giovedì 7 luglio 2016

Cinque per mille: controllo nascite?

Visto l'assordante silenzio di Greenpeace (destinataria da anni del mio cinque per mille), sul problema demografico in Africa e Asia, ho cercato, a lungo, ma senza successo, una organizzazione a cui devolvere il cinque per mille del mio reddito, che lavori a favore del controllo delle nascite nei paesi bomba demografica (in maggioranza, ma non solo, del secondo e terzo mondo, dati al 2015 qui).
Marie Stopes International non ha una sede in Italia, Alla ricerca con "onlus contraccezione terzo mondo" e variazioni non ho ottenuto alcun risultato significativo: nelle varie associazioni che ho visitato nessuna ha come obiettivo, esplicito, chiaro, nei propri progetti, quello della contraccezione, della autodeterminazione sessuale e poi del sostegno all'aborto, possibilità di sterilizzazione volontaria (eticamente, ritengo, dovrebbe essere supportata solo dopo il primo figlio).
Il problema è assai più complesso, visto che l'emancipazione femminile che porta ad un calo delle nascite naturale NON è solo controllo delle nascite. Ma quando l'edificio è a fuoco, la bomba innescata, bisogna iniziare a rompere il ciclo vizioso e bisogna farlo intervenendo velocemente e nei nodi critici del problema.
Non creare problemi invece di tentare di risolverli una volta nati. E' una cosa così ovvia che non serve certo la London School of Economics per ribadire l'acqua calda.
Se qualcuno avesse onlus autorevoli da indicarmi, farebbe cosa gradita.

Visto l'importanza l'argomento, condivido ancora una volta un documentario che sottolinea l'azione di organizzazioni religiose (cattoliche e islamiche) che mettono i bastoni nelle ruote in tutti i modi possibili alle associazioni che lavorano per il controllo delle nascite in Africa, in Uganda, in questo caso.


16 commenti:

  1. Puoi devolvere il tuo contributo a un'associazione che aiuta a studiare le bambine nei paesi poveri.

    RispondiElimina
  2. Pensavo anch'io a qualcosa del genere, tipo Plan-International
    https://www.plan-international.it/

    Ho consultato il laicometro della UAAR ma non li ho trovati.
    Stavo cercando di capire Action Aid, anche.
    Obiettivo 5 qui https://www.actionaid.it/app/uploads/static/donne_del_futuro_2014.pdf


    Sara, tu ai indicazioni?
    I

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che quando actionaid inizia a sproloquiare di diritti di qui e diritti di là a me viene una forte reazione di orticaria.

      https://www.actionaid.it/cosa-facciamo

      Donne e diritto alla terra
      https://www.actionaid.it/cosa-facciamo/diritti-delle-donne/donne-diritti-terra

      Proprio non ci siamo. "Donne e accesso alla terra.
      Ma così è troppo poco sinistro-demagogico...
      Alcune iniziative sono interessanti...

      Elimina
    2. Ci sono movimenti religiosi cattolici rispettosi delle culture locali, che non propongonoil modello di occidentalizzazione, come i Passionisti, non a caso sono stati fondati durante l'Illuminismo.

      Elimina
    3. Sara, il modo di rispettare le culture locali è solo uno, la famosa "Prima Direttiva" dell'universo di Star Trek. Ovvero, osservare da lontano senza interagire e/o modificare in nessun modo la cultura locale.

      Significa non solo non colonizzare con le nostre industrie e i nostri prodotti industriali, con le nostre abitudini di uso e consumo, le mode, significa non avere contatti fisici di nessun tipo e SOPRATUTTO non mettere le culture locali a contatto con la nostra tecnologia.

      I "movimenti cattolici" arrivano sulle navi del Regno di Spagna e scendono dalla nave dopo che il luogo è stato ripulito dagli armigeri. Poi si premurano di attaccare ai nativi qualche bella epidemia cosi, demolita la cultura locale, è molto più facile operare conversioni, specie tra i "rifugiati" che si aggirano attorno al fortilizio in cerca di avanzi.

      L'illuminismo, buono quello. Da li qualcuno si è fatto venire la idea del famoso "esportare la rivoluzione" o dell'equivalente "esportare la democrazia". Con baionette e cannonati.

      Elimina
    4. Se ricordo bene, alla fine de "Un altro giro di giostra", Tiziano Terzani osservo, attonito, che a dorso di mulo èo qualcosa del genere], piano, piano, un locale sta tornando dalla città con un grosso televisore nel carico.
      Terzani capisce che quello sarà l'inizio della fine [per la cultura di] quella comunità.

      Io osservo il razzismo incredibile dei sinistri (veder, ad esempio qui, Gad Lerner e la sua posizione estremamente razzista, ributtante).
      L'aiutarli, assume, implicitamente, che
      o - gli occidentali siano meglio e possano aiutarli
      o - che i locali siano inferiori e debbano essere migliorati
      o - che ci sia un valore morale del siamo tutti uguali o dobbiamo diventarlo.

      Purtroppo i danni degli arabi e degli europei in Africa e Asia sono già stati fatti e tra essi, il più grave è quello dell'antipattern

      antibiotico sì - pillola no

      tanto cari ai religiosi cattolici e islamici (in realtà alle religioni patriarcali, vedere l'aberrante tasso di crescita demografica in India dell'induismo vedico, non certo in quello minoritario, tantrico).
      A uova rotte rimane da capire come gestire al meno peggio la frittata.
      In etnologia e in antropologia è noto l'impatto devastante che hanno le culture "tecno" su quelle animiste/rurali/raccoglitrici/etc. e Lorenzo l'ha descritto bene.
      Anche qui non c'è una possibile purezza etica: io stesso ritengo che ormai la situazione sia compromessa e quindi il mio feroce localismo antiinterventista scende a patti con la realtà: come aiutare a disinnescare la bomba demografica innestata in quei paesi?
      Come smontare quello che è una sorta di ciclone
      Minsky e Frenkel antropologico, oltre che economico?

