giovedì 24 marzo 2016

Del tutto comprensibile, ragionevole

Cosa c'è da dire? Tutto prevedibile, direi. Però io capisco. Io capisco il comportamento degli invasori islamici. C'è una guerra millenaria con le sponde meridionali e orientali del Mediterraneo e si tratta solo di un manifestarsi sopito per qualche decennio.
Non c'entra l'Europa e i masosadici sinistri specialisti nella flagellazione terzomondista autopunitiva si dimenticano, come ricorda Luttwak, che l'islam è in guerra con altri in Nigeria, in Tailandia nelle Filippine, l'Europa è solo uno dei nemici miscredenti da combattere. E' oggettivo: i crociati, come essi ci definiscono, sono andati per decenni a bombardarli, a fare milioni di vittime civili.
Sentite, lo trovo orribile ma è la guerra, la guerra è sangue e merda e da sempre, i peggiori si impongono, vincono. Quello che è assolutamente assurdo è che in guerra da secoli con questa robaccia islamica, l'Europa si sia riempita di serpi in seno a milioni, con basi nemiche nel proprio territorio, sempre più potenti, chiuse e attive. Questo è un comportamento assolutamente folle: bombardarli là e poi farcirsi di nemici qui.
Come ricordava a La Zanzara Massimo Fini, martedì 22 ultimo scorso, ci lamentiamo - giustamente, umanamente per alcune centinaia di vittime innocenti - solo le prime della guerra nell'Europa sirianizzata, balcanizzata - e ci dimentichiamo di milioni di vittime civili dovute alle "nostre" azioni in quei paesi. Siamo andati prima a sfrucugliare il vespaio, portandoci poi nuovi vespai proprio in casa. Intelligente eh!?
Le reazioni isteriche contro Massimo Fini, urla forsennate per non prendere atto di dati oggettivi, di numeri, di fatti, da parte di David Parenzo scandalizzato dal relativismo finiano, sono peraltro le reazioni di un collaborazionista e apologeta fondamentalista nel piano di europicidio in atto. Se non ci fossero le nostre vite in mezzo, sarebbe da ridere e non c'è propriouncazz da ridere. Un paracomunista oscurantista fanatico del politicamente corretto e idiota, modello campione del sinistrismo asimmetrico, della faziosità sbilenca, assolutista a metà (essi brutti cattivi cacca diavolo, essi terroristi, noi cultura dei diritti) politicamente corretto a metà (il mio assolutismo bene, il relativismo di Fini demoniaco, le bombe negli aeroporti male demoniaco, le bombe sui loro matrimoni purtroppo...).
I nemici islamici (e il loro nucleo duro, gli arabi islamici) sono incazzati come vipere pestate ed è giusto che sia così perché da sempre siamo in guerra con loro.
Il fatto che i loro bambini vengano inceneriti da bombe intelligenti scagliate da qualche drone degli criminali idioti mmerigani o da qualche bombardiere francese non cambia proprio un cazzo rispetto al fatto che uno si trovi incenerito o tritato da un nemico islamico in una metropolitana, in una stazione ferroviaria spagnola, ad un concerto, da un nemico cresciuto in Molenbeekistan, in Sverigstan, in qualche merdosa banlieue marsigliese o parigina, milanese o emiliana.
La cosa da mentecatti totali - è giusto che i nemici ci puniscano  più duramente possibile - è che l'Europa non solo non proceda con il contenimento e la riduzione del problema, che diventerà una pulizia etnica di noi europei scacciati dagli invasori o, come spero, degli invasori da parte nostra ma apologizzi la presenza di nemici e la loro crescita numerica qui nei territori europei.
I nemici arabi islamici combattono come possono e lo fanno, perché così si fa in guerra.
E' comprensibile, ragionevole anche se non è bello, non è democraticoblavlablablabla.
Meno il fatto che non solo non ci siamo accorti ma li aiutiamo e li sosteniamo a combatterci, bombardandoli là e poi facendoli invadere qua.

