazioni. I Lancioni erano butteri Maremmani. Venivano coi muli e i cavalli dalla Maremma e producevano il carbone lungo la via, oltre a portare il carbone vegetale di Maremma. Sul finire dell'800 uno di quelli aveva perso la moglie ma aveva giá due infanti. Così si sposò la bisnonna di mia mamma. Si fecero commercianti da lì in poi: scendevano a Firenze per le vie del bosco a comprare caffè e zucchero. Essenzialmente vivevano di castagne e vino. A mia madre sempre si metteva il vino nel caffellatte. Tutti bevevano forte, e i cavalli sempre sapevano come tornare alla greppia durante la notte senza bisogno di condurli.

      Elimina
    2. Grazie per la testimonianza di storia locale, Max e della menzione della cultura del castagno. Quell'albero da frutto salvò molte comunità. Bello, buono e sano che vanno insieme. Ora quella cultura soffre per l'aumento delle temperature, gli xeno parassiti, le malattie, la siccità e per il fatto che è una economia ad alta intensità di manodopera.
      I giardini-castagneti sono di una bellezza straordinaria. Che si sta perdendo, piano, nell'oblio.

      Elimina
  3. Proprio dei bei posti.

    RispondiElimina
  4. Eppure qui si fotografa nostalgicamente un ambiente antropizzato, con i corollari legati allo strappare alla terra il necessario, con tutti i mezzi.

    Cito Un esempio di delirio maniacale.
    "E' la fine di un ciclo: quello del movimento verde mondiale. La malattia che uccide il movimento è la stessa che sta conducendo il pianeta alla distruzione: l'antropocentrismo, il mettere cioè l'uomo e le sue esigenze egoistiche di specie al centro e al di sopra di tutto, persino al di sopra della sopravvivenza dell'ambiente naturale e biologico che è al fondamento dell'esistenza dell'uomo stesso. Si tratta, per semplificare al massimo, di pura stupidità della scimmia autoproclamatasi Homo sapiens sapiens."

    Che fa il paio con questo altro delirio:
    "Sì, lo ero. Ero cognitivamente dissociata e quindi cieca. Vedevo un maiale vivo e quello era un maiale. Ne vedevo uno arrostito o fatto a fettine e quello era cibo. Non era più un maiale. E questo è quello che fa il carnismo. Che ci fa il carnismo, che vi fa il carnismo. Ci/vi rende ciechi. Dissociati. Violenti. Malati."

    A parte l'insopportabile lessico "professorale" e la prosa involuta, a parte gli infiniti paradossi, torno a dire che qui siamo di fronte agli ennesimi esiti del lavaggio del cervello che è diventato parossistico e capillare a partire dagli anni di cui il video del festival dell'Unità che ho aggiunto sotto. Si tratta si un leggero scivolamento rispetto alla ortodossia di allora del "padrone" contro "operaio".

    Tutti questi deliri esistono nel famoso "eterno istante presente", completamente svincolati dal prima e dal dopo, dal sopra e dal sotto, cioè svincolati proprio dal soggetto immortalato nelle fotografie di cui sopra.

    Ennesima contraddizione, incongruenza, mancanza di senso, logica, da cui inutilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ... sto leggendo ''L'evoluzione dell'animale umano'' di Jared Diamond ...

      Elimina
    2. Notevole, la deviazione del pensiero anti-carnista.
      Mancava alla mia collezione delle malattie mentali.

      { grazie }.

      ===

      Elimina
    3. Il punto che volevo sottolineare è la incongruenza tra la nostalgia per il "borghetto" e tutte le stupidaggini "ambientaliste" o "ecologiste" o "animaliste" col tutto il bagaglio di slogan e lessico tipo "homo" e "dissociati". Tutta roba che viene dagli anni '70 che che NEGA, CANCELLA, IGNORA, DISCONOSCE proprio il "borghetto" e tutto il suo contesto.

      Il fatto che non ne siamo consapevoli dipende dal lavaggio del cervello.

      Elimina
    4. Spero di riuscire a rispondere quanto prima a questa miscellanea di strane cose, alcune sensate altre meno.

      Elimina
    5. ( situazione pesissima ).

      ===

      Elimina
    6. > qui si fotografa nostalgicamente un ambiente antropizzato

      Ecco l'ugualismo sull'antropizzazione.
      Rendiamo uguali questo borgo e, chessò, la zona dell'Acna di Cengio oppure il tumore cementizio nord milano, Porto Marghera, la terra dei fuochi, o le distese cappannonizzate dell'area FI-PO-PT-LU etc. .
      Tanto è tutto antropizzato, tutto uguale, no!?

