martedì 7 giugno 2016

Virus con toga

  • Si badi infatti che il riconoscimento di un diritto fondamentale non può dipendere dal numero di soggetti cui quel diritto viene riconosciuto. Per sua natura, un diritto universale non è a numero chiuso.
    (Federico Salmeri, giudice, lastampa.it)

Uso il termine di dirittismo per disprezzare la follia, sempre più diffusa, di ragionamenti completamente avulsi dalla realtà.
Come scritto in passato c'è una fortissima vicinanza ideologica tra marxismo e dirittismo e lo sono anche dal punto di vista filosofico: un accrocchio di idee demenziali contrarie alla realtà, alle leggi fisiche, biologiche e che per assenza di critica e dogmatismo, si sostituiscono alle religioni tradizionali senza averne la qualità. Questa merda è il risultato dell'artificializzazione dovuta all'urbanismo: pigio un interruttore e c'è l'energia elettrica, vado al supermarket e trovo melanzane e tonno in scatola, l'ospedale deve curarmi, apro l'acqua e mi faccio la doccia, okkupo la casa, c'ho i diritti universali.

La magistratura non è popolata a caso da pazzi come questo Federico Salmeri: è il risultato di decenni di mistificazione, di adulterazione ideologica (di lustri di allevamento gramsciano di reggimenti plebei di moralisti fanatici).
Se si mettessero a predicare da un pulpito o per strada le persone richiederebbero dopo poco tempo, il personale per un trattamento di salute mentale obbligatorio; il fatto che evacuino 'sta roba in sentenze è molto peggio, perché la corruzione, l'infezione avviene nei punti più delicati per la società civile.

Questi personaggi sono come la SIDA, lavorano alla distruzione del sistema immunitario, una gruppo di potere di invasati sadici intenzionati a correggere ed educare la realtà "storta". Come il virus che porta all'immunodeficienza, l'azione è su vari livelli: per quanto riguarda le migrazioni di massa, il meccanismo principale di sabotaggio delle difese è sovraordinato, è quello europeo ("i clandestini non vanno reclusi").
Dal punto di vista psicologico la hybris è evidente: questi agenti utilizzati come utili idioti in piani più grandi di loro hanno la convinzione di salvare il mondo o di progredirlo (da scafisti giudiziari a schiavisti uterini, vedi l'azione politica di magistrati che consegnano piccoli oggetti umani agli omosessuali che li hanno progettati e fatti realizzare in donne forno).
Siamo fottuti: pazzi con potere (giudiziario) in mano.


("tre giudici", georgesrouault)

18 commenti:

  1. Uomo, aiuto.
    Si potesse almeno combattere, l'orrore è dover subire il nostro annullamento senza possibilità di reazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Katerina. Con la cappa?!
      Diciamo che i massmigrazionisti stanno cercando di realizzare la politica del disastro compiuto.
      La crescita dell'entropia sociale ha subito un'accelerazione drammatica, la sirianizzazione procede.
      Come scrivevo in passato, non appena gli islamici avranno il potere, muoveranno immediatamente questo strame. Magra consolazione.
      Osservando i risultati elettorali direi che anche la lobotomizzazione di.massa è in fase avanzata.

      Elimina
    2. rimuoveranno immediatamente...
      Scusate, distorsioni dovute al furbofono.

      Elimina
    3. Con la K, sono greca. :)
      Magre consolazioni, si. Ė questa lenta inerzia verso l'abisso, consapevole tra pochi consapevoli, che ė letale.

      Elimina
    4. Colei che è pura. :)
      In vari pagine, la squadra di Ugo Bardi e Ugo Bardi stesso, nel loro luogo, hanno osservato che le culture sono, come ogni caso, soggette a cicli: primo sviluppo, crescita, espansione, contrazione, spesso collasso, regressione (valloa dire ai crescitisti idioti fanatici della crescita imperitura, infinita).
      Esiste una selezione competitiva anche tra le culture e quelle più deboli o stupide, incapaci di affrontare e risolvere un problema, soccombono.

      Trovo segno di corruzione il fatto che le elite e le masse di creduloni che le seguono, spaccino come opportunità ciò che e storicamente (le invasioni) ed ecologicamente (la sovrappopolazione) sono i più gravi problemi.

      Se la necessità ha aguzzato l'ingegno, decenni di agio hanno piallato le menti ottenebrandole.

      Elimina
  2. Premessa:
    Tutto quello che vediamo, ascoltiamo, leggiamo, è studiato a tavolino, artefatto, perché sia funzionale al Piano che ci vuole rendere schiavi annientandoci prima culturalmente e poi etnicamente.

