mercoledì 18 gennaio 2017

Plastica con acqua morta e il resto

  • L'educazione è fatta per togliere.
    Paolo Crepet

Con la bolletta del gas mi è arrivato un piccolo foglietto che pubblicizza le virtù dell'acqua del rubinetto. Io sono fortunato per scelta vivo in un paesino e l'acqua che mi arriva in casa è ottima (è medio minerale/dura e ricca di magnesio che fa benissimo). Pensavo all'esiguità dei mezzi per cui la cosa giusta è pubblicizzata in modo così dimesso, specie rispetto alle enormi campagne pubblicitarie a favore della plastica con acqua morta dentro. Il costo delle campagne pubblicitarie sui mezzi di rincoglionimento di massa è chiaro indice degli utili colossali per gli spacciatori di plastica contenente acqua morta.

Beh, siamo sempre alle solite: questa notizia Oxfam (e l'omologa per l'Italia) come mille realtà, come  l'acquisto compulsivo di auto tedesche da parte masse di citrulli involontariamente autodistruttivi o la campagna panmixsta, sostituzionista dimostra come gruppi (molto) ristretti di persone sfruttino l'etologia della specie per turpi obiettivi che degradano il sistema e che le masse, il_bobbbolo li assecondino più che giulivamente.

Il localismo, anche in economia, è un potente strumento di azione politica: anche l'acquisto critico, per un'eco-nomia locale lo è. Torno al solito problema-questione: la decrescita richiede un minimo di intelligenza e di impegno personale. Per questo è un'utopia rispetto al peggio industriale, in grande, globalizzato.
Lorenzo / Andrea segnalarono una ricerca dell'Università della California meridionale (qui articolo di divulgazione, qui ricerca) che dimostra come le credenze del popolo  progressista  ovvero para/diversamente/post comunista/marxista, dal punto di vista neurologico,  sono del tutto equivalenti a ciò che Karl Marx chiamava oppio dei popoli (*). Non per nulla ho, da qualche tempo, una colonna "oppio marxista" in questo diario. Credere in grandi sistemi di assurdità per tranquillizzarsi, per disimpegnarsi, per sentirsi comodamente nel "giusto di massa". Per diventare parte del problema, vettore del problema.

Nel globale i furbi, i criminali, i fanatici invasati, i parassiti più efficaci sguazzano molto meglio; la liquidità accelera l'entropia, l'aumento del disordine sociale, ecologico, economico, la lontananza annacqua i controlli, la lunghezza delle filiere introduce molti più passaggi nei quali incuneare  crimine e inquinamento ideologico.
Paolo Crepet concorda col mio Meno è meglio. Sgarbi osserva gioventù masse senza idee, senza civiltà, senza bellezza, senza armonia, si era dimenticato senza tempra, senza intelligenza. Devo dire che ultimamente ho spesso anche Vittorio come portavoce.

35 commenti:

  1. Non l'ho capita la storia della colonia oppio marxista.
    Ad ogni buon conto bevo acqua del rubinetto da tempo. Non è gratis ma quasi.

    RispondiElimina
  2. Si noti che la setta rossastra (improntata, concettualmente, inizialmente, al materialismo) da sempre martella sul "diritto" (?) delle masse di consumare più beni e servizi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, UCoso, è insieme più grossolano e più sottile. Quello che i "compagnucci" propalano è il "diritto alla felicità".

      Il "diritto alla felicità" è ovviamente contiguo al "diritto a qualsiasi cosa puoi immaginare", per esempio che gli uomini diventino mamme.

      Siccome poi la gente viene ridotta allo stato bestiale dalla stessa Scuola e dalla Informazione organizzate e gestite dai "compagnucci", quello che la gente riesce ad immaginare non è molto come qualità, è solo molto come quantità.

      Il concetto stesso di "bene" è ambiguo. Se tu vuoi avere la casa calda, puoi tenerla a 21 gradi o a 31 gradi. Puoi scaldarla bruciando il legno di sequoia centenaria, gas siberiano, con un isotopo radioattivo, eccetera. Ne consegue che, stanti le molte alternative, a parte la faccenda del "valore" dei beni, c'è la faccenda di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato. Siccome, come sopra, la gente è troglodita, c'è qualcuno che sceglie per noi.

      Noterai che la stessa "massa" viene vista dai "compagnucci" in due modalità antitetiche, che sono il bene, massa supina, tutelata, che viene portata verso il "progresso" dalle elite e male, massa riottosa, indisciplinata, ribelle, che si oppone alle sagge decisioni e disconosce i nobili intenti delle elite.

      Gli stessi "lavoratori", la stessa "democrazia", della falce e del martello, dai campi e dalle officine, nello stesso momento è il "popolo" del "populismo" e del "sovranismo".

