sabato 14 novembre 2015

Dementi suonati

  • L'idea astratta di una buonista e strampalata "convivenza multiroba" è una orribile distopia, il processo violento in corso da anni inizia a manifestare, più esplicitamente, la sua natura.
    Ho sempre scritto che le migrazioni di massa sono storicamente note per essere tra le forme più violente di conflitti.
    o - UnUomoInCammino

Una partecipante al giro del fine settimana scorso (di origine atesina, sinistra, con la quale sulla questione in passato non avevo certo usato eufemismi o giri di parole) ieri mattina mi messaggia qualcosa come un “Attenzione, islamisti a Merano”. Al ché ho risposto “La sottomissione da parte del merdame islamico prosegue col sostegno di cattolici e sinistri 'accoglienza senza se e senza ma'”. Stamani intravedo, nella lista dei diari, una nuova pagina, vado a curiosare e …
Ora, se fossimo a teatro scriverei :- yaawn, che solfa, sapevo tutto, avevo già scritto, che noja che barba, solo degli imbecilli potrebbero stupirsi...
L'altroieri scrivevo di R. e della sua apologia delle frontiere non-sigillate frontiere colabrodo esistenti solo a tener lontani gli onesti e pacifici e mentre scrivo - avevo aperto il Fattoquotidiano – cosa appare sotto a destra? (v. immagine sotto) R.che dice una roba, una di quelle affermazioni dogmatiche, metafisiche, acritiche, avulse dalla realtà che i fautori cattocomunisti della polveriera multietnica, delle accoglienze fatte colle vite degli altri, predicano dai centri sociali, dalle chiese, da Il Manifesto, dagli antagonisti tanto antagonisti da essere antagonisti perfino a loro stessi. Mi viene in mente quella scena di un pugile che dopo il ko, si rialza tutto pesto e inizia ad affermare, ancora barcollante, con la poca baldanza che è riuscito a recuperare “vincerò il prossimo incontro, certamente”.

Ho più volte affermato che l'invasione in corso e la conquista in atto da parte del merdame islamico ha una valenza ecologica perché riporta e alla realtà e a quella parte della realtà che è la violenza, estromessa, in un allucinante scotòma di massa, dalla spazio (in)culturale di questa epoca tanto marcia quanto politicamente corretta. Il dolore dell'ascesso è funzionale a indurre un intervento chirurgico per salvare il dente. Questa è ecologia e tra le più semplici. Le azioni degli islamici (volutamente uso il temine generale stante la problemacità dell'islam in sé) sono ecologiche in quanto attaccano con azione diretta le fanfaluche, le stupidaggini religiose (cattoliche) e neoreligiose (marxiste) ugualiste, multietniciste, accoglientiste, sìglobaliste, filomassmigrazioniste blablablabla e altro inquinamento di cui la maggior parte della massa dei paesi europei ha riempita la crapa. E' interessante che la lezione (seconda in un anno, dopo la strage Hebdo - la frequenza aumenta!) venga applicata alla Francia culla della patologica quanto irreale insensatezza égalité, fraternité, riformulazione illuminista del dogma della fratellanza-uguaglianza ebraica e cristiana, Francia prima allevatrice di serpi in seno. Quando si va contro realtà, scienza e conoscenza il rischio di disastri e catastrofi è praticamente uno.
Preti, comunisti, Hollande, Merkel, vescovi, Bergoglio, Boldrini, Renzi, insegnanti di italiano per invasori stranieri, Lerner, dirittisti, Caritas, Del Grande, Parenzo, gli zeriincondotta e nella vita, mediatori culturali, antagonisti “abbattiamo le frontiere”, la lista di ideologhi, sostenitori e organizzatori e speculatori che brulicano e proliferano sulla preparazione della mattanza europea è innumerabilmente lunga.
Non siamo a teatro e solo ieri ribadivo che è necessario, costi quel che costi, contenere e ridurre il problema.
Ecco interi paesi, in Europa nei quali la demenza degenerativa primaria dell'apologia della società multietnica non ha limiti, iniziano a percepire che “il processo violento in corso da anni inizia a manifestare, più esplicitamente, la sua natura.”


28 commenti:

  1. Qualche grosso busso a Roma, e si sfalda il Paese virtuale ( 0039 ) ?

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso che la conquista islamica dell'Europa comporti una sfascio (di ciò che, come diceva il primo primo ministro italiano, si sarebbe dovuta fare coma nazione e che non è mai stato molto coesa).
      Ritengo che ci sarà un risveglio , una presa di coscienza del problema ma che sarà troppo tardi, ovvero quando la presenza numerica degli invasori sarà predonimante e una reazione impossibile e/o destinata a fallimento per soccombenza.
      Quanto succede in Siria o cio che successe qualche lustro fa nei Balcani (Sarajevo, Srebrenica, etc.) sara' lo scenario comune.