    Torno a dire delle tre categorie.
    Gli idioti assistiti per definizione sono incapaci di badare a se stessi e temono più di tutto di essere chiamati a farlo. Ergo, sono disposti a qualsiasi cosa in cambio della tutela che gli viene promessa (non garantita) dal "padrone".
    Gli eterni adolescenti diventano vecchi continuando a sovrapporre alla realtà un mondo di fantasia e sono capaci di qualsiasi cosa perché non hanno freni.
    I furbastri... manovrano le prime due categorie per mera convenienza personale. Nella vita si può andare a vendere il Folletto porta a porta oppure fare il capoccia "di sinistra".

    La cosa divertente è la "superiorità morale", che aggiunge la beffa al danno. Ovvero, gente fondamentalmente minorata o priva di scrupoli che si atteggia a "razza superiore" in funzione di fantomatici "principi" che sono solo paradossi e menzogne.

    Decenni, secoli, di paradossi e menzogne e di gente che se ne vanta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvero, chiunque non sia un imbecille capisce che qualsiasi legge italiana deriva dalla sovranità del Popolo italiano sul territorio dell'Italia (perché l'Italia è la terra degli Italiani e gli Italiani sono gli abitanti sovrani dell'Italia). Appena oltre il confine dell'Italia qualsiasi legge italiana cessa di avere qualsiasi valore, perché cessa la sovranità degli Italiani.

      Ergo, se in Italia esiste (per legge) il "diritto" per le donne di guidare l'automobile, in un qualsiasi posto del mondo può benissimo esistere il divieto.

      Postulare che esistano "diritti universali" significa postulare o che gli Italiani hanno la sovranità su qualsiasi posto del mondo e quindi fare applicare le proprie leggi ovunque, oppure che bisogna portare tutto il mondo dentro l'Italia e dargli la cittadinanza italiana.

      Arriviamo a bomba. Perché si parla di "diritti universali"? Perché si vuole annullare la sovranità degli Italiani sull'Italia e il concetto che l'Italia sia la terra degli Italiani.

      Elimina
    2. Gli Italiani mentecatti, soggetti al lavaggio del cervello 24/7 da settant'anni, sono tutti contenti che finalmente non sono più sovrani sulla propria terra. Non si sentono italiani, si sentono "cittadini del mondo".

      Non sanno, i bimbi, che il mondo non gli riconosce nessuna cittadinanza. Pensano però che al mondo si debba dare la cittadinanza italiana, cosi, per cominciare.

      Elimina
    3. Franza o Spagna purché se magna.
      L'ho appreso da te questo motto che è un trattato di sociologia.
      Il risveglio in Siria / Italianistan non sarà molto lieto. Magneranno i dominatori invasori, come sempre avvenuto.

      Elimina
  3. consolati Lorenzo ci sono italiani che in italia per non farsi sembrare italiani davanti ad altri italiani si mettono a parlare in inglese perchè si sentono "cittadini europei" e parlare inglese li rende fighi. Non lamentiamoci ci meritiamo tutto la schavitu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il "consolati" dove lo vedi?

      Elimina
    2. E' sufficiente sedersi in metropolitana a Milano per ascoltare il più orribile miscuglio inglesano (anglocano + italiacano). In genere, più mischiano termini fuffa, altisonanti (in inglese buzzwords) più sono incompetenti e cialtroni.
      Nella città lombarda in cui sono stato, la parte "Viale dei Giardini e Parco della Vittoria" era pieno di esercizi fighettosi radical-chic (di "destra") tutti "uain bar", "fud, soul and ges", "laung' bar" e puttanescion del genere. E quella è la parte "di vertice" della città. E tendenzialmente di "destra".
      Siamo fottuti.

      Elimina
    3. Sono un po' cambiate le cose, Uomo. Quegli ambienti "fighettosi, radical-chic" sono tutti di "sinistra". Proprio ieri mi trovavo (ahimè) in una festa in una terrazza di un megahotel milanese. Tutti antiberlusconiani, antileghisti, e votanti di Sala. Del resto, sia Sala che Giachetti hanno preso più voti, sia a Roma che a Milano, nei quartieri ricchi del centro. E' una mutazione antropologica, e "destra" e "sinistra" non hanno ormai più senso. Conta si, la generazione... "uain bar..."...

