domenica 19 giugno 2016

Cinque anni per molte cose

L'amore vuole il suo tempo e la sua energia. Così sto sperimentando nuovi equilibri dopo che _mlero è entrata nella mia vita, io nella sua. Cose si accumulano, nuove cose in due si fanno. Scrivo dal treno, scendo in città, dopo molti giorni tornerò al tango, anch'ella. Andremo insieme in milonga, quel luogo che per un caso fortuito, quel lunedì 23 vide lei non soccombere ai disturbi mestruali, io resistere alla stanchezza. Per due casi fortuiti la nostra vita cambiò. Mi trovo, orsone, a far spazio alla longobarda, ai suoi occhi gaii e le mani che parlano, al suo far l'amore anima e corpo. Sarà la seconda notte che dormirò nella sua casa che parla di lei, del suo gusto che è il mio. _mlero mette insieme sensibilità artistica e la concretezza (a volte quadrata) della sua terra. La trovo assai leonardiana rispetto ad altre artiste vagolanti nelle sconclusionatezze, in irrequieti disordini campati per aria artistoidi.
In effetti attendere cinque anni ha avuto un senso, il senso di prendere atto che c'erano varie cose che non andavano in quelle e molte cose che vanno in lei.
Per il momento mi tengo qualche sera e qualche pezzo di giornata per me, stare da solo che mi fa star bene, mi ricarica. Questo sarà un buon equilibrio tra pieno e vuoto da conquistare.

10 commenti:

  1. Aspettare le cose giuste...si...ci vuole tempo, a volte anche tanto, ma poi quando arrivano capisci che quell`attesa aveva un senso. Bisogna fare spazio dejtrobdi sé perché il vuoto possa riempirsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Spirita.
      Bisogna fare spazio.
      E lasciare che energia, risorse, voglia, libido, tensione di accumulino, si ricostituisca una buona riserva.
      A volte penso che in periodi refrattari così lunghi si torni, in parte, vergini. Stacchi dalle storie precedenti, dimentichi, ti "purifichi" almeno un po' e poi sei pronto per ripartire.

      Elimina
  2. Risposte
    1. A Livorno, sabato, per la XII Solidaria, un'amica mi prendeva in giro, molto goliardicamente.
      E' successo a UUiC... e via un sacco di frizzi e lazzi.
      Era un po' amareggiata, visto che è un tot che è singola, con varie avventure, ma non storie.
      Mi chiedeva quale fosse la ricetta ma io non le ho saputo dare alcuna indicazione, visto che non ho applicato alcuna ricetta.
      Il caso fortuito di due persone giuste al posto giusto al momento giusto.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. A volte attendere non fa male, lo si capisce solo dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, se vivi bene, attendere non solo non è difficile ma diventa anche troppo facile: uno dei motivi per i quali io non entravo in storie con persone che non mi convincevano è che... stavo troppo bene da solo per compromettermi (la seconda classe di motivi è che alcune tipe che mi piacevano, _tra, _sketti, _rroli non me l'hanno data, non arrivai al successo seduttivo "totale" con loro).

      Elimina
  5. A volte attendere non fa male, lo si capisce solo dopo.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.