      L'illuminismo aveva un senso in un ecosistema specifico. Esportarlo è, come sempre quando si mettono i risultati di un ambiente xeno in uno locale, una forma di grave inquinamento.

      Elimina
    5. Lascia perdere l'etnologia e rivolgi la tua attenzione all'etologia. Cambia una sola lettera, che SEMBRA poca cosa ma non è.

      Elimina
  3. Questo aspetto della tua UomoCosità mi da un po' fastidio. Infatti nel tuo essere completamente irrealistico non ti rendi conto che l'unico modo per imporre una de-natalità nelle aree dove esiste una sovra popolazione allo stato attuale è l'uso di testate nucleari (costa troppo farlo in maniera artigianale come una volta).

    Ma siccome siamo già in guerra, infatti stanno usando proprio le popolazioni di queste aree contro di noi tirandocele contro, occupando fisicamente le nostre terre, e (lo so che non si può dire) ingravidando le nostre donne che si prestano volentieri, in sostanza il problema che poni non solo non è risolvibile ma è ad un livello inferiore rispetto al problema che siamo bombardati in casa nostra.

    Il problema di essere bombardati in casa nostra richiederebbe una duplice reazione, prima contro i compagnucci che sono i lanzichenecchi e poi contro la elite massoniche e apolidi che tirano le fila dei compagnucci.

    L'umanità europea è in gran parte inerte, indifferente, inconsapevole. Quelli che capiscono sono pochi aghi in un pagliaio enorme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inoltre, mentre i compagnucci ci portano la guerra con entusiasmo e convinzione, noi vorremmo sottrarci, se solo fosse possibile.

      UomoCoso, rassegnati.

      Elimina
    2. La bomba demografica è una bomba e le esplosioni non sono selettive, intelligenti.
      Detto questo, i problemi gravi e complessi devono essere aggrediti su molteplici fronti. Qui invece, siamo alla follia (quella crescitista) che si accompagna con un masochismo e un razzismo straordinari (gli altri sono sempre migliori, noi inferiori).
      La lobotomizzazione cattolica e quella sinistra hanno avuto il loro effetto.

      Elimina
    3. Le esplosioni sono perfettamente selettive, infatti si usano per le armi. I proiettili per esempio escono dalla canna, rigata (per imprimere rotazione e stabilità) o liscia (per proiettili di dimensioni varie, auto-stabilizzati) perché nel bossolo c'è un esplosivo che appunto, non avendo altro sfogo, spinge il proiettile nella canna.

      I famosi "problemi complessi" sono un tipico argomento della "sinistra" che viene usato in maniera strumentale e codardo, secondo prassi, la cosa mi annoia e non mi va di diffondermi.

      Nel caso tuo mentre io esco di casa e non incontro un italiano, sei qui a dire che non sai a chi dare il cinque per mille per il controllo delle nascite. Boh, cosa dire. Ricordami di non essere con te se prende fuoco la casa.

      Elimina
    4. Ci sono molte esplosioni e solo poche sono accuratamente controllate. La prassi, invece, è quella di fare più danni e macello possibile e tu stesso hai sottolineato che furono, ad esempio, inglesi e statunitensi a "inventare" ed utilizzare per prima la pratica dei bombardamenti di massa sui civili.

      I problemi complessi non sono della sinistra: la sinistra ha la responsabilità morale di opporsi in tutti i modi a qualsiasi intervento anche minimo che vada nella direzione di tamponarli, limitarli prima e risolverli poi.

      > non incontro un italiano, sei qui a dire che non sai a chi dare il cinque per mille per il controllo delle nascite
      Se mi aiutassi a trovare una organizzazione a cui affidare il mio cinque per mille, faresti cosa gradita.

      Elimina
    5. Eehh, problema di semantica.

      Secondo me costruire velivoli appositamente studiati per bombardare a tappeto le città, cosa che include ogni singolo dettaglio, dalla vitina, passando per il profilo alare, fino al sistema di puntamento ottico-meccanico che calcola il punto di impatto delle bombe, è tutto tranne che un "fenomeno incontrollato".

      Leggi questo post:
      La Storia è complicata, la politica è semplice. Del perché la crisi non si risolve con Renzi
      Lasciando perdere il contenuto, osserva il lessico, gli espedienti retorici, il repertorio classico...

      UomoCoso, ti rendi conto che "organizzazione" è un termine che oggi significa "un gruppo di persone il cui fine è la soppressione e lo asservimento di UomoCoso"?
      Non esistono "organizzazioni" il cui fine è proteggere la vita di UomoCoso.

      Svegliati, in nome di Odino.

      Elimina
  4. Incredibile a dirsi ma il ragionamento di Lorenzo è logico e persino corretto. Se avrò tempo dirò il perché

    RispondiElimina
  5. A UomoCoso e a tutti, prego leggere qui:
    Uno dei mille post analoghi

    Vi chiedo una cosa: come si fa ad essere cosi stupidi da non accorgersi di quello che sta succedendo. Non che sta succedendo in questo istante ma che sta succedendo da cinquant'anni.

    Poi da una parte mi tocca leggere del cinque per mille ecologico di UomoCoso e dall'altra della incombente minaccia populista, che porta dritti alla terza guerra mondiale.

    Lavorate, schiavi.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.