      Non cercare una logica dove ci sono solo menzogne e paradossi.

      Elimina
  3. A casa mia a volte l'acqua del rubinetto non la beveva neanche il gatto tanto fenica è. Intendo dire che ha smesso di mangiare o quasi perché non beveva, perdendo un terzo del peso in due settimane.
    Per quel che ci riguarda acqua minerale e basta. Dicano quello che vogliono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sempre, il fatto che nel 2017 ci siano ancora regioni - località di Italia dove l'acqua è un lusso, dimostra quanto sia deformata la
      percezione delle cose che hanno gli Italiani. Considerato che i Romani duemila anni fa, praticamente a mani nude, erano capaci di costruire acquedotti di decine di chilometri.

      L'acqua da me è fornita da questa azienda (mi risulta che i soci siano i Comuni):
      Gruppo CAP

      Elimina
    2. A casa mia è dignitosa,mia mamma abita a 1km e 1/2 e da lei l'acqua è dura, ha un sapore cattivo.

      Elimina
    3. Un amico della lista civica osservava che siamo proprio in un progresso regressivo: siamo passati dalla conquista dell'acqua in casa al doverla prendere fuori.
      Solo che non è piu' la buona fonte nellaprima radura fuori dalla frazione. E' acqua marciomorta a km varie_centinaia in plastica che poi finirai per respirare o trovarti nelle sarde che hai comprato in pescheria.

      Pero' e' il progresso!
      Il fatto che non ci sia acqua buona nei rubinetti non e'mica una volonta' di allah o l'ha deciso Manitu', no!? E' il risultato di una catena di scelte o non scelte nel corso del tempo.

      Elimina
    4. Io ho messo il link che nessuno avrà seguito ma l'azienda che fornisce l'acqua al circondario di Milano riporta gli inquinanti e gli strumenti in uso per ridurli.

      In sostanza ci sono tipo 800 pozzi che, a seconda di dove sono, presentano problemi differenti, a volte multipli. I pozzi nelle aree industriali sono inquinati da metalli pesanti e solventi. Ci sono aree inquinati da scarti della industria farmaceutica. L'abbassamento e innalzamento della falda ha implicato una maggior presenza di inquinanti dovuti a scarichi fognari antichi e contemporanei.

      Ergo, filtri ad osmosi inversa, filtri a carboni attivi, filtri a ossidazione.

      Per ogni Comune coperto dal servizio c'è una stringa coi valori medi degli inquinanti. Dove abito io i solventi, ad esempio, sono ad un valore medio 3 su un limite di legge di 10.

      Usare l'acqua "minerale" implica due problemi, il trasporto che è costoso e inquinante e, posto che le fonti siano prive di ogni inquinante, quanto e cosa rilasciano le bottiglie in cui l'acqua è confezionata.

      Bisogna aggiungere un'altra cosa: le tubature domestiche non sono igieniche, si salvano solo perché l'acqua scorre. Spesso e volentieri sono contaminate, specie nei bagni (es. legionella).

      Elimina
    5. Ehnno', io ho tentato di aprirlo un paio di volte con il navigatore che mi era andato in time-out. Poi non ho avuto piu' tempo.

      Elimina
    6. Sara, un mio amico contadino che abita unpaio di centinaia di metri qui sopra e' servito da una fonte con dell'acqua piuttosto sgradevole.
      Problema comune quindi.
      Solo che, appunto, esistono,nel 2016, gli acquedotti. ;)

      Elimina
    7. Qui la misura della qualita' dell'acqua nel primo semestre 2016 per i comuni milanesi serviti.
      Anche qui arriva, via posta, con la bolletta, dati analoghi per il comune di residenza.

      Elimina
    8. Informazione di servizio: ricordarsi di sottoporre a Virustotal (o analogo) qualsiasi file si scarica da Internet e gli allegati che si ricevono via email.

      Elimina
  4. A Roma l'acqua del rubinetto è pessima
    Dai miei la bevo tranquillamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sapevo che, in media, l'acqua a Roma e Milano è mediamente abbastanza buona.
      E' noto pero' che basta che una vasca di accumulo per quel quartiere sia tenuta male che...

      Elimina
  5. non bevo l'acqua del rubinetto neanche se sono a rischio asportazione del testicolo buono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi risposta sopra a Pippa.
      Perche' codesto "terrore"?

      Elimina
  6. == o. t. ==

    Conoscevate [ Udo Ulfkotte ] ?

    E, mi raccomando : attenti al [ gelicidio ] !

    :O

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pagina sulla morte di Udo Ulfkotte e' MOLTO interessante.

      glicidio: ho letto la pagina di Massimo Fini che parte con uno strafalcione di metereologia.
      La perdta della misura, del buon senso è oggetto anche della pagina odierna ed è un fatto.