      Elimina
    4. Ancora, per la centomilionesima volta: "destra" significa aristocrazia terriera e clero. "Sinistra" significa borghesia. Era cosi prima della Rivoluzione Francese ed è cosi ancora oggi.

      La parentesi comunista, conclusasi con il compagno Occhetto in lacrime, è esistita solo sulla base del postulato della "Classe Operaia" e quindi dello "operaismo". Compagni dai campi e dalle officine, recitava la canzone e si riferiva al lavoratore salariato che non possiede nulla.

      La "destra" in Italia ha cessato di esistere dopo la Grande Guerra. Da li in avanti abbiamo avuto solo diverse forme di "sinistra", più o meno paradossali.

      E' perfettamente logico e storicamente coerente che, rottamato l'operaismo, la "sinistra" torni ad identificarsi con la ricca borghesia.

      IN PARTICOLARE che si apparenti alla Finanza apolide e massona o meglio, che ne diventi emanazione.

      Per la grande massa degli Italiani che non frequentano i "salotti bene", si ritorna alle tre categorie, che non sono state rottamate con l'operaismo. Lo Stato deve ancora "garantire" pane e giochi, c'è ancora da rimettere in scena la pantomima della Resistenza, c'è ancora tutto un apparato che gestisce soldi e potere.

      Elimina
    5. Un esempio ovvio: i Comunisti avevano in programma di esportare la "rivoluzione" in tutto il mondo. Proletari unitevi. Quindi non gli passava per la testa di importare milioni di Africani in Europa, piuttosto andavano in Africa a instaurare dei simpatici regimi comunisti.

      Lasciamo perdere per un secondo la conseguente guerra fredda, che consisteva nei regimi comunisti che cercavano di esportare il comunismo e nella Finanza apolide e massona che cercava di esportare la "democrazia".

      Oggi, venendo a mancare il Comunismo, o più precisamente il suo postulato operaista, non c'è più nessuno che creda o finga di credere che si possa portare il "benessere" in Africa, non se ne parla nemmeno.

      Nessuno mette in discussione che la Finanza abbia il controllo dei continenti e delle persone.

      L'unica iniziativa della "sinistra" (in quanto borghesia altolocata) è importare i simpatici africani in Europa per ri-ingegnerizzare l'Europa. A nessuno importa sega degli Africani che rimangono in Africa, sono tutti e solo cazzi loro. Importa invece farne venire qui abbastanza per modificare in maniera irreversibile il paesaggio.

      Gli ex-comunisti sono mediamente dei cretini. Quindi all'inizio magari sono rimasti un po' spiazzati, poi hanno assorbito le nuove direttive.

      Invece quelli della "sinistra" post-comunista sono esattamente il contrario della "sinistra" comunista e lo sanno benissimo. Sanno anche che il "Mondo Nuovo" si costruirà sulle rovine del mondo-di-prima ma sono stati educati dalla nascita a pensare che sia tutto un divertentissimo spettacolo di fuochi artificiali. D'altra parte, non ti fanno entrare all'ape (aperitivo) se non sei vestito nel modo giusto. E' una catena di causa-effetto.

      Elimina
    6. John, Lorenzo, io da molto tempo osservo, in queste pagine, che il pseudo dualismo destra - sinistra non solo non ha senso visto che la realtà politica e la sua complessità sono n-dimensionali rispetto a molteplici aspetti
      o - localismo - globalismo
      o - ugualismo - differenzialismo
      o - responsabilità individuale - strutture e classe
      o - antropocentrismo - ecologia
      o - crescita e debitismo - sostenbilità
      o - morale - etica dell'onore
      o - tradizione - progressismo
      o - biologia - cultura e rurale - urbe
      o - dirittismo - realismo
      o - centralismo - (con)federalismo
      o - individuo - collettivo
      o - ...

      Lorenzo, correttamente, fa un intervento di filologia politica e ricorda, correttamente, che ora ci sono solo sinistre, la destra territoriale, conservatrice manca.

      Per la mia visione politica il cui primo principi sono l'etica (dell'ecologia, della terra, della Natura soave e aspra, feroce) e la sostenibilità, la decrescita e la restaurazione per molti aspetti, questa classificazione destra - sinistra sta stretta.

      Io noto che la borghesia altolocata soffre di sradicamento, di pulsioni esterofili e di consumismo di costosi oggetti posizionali esteri in modo drammatico.

