martedì 13 ottobre 2015

Effetto rombante



Govedì porterò la mia vecchia  carriola non-estiva (che tengo in forma e ben manutenuta) dal meccanico per alcuni interventi pre revisione. Uno di questi è relativo al tubo di scarico che ha una perdita nella parte anteriore. Ora scoreggia violentemente, fa un bel fracasso. Osservo - e mentro scrivo mi viene da ridere - che l'effetto rombante in accelerazione o anche in frenata è veramente... gasante. Mi trovo, involontariamente, a capire la goduria che devono provare alcuni centauri quando scassano timpani e koglioni con le loro sgasate smarmittate del cazzo.

25 commenti:

  1. Risposte
    1. Stavo e sto leggendo a spizzichi e bocconi.
      Evito (per il momento) commenti altrimenti si apre un fuori argomento che non finisce più.

      Elimina
    2. Tsè, invece di ringraziare...

      Elimina
    3. Lorenzo, quando mi segnalasti il papero lo stavo già leggendo.
      Grazie comunque.
      Allora, per sdebitarmi, ho buttato giù una paginetta così possiamo osservare un po' di fatti politicamente scorretti.
      :)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uomo, ma... Nel bolognese si vive senza macchina?

      (commento ot, ma ho bisogno di un commento di indigeno!)

      Elimina
    2. ?
      Ieri ho parlato con la mia eroina Gaia Baracetti - quanto la lovo! - che vive senza macchina e SENZA SALIRE su un auto da anni.
      Chiedere a lei che ne sa a pacchi! ;)
      Io tento di essere poco automobilistico, un poco lo sono comunque.

      Elimina
    3. Nel Milanese si vive senza macchina ma pochi lo sanno o se lo ricordano.

      Elimina
    4. Avevo un cugino che visse a Milano e già negli anni 80 viveva senza auto. Conosco alcune tanghere qui che vivono (in centro) senza auto.
      E' la dimostrazione che se esiste una rete di mezzi pubblici decente le auto possono essere rottamate.
      Corollario: non ci sarà mai una rete di mezzi pubblici decente.

      Elimina
    5. Dove vivo io ci sono abbastanza mezzi pubblici. Potrebbe essere meglio ma, considerata l'Italia, molto peggio. Il guaio è che alla gente viene fatto il lavaggio del cervello e quindi non si rendono conto di come è e di come potrebbe essere.

      Elimina
    6. Gaia Baracetti ... a meno di omonimia, è un soggetto un tantino ''nazi'' con chi ha idee diverse dalle sue ... mi bannò parecchio tempo fa su FB.

      ===

      Elimina
  3. Ehh, bei tempi quando col KLX facevo saltare gli antifurti delle auto in sosta... Mia madre buttava la pasta che ero ancora a 4 km da casa ahahhaha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che birbone. Avrei potuto odiarti e tirarti le pietre da casa.
      Ma io capisco quanto possa essere godoso fare quel fracasso. :)

      Elimina
    2. Io volevo lo scooter elettrico. Quando ho letto che Yamaha ha modificato gli scarichi dei T-Max perché facessero più rumore, altrimenti la gente si lamentava che erano troppo silenziosi, ho avuto la certezza dell'Apocalisse incombente.

      Elimina
    3. Uomo, avresti fatto bene. Pure io l'estate scorsa sono sceso in strada per fermare un coglione col quad che continuava a fare avanti indietro nella mia via.
      Non per giustificarmi, che non ne ho bisogno e non me ne frega, ma all'epoca dei fatti di cui sopra avevo vent'anni, ora che ne ho il doppio le mie bimbe sono tutte con scarico omologato, per diversi motivi, primo tra tutti perchè stare in sella delle ore accompagnato dallo stesso livello di decibel di un Boeing sulla pista di rullaggio da fastidio anche a me.
      Comunque la soluzione definitiva al rumore l'ho trovata acquistando solo bimbe di un'età non inferiore ai 15/20 anni. Le moto recenti fanno lo stesso ronzio di una moderna lavastoviglie Smeg, sono senz'anima, come certe donne.

      Elimina
    4. Secondo me l'anima della moto non si vede dal rumore ma da come tiene la strada. Motociclisti...

      Elimina
    5. Qui l'argomento mi sembra sia il rumore, poi se vuoi ti posso spiegare anche tutto il resto... (basta che non tiri in ballo i T-Max, di quelli non me ne intendo ahahahah)

      Elimina
    6. Il rumore intenzionale, non il rumore necessario.
      Sono due concetti un po' differenti.

      E' un po' come la domanda "perché fabbricano solo moto assurde (racing, vintage, offroad) invece che veicoli utili per andare in giro?"
      La risposta probabilmente è da qualche parte dentro il tuo concetto di "moto con/senza anima".

      Per me la moto è una macchina con le ruote che serve per muoversi. Può essere più o meno gradevole da vedersi, più o meno efficace nel muoversi. Le moto che vedo sono evidentemente concepite per qualsiasi uso (pista, arredamento, sterrato) tranne che l'uso stradale. Quando passeggio sul lungolago col mio scooter e arriva la comitiva di "valientinorossi" che mi passa sulle orecchie a palla di cannone non posso che tirare l'unica conclusione possibile sui microcervelli dei guidatori.

