martedì 10 novembre 2015

Anche nel Regno Unito

Una partecipante al giro che arrivava dalla Toscana mi aveva chiesto se si fosse potuta fermare a casa mia, visto l'orario mattiniero della partenza prevista per sabato.
Ci conoscemmo ad una milonga solidaria, qualche volta venne a fare qualche giretto con noi. Ne ho parlato qualche volta.
Dopo averle risposto affermativamente, ovviamente, mi son posto la questione : ma poi cosa succederà? Mi ero dato anche una risposta: non ho tensioni verso di lei, nessuna idea a priori su cosa succederà o non succederà. Fine delle rimuginature/seghe mentali. E così è stato. Certamente io sono SEMPRE cordiale ed accogliente con gli amici e così è stato anche con lei: sebbene tornato molto tardi dal lavoro al termine di una settimana molto impegnativa, ho sistemato casa, preparato un po' di buona cena.
La cosa buffa è che, una volta seduti a tavola, mi fa alcune domande e poi mi chiede :- maaa, stasera, dove dormo? Ho risposto scherzosamente :- Guarda, là (indico, dalla loggetta, un posto nel prato lontano sotto casa - sotto quell'acero.

In quel tempo e anche nel giro in montagna mi chiedevo se provassi qualche tensione, qualche movimento erotico per lei. Già, osservando il solo chiedermelo mi aveva osservare anche la risposta.
Insomma, la sera si è sistemata nel mio lettone e, dopo qualche carezza, abbraccio, casto bacetto, ci siamo addormentati.
Io non posso non osservare che io sono un animale sessuale piuttosto complicato: se una non mi piace un tot, è come se fosse asessuata. E così è successo anche questa volta.
Stavo pensando: ma ora la dovrei "molestare", la dovrei arrapare, se fossi un vero maschio chiavatore senza se e senza ma. Ecco, io non sono un maschio chiavatore senza se e senza ma. Invidio - ma non so se li invidio veramente - quei maschi che infilano e infilerebbero il loro cazzo in qualsisasi (o quasi) femmina che capiti loro a tiro.

Una volta, quando venne a casa mia e ci provai, mi disse che ella si lega quando fa sesso con qualcuno e che non se la sentiva. Quella volta almeno ci provai. Anche questo ha giocato. Per una donna con cui non ho tensione erotica e sentimenti che non siano quelli di una cara amicizia, non ho la minima intenzione di accendere l'eros giocando sui sentimenti.

Devo dire che ascoltare l'istinto è stato positivo e sabato e domenica sono stati leggeri e reciprocamente indipendenti. Si è fermata anche domenica sera. Ma in quelle ore io avevo capito che _zia è eroticamente trasparente per me: non  brutta, non è bella e anche i suoi modi di fare, garbati e "morali" mi sono neutri, non mi evocano emozioni o principi di emozioni.
Insomma, abbiamo dormito insieme con qualche abbraccio e un casto bacetto anche domenica sera.
Le avevo raccontato che nel Regno Unito ci sono associazioni di "amici" che vogliono abbracci e si mettono a letto insieme, senza sesso, solo per dormire abbracciati un po'.
Anche nel Regno Unito, posso dire, ora.


71 commenti:

  1. Ti devi togliere dalla testa gli stereotipi, i preconcetti e praticamente tutte le tue categorizzazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che ci sono riuscito piuttosto bene.
      A parte qualche domanda, qualche istante di osservazione e poi di riflessione che comunque sono esistiti. mi sono levato dalla testa tutta la segheria mentale "dovrei provarci... ma se ci provassi... e se dopo mi tampinerà? e se...
      Mi son detto: se mi vien voglia ci provo (sabato mattina, sveglia ore 5:50, avevo la mia gloria mattutina, le ho messo una mano sul cazzo ma c'erano i minuti contati).
      Non mi è venuta voglia, è finito tutto lì.
      Molto più sempilce che in passato.
      Come scrissi, il fatto che una mi piaccia è pre-intellettuale. Se una mi piace mi piace, se una non mi piace non mi piace.
      E così è stato ancora una volta.

      Elimina
  2. Invidio - ma non so se li invidio veramente - quei maschi che infilano e infilerebbero il loro cazzo in qualsiasi (o quasi) femmina che capiti loro a tiro.

