mercoledì 18 novembre 2015

Primo bacio



Così sabato notte UnBipedinone è uscito con la sua amica nonché compagna di classe (è da tempo che si frequentano, dentro e fuori la scuola a tennis, a ballare, anche quella volta, per l'abbonamento) . Prima pizza e poi cinema.
Quando sono arrivato a prenderlo con qualche minuto di ritardo (sono rimasto bloccato ad un incrocio con semaforo nel quale un'autopompa dei vigili del fuoco in emergenza ha tamponato una Panda che passando col verde non le ha dato precedenza, magari un(a) koglion* che ascoltava musica a palla o con le cuffie(tte) sulle orecchie visto il fracasso che facevano quelle sirene oppure un qualche medico cialtrone che non ha rilevato la sordità del(la) patentat*) erano le una e venti ed era raggiante.
Il primo bacio.
A me successe in una disco che si chiamava Palace Discover in quel tempo aperto in una città lombarda, in una festa di compleanno organizzata in quel locale con Licia, la festeggiata. Penso che avessi proprio quell'età, forse un anno in più. E ricordo tutta la fantasmagorica miscela di emozioni, impacci, sapore di saliva, labbra morbide, pensieri, sentimenti, pulsioni che sgorgavano senza controllo. Vedo che succede anche al mio bipede.

Per pagarsi l'uscita UnBipedinone ha fatto legna con me per due ore e mezza, domenica. Mia madre dice che avergli dato 20€ per quel lavoro è troppo.
Insomma, anche il tempo delle mele dovrebbe essere... sostenibile.

38 commenti:

  1. io a dire il vero ho un ricordo sbadito e neanche così piacevole sia del primo bacio che della prima volta che ho fatto sesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che invecchiando prendi due strade o diventi maniaco oppure arrivi alla conclusione che è tutta roba sopravvalutata.

      Elimina
    2. La percezione della realta'...
      Piu' che che sopravvalutata e'... ormonale.
      Leggevo, tempo addietro, da Diamanta che ella desidera(va) innamorarsi. L'innamorarsi è un ambaradan emotivo che ha fondamenta biochimiche.
      Devo direi che penso che sia anche un fattore importante nel mio stallo con le femmine: voglio le emozioni forti ma... molti anni sono passati.

      Elimina
    3. Il mio primo bacio me lo ricordo ancora. Il primo rapporto invece l'ho rimosso :D

      Elimina
    4. Ps Hai istruito tuo figlio a dovere sulla contraccezione? Sempre di (non) crescita si tratta, in fondo.

      Elimina
    5. Sì, gli ho spiegato tutto e lo faccio spesso.
      Gli ho fatto vedere dove tengo i profilattici (che almeno li consumi lui ;), gli ho detto che se dovesse fare un figlio se lo alleverà (io non rinuncerò alla mia vita per fare il papà nonno per un mio nipote, l'ho informato che il cappuccetto di monta prima della penetrazione etc. etc.).

      Il mio primo rapporto fu con la madre di mio figlio.
      Molto bello (innamorati come pazzi a quel tempo :)

      Elimina
    6. Oltre la tematica della contraccezione, esiste la tematica delle malattie sessualmente trasmissibili, che vedono i ragazzi particolarmente vulnerabili perché presi dalla foga non fanno attenzione a dove mettono i piedi (eufemismo) e sono anche convinti di essere immortali.

      Elimina
    7. Sì, anche la questione delle malattie a trasmissione sessuale è importante.
      Quando il numero di anni vissuti è basso, specie ora che la morte è stata omessa dalla vita - alcuni genitori, ad esempio, non portano bambini ai funerali e io ritengo che cio' sia male - si crede di essere immortali, la percezione e' quella.

      Elimina
  2. Risposte
    1. C'era mia sorella che l'ascoltava mille volte al giorno.
      Era qualche settimana ;) che non l'ascoltavo.
      Grazie Baffus.

      Elimina
    2. Quindi esiste una DonnaCosa?

      Elimina
    3. e anche un altro UomoCoso. I miei si sono riprodotti tre volte.

      Elimina
    4. Come disse scandalizzata una mia alunna novenne quando scoprì che avevo due figli... "Maestra, ma tu hai fatto sesso DUE VOLTE!!!" :D

      Elimina
    5. In realta', ALMENO due volte... :D

      Elimina
    6. Ahhhaha mi fate morire :P
      E come dico sempre non serve avere un buon ricordo della prima volta. Basta averlo dell'ultima ;D

      Elimina
    7. Comunque bisognerebbe spiegare alla alunna che da diverso tempo è tecnicamente fattibile l'immacolata concezione, cioè partorire senza avere mai copulato con alcuno. No solo ma si può anche organizzare la cosa perché sia un parto plurimo (di figli che non sono tecnicamente gemelli ovviamente perché zigoti diversi).

      E' un caso sottovalutato in cui la tecnologia ha scavalcato un dogma di fede.

      Elimina
    8. In questo blog di fascisti siamo ancora li a riproporre l'iconografia della famiglia tradizionale del Mulino Bianco, vergogna.

      Elimina
    9. A proposito, qualcuno di voialtri della famiglia tradizionale potrebbe trovare interessante l'ultimo post sul mio blog (che ovviamente come mia abitudine non c'entra nulla col primo bacio).