      Non c'è niente da intendersene a proposito del T-Max, è una moto con il variatore al posto del cambio, disegnata per sembrare uno scooter. Honda fa un aggeggio simile che sembra ancora di più un ircocervo, tipo il davanti di uno scooter saldato al dietro di una moto.

      http://www.insella.it/galleria/128192#_small_dsc_0025_5

      Anche qui, assurda l'idea di uno scooter 750 di cilindrata ma del resto tutte le moto esistenti hanno cilindrate e soprattutto potenze di parecchio sovradimensionate rispetto all'uso che si può/deve fare del veicolo.

      Elimina
    7. Comunque, se io potessi mi comprerei una moto cosi:
      http://scramblerducati.com/it/bike/classic
      Ma dovrebbe avere una cilindrata di 4-500 CC invece degli 800 e costare intorno ai 6mila invece che oltre 8mila come adesso.

      Elimina
    8. Ma come, prima annoveri le vintage tra le moto assurde e poi dici che ti piacerebbe la scrambler? Nel tuo ragionamento c'è qualcosa che non torna...

      "Per me la moto è una macchina con le ruote che serve per muoversi"

      Vabbè, chissà perchè questa affermazione non mi stupisce. Per te l'alternativa è prendere l'autobus...

      "le moto che vedo sono concepite per qualsiasi uso tranne che quello stradale".

      Magari dovresti guardare un po' meglio. Nei listini esistono moto che hanno gli stessi costi di gestione di uno scooter e oltre ad essere piu' divertenti da usare sono anche piu' sicure in termini di stabilità, frenata ecc... ogni tanto i concessionari organizzano dei test drive, provare per credere. Aggiungo inoltre che tra gli usati di qualche anno fa esistono modelli non "capiti" dal mercato italiano che vengono venduti a prezzi ridicoli e vanno altrettanto bene. Insomma, volendo la scelta ci sarebbe anche.

      Elimina
    9. Non ci capiamo. Una moto è come una forchetta, non è che puoi inventarti una forma tanto diversa da quella "classica". Questo non vuol dire che la forchetta oggi la fai in ferro dolce battuto su una incudine, esattamente come la moto non la fai con la tecnologia di 100 anni fa. Proprio per quello, sopra un certo livello di barocchismo, diventa un esercizio di stile, tipo la borse in pelle con le frange.

      Infatti, se non fosse che l'autobus deve muoversi nel traffico sarebbe un moto perfetto per spostarsi in città. Potendo io prendo la metropolitana per questo motivo.

      I concessionari possono organizzare quello che vogliono ma poi ci sono due variabili ovvie, una è il prezzo e l'altra è mettere il culo sulla moto e portarla in giro.

      Sono perfettamente d'accordo con te se paragoniamo una moto con un "falso scooter" tipo quelli citati sopra. Ma se quando consideri lo scooter scendi a cilindrate di 250 e inferiori, il paragone non si può fare. Quello che perdi (ovviamente) sugli spostamenti medio-lunghi lo guadagni negli spostamenti in città.

      Infatti come dicevo sopra una moto di 800 o 1000CC è una cosa che non userei mai.

      Elimina
    10. Il fatto che vengano creati per il BAU oggetti assurdi (e quindi quasi sempre dannosi) è molto frequente.

      Mi vengono in mente
      - programmi software tanto pletorici quanto pesanti, complicati
      - Expo
      - discariche abusive di rifiuti metallurgici dissimulati da autostrade vuote (BreBeMi)
      - SUV
      - cabrio Saab con televisore
      - scarpe da ginnastica da donna con tacco abbastanza alto
      - salviette con veleno batttericida - biocida con le quali credere di pulirsi le mani per inquinarle chimicamente
      - funghi per riscaldamento di esterni
      - People Mover qui a Bologna
      - ...

      Tutti questi oggetti contraddicono lo scopo per cui vengono spacciati, sono orribili esteticamente e molto dannosi.
      Ciò non di meno sono oggetti che nelle varie mode vengono prodotti e venduti.
      Non mi stupisco quindi che ciò possa avvenire pure nel campo dei motocicli con questi scooter iperdimensionati, ipermotorizzati.
      Penso ai ferri da stiro da mare (panfili a motore): non è che sono il tentativo di dare agli incapaci l'illusione di poter fare quello che non possono fare? Si ritorna ad un'altro mio commento odierno.

      Elimina
    11. Lo scooter sovradimensionato invece risponde ad una logica razionale.

      Il guaio delle moto, come dicevo sopra, è che esiste la moto da corsa, la moto pseudo-custom e la moto fuoristrada. Tutte queste sono relativamente scomode e/o impegnative soprattutto per i pesi e le potenze in gioco, qualcuna anche per la posizione di guida. Quindi c'è una nicchia di mercato per gente che vuole prestazioni della moto ma maggiore facilità d'uso, da cui il famoso "maxi-scooter".

      La risposta al maxi-scooter dovrebbe essere la "moto da passeggio" o la "moto neutra", cioè una moto facile da guidare e con peso e potenza molto inferiori a quelle commercializzate attualmente. Ma non esiste, la cosa che si avvicina sono certe "cross-over" come la moto di mio fratello, che da lontano sembrano "enduro".

      La spiegazione che mi do io è che la moto non è pensata come un veicolo "utile" ma come un giocattolo, un lusso, uno sfizio. Quindi non risponde a criteri di praticità, di utilità, risponde a criteri di evasione, di gioco, di immaginazione. Per me è difficile concepire l'idea del divertimento stupido.

      Elimina
  4. Come accade per il primo amore, la prima moto non si scorda mai.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.