      Elimina
    7. > Tutta roba che viene dagli anni '70 che che NEGA, CANCELLA, IGNORA, DISCONOSCE

      Lorenzo, ti fai prendere dal tuo furore ideologico antagonista e perdi la ragione.
      Nelle belle città italiane, quasi tutti i palazzi signorili antichi avevano un parco interno.
      Non perché fossero dei fancazzisti capricciosi che non sapevano cosa inventarsi.
      Ma perché la qualità di vita è fatta anche di verde, di spazio, di vuoto pieno di biologia, di piante, cespugli, erba.
      Questo, ovviamente, è precedente a ipotetici condizionamenti degli anni 70.

      Il fatto che ci sia una totale perdita di raziocinio negli oppiomani marxisti verdognolizzati, ad esempio voler abolire il nucleare e poi voler immigrazione senza limite, come se i 2 miliardi di asiafricani che arriverebbero si spostassero su muli, si scaldassero con il fiato, si asciugassero i capelli col ventaglio, è un segno evidente dell'orribile regressione oscurantista, della furia ideologica di questi demente fanatici.

      Del resto tu sei il primo tecnoteista che vorrebbe negare i limiti fisici quantitativi e qualitativi del pianeta "tanto la tecnica ci permetterà di essere in 216 milioni in val padana."

      Elimina
    8. Non capisci di cosa parli, UCoso.

      Il "borghetto" da un punto di vista eco-ambientalista è uguale a New York, cambiano solo le quantità in gioco.

      Il "borghetto" esiste come macchina progettata e costruita dagli avi per piegare la "natura" alle loro intenzioni e le loro intenzioni non erano solo la necessità, erano il massimo utile possibile. Se gli avi che costruirono il "borghetto" avessero potuto farlo di plastica invece che di pietra, l'avrebbero fatto, perché sarebbe stato immensamente più facile e se avessero potuto alimentarlo e riscaldarlo con un reattore nucleare RTG, l'avrebbero fatto perché sarebbe stato più conveniente che spaccare la legna e avere la casa sempre piena di fumo, buia e umida.

      Le "belle città italiane" sono una emerita cazzata scritta da uno che NON SA UNA MINCHIA ne di architettura ne di storia. I palazzi signorili NON avevano affatto un "parco interno". Qui a Milano nell'800 costruivano palazzi col cortile ma nella Toscana dei Medici i palazzi erano delle fortezze. Le ville romane, che ispiravano l'architettura nobiliare italiana, NON AVEVANO UN PARCO INTERNO, avevano un cortile porticato con al centro di solito un giardino e una fontana. Da notare che le ville romane NON AVEVANO FINESTRE verso l'esterno, la luce la prendevano o da lucernari o dai cortili porticati. Oppure stanze senza finestre con lampade ad olio. Infine, piccolo dettaglio tecnico, fino alla modernità le case, inclusi i palazzi signorili NON AVEVANO VETRI, si usavano telai con tela cerata o pelle sottile che facevano filtrare abbastanza luce per non picchiare nei mobili, il resto erano candele e lumi, anche di giorno.

      E vabè insisti coi paroloni come "tecnoteista" come se bastasse a darti un tono. Che tristezza questa pochezza e insieme inconsapevolezza.

      Elimina
    9. Comunque, oggi se io propongo di costruire un "borghetto" dentro una foresta mi danno del pazzo criminale. Nello stesso momento chi mi da del pazzo criminale fotografa nostalgicamente un "borghetto" dentro una foresta.

      Questa è solo posa decadente, non c'è un minimo di razionalità e sopratutto manca lo SCOPO.

      Elimina
    10. Mi domando come cavolo si fa a vagheggiare di palazzi col parco quando tutte le città italiane sono città murate, cioè con una cinta di mura attorno. Cosa che necessariamente implica la carenza di spazio e la impossibilità, il nonsenso, del parco. E la necessità di costruire in altezza. Ecco com'era Bologna nella antichità, prego notare i numerosi parchi.

      Il Palazzo di Versailles fu costruito a 20 km da Parigi e quindi poteva a avere un parco di 2000 ettari. Ecco la mappa del parco di Versailles. Prego notare l'assenza di città attorno.

      Lo stesso vale per la Villa Reale di Monza, costruita fuori dall'abitato e nella campagna brianzola. Se fosse stata costruita a Milano invece del parco al massimo avrebbe avuto un cortile simile alla Ca Granda (che era un ospedale, in origine).

      Boh, il "tecnoteismo".

