mercoledì 15 novembre 2017

Quelli sì, questi no

Ieri a Radio 24 hanno martellato, la sera, con il naufragio della nave dei bambini.
Nessuna menzione della strage del Bataclan.
Sono di fretta in questo periodo e ho sbirciato senza approfondire alcuni quotidiani in linea: ancora, molti articoli di vario genere di apologia del multi(in)culturalismo, di quanto sono brutti e cattivi libici con i migranti (il 14 dicembre p.v. scadrà l'accordo con i libici, necessario “preparare” le masse), del brutto cattivo ragazzo che fa il saluto romano in una partita della pedata emiliana, poco o nulla sul Bataclan.
La propaganda semplicemente rimuove quanto scomodoe propone quanto utile ai suoi fini.
Le centinaia di vittime francesi sono un cazzo, il GIP che NON concede l'archiviazione per il naufragio di bambini di invasori, invece, quello deve esserti martellato dalla radio confndustriale decine di volte. I bambini invasori sì, i ragazzi francesi no.
Il razzismo anti è veramente sconcertante, la propaganda in questa dittatura soft sempre più grezza e  soffocante.

7 commenti:

  1. Siamo abbastanza oltre, UCoso, il mondo ci sta crollando addosso.

    Non soltanto:
    "... il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana."
    Cioè non soltanto ti dicono in faccia che tutta la faccenda dell'immigrazione è studiata a tavolino e fa parte di un progetto di ingegneria sociale che la "sinistra" si è assunta il compito di realizzare (conto terzi), ma...

    Ma, come scrivevo qui, devi fare una fila di due mesi per avere l'appuntamento con cui fare poi richiesta della fantastica "carta elettronica", sottesa alla tua "identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale)".
    Ti invito a valutare le conseguenze della "identità digitale" e del "sistema pubblico".

    Infine, mentre ti forniscono un "fattore abilitante per la fruizione di ulteriori servizi a valore aggiunto", il Governissimo del PD si incontra coi "sindacati" per definire la Ape sociale. Mia nipote direbbe "zio cos'è la ape sociale? un insetto amichevole?" No, significa decidere a muzzo chi va in pensione, quando e come, senza avere nessuna idea di chi, quando e come pagherà le somme necessarie, anche perché non si sa quanto costano e costeranno allo Stato le "7 misure" di Gentiloni.

    Il fatto che non ci siano i rivoltosi armati per le strade come nella Romania di Ceausescu dimostra quanto gli Italiani siano ormai incapaci di intendere e volere, piallati. Ormai giornali, radio e TV sono un rumore di fondo come la musichetta dei supermercati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo, ancora una volta voglio regalarti un carico da undici... Ricordi la "regalia" dei 500 euro agli insegnanti, quella della quale ho rifiutato di usufruire? Ebbene, per potere accedere ai fondi, indovina un po' di cosa DEVI disporre? Rullo di tamburi... del codice SPID! Ma guarda te, ma come mai?!? Un caso, ovviamente.

      Elimina
    2. Ringrazia il PD, il partito-bestemmia.

      Elimina
    3. E' in testa ai miei pensieri. Ma non ti dirò quali pensieri, visto che hai molta fantasia e puoi intuirlo da te.

      Elimina
    4. E aggiungo: in buona compagnia.

      Elimina
  2. Stamani Radio24 ha censurato il fatto che i "doni risorse pagatori di pensione" che hanno derubato la squadra di Striscia la Notizia erano delinquenti africani, peraltro un paio dei quali già con precedenti.
    Semplicemente si omette la parte di realtà che non è politicamente corretta.

    Poi uno legge notizie come questa.. altri doni e risorse e capisce che fine faremo.

    RispondiElimina
  3. A proposito di quelli sì e questi no.
    Ecco che a Torino, al museo egizio, ci sono sconti solo per gli arabi, pubblicizzati con manifesti solo in arabo (ovviamente con i soldi dei contribuenti italiani).
    Avanti col razzismo anti!

    Torino, promozione del museo Egizio solo per le famiglie arabe: "Entrate in due, paga uno"

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.