A proposito:
  1. Fare come gli israeliani con i kamikaze palestinesi ovvero riesumare e strofinare con membra e carne di maiale le loro salme (rimarranno all'inferno, secondo le loro stupide credenze religiose).
  2. Espellere tutti i parenti fino al secondo grado, se nati qui passarli per le armi e, se di loro proprietà demolire le loro abitazioni  o requisire e trasferire ad altri la proprietà.

36 commenti:

  1. Comunque, faccio presente che la guerra epocale con l'Islam è cominciata con la fase del cosiddetto "espansionismo arabo" intorno al 600 Dopo Cristo, a seguito del quale furono islamizzate tutti gli ex domini romani del Nord Africa e del Vicino Oriente.

    Le spedizioni europee oggi note come "crociate" cominciarono solo tre, quattrocento anni dopo (la prima fu indetta nel 1095) e avevano lo scopo di riguadagnare i "Luoghi Santi". L'ultima "crociata", la nona, fu indetta nel 1274 e per la fine del '200 tutti gli "Stati Crociati", cioè le piazzeforti europee erano perduti.

    Dopo le "crociate" ci fu una continua guerra di attrito che i "mori" e i Turchi combatterono contro gli Europei al fine di annetterne le terre, che raggiunse l'apice con la celeberrima Battaglia di Vienna del 1683.

    Sia per mare che per terra, per potere contenere l'aggressione islamica da Est e da Sud gli Europei dovettero costituire "sante alleanze" mettendo insieme gli eserciti e le flotte delle maggiori potenze.

    Le sorti dello scontro cambiarono solo quando in Europa si affermò la Rivoluzione Industriale che consenti un sufficiente surplus di risorse e un vantaggio tecnologico via via più consistente.

    Gli imperi coloniali europei non ebbero lo scopo di depredare i territori islamici, contrariamente alla vulgata "sinistroide" ma al contrario furono originati dal tentativo di stabilire rotte commerciali con l'Asia che aggirassero quei territori, ecco perché Colombo naviga verso Ovest e Magellano circumnaviga il mondo passando dagli stretti del Polo Sud.

    Finisco dicendo che i Musulmani non sono mai stati perseguitati come i Cristiani (o altre fedi). Nonostante i Cristiani fossero in origine la maggioranza della popolazione o comunque una minoranza consistente, ad oggi sono virtualmente estinti in quasi tutti i Paesi islamici. Pochi ci pensano ma l'unico Paese dove i Cristiani sono al sicuro è Israele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, un'altra cosa: tra i miti fondanti dell'Europa medievale c'è la famosa epopea dei "paladini" che contrastano le armate dei Mori provenienti dalla Spagna e dirette alla conquista della Francia (la terra dei Franchi).

      Sullo sfondo delle imprese dei paladini c'è ovviamente il fatto che a quel tempo quasi tutta la Spagna era stata conquistata dagli Arabi.

      La altrettanto celebre "riconquista" da parte dei re di Castiglia durò 750 anni e terminò poco prima della partenza di Colombo.

      Elimina
    2. La riscrittura all'indietro di tutto questo, allo scopo di dimostrare che gli Europei sono la feccia del creato, è opera dei "soliti noti", quelli che volevano radere tutto al suolo in nome del Proletariato.

      Elimina
    3. "Migranti, in Italia
      è già record di sbarchi:
      nel 2016 aumento del 43%

      [...] nel 2016 in testa ci sono i flussi dalla Nigeria (2.426), seguiti dai migranti provenienti da Gambia (1.948 ), Senegal (1.373), Costa d’Avorio, Mali."

      Repubblica.
      Salutatemi i "poveri profughi siriani", eh.

      Elimina
    4. La guerra è più antica, ricordiamo Cartagine.
      I sinistri sono masosadici, i cattolici più masochisti, è gente con la testa che ha problemi.
      Prendi degli squilibrati fuori dalla realtà e dà loro il potere ed ecco i risultati.