    Non gli invidiare quelli lì non distinguono una donna da una capra. Sii te stesso dando un senso superiore ad ogni emozione.

    ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che anche essere chiavatori di bocca buona ha pro e contro.
      L'ideale sarebbe i liberi arbitrio e discernimento.

      Elimina
  3. ma ho capito, va bene tutto, ma come si fa a dormire con una donna e non far capitare nulla......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io sono un caso così.
      La mia questione è, semmai, se sia stato corretto lasciare che _zia si installasse nel mio letto (sotto ne ho un altro, quello in cui dorme UnBipedinone).

      Elimina
    2. ma infatti. se l'obiettivo era non avere obiettivi, dormire con una donna è solo imbarazzante

      (che poi lo ammetto, è successo anche a me, una volta, e mi sono sentito un pirla)

      Elimina
    3. Francesco, dai, anche te. Nelle culture anglosassoni è imbarazzante essere vicini in ascensore o qualcuno che ti guarda in faccia.

      Qui ci sono alcuni concetti strani. Primo, che si divida il letto con un "amico", indipendentemente dal genere, quando se ne può fare a meno. A me è capitato di dividere giacigli di ogni tipo ma l'ho fatto solo quando l'alternativa era dormire per terra.

      Secondo, a me sembra che se una donna viene a casa tua e si infila nel tuo letto, manifesta una "vaga" disponibilità. Di seguito mi verrebbe da chiedere ad UomoCoso i dettagli del prima e del dopo, sai quando uno si prepara per dormire, se lei si è infilata un pigiama dei Pokemon o se era biotta, dove ha messo le mani UomoCoso, eccetera.

      Non è questione di obbiettivi, è questione di maiali che volano, di acqua che scorre in salita, cose cosi.

      Elimina
    4. certo, hai ragione. e in ogni caso l'inglese andava trombata, se no altro per educazione

      Elimina
    5. Poi dice "non ci sono più gli Italiani di una volta".
      Comunque io non avrei fatto una piega se UomoCoso l'avesse fatta dormire sul divano o se sul divano ci avesse dormito lui, messaggio chiaro. Invece cosi...

      Elimina
    6. Ripeto, solo una volta ho dormito con una senza trombare e ci stava benissimo come cosa per motivi troppo lunghi da spiegare. Ma una roba del genere non si è più ripetuta

      Elimina
    7. Non è il dormire che non funziona in questa storia, è il prima e il dopo.

      Elimina
    8. e vabbè, non sottilizzare sempre tu..... :-)

      Elimina
  4. L `attrazione erotica é fatta di tante cose. ..non basta piacersi un pò e nemmeno mediamente. ..bisogna piacersi davvero, fisicamente ma anche di testa. In questo caso, non c`era nulla di tutto questo. ..ma é sempre una bella cosa condividere una notte, anche se casta. Infilarlo dappertutto come fanno in tanti, basta che respiri é proprio una cosa inutile e serve soloa fare numero e gonfiarsi un pò l `ego, della serie `più ne trombo più valgo`. Almeno voi avete dei bei ricordi di un paio di giorni passati in buona conpagnia, rispettandovi e condividendo momenti piacevoli. Non é poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come le ho detto, citando il mio amico _rio, se un uomo molesta una donna che non vuole essere molestata è male, ma se un uomo NON molesta una donna che vuole essere molestata è assai peggio.
      Per quel che conosco di _zia ella desidera una storia "completa" ovvero abbastanza lontana da una agile e sportiva chiavata.
      Desumo che ella non desiderasse essere molestata ma un tipo di molestia più sentimentale e in qualche modo non estemporaneo.

      Elimina
    2. Allora hai fatto bene a non tentarla perché spesso le donne si concedono al sesso non per il piacere ma sperando in un legame . ..il termine tentare mi sembra più appropriato rispetto a molestare. ...molestate sa di vecchio bavoso che allunga le mani :)

      Elimina
    3. Allora, i maschi chiavatori senza se e senza ma - inconsapevolmente tantrici - spesso si inventano delle moine, delle robe piuttosto false per ottenere l'apertura delle gambe e la lubrificazione della femmina e poi la strapazzano. Dopo qualche quarto d'ora ognuno per la sua strada.
      Beh, ci sarebbe anche da imparare in teoria ma è inutile che io voglia essere quello che non sono.
      Il "molestare" è usato, ovviamente, su un registro ironico.