      Elimina
    11. Lorenzo: "cambiano solo le quantità in gioco"

      Solo quelle. Hai detto niente.

      Elimina
    12. Ho detto niente si.
      Tutte le città iniziano come "borghetto", la parola "borghese" significa appunto l'artigiano, il mercante che vivono nel borgo addossato al maniero del nobile locale, distinti dai "villici" che vivono nei poderi, le antiche "ville" romane. I "borghetti" crescono o avvizziscono a seconda di quanto è strategica la loro posizione, per vie principali nei pressi, corsi d'acqua, risorse minerarie, eccetera.

      Da un punto di vista "eco-ambientalista" il meccanismo di antropizzazione è identico che siano due case, venti case, duecento case. E' solo la ripetizione ennesima di un medesimo schema.

      Il punto è che il "borghetto" è incompatibile con "stupidità della scimmia autoproclamatasi Homo sapiens" e con "ciechi. Dissociati. Violenti. Malati". Se la scimmia è stupida, violenta, cieca, dissociata, lo è sia quando tira su un muro in pietra perché non ha di meglio a disposizione, sia quando tira su una struttura in travi d'acciaio. Il meccanismo è identico, lo scopo è identico.

      Ripeto allo sfinimento, sotto tutto questo c'è la sostanziale ignoranza della Storia nel senso più ampio della parola. Non solo ignoranza perché nessuno ti racconta le cose, ignoranza come divieto di pensarle, quelle cose.

      Non DEVE esistere la Storia, non DEVE esistere uno scopo, bisogna fare girare la giostra della auto-distruzione, del flagello masochista, che poi è tutta una posa perché lo "eco-ambientalista" gode di tutti gli agi della "scimmia idiota e dissociata".

      Per sopportare tutto questo bisogna essere santi o allinearsi.

      Elimina
    13. E mentre si straparla di "scimmia dissociata", ecco in cosa concretamente si traduce lo "eco-ambientalismo", cioè IL NULLA.

      Perché bla bla bla, zero soluzioni concrete a problemi concreti.

      Elimina
    14. > Le "belle città italiane" sono una emerita cazzata scritta da uno che NON SA UNA MINCHIA ne di architettura ne di storia.
      > I palazzi signorili NON avevano affatto un "parco interno".

      Prego osservare qui.
      Servono altri esempi?
      Perché usare quei toni urlati?
      Ci tieni proprio a passare per saccente e smargiasso?

      Elimina
    15. > Cito Un esempio di delirio maniacale.
      > "E' la fine di un ciclo: quello del movimento verde mondiale. La malattia che uccide il movimento è la stessa che sta conducendo il pianeta alla distruzione: l'antropocentrismo,
      > il mettere cioè l'uomo e le sue esigenze egoistiche di specie al centro e al di sopra di tutto, persino al di sopra della sopravvivenza dell'ambiente naturale e biologico che è al fondamento dell'esistenza dell'uomo stesso.
      > Si tratta, per semplificare al massimo, di pura stupidità della scimmia autoproclamatasi Homo sapiens sapiens."


      Interessante osservare come si dia del delirio ad una cosa OVVIA e completamente ragionevole visto che è del tutto ovvio che l'uomo non può che vivere in un ambiente che gli assicuri le condizioni di vita biologiche necessarie, vitali.

      Elimina
    16. > Solo quelle. Hai detto niente.

      Giusta osservazione, messer Pigiatasti.
      La scala.
      Ciò che è uno dei limiti provvidenziali alla qualità della vita e alla vita stessa.
      Una delle cose che fa infuriare i crescitisti senza se e senza ma, magari ben inzuppati di tecnoteismo progressistoide.

      Elimina
    17. UCoso, sei insopportabile.

      Io ci sono stato molte volte a Bergamo. E' quello che rimane di una città murata come tutte le altre. I "palazzi" NON AVEVANO NESSUN PARCO, semplicemente perché non c'era spazio. Senza contare che i "parchi", come quello della Villa Reale di Monza, erano in realtà tenute agricole che dovevano dare un utile o almeno sostenere i propri costi.

      Il tuo concetto di "bellezza" è tipicamente DECADENTE e si rifà ad una idea neoromantica delle rovine, del paesaggio abbandonato, del vecchio e del vecchiume. Una idea simile portava i riccastri dell'ottocento a farsi costruire false rovine nuove di zecca dentro i propri giardini. Le "belle rovine".