      Elimina
    5. Cartagine c'entra come i cavoli a merenda dato che i Cartaginesi non erano ne Arabi ne Musulmani, erano Fenici. Non si sa niente dei Fenici se non quello che ci riportano le fonti arcaiche greche. I Romani, secondo abitudine, fecero tabula rasa in tutti i sensi.

      La differenza tra Cattolici e "sinistri" l'ho già presentata altre volte.
      I Cattolici spostano il riferimento nel trascendente, cioè fuori dal "mondo reale". In questo modo non devono rendere conto dei paradossi, li risolvono col "mistero della fede".
      I "sinistri" invece affermano di volere rimanere nell'immanente, hanno la pretesa di avere in mano la formula per rifare il "mondo reale".
      Quindi i secondi sono molto più pericolosi dei primi e molto peggiori sono i loro paradossi. La ragione è banale, ai Cattolici importa relativamente poco di cambiare il mondo e quindi di forzare le persone in una direzione o l'altra. Si limitano a "suggerire", tanto poi ci sarà il giudizio di Dio. I "sinistri" invece vedono qualsiasi scostamento dalla loro "verità immanente e assoluta" come un ostacolo da abbattere e rimuovere, sia esso idea, cosa o persona.

      Il "potere" non gli viene dato, se lo prendono. Se lo prendono facendo leva sui meccanismi delle Tre Categorie (per chi non lo sapesse, gli idioti, i mai cresciuti e i furbastri).

      Elimina
    6. A volte mi stupisco di dovere scrivere certe cose ma al tempo di Gesu non c'era nessun musulmano sulla Terra e gli Arabi erano nomadi in Arabia.

      Maometto nasce nell'anno 570 circa, lo stesso anno in cui nacque Teodolinda, regina dei Longobardi, sepolta nel Duomo di Monza. Monza era la residenza estiva (tradizione che continuò fino al Novecento) e Milano la capitale.

      L'espansione islamica si può vedere da Questa Mappa

      Elimina
    7. > Cartagine c'entra come i cavoli a merenda
      Le religioni coprono tradizioni e culture precedenti.
      Ho parlato di conflitto con le sponde orientali e meridionali del Mediterraneo, come insegnano a scuola elementare, citando, appunto anche la nota storia di Cartagine.
      Poi su quelle sponde e' arrivato l'arabita' e quindi l'islam, ma le genti che erano li' erano li da prima come il conflitto con quelle genti, precedente.

      I Romani non avevano la testa farcita di stupide credenze religiose ugualiste monoteiste. Comunque, anche il loro impero divenne senescente e poi tracollo' in breve tempo.

      Elimina
    8. A scuola ti imbottiscono di un sacco di cretinate e ti fanno cantare "bella ciao". Il risultato lo vedi da te.

      I Cartaginesi e i Fenici in generale (non sappiamo nemmeno come si chiamassero tra di loro) furono prima avversari dei Greci che dei Romani. In particolare delle colonie greche in Italia e per questo sono i Greci a tramandarci qualcosa su di loro.

      Coi Romani il problema era prevalentemente ti natura commerciale, tanto che per motivare l'esigenza di radere al suolo Cartagine (delenda est) Catone tirava fuori dalla tonaca un cesto di fichi importati da li.

      Le "sponde" nordafricane del mediterraneo erano completamente romanizzate, sant'Agostino nasce ad Ippona, in Algeria. All'arrivo degli Arabi vi si trovavano i "regni visigoti e vandali, come puoi vedere da Questa Mappa

      Sul parallelismo tra il nostro declino e quello romano, annesse "migrazioni di popoli" (leggi invasioni barbariche), cito sempre il buon D'Alema, il quale non solo è d'accordo ma ne è contento, perché pensa sia utile al suo pallino di costruire il "mondo nuovo".