      Elimina
  5. Ecco appunto UomoCoso, a me non sembra strano che tu ospiti una donna in casa tua. Non mi sembra strano che tu non abbia voglia di chiavare con la prima venuta. Mi sembra invece strano che dormiate nello stesso letto "con qualche abbraccio e un casto bacetto".

    Anche se siamo amici, togliti dalla testa che io dorma con te e che ti abbracci e ti baci.

    RispondiElimina
  6. Boh, a me non mi fa troppa specie il tutto, in fondo sono affari vostri, e siete adulti.

    Anche se penso che un abbraccio caldo faccia solo bene, quindi dare e ricevere abbracci non mi dispiace, non so se mi piacerebbe baciare uno che non mi "attrae" davvero.


    RispondiElimina
  7. Bella storia.
    Ma ...

    Invidio - ma non so se li invidio veramente - quei maschi che infilano e infilerebbero il loro cazzo in qualsisasi (o quasi) femmina che capiti loro a tiro.

    Credo tu dica per esagerare forzatamente e canzonare quella che per il senso comune è una stranezza, per alcuni una debolezza.

    Io no, non li invidio ... se stanno bene così, bene per loro. Ma l'idea mi fa senso.

    RispondiElimina
  8. Oh, my. I wouldn't know weather defining it weird or odd. Or should I say strange?

    Maybe unfamiliar and unusual.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nottebuia: whether, non weather.

      Elimina
    2. Minchia, ma io avevo scritto whether! E' il furbofono che l'ha riscritto così. E meno male che 'sta roba dovrebbe essere tarata meglio per l'inglese che per l'italiano...

      Elimina
    3. Boh, magari avevi scritto wether e lo ha corretto in weather anziche' in whether.
      Pensa che una volta io avevo scritto "fittiamo" nel senso di "facciamo un fit" e mi ha corretto in "fottiamo"... le prese in giro dei miei collaboratori! Uno mi ha risposto "Bulutn, io non fotto i parametri!"

      Elimina
    4. Mezz'ora fa ho scritto a una ragazza:

      Ciao amorino - come stai?

      Lui ha spedito:

      Ciao amori no. Come stai?

      Cazzo, stravolge completamente il senso delle cose. Il problema è che se scrivi un po' veloce, non hai il tempo di capire come verrà trasformato il testo...

      Elimina
    5. Io sto osservando, le volte che uso il furbofono (ad esempio il lunedì dopo i miei giri che lo porto al lavoro per scaricare le foto) del nuovo editore di testi e delle sue euristiche alquanto... fallaci.
      Comunque ho risolto il problema con un classico approccio decrescitista, minimalista: Meno è meglio!.
      Il mio normalofono da 29 euri è decisamente meglio anche in fatto di composizione di brevi testi.

      Elimina
    6. ma amorino in che senso ? :-)

      Elimina
  9. Viste le premesse e l'epilogo avrei optato definitivamente per il divano (o per il letto "di scorta"). Bene, comunque, non concedersi a chi intendeva probabilmente usare il sesso come una specie di cappio. Sicuramente c'è rimasta male, anche se magari ha dissimulato la delusione, ma in definitiva se l'è con ogni probabilità cercata ed ha semplicemente fallito in un suo "progetto" poco limpido.

    Questo, ovviamente, dall'esterno e senza conoscere minimamente il contorno. Diciamo "in astratto". Può essere benissimo, benché improbabile, che la realtà sia altra cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh. Infatti è lei che alle 5.30 di mattina ha spostato la mano tentatrice sulla sua erezione. Questi diavoli tentatori pieni di cappi! E ringraziamo che, sia mai!, non l'ha tentato di più!

      Elimina
    2. Tutte quelle puntate di Jersey Shore passate invano.

      Elimina
    3. Come ho scritto, il mio riferimento era una generalizzazione "astratta", perché del caso specifico non so nulla (e va bene così).

      Elimina
    4. Penso che fossimo entrambi astrattamente incuriositi, pensanti sulla questione di un fare del sesso.
      Non è questione di colpa di uno o dell'altra, Alalhambra.
      A me si era rizzato il cazzo nella consueta "gloria mattutina" e sono stato pure contento che, oltre al fatto di aver preso la sua mano e averla messa sul mio cazzo, non siamo andati.