      Elimina
  7. Dove posso, bevo acqua del rubinetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? da te non lo immaginavo sta cosa sai?

      Elimina
    2. Ottimo, nottebuia.
      Io me la porto da casa anche al lavoro, quando me ne vado in giro, etc. .

      Elimina
  8. uomo, ma andando OT.... non che mi offenda per ste cose sia chiaro (anzi, io non mi offendo mai....)..... ma perchè il mio blog non è nel tuo blogroll?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse perchè non sono una bella figa?

      Elimina
    2. Allora, quando tu decidesti di specializzare il tuo diario sulla questione della corsa, decisi di toglierlo dai lista di quelli che leggo perche' non era e non e' un argomento che mi interessa. Come sai quando ho commentato ho sempre commentato quanto, sia pur poco, era attinente ad altri argomenti.
      So che tempo addietro tu decidesti di tornare ad affrontare anche altri argomenti ed ero gia' intenzionato a farlo riapparire nei mei preferiti. Diario a singhiozzo, per me, in questi mesi, non ho piu' avuto tempo di farlo. Ecco che oggi ho provveduto.

      Nota:
      Mi sono accorto ora...
      Ho corretto il "nome" ovvero la descrizione

      da: A me piace correre, perchè correndo si va avanti
      a: A me piace correre, perché correndo si va avanti

      La e in perché va con l'accento acuto e non con l'accento grave (perchè).

      Elimina
  9. Vi sottopongo questo altro delirio.
    A mio commento aggiungo che qualsiasi cosa si dica a proposito del "lavoro" deve tenere conto del fatto che, come dice tutta contenta la signora Boldrini, i migranti sono la "avanguardia del nostro futuro stile di vita", in un mondo senza confini, senza Nazioni e quindi SENZA LEGGI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sono gli "stimati accademici", queste sono le teorie che poi diventano "dato di fatto".

      Elimina
    2. Se non ricordo male "avanguardia del nostro futuro stile di vita" la signora Boldrini lo disse all'epoca del suo insediamento come presidente della camera. E non so in quanti capirono l'antifona, ovvero che anche gli Italiani diventeranno a loro volta migranti economici, con la valigia in mano, in giro per il mondo a farsi schiavizzare e sottopagare.

      Elimina
    3. La questione è che la progressiva automazione "toglie" lavoro.
      Quindi, abbiamo la questione: come facciamo con un numero di non occupati/disoccupati/mal occupati in aumento e una richiesta di manodopera o intellettodopera che diminuisce?

      Perché questa tecnologia ci costringe a lavorare ancora 40 ore alla settimana?

      Perche' chi ha lavoro è sempre piu' sottocarico e ci sono sempre piu' persone che non lavorano?

      Le questioni esistono.
      Ora, bisognerebbe anche andare alle cause, no!?

      Dell'aver catapultato milioni di invasori che competono sui lavoro proprio piu' soggetti a distruzione per automazione parliamo spesso.
      Alla decrescita io guardo sempre, se non ci sono posti di lavoro e' giusto che la popolazione scenda, ci saranno meno disoccupati.

      La decrescita propone di
      1 - lavorare meno a reddito retribuito
      2 - lavorare "tutti"
      3 - con meno reddito, ovviamente.

      La demagogia sinistrata e sinistrante, semplicemente,elimina il punto 3.

      Mah.
      La scelta piu' facile e' la demagogia:

      Elimina
    4. Cominciamo col dire che la "sinistra" non ha nessun rimedio, è parte del problema. Non solo perché presuppone degli assunti che sono tecnicamente sbagliati ma perché, come già detto, è una malattia mentale, per cui non si rendono conto della contraddizione tra sostenere "no borders" (cioè niente frontiere) e sostenere i "diritti dei lavoratori".

      UCoso, la tecnologia non è un problema per due ragioni che vado a illustrare.

      Primo, basta conoscere un po' la Storia per sapere che l'impiego delle macchine nel "lavoro" dipende dalla disponibilità di manodopera a basso costo. Oggi si impiegano macchine per stampare i circuiti ma i gadget elettronici vengono assemblati da schiavi e lavoratori forzati, semplicemente perché costa meno e permette anche maggiore flessibilità.

      UCoso, non è la tecnologia la ragione per cui siamo vestiti da capo a piedi con capi prodotti dall'altra parte del mondo, oppure se usiamo tondini di ferro per l'edilizia prodotti dall'altra parte del mondo.

      Dipende dalla "globalizzazione", dai "no borders".