      Elimina
  2. Torno a dire, basta leggere questa gente:
    https://ilnuovomondodigalatea.wordpress.com/2015/11/14/odio-i-terroristi/

    Per capire da dove viene il problema, dove è e dove sta andando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libertà di espressione, idee diverse...
      La prima cosa che ha fatto è stato censurare il mio commento.

      Sono dei moralisti invasati che predicano una cosa e fanno il contrario. Per quello
      o - hanno affinità con altri moralisti/religiosi;
      o - gli islamici compiranno il loro progetto di conquista del'Europa.
      Se faranno strame di questi dissociati un che di ecologia si sarà compiuto.

      Elimina
    2. UomoCoso, il tuo discorso al solito è monco. Manca la parte dove si dice da dove arriva questa gente e dove va.

      Arrivano dal Vaticano ma in prevalenza dal PCI, vengono selezionati per fare gli insegnanti, i giudici, i giornalisti, gli "intellettuali" che hanno il dovere di formare le successive generazioni nello stesso modo (vedi indottrinamento nel commento di MrCoso) e di indirizzare la plebe verso il "Mondo Nuovo".

      UomoCoso, il Mondo Nuovo non prevede la "conquista della Europa", prevede la sua demolizione e diluizione in un mondo omogeneo. La fase in cui vedranno il conflitto è solo quella che serve a demolire l'esistente ma la demolizione si deve fermare più o meno sul livello dei ghetti americani, perché deve produrre il servo che accudisce la macchina e che è anche consumatore dei prodotti della macchina.

      E' qui che casca l'asino-UomoCoso con la sua ecologia. Non ci sarà nessuna catarsi del "buon-selvaggio", il Mondo Nuovo sarà qualcosa di simile al futuro dipinto in Blade Runner, probabilmente con molti meno mezzi e risorse lontano dal centro dell'Impero. Il "Piano" non punta a creare un Medioevo, punta ad allargare e uniformare un Impero che esiste.

      Elimina
    3. La filos(ess)a che mi hai indicato continua a censurare.
      A me viene da ridere, leggendo alcune sue pagine.
      Mi sono visto operare la mannaia in diretta, le avevo scritto questo commento (notare le sue affermazioni di principio e poi il suo agire opposto).

      > non può impormi di spiegarle parola per parola

      jazztrain, non vuoi spiegare perche' non c'e' alcunche' da spiegare alle chiare objezioni sollevate da attila sulla ovvia incompatibilita' di molti diritti civili in tempo di guerra (civile).
      Solo che poiche' avete la testa piena di dogmi che continuate a ripetere come degli automi, quando il ragionamento logico vi porta, passo per passo, ai vostri assiomi bislacchi, imputate agli interlocutori i vostri limiti cognitivi.
      Insomma una dissociazione dalla realta' per la quale e' campionessa la padrona di casa che a parole ama "cio' che è differente ed anche estraneo", non ditele di "chiudersi alle idee diverse", che vuole "difendere la libertà di pensiero e di opinione".
      E' un baloccarsi in macedonie di tutto e il contrario di tutto che, quando arriva alla realtà, la prima cosa è chiudere ai commenti diversi, detesta ciò che è disadeguante rispetto al suo trastullio peace&love cani&gatti, tutto e il suo contrario, chiude alla libertà di espressione.
      Insomma, fa come gli islamici da cui vorrebbe prendere la distanza.

      Elimina
    4. Lorenzo, l'ecologia è il ritorno della selezione naturale.
      Una cultura incapace di accorgersi e risolvere un problema che viene sottomessa e quindi fagocitata: si ritorna al vincere del piu' intelligente/abile/capace e al soccombere del piu' inetto/stupido/incapace.

      Elimina
    5. Pecchi anche tu di "spotaneismo". Confondi una situazione artefatta, pianificata, manipolata, gestita con un meccanismo di mera selezione naturale.

      Riguardo il blog di cui sopra, volevo vedere se avresti provato a commentare. CI hai provato, quindi non hai ancora davvero capito con chi hai a che fare.

      Elimina
    6. Con Hannah Montana, probabilmente.

      Elimina
    7. Hannah Montana non è l'alter ego di Miley Cyrus, la sua versione satanica?

      Elimina
    8. è una deficiente, una banderuola, censura tutti quelli che non le dicono brava, sei la più brava...censura perfino me ah ah

      Elimina
    9. Ecco, io non so neppure chi sia 'sta Hannah Montan.
      Merita che io debba gugglarla? In ogni caso non c'ho tempo di 'sti tempi.