      Non ho potuto osservare che _zia mi aveva chiesto se quella erezione fosse così o ... [dovuta a lei]. Non le ho risposto perché non lo sapevo e non avevo tempo di analizzare la questione.

      Elimina
    5. no la mano sul cazzo e poi niente? nooooo !

      Elimina
    6. Quindi UomoCoso, hai mentito.
      Non si trattava solo di dormire abbracciati e del bacio della buona notte. Te lo sei anche fatto prendere in mano. Cos'altro non hai scritto?

      Elimina
    7. Francesco, te l'ho detto che c'è del marcio in Danimarca... E' una storia tutta strampalata.

      Elimina
    8. come un De Luca qualsiasi..... noooo, questo non ce lo doveva fare.... più che del marcio in Danimarca c'è del marcio sui colli bolognesi.....

      Elimina
    9. UomoCoso ci vuole infastidire con questo racconto di ritenzione anale, per dirla in modo freudiano.

      Elimina
    10. Colpa? E quando mai ho accennato a colpa?
      Ad ogni modo concordo con Francesco e Lorenzo: queste cose van bene a 16 anni, dopo ci vuole tanta più chiarezza.

      Elimina
    11. ma che poi, una erezione mattutina va soddisfatta, senza se e senza ma.... uomooooooooooooooooooo!

      Elimina
    12. Azz Uono ma allira non é vero che non l `hai tentata. ..una mano presa e messa lì sopra la faccenda in erezione é qualcosa di molto esplicito! :) Allora si vede che lei non se l `é sentita proprio perchè non é il genere di donna che accetta volentieri il sesso senza legami. ..poi cme dici tu molti ci sanno fare con le moine per far cedere la donna. ..ti và almeno dato atto che tu non hai finto cose che nn sentivi e sei andato `dritto al sodo`. :)

      Elimina
    13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    14. Dunque, avevamo altre quattro persone che ci attendevano di lì a pochi minuti. Quindi il tempo disponibile era zero.
      Se il concetto è che : se no eros no contatto fisico (quindi no toccami il cazzo dritto) allora non ha senso neppure abbracciarsi, dormire nello stesso letto, etc. .
      Su questo concordo.
      Da'altra parte vedo che entrate in molte congetture. Io ho già chiuso la faccenda: qualche contatto fisico come si fa tra un amico e un amica e in questo c'è stato pure la toccatina di cazzo.
      Del resto, se osservate alcune coppie di amico-amica, spesso per scherzo si pastrugnano e toccazzano qualche parte "riservata".

      Elimina
    15. a me nessuna amica mi ha mai toccato il cazzo

      Elimina
    16. Guarda Uomo, io ho contatti molto fisici con i miei amici: massaggi, abbracci, bacetti, coccoline. E basta.
      Non meniamo il can per l'aia su... specie visto che l'iniziativa è stata tua e non sua.

      Elimina
    17. oddio, anche te però Alahambra..... a me se una amica mi massaggia e mi dà bacetti.....

      Elimina
    18. Che ti devo dire Francesco, sono una piuttosto fisica xd sono una delle poche donne del gruppo e ci conosciamo tutti da anni e anni. Niente zone d'ombra tra noi, tutto alla luce del sole. Credo che esista una differenza di atteggiamento tra una che ti si struscia addosso con intenzione ed un'amica che ti abbraccia senza ulteriore malizia.

      Elimina
    19. Come scrivevo sopra, supposto che possano esistere contatti fisici in relazioni amicali, si potrebbe aprire un sofistico e lungherrimo dibattito sul

      o - massaggio alla schiena si ma toccare il cazzo no
      o - toccare la zizza sì ma bacio in bocca no
      o - sfiorare le guance si ma toccare le cosce no

      etc. etc.
      Gran parte dei cavillotici precetti e divieti, norme e pedisseque consuetudini delle religioni riguardano queste cose.

      Elimina
    20. Ecco, dichiaro ufficialmente che UomoCoso e AlaCosa sono due pazzi.

