lunedì 25 luglio 2016

Sole alto

Venerdì sera La Longobarda e io abbiamo visto Sole Alto, produzione slovena e croata. Direi un oggetto proprio balcanico! La guerra del 1991 e gli effetti nella vite delle persone nei lustri, poi altri due capitoli, 2001 fino al 2011.
Molto lento. Buona fotografia. Ho dovuto attendere due giorni prima che emergesse qualcosa dalla digestione.
Molto fine e potentemente erotica la scena (secondo episodio, 2001) in cui una giovane donna che ritorna colla madre  nella casa distrutta dalla guerra, duetta musicalmente con percussioni su stoviglie coi suoni di lavoro (una levigatrice a mano colla quale si sta lavorando a una porta interna) con un giovane e generoso uomo di  etnia nemica che le sta aiutando a rimettere in sesto la casa, verso il quale nutre attrazione e rancore estremi.
La giovane donna quindi lo assale sessualmente e letteralmente lo scopa/si fa scopare per poi rifiutarlo e ignorarlo.
Da quell'amplesso amore e odio ella rimane gravida. Nel terzo episodio il giovane uomo torna (teoria dell'elastico maschile teso che scatta) dopo gli studi e un'esperienza estemporanea di tecnopsichedelia (evento di danza psytrance ) liberatoria.
Ancora la donna prima lo rifiuta ma l'uomo non cede; infine ella gli lascia la porta di casa aperta per farlo entrare nella vita sua e di loro figlio.
Impossibile non notare i problemi di impedenza tra i due generi e rispettivi visione della vita e modi di viverla. Si/no/lineare maschile  e dico di sì ma è no/ dico di no ma è sì/spiraliforme femminile.
_mlero aggiunge: la guerra è più forte dell'amore che vince solo quando la guerra cessa. Osservazione cinica e quindi.romantica.

21 commenti:

  1. Interessante. Le dinamiche uomo/donna spesso non sono affatto lineari e ci sono differenze nella gestione del desiderio...ció é evidente nel film, accentuato dalla complicazione dell'odio etnico (che non basta a sopire l'attrazione) , cosi'come nella vita reale.
    Una volta lessi una frase sui comportamenti amorosi/erotici la quale dice "Quando una donna dice no vuol dire forse, quando dice forse vuol dire si".
    Per questo motivo gli uomini spesso tornano a bussare anche dopo un no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho mai capito nulla della maggior parte delle donne.

      Elimina
    2. > bussare anche dopo un no....
      Le femmine cercano di verificare se quel maschio abbia o meno voglia di stare con loro.
      Mi sembra un meccanismo etologico un po' debole.

      Elimina
  2. Quali erano le etnie dei personaggi in questione di preciso?
    Sono curiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non si capisce?! Ad un certo punto appaiono delle tombe con caratteri cirillici, dunque morti serbi, direi.

      Elimina
  3. Se ti piacciono i film un po' così, a suo tempo mi colpì "Il tamburo di latta" (The Tin Drum), un film derivato nel 1979 da un romanzo del 1959.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scelta quasi del tutto casuale. Quella pellicolac in quel cine estivo vicino. Non è che mi abbia entusiasmato...

      Elimina
  4. UomoCoso, mi dispiace. Sta succedendo quello che ho visto succedere tante altre volte. E' la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ?
      Scena milonghera orribile, siamo andati al estivo più vicino. E' cosi strano?!

      Elimina
    2. al cine estivo più vicino...

      Elimina
    3. Ho scritto che è la vita.

      No, non è strano. E' normale, forse è inevitabile.

      Ma è sempre triste vedere come "panta rei" e nello scorrere, perde energia. Dubito che tu, constatata la "scena milonghera orribile" (già questa frase mi fa vomitare) saresti andato di tua volontà a vedere un film di produzione slovena e croata, che racconta dell'amore ai tempi della guerra (argomento tritissimo e ritritissimo, risale all'Iliade).

      E' un do ut des UomoCoso, ogni volta però perdi un pezzetto di te stesso. Cosa acquisti non lo so, vedo solo il film serbocroato.

      Elimina
  5. Quando leggo La Longobarda mi viene sempre in mente la squadra di Lino Banfi nel "L'allenatore nel pallone".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

      Elimina
    2. Clorinda, posso dirti che ti amo?

      Elimina
    3. Ma figurati ne sono lusingata. E poi è così,tra gente figa ci si sente intende. ;)

      Elimina
    4. Uomo, ma non me l'aspettavo da te. (Invece sì è proprio quello che mi aspettavo).
      :)
      Ciao

      Elimina
    5. Peccato che stai lontana sennò venivo subito da te

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. [...] dico di sì ma è no/ dico di no ma è sì [...]

    se non ha almeno la quinta è tempo sprecato

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.