      Elimina
    10. E' un personaggio Disney "... a teenager living a double life as an average schoolgirl by day and a famous recording artist Hannah Montana by night". La prima incarnazione se non ricordo male è stata interpretata dalla signora Cyrus che però ad un certo punto ha dato di matto e dalla Disney è passata ad interpretare un personaggio più consono alla filmografia di cui è culture Francesco.

      Comunque sono cose tutte interne alla sub-cultura USA.

      Elimina
  3. Discorso giusto Lorenzo l obiettivo e' l americanizzazione del mondo nel senso di costruzione della societa'. Tutti insieme hello stesso posto ma divisi da steccati, e' duro da dire ma genre come Isabella di castiglia avevano le loro ragioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito cosa ci sia di piu duro da digerire che la consapevolezza di essere schiavi, di non avere l'auto-determinazione e di vivere circondati da gente che ha la testa piena di merda.

      Elimina
  4. non c'è fazione politica dal mio punto di vista, c'è solo una chiave di lettura che cozza e si impicca con l'altra... personalmente, mi ritrovo nelle tue parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste scelte sono inerentemente politiche nel senso più preciso del termine: come vogliamo che sia o non sia la nostra polis?

      Elimina
  5. A proposito di dementi:
    "Nel suo intervento, Renzi è ritornato a sottolineare l'importanza di Expo. La cooperazione internazionale. Lo sviluppo sostenibile. Il tema del "food security". E il patrimonio dell'esposizione di Milano come punto di partenza per la costruzione di una nuova fase green della politica. [...] "l'Italia, con Expo, ha offerto una grande occasione per riflettere su temi cone l'agricoltura sostenibile o il food security".

    Contento UomoCoso, siamo nella "fase green" e con il "food security".
    "l'Italia, con Expo, ha offerto una grande occasione per riflettere su temi come l'agricoltura sostenibile o il food security"."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fud sechiuridi, la fase grin.
      Ahahha, mi vien da ridere.
      Metti due parole in inglese per fare il figo per una massa di lobotomizzati facilmente impressionabili.
      Il Merdpo e' proprio la celebrazione di questa cacca,. di questa idiozia dissociata di massa.

      Elimina
    2. Siamo un Grande Paese, con la Grande occasione e il Grande Centro di Ricerca Mondiale. Sostenibile, genomica, big data, green, food security, smart. Sembra una macchietta di Alberto Sordi, solo che adesso siamo sul baratro.

      Elimina
    3. RIcordate la scena di Totò che "se la tira" col francese? Ecco... La differenza è la scala di proporzione: Totò poteva far ridere perché era innocuo nella sua stupida comicità alla napoletana, qui stiamo parlando di gente che dispone dei mezzi per demolire le nostre vite e ha la mentalità aggressiva tipica del dirigente ("ottime capacità, pessime intenzioni", se ben ricordate). Dunque, sentire il Renzi di turno che "se la tira" con st'inglese del belino mi suona tragico, non divertente. E questo varrebbe anche se il despota di turno fosse un poliglotta impeccabile.

      Elimina
    4. Renzi è spocchioso e provinciale nello stesso momento come solo un toscano può essere.

      Elimina
    5. eehh MrKey...quella stupida comicità alla napoletana, era una grande comicità se non addirittura una grande satira di costume...infatti Totò
      non fu capito, adesso si studiano i suoi film, come è avvenuto per il Teatro di De Filippo...non facciamo paragoni azzardati con il bimbominkia toscano a cui noi tutti siamo prostrati, putroppo!!!!!

      Elimina
    6. Io trovo Antonio De Curtis un acuto osservatore dei suoi tempi e anche un dissacratore pungente.
      Io sono molto lontano dal modo di vivere, usi e costumi della massa partenopea ma questa lontananza assai critica non mi impedisce di apprezzare la satira e l'ironia di Antonio De Curtis.
      In ogni caso, non tutti e tutto devon piacere a tutti.
      Fine del fuori argomento.

      Elimina
    7. Lorenzo, purtroppo i toscani vivono da una parte una forte topofilia, dall'altra, forse come contromisura, sono esterofili come la maggior parte degli italiani.
      Quando leggo "Resort L'Ornellaia" oppure "Wine bar Il Buttero" mi si sprofondano le palle sotto due metri di terra. Questi sono proprio dei koglioni provincialotti.
      Ecco, figurati se è R. con il suo ingombro il koglione provincialotto.

      Elimina
    8. I toscani vivono in una menzogna che si raccontano vicendevolmente. Sono convinti di vivere al centro dell'universo invece che in un luogo che, a parte la letteratura del "under the tuscan sun", è lontanissimo dai luoghi, fisici e metafisici, dove si fa la Storia. La cosa peggiore è che mancano assolutamente della percezione della propria auto-ironia involontaria, quando sconfinano nella macchietta come Renzi non se ne rendono conto, anzi.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.