      Francesco, si vede che noi due siamo di un'altra scuola, o di un altro tempo/spazio, perché:

      "Del resto, se osservate alcune coppie di amico-amica, spesso per scherzo si pastrugnano e toccazzano qualche parte "riservata"."

      Non esiste.
      Non esiste nessuna "coppia amico-amica" e non ha proprio senso nel nostro universo che una "amica" ti tocchi.

      Ti tocca PER SCHERZO?

      Siamo alla fine, siamo alla Apocalisse. Poi mi lamento della propaganda dei giornaloni e delle TV, qui siamo allo scardinamento non solo dei livelli "sociali/culturali", siamo allo scardinamento degli imperativi biologici. Altro che "identità di genere".

      Pape satan aleppe.

      Elimina
    21. UomoCoso, guarda che qui hai infranto la barriera della contraddizione dello spazio per entrare in quella della contraddizione iperspaziale.

      Il fatto che tu proponga l'idea che si possa stringere una mano allo stesso modo in cui si stringe un pene è veramente ma veramente folle. Non tanto per "cavillotici" precetti, quanto per gli istinti primordiali, la nostra natura. Ci si stringe la mano (destra) come segno di pace, non impugna un randello. Il pene ha due funzioni, quindi se tua mamma ti tocca il pisellino lo fa perché devi fare la pipi senza bagnare i pantaloni, se una "pseudo-amica" ti tocca il pene lo fa perché fa parte di un rituale di accoppiamento, in una delle sue varianti.

      Non è che tu entri un una riunione, stringi l'uccello al tuo capo e dici "buongiorno". Nemmeno vai alla riunione scolastica e la professoressa di italiano di tuo figlio ti prende l'uccello mentre ti dice che tuo figlio non studia.

      Dai, su... Basta con questo delirio.
      Se uno mi dice che non aveva voglia di giocare, benissimo. Morta li. Non assumiamo pose assurde.

      Elimina
    22. Perché sono pazza? o.o
      Conosco e applico la differenza mano/cazzo

      Elimina
    23. Alahambra, uomo è pazzo e si sa, ma anche tu scusa...se mi dai un bacetto e sei una figa chiavabile io come minino ti tocco il culo. e dopo trenta secondo infilo la mano in mezzo alle mutande....:-)

      comunque io e Lorenzo siamo ragazzi di periferia, cresciuti in modo dicotomico, il bene è il male, il male è il male, ed infine il cazzo è cazzo, e si sa a che serve.....

      Elimina
    24. Devo dire che questo scambio mi ha strappato molti sorrisi e risate.
      In effetti non posso darvi tutti i torti.
      Toccare il cazzo NON è la stessa cosa che stringersi la mano che non è la stessa cosa di abbracciarsi che non è la stessa cosa di ...

      Allora, per aggiungere altra carne al fuoco, devo dire che in quelle ore entrambi entrammo uscimmo e usammo il bagno (cesso, doccia etc.) con l'altro dentro.

      Direi una intimità elevata e ... sì poco, pochissimo sessuale anche se non esattamente zero sessuale.
      Cosa devo dirvi? E' strano? Sì, è strano.
      Qui ci sarebbe un aneddoto da raccontare ma sarebbe lunga.
      A me viene in mente quanto avviene nei luoghi naturisti che sono i posti... meno erotici del mondo (a differenza delle tanto diffuse quanto improprie credenze opposte di massa).

      Elimina
    25. Sai che è Francesco? Quando abbraccio un amico non ho il cazzo negli occhi per dirla con parole tue. Quindi boh... non credo ti venga voglia di toccarmi il culo.
      Però aspetta, il marito mi insegna che per un uomo la mano sul culo è quella che governa il mondo. Ecco, ora sono confusa xd

      Elimina
    26. AlaCosa la tua pazzia consiste nella idea de "io ho contatti molto fisici con i miei amici".

      Devi sapere che tutti i discorsi contemporanei incentrati sulla "a-sessualità" o "neutralità" della "amicizia" sono grandissime balle, che fanno parte della propaganda tesa a smantellare la "società" partendo dalle fondamenta. Non esiste amicizia tra uomini e donne, esiste solo il periodo di tempo variabile prima l'eventuale copula e dopo l'eventuale copula.