      Elimina
    10. x gioai:
      Ahhaha
      Devo dire che mi viene un po' da preoccuparmi sulla formazione della tua alunna.
      Pero' che ridere! :))

      Elimina
  3. Che bello. ..emozioni uniche. ..e si hai fatto bene a ricompensarlo con 20 pleuri. Prima la fatica, poi il piacere. Quelli che ricevono i cinquantoni cosí, ad minchiam, non imoarano nulla e poi danno tutto per scontato e li pretendono pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La posizione di mia madre è che... quel lavoro (il lavoro dei figli in genere) sarebbe dovuto.
      Così era quando essi erano piccoli: si lavorava in famiglia perché era del tutto ovvio, naturale.

      Elimina
  4. UomoCoso e lettori tutti, mi scuso per il commento fuori tema ma ho la necessità di rimandavi a questo mio post di UN ANNO FA:

    Correva l'anno 732 Dopo Cristo

    Vi invito a leggere anche i commenti, qualcuno profetico all'incontrario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Ri)letto, (ri)letto (ci sono arrivato dalla pagina di Michele Brunati).
      Sai cosa ?
      Qualche bella suonata da parte degli islamici con il sostegno di cattolici e della sinistra potrebbe servire primo a destare le masse rincoglionite da decenni di plagio secondo le specifiche gramsciane e poi a gli europei per trovare una nuova unita' contro gli invasori.

      Elimina
    2. Servirà senz'altro ma a quel punto sarà troppo tardi. Noi non siamo i Germani del primo medio evo, siamo i Romani del crepuscolo della loro civiltà.

      Come ripeto spesso, lo stesso discorso l'ho sentito fare a Dalema, che era tutto soddisfatto di assistere alla caduta del cosiddetto "Occiedente" che secondo lui condurrà ad un nuovo Rinascimento. Si dimentica solo due cose, che ci sono voluti mille anni dalla caduta dell'Impero al Rinascimento e che stavolta non rinasceremo con nomi germanici ma arabi.

      Elimina
    3. Noi non siamo i Germani del primo medio evo, siamo i Romani del crepuscolo della loro civiltà.

      Così sembra ...

      Elimina
    4. Vi segnalo un altro esempio di spargimerda, questo più in stile Papa-Jovanotti:
      Pace, amore e fratellanza

      Elimina
    5. Riletto un paio di volte, Lorenzo.
      Francamente non ho capito cosa voglia l'autore. Mi pare una coacervo di banalita' moraliste e di roba politicamente corrette. Ecco, mi e' venuto il termine di "insulso".

      Elimina
    6. x Lorenzo:
      Spero proprio che si tratti di prime esplorazioni sessuali, non di primi pass verso una famiglia. Zio can!

      Elimina
  5. Il primo bacio non si scorda mai!

    Anche se poi quella storia e' finita per volere mio... comunque devo ammettere che io ne ho un bel ricordo, cui non ripenso mai! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho ricordi più confusi sul primo bacio che sul primo far l'amore.
      Perché fu un po' di anni prima? ;)

      Elimina
  6. Bel post, come ( quasi ) sempre qui sul diario di UUIC.

    ===

    RispondiElimina
  7. 20 euro per due ore e mezza di lavoro (oltretutto "in nero" e piuttosto pesante) è equo. Chi paga meno è un ladro sfruttatore, senza se e senza ma. Oggi i ladri sfruttatori abbondano che è una meraviglia, anche se li si chiama in un altro modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora una volta i genitori erano tutti ladri sfruttatori.

      Elimina
    2. Esattamente. Il termine "proletario" non è nato dal nulla, né per nulla. Oggi le cose sono formalmente migliorate. Formalmente.

      Elimina
    3. Si', l'incontinenza riproduttiva e' stata uno dei molteplici forme di sfruttamento intergenerazionale. L'ho osservato piu' volte anche in queste pagine.

      Elimina
    4. Ah signore, che confusione fate.

      I proletari si dovevano chiamare nullatari perché il fatto di non possedere nulla gli impediva di sfruttare i figli, non avendo niente da fargli fare. Non come i contadini che gli potevano mettere in mano un attrezzo o dargli delle incombenze. Il proletario non possiede mezzi di produzione, nemmeno in affitto.

      Sono abbastanza sicuro che FiglioCoso non campa (si veste, studia, si muove, eccetera) coi soldi che si guadagna spaccando la legna. Quelli sono in più e per fare il calcolo della paga oraria bisognerebbe mettere tutto nel cumulo. Oggi ho visto un amico che mi fa "ho dovuto tornare a casa perché a mio figlio serviva l'auto per andare a fare ripetizioni" e io gli ho detto "speriamo che lo paghino bene visto che con le ripetizioni si deve pagare l'auto".

      Riguardo i figli come investimento, a parte il fatto che oltre un terzo moriva durante l'infanzia, l'investimento non era per l'età produttiva, come nel caso di UomoCoso ma per la vecchiaia. Non esistendo allora Stato Sociale, era la famiglia a farsi carico di tutti i problemi dei congiunti, per primi i vecchi. Tanti figli, vecchiaia relativamente serena.

      Elimina
  8. Domani o stasera tornato dal cinema risponderò ai commenti.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.