      Elimina
    9. Se vogliamo fare un paragone, la nostra situazione rispetto all'Islam non è quella di Roma e Cartagine ma più quella del mondo ellenico con quello persiano. Un conflitto iniziato con la ribellione delle colonie greche della Ionia, continuato con l'impero alessandrino e finito con Bisanzio che si svena contro i Turchi persianizzati. Da circa il 500 A.C. (rivolta degli Ioni) fino al 1453 D.C., (anno in cui cade Costantinopoli).

      Elimina
  2. no, se c'è Massimo Fini non c'è analisi che regga.....

    RispondiElimina
  3. Quando leggi Massimo Fini ti scatta l'embolo e smetti di ragionare, Francesco. È più forte di te.
    Non è che tutto quel che dice Fini è vero o è tutto falso.
    Come osserva Luttwak gli islamici sono in conflitto ovunque e con tutti e Fini sbaglia a sostenere che sia "colpa" degli europei.
    Nella guerra indo-pachistana, nel sud-est asiatico, in Cina gli europei non c'entrano nulla.
    Però a te viene il fumo agli occhi appena senti o leggi Massimo Fini, non riesci più a discernere.

    RispondiElimina
  4. è un porco immondo. lui sì che è un collaborazionista, altro che la Boldrini.

    RispondiElimina
  5. Sono perfettamente d'accordo con te. La tua analisi è impeccabile. Purtroppo seguitiamo a tirarla in ballo quando ci sono stragi in casa nostra e quasi nessuno dei mass media più seguiti mantiene accesi i riflettori sul problema dell'interventismo militare occidentale nei momenti in cui sembra tutto tranquillo e sotto controllo qui da noi.
    Il Vecchio Continente è un "continente vecchio", composto da una maggioranza di rimbambiti con gravi problemi senili, nostalgici del comunismo sovietico in salsa europea e farciti con un denso strato di catto-buonismo macerato in salamoia vaticana. Purtroppo non c'è nulla da fare per la sopravvivenza di questi coglionazzi alzheimerorsi. Lo stato patologico della malattia è nella fase terminale. "Troppo cretini per sopravvivere", dicono di loro gli Dei. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scriveva Houellebecq, alla fine il sottomettersi sara' liberatorio per gran parte di persone che detestano autonomia, liberta', impegno personale.
      Quale motto ricordava Lorenzo, tempo addietro? Franza o Spagna purche' se magna.
      E non siamo cambiati ne' noi ne'altri euopei.

      Siamo veramente dementi.
      Nessuno comunita' con un minimo di intelligenza farebbe la guerra ai nemici nei loro territori poi facendoli entrare in massa nella propria fortezza.
      Follia.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Più bussi fanno i fanatici islamici, più gli Stati europei calano le braghe.
    Tra la strage al Charlie Hebdo e quelle all'XI arrondissement, la Germania ha introitato 800.000 migranti, [ con i risultati che sappiamo ], e già 140.000 di loro sono spariti nel nulla, alla faccia della mitologica efficienza tedesca.
    Stragi a Bruxelles, e Renzi annuncia maggiori investimenti nelle periferie, per prevenire il terrorismo ...
    ( etc. ).
    Perché la cultura occidentale contemporanea ( politica e non solo ) è inclusiva a oltranza, per calcolo e vigliaccheria.

    ===

    RispondiElimina
  8. E non dimenticare [ la fase economica che stiamo vivendo ], cioè l'agonia del capitalismo che in Europa è giunto già a maturazione e a senescenza ( saturazione del mercato e del territorio ), al capolinea cioè.
    Collegare con la mass-immigrazione di soggetti avulsi ma fortemente riproduttivi.
    [ Il post-comunista che chiosa come un capitalista ].
    Ma è stato cauto.
    Ci sono economisti che parlano di 250 milioni di migranti necessari nei prossimi anni, per tenere in piedi quest'economia-fuffa.