      La invasione degli immigrati non serve a demolire il "sindacalismo" nostrano, serve solo ad annientarci etnicamente. Perché sul lato del "lavoro" siamo già a contatto diretto con "mercati" dove la vita umana vale quasi zero e quindi si fa la somma aritmetica con le nostre vite.

      Io non vedo soluzione, non vedo rimedio. Perché siamo molto oltre il punto di non ritorno.

      L'unica differenza che posso pensare è quanto drastico e quanto violento sarà il processo di riassestamento dei pesi e dei contrappesi.

      Ricordo sempre che non si tratta della signora Boldrini, ho sentito prima di lei il signor D'Alema festeggiare questo nuovo medio evo che secondo lui precede il Rinascimento. Peccato che tra una cosa e l'altra ci siano stati MILLE ANNI dei Quattro Cavalieri dell'Apocalisse.

      Ho sentito il discorso di Trump alla cerimonia di insediamento. Se fatto in tedesco e un po' urlato, sarebbe stato un discorso del famoso baffetto, pari pari. Oggi come allora si prepara la tempesta e quelli che si propongono come rimedio sono la causa.

      Elimina
    5. Ovvero, se non sono stato chiaro, una persona sana di mente, quando gli promettono di togliergli la Patria, la libertà, la autodeterminazione, gli promettono di adeguare le sue condizioni di vita a quelle del Terzo Mondo, non può che venire a patti con il primo demonio che gli offre una qualsiasi forma di resistenza.

      Il "Populismo" non esiste se non come reazione alla "globalizzazione". Tanto più violenta la aggressione verso i Popoli, tanto più questi saranno disposti a tutto per resistere.

      Siamo solo all'inizio. Siamo ancora nel momento in cui il "dotto accademico" più prenderci tutti per i fondelli dicendo che se siamo disoccupati dobbiamo lavorare gratis. Che è sempre la vecchia storiella della regina che dice ai poveri che chiedono il pane di mangiare le brioches. Dai e dai, finisce in un gran botto.

      Elimina
    6. Trump ha urlato "Buy american, hire American!".
      E'una cosa MOLTO saggia, in direzione opposta a quel ultracapitalismo si'global che era il male per i vari kompagni noglobal fino all'altro ieri e fino a che cambiassero di 180 gradi la direzione, su imboccatura dall'alto.

      Elimina
    7. La tecnologia esiste come il fatto che esistono miliadi di persone che di aria non vivono.
      Torno ancora al fatto che dovremmo essere in 2G su questo pianeta.
      Perche' e' ovvio che chi produce cerchi di affrancarsi dai costi e dal personale, e' nell'ordine delle cose.
      Solo gli oppiomani marxisti saltano su che questo è sbagliato e immorale.
      Questo non toglie che e' così.
      Allora, per predenre atto della realta', dei problemi della realta', non puoi affrontarla con assurde teorie settarie, neoreligiose, che sono di un altro mondo inesistente.

      Se nessumo comprasse il ciarpame altrui, non ci sarebbe globalizzazione che tenga. Ovviamente questo ha dei costi.
      E qui si arriva all'etologia di specie cosi' ben sfruttata dai vertici per i loro turpi, immorali obiettivi rivestiti di moralita' per cretini.

      Elimina
    8. La sovrappopolazione è il motivo per cui NON si adoperano le macchine il più possibile ma solo dove conviene.

      Torno a dire, UCoso, se tu ripercorressi le Storia vedresti che l'uso delle macchine è inversamente proporzionale alla disponibilità di manodopera.

      Le macchine NON creano i disoccupati, sono altri disoccupati che creano i disoccupati. Se tu hai 1000 minatori inglesi e 1000 minatori ghanesi, stai sicuro che i primi vanno a spasso e i secondi lavorano come schiavi, semplicemente per il principio dei vasi comunicanti (la merda).

      Le macchine iniziano a scavare la miniera al posto dei minatori solo quando sono tutti morti, i minatori e non ce ne sono altri disponibili in nessuna parte del mondo.

      Tornando a Trup, insisto, ha fatto un discorso da primi del Novecento. IL fatto è che Trup non esisterebbe se prima non ci fossero stati due mandati di Obama e tutte le condizioni al contorno.

      Ci arriveremo anche in Europa ma qui partiamo da una condizione molto più rigida e quindi quando si scatenerà lo spostamento, sarà un terremoto. I pazzi lo sanno, lo vedono arrivare, eppure ci danno dentro sempre più forte.

      Elimina
  10. A conferma che i compagnucci sono tutti malati di mente, leggere prego questo divertentissimo post di ortodossia marxista.
    Post che non è spassoso solo alla luce del passato, remoto, medio e recente, è spassoso anche e sopratutto alla luce del presente.

    Se non capite perché, correte a fare la tessera del nuovo partito di Pisapia.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.