martedì 3 luglio 2018

Non ci ha salvati

La "benna" ha cioccato dal caldo ieri. Ha perso potenza e poi si è fermata.
Una volta parzialmente raffreddata è ripartita (è salita da sola sul carro soccorso) ma, per prudenza, la ciccetta è in officina per controlli; fine settimana prolungato di un'altra giornata.
Un semplice tamponamento e il tumore LU - PT - PO - FI è collassato viabilisticamente. Eravamo contornati avanti e indietro, sopra in autostrada, a sinistra, altro senso di marcia, nelle rotonde, da migliaia di veicoli praticamente fermi nella cappa merdocaldafricana. Fin dove si spingeva l'occhio sulle arterie esse erano bloccate, sbarluccicanti di parabrezza riflettenti il sole abbacinante, uno tsunami di olio motori vetri condizionatori particolato frizioni bruciate pneumatici pistoni giranti a vuoto idrocarburi polvere di catrame e freni a disco motori rumori.
Ci siamo ritrovati in mezzo nonostante il percorso per stradine minori.
Mio zio, meccanico, affermava che non c'è miglior amico delle officine che le code estive.
Tornare il lunedì sera non ci ha salvato dall'incubo del tumore della Toscana settentrionale.

6 commenti:

  1. Ecco, se voi inquinatori usaste macchine a trazione elettrica queste non avrebbero nessun problema a stare in coda, sarebbero a temperatura ambiente.

    A quel punto però voi inquinatori viziati vorreste l'arietta condizionata e quella, oltre a bucare l'ozono o creare effetto serra con i refrigeranti tipo R407C, R410A, eccetera, consuma un sacco di corrente e vi scaricherebbe la batteria. La cosa peggiore sarebbe la macchina elettrica perfettamente funzionante ma con la carica a zero ferma in coda, perché non c'è verso di farla ripartire.

    Insomma, voi inquinatori siete una equazione senza soluzioni reali.

    RispondiElimina
  2. > Ci siamo ritrovati in mezzo nonostante il percorso per stradine minori.

    Beh, in realtà più che ritrovarvi in mezzo all'incubo, eravate parte dello stesso che ieri avete contribuito a creare insieme a tutti gli altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, il Marchese del Grillo UCoso ha il diritto di andare dove gli pare. Sono gli altri che devono sparire dalla circolazione!

      Elimina
    2. Certo che eravamo parte del problema, nessuno lo nega.
      La scelta di orari e percorsi alternativi non si è rivelata "intelligente" ovvero risolutiva.
      Prossima Solidaria a Livorno in treno, nel caso ci fermeremo. Ecco, questa potrebbe essere una buona alternativa, supposto che troveremo collegamenti ferroviari decenti, considerati i tagli brutali alle corse.
      Questa volta avevamo scelto una camera in una pixcola azienda contadina nei bosxhi sopra Montenero e senza auto non avremmo avuto alternative.

      Elimina
    3. Comunque stiamo tornando in treno, la ciccetta non è guarita.

      Elimina
  3. Azzo. Mi spiace. Speriamo niente di grave cmq!

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.