      Io posso essere "amico" di UomoCoso o di Francesco perché nella antichità loro sarebbero stati alla mia destra e alla mia sinistra con uno stecco in mano mentre cercavamo di abbattere il mammuth e la nostra sopravvivenza avrebbe richiesto cooperazione e fiducia reciproca.

      Ma tu per me non sarai mai "pari", tanto meno sopra o sotto in una gerarchia, puoi essere "compagna" in funzione dell'accoppiamento e dei legami familiari.

      I segnali che tu mi mandi con i "contatti molto fisici" non sono segnali che io interpreto col codice della "amicizia" ma con il codice del "corteggiamento". E quindi non sono affatto gradevoli se non vengono poi finalizzati, perché provocano una reazione che viene frustrata. Secondo te quale è la ragione per cui le donne in età indossano i "leggings"? Secondo te il mio cervello di primate e prima ancora di rettile interpreta il segnale esattamente come vedere Francesco in calzamaglia?

      Come dicevo altrove, il guaio è che queste assurdità ormai sono "normali".

      Francesco, più che una dicotomia, cioè una separazione in due, la periferia ha un suo ecosistema con le sue regole. Se vuoi è la traslazione delle epopee medievali con i cavalieri, le armi, gli eroi, le imprese, i draghi, le damigelle, eccetera. Tutto ha un suo posto e ogni cosa te la devi guadagnare. Vedi bene che il concetto che non può passare qui è l'ennesima variazione della "equalizzazione".

      Elimina
    27. UomoCoso:
      "Direi una intimità elevata e ... sì poco, pochissimo sessuale anche se non esattamente zero sessuale. Cosa devo dirvi? E' strano? Sì, è strano."

      No, non è strano in assoluto. Io posso immaginare che se mi trovassi con AlaCosa o con Francesco sulla ISS (stazione spaziale internazionale) saremmo costretti ad una "intimità elevata".

      Prego fare attenzione alla parola "costretti".

      Un conto è sottoporsi ad un certo regime, una certa routine perché è necessario. Un altro conto è farlo apposta.

      E' molto improbabile che tu sia stato costretto ad usare il bagno mentre c'era dentro la tua ospite (o viceversa), quindi l'hai fatto di proposito. La stranezza non consiste nella "intimità elevata" ma nel fatto che è stata costruita ad arte, senza alcuna necessità, ergo per divertimento.

      Non posso che concludere che a te diverte la repressione, la ritenzione. Cioè provocare uno stimolo per poi bloccarlo, negarlo, trattenerlo.

      Non c'è niente di male ed è "strano" solo rispetto alla media. Volendo si potrebbe approfondire il lato psicologico ma non è un argomento che mi interessa.

      L'unica cosa che posso dire che a me non sembra una cosa tanto sana. Sia da un punto di vista materiale che ideale.

      Elimina
    28. Sono discretamente certa che il potermi permettere di comportarmi così dipende dal fatto che ci conosciamo da quasi due decine d'anni. La tensione sessuale reciproca si è spenta da eoni.
      E infatti mi comporto così con loro e non con chiunque, perché ti do ragione sull'amicizia. Con tutto ciò la mano sul pacco non gliela la appoggio perché allora sì che si cambia registro!

      Elimina
    29. E allora fidati che la "tensione sessuale" sia sopita, che ti devo dire. A me continua a sembrare una cosa fuori luogo.

      Elimina
    30. io non credo all'amicizia tra uomo e donna. ma ho un'amica. solo una. probabilmente a vederci nudi ci metteremmo a ridere. però l'altra sera che siamo usciti per un aperitivo le ho guardate ripetutamente la scollatura perchè ha belle tette. siamo uomini, è normale che sia così.

      Elimina
  10. "Emilia di notti tranquille in cui seduzione è dormire"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran pezzo quello.
      Giovanni Lindo Ferretti si era accorto subito della rossastra finzione emiliana.

      Elimina
  11. Diciamo che. ..tra amici e basta ci puo stare un abbraccio o un bacio. ..tra tromba amici invece ci sta anche tutto il resto se entrambi son daccordo sulla cosa e soorattutto sulla natura del rapporto. ..
    Lo.l sconfinamebto della mano sul coso non é una cosa da amici e basta. :) pero il punto qui é che lei nn vuole il tromba amico perche ha detto che il sesso la lega. Quindi era chiaro che nn ci sarebbe stato altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il concetto del "trombamico" è un'altra balla. Una di quelle balle studiate ad arte e che ci vengono irradiate sempre nella logica di annientamento del "Piano".