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da Agobit (sovrappopolazione) focus sui vertici economici che spingono sulla crescita demografica come principale dispositivo di crescita economica. In "Lemon capitalism" avevo già indicato la questione del volume della piramide e della "percolazione" come bollicine di potere e risorse verso l'alto.
      Per quello che la società deve essere "liquida".

      Elimina
  9. ''Isis, minaccia nucleare.

    La cellula belga voleva colpire una centrale. Spunta un altro terrorista in fuga.
    VERTICE UE: DECALOGO DI BUONE INTENZIONI MA NESSUNA DECISIONE.''

    ( dalla prima pagina de ''il Giorno'' odierno )

    Ho posto in caratteri capitali l'ovvio, lo scontato.
    Giammai contraddire il verbo dei Padroni del Salvadanaio Grosso, che pagano i ''politici'' e i ''giornalisti''.
    =
    Verso lo sfascio di questa baracca di ominicchi e quaraquaqquà.

    { una [ grande lezione di vita ], sempre valida e da tenere presente }.

    ===

    RispondiElimina
  10. A proposito di "comprensibile e ragionevole", ho appena scritto un post.

    Per comprendere e ragionare bisogna avere le informazioni e conoscere i metodi per elaborarle. Non è il caso nostro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che sono in accordo con ...non è il nostro caso?
      Si! Perché noi siccome la verità della scacchiera del mondo non la sapremo mai siamo privi delle i formazioni vere comprendere reazioni e conseguenze di certi eventi e non possiamo quindi mai ragionare per coerenza.
      Anche se a volte non ci vuole molto a fare 2+2=4 anche se è riduttivo nelle conclusioni.

      Elimina
    2. Ma sai che sono in accordo con ...non è il nostro caso?
      Si! Perché noi siccome la verità della scacchiera del mondo non la sapremo mai siamo privi delle i formazioni vere comprendere reazioni e conseguenze di certi eventi e non possiamo quindi mai ragionare per coerenza.
      Anche se a volte non ci vuole molto a fare 2+2=4 anche se è riduttivo nelle conclusioni.

      Elimina
    3. E' molto più facile seguire la corrente o come dicevano gli stoici, seguire il carro, invece che stargli davanti.

      L'altro fattore è che la maggior parte delle persone è educata a seguire una logica elementare, andare verso le cose che ti fanno godere e allontanarsi dalle cose che ti fanno soffrire.

      Il risultato è che nessuno pensa. Credono di pensare perché gli viene conficcato in testa che se ripeti gli stereotipi cattocomunisti non puoi che avere ragione. Si tratta di grandi verità, incontrovertibili.

      Nessuno si fa venire dei dubbi, tipo "ma cosa significa che xyz fa wkj?" Oppure "cosa significa che klw è hjx?". E' tutto un dato di fatto.

      Nei miei ultimi post ho presentato esempi lapalissiani. Un gergo composto di parole vuote di significato, affermazioni palesemente false, paradossi. Eppure sono il "senso comune".

      Elimina
  11. E siccome non c'è più limite o come scrivevano sul fronte della Grande Guerra, "pietà l'è morta", ecco a voi, nello splendore del Technicolor, nel fantastico formato Super Cinerama, dopo I Sette Comandamenti e La Passione di Cristo, RENZI SPOSTA LAMPEDUSA AL CENTRO D'EUROPA

    (voce nasale)... "mentre il diabolico leader leghista indossa i panni dell’impresario che incassa consensi vendendo paure, il premier ha deciso di farne un “simbolo” di solidarietà, accoglienza e civiltà."

