giovedì 30 giugno 2016

Orso Bertoldo

Ieri sono stato un po' 'no zombie visto che ho dormito poco (neppure cinque ore) nella notte tra martedì e mercoledì. Il tango sotto le stelle, in quel posto, mette a dura prova la disciplina delle persone. E quando sei tu che stai attento sono gli altri compagni di viaggio che si lasciano andare. Oltre allo struggersi negli abbracci, ballando quella musica, l'estate volgare e smargiassa zotica di temperature eccessive lascia il passo alla mitezza e ad un po' di fresco. Difficile andarsene a letto. Il giorno dopo poi è molto dura. La stanchezza diventa una patina viscosa che rallenta tutto, energia e volontà mancano, divento scorbutico se devo interagire.
Ieri sera ho avuto UnBipedinone e poi è arrivata anche _mlero: preparare il cibo, sistemare la casa, questioni burocratiche, gli impegni di stasera e dei prossimi giorni, ciò che mi ha organizzato _mlero... Ultimamente ho fatto molto la trottola, tra mamma che ora sta meglio, la mia bella longobarda, gli impegni vari.
Io sono un cancro che amo starmene a casa, ama anche la solitudine, starmene a ritmi lenti nel mio adorato angolo di paradiso in collina.
Ero stressato ieri e stanco. Arrivavano le domande per i prossimi impegni da stasera a domenica. e mi sentivo una camicia di forza che mi obbligava a muovermi, fare, decidere. Divento scorbutico.
Io ho sempre compatito quei poracci che sono palline nei flipper della loro vita: mi fissi un appuntamento a Bari per domattina. La sera partenza in aereo per Mosca. Avrei il commercialista ma lo sposti al mio ritorno dalla Russia, prima della riunione a Lucca....
Manco per il cazzo farei una vita così.
Sono un orso, sono come Bertoldo, che detestava la corte e voleva starsene a casa a mangiare cotiche con fagioli.
_mlero è stata molto discreta ed è riuscita a lasciarmi spazio e tempi stimolandomi con discrezione, comunque, almeno sulle cose più importanti. Alla fine quante cose, incredibilmente, eravamo riusciti a fare. Una doccia da scemoni a far burle e versi insieme sotto l'acqua ha lavato via lo stress e ci ha avvicinato al tempo della notte, anche se era, ancora una volta troppo tardi. Inizio ad osservare la sua grazia e il suo valore.


("mangiafagioli", annibalecarracci)

12 commenti:

  1. Visto che nessuno commenta questo post autobiografico, ne approfitto per andare OT come al solito.

    Oggi sentivo alla radio una dotta disquisizione sulla Italia "tripolare", cioè "destra", "sinistra", "m5s".

    Bisogna essere proprio scemi, tarati. L'Italia attuale, fermo restando che siamo tornati ai tempi in cui i mercenari al soldo di potentati stranieri la percorrevano in lungo e in largo, è rappresentata da "un po' di comunismo", "comunismo", "un altro po' di comunismo". Il Corriere sembra Repubblica, Repubblica sembra Il Manifesto.

    Questa è la ragione delle "riforme" del Bomba, che sopprimono di fatto il Parlamento e riducono quasi a nulla la sua rappresentanza tramite un sistema maggioritario che non c'è nemmeno in Corea, nel quale chi prende la maggioranza dei voti in pratica azzera la (eventuale, posto che esista) opposizione.

    Da ragazzo vivevo con l'incubo della Terza Guerra Mondiale. Non avrei mai creduto che il mondo sarebbe tanto cambiato in pochi decenni. La guerra c'è stata e non ce ne siamo accorti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo

      Facciamo un patto? Che commenti nelle pagine in argomento.
      E in quelle io cercherò di risponderti (compatibilmente col poco tempo che ho).

      Elimina
    2. Tanto lo so che questo blog farà la fine delle città minerarie del Far West, già vedo i cespugli rotolare nel vento polveroso, le porte del saloon che cigolano...

      Elimina
    3. L'arrivo de La Longobarda nella mia vita ha ridotto significativamente i tempi che ho a disposizione del diario, Lorenzo.
      In questo ultimo mese sono decine le pagine che avrei dovuto scrivere e che non sono riuscito a farlo.
      I limiti esistono anche per me.

      Elimina
    4. C'era bisogno di scriverlo?
      Alla mia età ho visto abbastanza.

      Elimina
    5. Ciò non comporta che io cessi di tenere questo diario.

      Elimina
  2. Passare da una vita solitaria con tempi e spazi propri a un nuovo "passo a due" non e'semplicissimo. Specie se si é imparato a stare bene per conto prooio. Tuttavia, una persona intelligente e sensibile sa come entrare negli spazi senza invaderli, e mi sembra che la tua _mlero sia all'altezza della situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto.
      Del resto ella stessa ama la solitudine e l'autonomia.
      Non per nulla ha fatto breccia, nel mio cuore, nelle mie pelvi, nella mia testa.

      Elimina
  3. Ma perche'l'estate e'zotica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zotica perché è volgare: mette tutto al massimo, temperature, suoni, odori, sole, fissità, secco...
      Io amo atmosfera e clima più freschi, variabili.
      Se dovessi trovare un'altra parola l'estate è piuttosto tammarra, ciabattona, colla gomma da masticare, canottiera e puzzo di creme solari.
      Ovviamente si tratta di giudizio personale, Sara.

      Elimina
    2. ...vieni nell'orto con me, che te le faccio vedere io le ciabattone di gomma e le creme solari! :)
      L'estate e la sua coda sono i momenti in cui raccogli quel che hai seminato, altro che tamarrate. Diciamo che l'africanizzazione dell'Italia (in senso climatico e non solo) e un evidente degrado culturale e sociale stanno rendendo quel prezioso periodo dell'anno parecchio più tormentato, questo sì. Ma ogni cosa ha un nome e molti accadimenti derivano dalle precise responsabilità di qualcuno.

      Elimina
    3. Nulla succede per caso.
      Neppure i cambiamenti climatici.
      Però è bello, per i giocondi, credere che le cose accadono per caso.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.