      Allo stato attuale le città italiane che sono "belle" nel senso neoromantico sono quelle che crollano facendo centinaia di morti ogni volta che capita il prevedibile terremoto. Questo capita non solo perché nessuno sa pensare una soluzione tecnica ed economica alla necessità di ricostruire tutti gli edifici antecedenti gli anni '80 ma capita anche perché la stragrande maggioranza degli Italiani è condizionata per guardare l'Italia con gli stessi occhi INCOMPETENTI del turista americano.

      Fa ridere, è paradossale ma UCoso guarda Bergamo come se fosse Mr. Smith, ovvero ne sa tanto quanto e capisce tanto quanto di quello che vede.

      Poi tocca leggere "tecnoteismo", "homo", "teratoma umano" eccetera. E la scimmia, molto addentro il paradosso dell'osservatore.

      Ma tanto i paradossi non percepiti non esistono, no?

      Basta, vomito.

      Elimina
    18. > I "palazzi" NON AVEVANO NESSUN PARCO, semplicemente perché non c'era spazio.

      Non solo ciò è falso e si può osservare ancora la città vecchia con innumerevoli parchi interni (vuoi chiamarli broli? giardini?) ma è comune in tutti i centri storici delle città italiane e, in molti di essi, ancora presente (qui Vicenza ad esempio), sopravissuti ai riempimenti del boom.

      Certamente ci furono epoche nelle quali le città furono via via più stipate. Ma ce ne furono altri nei quali i borghesi e i nobili che se lo potevano permettere, crearono ampi spazi verdi internamente. Tipicamente, molti palazzi nobiliari del Settecento furono (ri)edificati proprio così.

      > le città italiane che sono "belle" nel senso neoromantico sono quelle che crollano facendo centinaia di morti ogni volta che capita il prevedibile terremoto

      E quindi?
      Le radiamo al suolo? Creiamo dei bei formicai antisismici, magari da 10000 abitanti per ciascun palazzo. Beh, la storia e gli avi interessano solo a giorni alternati.

      Elimina
    19. Qui Roma dall'alto, sempre una parte del centro storico.

      Elimina
    20. Io non ce l'ho con Lorenzo, per il quale o espresso più volte una qualche forma di apprezzamento, però quando sostiene che Gambarana e Tokio sono la stessa cosa... be', dai! Allora anche un mercantile transatlantico e un carretto a braccia, seguendo la stessa "logica", sono la stessa cosa. Ma no, perché ora partiranno i soliti distinguo, i però, i se, i ma, e così via negando l'ovvio tramite sofismi palesemente sconfessati dall'osservazione spicciola.

      C'è poi il vezzo consolidato del dare più o meno implicitamente del deficiente a destra e a manca, ma quella è un'altra storia e il più delle volte si riesce a soprassedere.

      Elimina
    21. Bello e retoricamente efficace, il plastico della Bologna storica fotografato con quell'angolo, postato dal filosofo Lorenzo ... penso che lo riposterò su FB.

      Però ...

      invito Lorenzo, se passerà da 051, ad andare al bar di via Fondazza n. 29 : proprio di fronte al banco, sulla parete sinistra, c'è una bella foto aerea del centro storico attraverso la quale egli apprenderebbe che 1 ) quasi tutti i civici bolognesi sono stati costruiti per ospitare un giardino interno, ergo 2 ) è confermata quell'esigenza di natura di cui ha scritto Uomo.

      ( poi, quoto MKS ).

      ===

      Elimina
    22. Marco Poli, grazie mille per citare questa piccola perla bolognese. Da bolognese e appassionato della storia locale potremmo citare tante zone verdi dentro mura, dedicate al bello e all' utile...sostengo cmq che la forma nostra del bello sia data dall'utile nel senso storico del termine. Basterebbe riflettere sul paesaggio del casentino (creato a partir del 500) o della selva amazzonica (creazione umana a base di tala/quema) o del sud dell inghilterra (creazione difensiva a partir del basso medioevo). Mavabè, ci sono abbastanza ricerche a riguardo.

      Elimina
    23. Il bello utile.
      Sì.
      Penso che sia questo che distingue il bello, utile, dal finto, volgare, kitsch, finto.

      A volte è l'unitile ad essere così utile e bello. Qui riportato in un bislacco connubbio, del quale preferisco di gran lunga l'ambientazione gattopardesca di Luchino Visconti. "Il secondo valzer" di Shostacovich e l'atmosfera mondana di una corte di fine ottocento che rendono bene la sensazione e l'elettricità di certe milonga glamour, trasudanti di dolce vita, belle donne, intrighi, tensioni ...
      L'inutile che ha l'utilità della gioia.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.