venerdì 15 settembre 2017

Ore perfette, no?!

Sera liscia, sapida , tiepida, serena, perfetta. Cenetta con zuppa di pesce - ridevo e le davo della bella e sexy cuochessa - poi mi ha portato alla prima lezione primi passi nella sua città, organizzata dall'associazione artistica della quale è socia. Io ero piallato, catatonico dopo la giornata di duro lavorosenzaunattimoperrespirare. Stavo in disparte ma poi mi hanno convolto. Osservavo i movimenti goffi sfociati, in un'ora e venti, in gioia, sorrisi, eccitazione. Visioni, remote, di ciò che chiam(av)o "sprazzi di tango". All'inizio la rozzezza sublima in una sorgente cristallina e impetuosa di emozioni. Uh, che meraviglia!
Prima notte in quella città gioiello deserta, qualche minuto e sprofondare in un buon sonno ristoratore.
La matina sono arrivati i nostri gloriosi movimenti birbini poi diventati voluttà. Anche se non amo le sveltine quasi lo è diventata che il tempo correva e il treno poi fugge.
Mentre andavo a piedi in stazione percepivo una non così sottile inquietudine.
Ore perfette, no?! Cosa c'è, orsone, che non va?!

7 commenti:

  1. Risposte
    1. Ho appena definito le etichette per questa pagina.
      Lì c'è la ragione dell'inquietudine, ritengo.

      Elimina
    2. Malvetta blu bella, ma tu esisti ancora!?
      :)

      Elimina
    3. Certo. Se vuoi vai al mio blog e verifica tu stesso (dove sono).. a proposito di inquietudine :)

      Elimina
  2. Chi Ha Il Pane Non Ha I Denti e Chi Ha I Denti Non Ha Il Pane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inquietudine riguarda il lavoro, Lorenzo.

      Elimina
    2. Il tuo ultimo post nega il tuo commento.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.