      Se io "trombo" con una (o uno), non siamo affatto amici. Possiamo essere, che ne so, amanti. Cioè due che fanno l'amore (usando il gergo dell'amore cortese medievale che non distingue sesso da amore). Oppure possiamo essere un cliente e un prestatore d'opera a pagamento. La amicizia è tutta un'altra cosa.

      Elimina
    2. Mi spiego, la "amicizia" è un legame funzione della cooperazione. Si diventa "amici" per formare una banda di cacciatori o di guerrieri. A volte la "amicizia" include una certa gerarchia, cioè una divisione in ruoli, sempre in funzione di quanto detto sopra.

      Trombare è una mera funzione corporea, come fare la cacca. Non richiede nessuna "amicizia". Inoltre, secondo me il legame "trombamico" è solo una scusa per giustificare la copula fuori dai criteri "normali". Una excusatio non petita, però.

      Elimina
    3. Ecco. ..devo dire chebsono daccordo nel senso che anche io non lo concepisco come concetto. Per me uno o é un amico (e non ci faccio sesso) o altro. Credo che sia un concetto che fa comodo a chi non vuole impegnarsi ma vuole comunque godersi piaceri senza sembrare un becero interessato solo al sesso.
      Il problema in queste reazioni non é morale e solo parzialmente concettuale secondo me. ..però lo diventa nel momento in cui uno dei due si innamora e l`altro no. Per le donne é spesso facile confondere il sesso fatto bene con l`amore. Gli uomini (salvo eccezioni) invece riescono meglio a separare le cose. Trovo comunque che essere anche buoni amicidi un partner sia fondamentale. ..perché in fondo l `amore é (anche) un `amicizia profonda con in più il sesso.

      Elimina
    4. Io cercherei di essere insieme più ottuso e più sottile.

      La parte ottusa è quella in cui osservo che per le donne è spesso facile confondere una cosa qualsiasi con una cosa qualsiasi. Dipende dal fatto che hanno una grande tendenza a sovrapporre alla "realtà" una fantasia e a rimuginare continuamente sulle cose, trasformandole in un flusso. Un esempio tipico è la faccenda dei "sentimenti". Per gli uomini ci sono due sentimenti, "stare bene" e "stare male". Prego notare che "stare bene" può significare la cena post-calcetto di Francesco, guardare un tramonto o la cappella sistina, essere stravaccati sul divano o in compagnia di una donna. "stare male" può essere il mal di pancia, grane sul lavoro, il pranzo dai suoceri o essere in compagnia di una donna. Le donne invece hanno questa cosa dei "sentimenti" che gli uomini non capiscono e che apparentemente significa qualcosa di spirituale, di trascendente che poi si riflette nel corporeo, immanente. Quando un uomo chiede "come stai?" intende "hai fame? ti fa male qualcosa? hai voglia di giocare?" e quando la donna risponde "bene" intende "palla cielo radice quadrata albero blu alto sono ingrassata la camicia non va d'accordo coi calzini e dopo te la faccio pagare perché non mi hai fatto i complimenti per la pettinatura".

      La parte sottile riguarda la separazione tra sesso e amore. Lasciamo perdere il fatto che, come dicevo sopra, il sesso è una funzione biologica e quando un uomo ci ragiona troppo sopra con gli arzigogoli finisce come UomoCoso. Il problema è tutto nel concetto di "amore".

      Le donne in natura hanno la necessità del supporto maschile causa gravidanza e cura della prole. Questo ha innescato il ricatto "topa in cambio di fetta di mammuth" ma ha anche innescato la necessità femminile di assorbire completamente le attenzioni del partner. La donna si sente rassicurata (amore) tanto più pensa che le energie di "lui" siano convogliate verso di lei. Invertendo il ragionamento, questo presuppone che la donna sia dipendente da questa idea, cioè che convogliare quante più attenzioni possibile verso di se sia una necessità e quando mancano, c'è disagio (non c'è amore).