    Parapapaaa... Zum Zum Zuuum.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la ripetizione di una cerimonia nella quale nessuno può riconoscere l'insensatezza assoluta di ciò che si sta celebrando.
      Tutti questi politicastri traggono fama, denaro, potere, consenso da Il Problema. Se riconoscessero anche solo che è un problema invece delle varie cazzate per rimbambiti che ripetono h24, si suiciderebbero dal punto di vista politico e della carriera personale.
      Lo stesso problema c'è per l'incessante, monotona, demenziale catechesi crescitista.
      Fanatici? dementi? furbastri? speculatori? cialtroni? manipolatori?
      Sappiamo che la ripetizione di falsità plagio le masse fino a far credere loro che siano verità.
      Il fatto è che pure essi lo sanno molto bene.

      Elimina
    2. UomoCoso, qui c'è un ulteriore giro di vite.
      Non solo si ripete la solita filastrocca di menzogne e paradossi riguardo gli immigrati ma si scrive, senza timore che qualcuno alzi un sopracciglio, che Renzi ha il potere di "spostare" un'isola nel centro dell'Europa, una cosa che nemmeno il Padreterno ha mai fatto.

      Allora uno dice "ma è una metafora!". Già perché metaforicamente funziona, Renzi ha il potere di "spostare" idee e concetti al "centro" dell'Europa.

      Qui siamo al livello dell'ormai dimenticato eroe comunista Tsipras, di cui invocavano l'emulo italiano, il quale doveva guidare le masse degli idioti, dei pazzi e dei furbastri verso la Terra Promessa in barba alle fauci fameliche delle istituzioni europee capitaliste.

      Sono vecchio e incattivito dagli strali della vita, non ho la pazienza necessaria a sopportare queste decine di milioni di imbecilli.

      Elimina
  12. Quindi andiamo a Bruxelles a far vedere che esistiamo?
    http://newobserveronline.com/identitarians-demo-molenbeek/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto sempre un rapporto travagliato con le "manifestazioni".

      Elimina
    2. Senza contare che non vedo la ragione di andare a Bruxelles a "farci vedere" invece di reclamare semplicemente casa nostra.

      La spiegazione è ovvia. Andare a Bruxelles non impegna, a parte la trasferta. Mentre per reclamare casa nostra dovremmo fare la guerra civile coi "compagni". I quali, per inciso, vivono per quello da 70 anni.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. La mia risposta somiglia alla somma di quelle di Uomo e Lorenzo.
      Possiamo anche espellere tutti gli islamici, ma non risolviamo l'atteggiamento mentale degli europei occidentali.
      E, correggo, anche i post-comunisti si sono rammolliti, oramai è tutta una pappa scotta.

      ===

      Elimina
    5. I compagni sono dei fanatici religiosi che semplicemente non conferiscono il pensare, la realtà, i limiti e le sue leggi.
      Lo squadrismo rosso, l'oscurantismo, le psicopatologia masosadiche, il complesso di superiorità. Prendi degli sbarellati, delle persone oggettivamente problematiche e rendite fanatici e con potere.

      Io che mi espongono anche colla mia identità ho un certo timore. Giovedì due gasisti erano torvi con me.

      Bologna era la città più fascista d'Italia poi, di colpo, tra le più rosse. Ma lo spirito di ostilità al discernimento, al pensiero critico, all'osservazione della realtà non è cambiato.
      Da fascisti a stalinisti, sempre squadristi .

      Elimina
    6. UUIC: "Io che mi espongono anche colla mia identità ho un certo timore. Giovedì due gasisti erano torvi con me."

      Tranquillo. Se le dirigenze hanno mezzi e strumenti per intimorire dall'alto dei loro apparati di potere, la manovalanza è fatta di cagasotto pusillanimi che non si muovono se non fanno massa critica sufficiente a garantire una ragionevole speranza d'incolumità.

      Elimina
    7. "Io che mi espongono anche colla mia identità ho un certo timore. Giovedì due gasisti erano torvi con me."

      Torniamo sempre alla constatazione di un comportamento illogico e per me incomprensibile. Che gente pensi di trovare nel GAS? E vale la pena di frequentare il GAS per poi avere un "certo timore"?

      Io piuttosto che avere a che fare con certi subumani mangerei scatolette tutta la vita.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.