      Si arriva ai molti paradossi, come quello del kompagno insurrezioanlista antimultinazionali con le nike e il rolex, agli anarchicidelcazzo No Borders finanziati da Soros, al quartiere "fascista" (sapete che i lobotomizzati di sinistra usano quel termine per ogni cosa e il suo contrario) che mangia giappi (di moda) al uain bar, andandoci in BMW etc.
      Mah.
      Come diceva Wendel Berry, tu sradica la gente della terra e avrai un inquinamento, un'alienazione umana massima.

      John, sottolineo che il biolarismo farlocco destra sinistra è funzionale al monopartito de-facto, hai il 95% delle liste politiche che condividono il 5% dei possibili scenari politici.
      Come scrissi, cambiano la copertina del menù, cambiano l'ordine dei piatti, alcuni nomi ma il menù è lo stesso. La_gggente crede di essere libera, di poter decidere.
      Le forze radicalmente distinte sono assai minoritarie ed escluse.

      Elimina
    7. In verità no, l'unico modo corretto di riferirsi alla "sinistra" e alla "destra" è quello che ho sopra esposto, ovvero la situazione della Francia pre-rivoluzionaria.

      Nella vulgata corrente il termine "sinistra" è diventato sinonimo di "comunista". Non è successo per caso, è successo per l'opera incessante dei Comunisti di falsificare la percezione della realtà nelle persone tramite lavaggio del cervello e tramite eliminazione fisica di qualsiasi opposizione, vera o presunta.

      Tramite menzogne, paradossi e violenza sommaria, Il Comunismo in Italia si è accreditato come "La Sinistra" (maiuscole) e come Padre della Patria, della Demcrazia, dei Diritti, di Tutto Quello Che E' Buono E Giusto.

      Ma poi è successo l'impensabile, il Comunismo è imploso, collassato su se stesso. Non tanto perché qualcuno abbia messo in dubbio il "materialismo" marxista del Capitale, nessun fiero militante l'ha mai letto e/o capito ma semplicemente perché è venuta meno la mitica Classe Operaia o più estesamente, il concetto del Proletariato. Leggevo l'altro giorno sul sito del Nuovo PCI di Rizzo e soci lo slogan "tutto per la Classe Operia". Appunto, quindi il nulla, non c'è nessuno ad ascoltare.

      Ad oggi in Italia rimane l'abitudine alla falsificazione e al lavaggio del cervello, l'abitudine alla violenza ma è un riflesso condizionato senza scopo, senza dietro una teoria più o meno fantastica.

      Non sono stato io ad abbandonare la Rivoluzione d'Ottobre, il Marxismo - Leninismo, è stato il sopracitato Occhetto in lacrime, come segretario del PCI, affermando che da quel momento i "compagni" si dovevano invece riferire alla Rivoluzione Francese del 1789.

      Ergo, una rivoluzione BORGHESE, compiuta da una "sinistra", da un "terzo stato", che rappresentava la Borghesia dell'epoca. Si veda la biografia di Robespierre, ad esempio.

      Fa ridere ma gli USA nascono da una rivoluzione più o meno analoga, una rivoluzione borghese, che si era conclusa circa dieci anni prima grazie all'appoggio, guarda caso, della Francia.

      Ma nella nostra Scuola postodilavorificio e quindi leva del voto di scambio, si fa cantare ai bimbi Bella Ciao, per ricordare l'epopea della Resistenza del tutto artefatta, piuttosto che insegnare la Storia.

      E quindi siamo ancora qui con "sinistra" e "destra" per come ce le raccontavano i personaggi alla Capanna negli anni '70.

      Elimina
    8. Se non fosse chiaro, il Fascismo (o la Rivoluzione Fascista) non è "destra", è anzi una versione della "sinistra" più coerente con la genesi storica del termine. Proprio perché si propone che rivoluzione borghese.

      L'antagonismo archetipo tra "sinistra" e "destra" che si traduce in antagonismo archetipo tra Comunisti e Fascisti è una falsificazione del linguaggio. E' vero che il Fascismo fu antagonista del Socialismo e quindi del Comunismo ma lo fu perché competeva nello stesso spazio ed ebbe successo perché già allora il postulato dello "operaismo" e quindi Lotta di Classe e Dittatura del Proletariato, non avevano nessun collegamento con la realtà italiana.

      Il Comunismo ha attecchito in Paesi dove in sostanza non esisteva la Borghesia ma solo una piccola Aristocrazia che governava sopra masse di servi della gleba, che non erano tecnicamente proletari ma erano poveri, trogloditi. Ed è collassato appena sono migliorate le condizioni medie di vita in maniera sufficiente a palesare il paradosso del "tutto per la Classe Operaia".

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.