      Da un punto di vista maschile la cosa è completamente diversa perché l'uomo è programmato non solo per la indipendenza ma per competere. Quindi nella donna, a parte il soddisfacimento delle funzioni biologiche e degli imperativi evolutivi (vedi doveri parentali) l'uomo cerca, nella migliore delle ipotesi, qualcuno con cui "stare bene" e che magari contribuisca, cooperando, alla fatica quotidiana.
      Il metro di valutazione maschile delle donne è essenzialmente visivo, tipo "bella" o "brutta", dopo questo viene "gradevole" o "fastidiosa" e dopo ancora viene "utile" o "controproducente". Il concetto di "utile" sta per "qualcuno che mi aiuta ad abbattere il mammuth" e quindi ovviamente contiguo al concetto di "amicizia" maschile. Significa in soldoni che gli uomini, quando non si tratta di funzione biologica e imperativi evolutivi, tendono a comportarsi con la moglie come si comporterebbero con un amico. E questo genera nella moglie la sensazione di essere "trascurata".

      Nel post di UomoCoso quello che non funziona secondo me è la parte dove si guida il motorino aprendo il gas e subito dopo frenando, invece di aprire il gas e continuare ad andare facendo un giro attorno al palazzo o una gita al lago, a seconda della voglia. Mi spiego?

      Elimina
  12. Chiarissimo :). Ma.l noi sappiamo che Uomo é un tipo un pó barocco. ..a lui le cose semplici e lineari non piacciono. Ci deve essere la situazione particolare, l `atmosgera bòhemienne, la donna semioscura. ...i cocetti di stare bene i male sono troppo basici. Peró nella realtà é come dici tu.
    Io sono ancora piú categorica nel dire che l `uomo suddivide le donne sostanzialmentevin due maxi categorie: trombabile e non trombabile. E sulla base di quelle poi si rreaziona. I sentimentu, quali affetto, didizione, exc. ..se vengono, vengono (molto) dopo. Infatti io diffido degli uomini che ti dicono subito cose del nipo Ti amo. ..si sa che se lo fanno vogliono qualcosa. Per l`amore, quello vero, ci vogliono anni, a volte una vita.

    RispondiElimina
  13. Chiarissimo :). Ma.l noi sappiamo che Uomo é un tipo un pó barocco. ..a lui le cose semplici e lineari non piacciono. Ci deve essere la situazione particolare, l `atmosgera bòhemienne, la donna semioscura. ...i cocetti di stare bene i male sono troppo basici. Peró nella realtà é come dici tu.
    Io sono ancora piú categorica nel dire che l `uomo suddivide le donne sostanzialmentevin due maxi categorie: trombabile e non trombabile. E sulla base di quelle poi si rreaziona. I sentimentu, quali affetto, didizione, exc. ..se vengono, vengono (molto) dopo. Infatti io diffido degli uomini che ti dicono subito cose del nipo Ti amo. ..si sa che se lo fanno vogliono qualcosa. Per l`amore, quello vero, ci vogliono anni, a volte una vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi lucida, Spirita.
      L'eros è fatto proprio per legare, per creare - ad esempio con l'ossitocina - i legami affettivi (è lo stesso meccanismo che lega poppante e madre).
      Non sono così schematicamente maschio (non) chiavatore: non riesco a chiavare sportivamente ma neppure possa e voglio arrivare a quello da parte dei "sentimenti". Sono un po' a metà: 1 - mi deve piacere fisicamente, preintellettualmente, 2 - ci deve essere un po' di empatia e piacere diciamo "culturale" (comportamento, stile, capacità di conversare, ...): allora una è trombabile (_tra e _sketti lo erano / sono molto).
      Molti uomini puntano sulla frode sentimentale "del tipo Ti amo" per arrivare alla chiavata e molte donne usano questo meccanismo per concedersi. Non vorrei dare neppure un giudizio, il termine frode in effetti ha un'accezione negativa: è così. Semplicemente non ne sono capace, non è nella mia natura. Se alcune persone usano questa tecnica e ne sono soddisfatte, non posso che essere contento per loro.

      L'amore? cosa è l'amore? come si rapporta col sesso?
      L'amore è nel cuore (Anahata) , il sesso e la passione sono nel pavimento pelvico (Muladhara) e in pancia (Svadhisthana). Anche nel corpo sono in posti diversi, non necessariamente ci possono essere insieme. Sarà conciso ma è anche molto preciso questo schema.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.