domenica 23 ottobre 2016

Le mani, i muscoli

Mi sono alzato alle sette stamani, alle sette e mezzo ero già al lavoro. Ho lessato e imbarattolato i gasbio ceci messi in ammollo ieri, poi ho imbarattolato il brodo del buon lesso che ho spento ieri prima di andare a letto, ora riposa in congelatore. Lavato i piatti di ieri sera, tolto la cenere del fuoco. Poi spazzato. Sceso in rimessa, preso e messo in funzione umidificatori e ciottole bianche per l'acqua sopra i caloriferi che quest'anno, per _mlero la freddolosa, mi toccherà pure cedere e accendere il riscaldamento qualche volta! E via dicendo.
Per una persona come me che lavora intellettualmente il lavoro manuale è un piacere in sé. Un rituale non so se zen o benedettino che ridà importanza alle mani.
Aspettavo che UnBipedinone si svegliasse. Gli ho preparato una buona colazione sana di frutta fresca, la bevanda di limone fresco, magnesio ed echinacea, l'ho tirato giù dal letto alle nove. A un quarto alle dieci eravamo giù a segare legna. Poi spaccare legna con l'ascia. Proprio virile quello, forza, potenza e ascia! Poi andarla a prendere legna sopra nel bosco. Sentivo il fiato, i muscoli. Il corpo sano e vivo, in braghini, scarponi e magliettina. Forza, vigore, energia, potenza, ancora. Mi ha distratto il bipede :- C'ho 'na fame! mi ha detto. Al terzo carico di legna avevo perso cognizione del tempo, erano già le dodici e venti. Sì, tempo per cucinare. UnRagazzo ha lavorato bene oggi. Anche se era acidolatticato per 'na prestazione dell'altro giorno. Anche se ormai è un uomo più armadio di me, io c'ho dato dentro molto di più di lui oggi.
In meno di mezz'ora ho preparato un risotto alla milanese da urlo sui fondi del brodo, poi una salsa verde fresca uscita veramente bene, degna, a livello del lesso cui era promessa sposa, i fagiolini, tipiedi, in insalata con un sospetto di rossa di Tropea e sale, due gocce di balsamico o olio evo che quando le cose son bone è meglio lasciarle protagoniste. Il Merlot  & Cabernet del "mio" vignaiolo,  del 2015, annata superlativa, inizia ad avere potenza, corpo, profumo. Anch'esso buon compagno di strada per il signor Lesso Bono e sua moglie Salsa Verde. La tavola era imbandita con queste leccornie autunnali. UnRagazzo ha acceso il fuoco e ci siamo dedicati al nostro banchetto domenicale.
Le mani, i muscoli fanno cose molto buone.

11 commenti:

  1. Risposte
    1. Ieri sera siamo stati leggeri.
      Avrei potuto mangiare per gola, mi sono limitato ad un'insalata. Mio figlio qualcosa di più.
      _mlero era seduta capotavola, solo per compagnia, voleva saltare dopo l'abbuffata a pranzo nella sua terra, coi suoi. Poi successo il patatrac.

      Elimina
  2. bello questo resoconto! per me primo giorno di montagna (alla facciaccia del dottore che diceva 2017), sette km di appennino in solitaria, con scarpe nuove nuove, pioggerella, faggi a colori ancora per poco. uscita rinata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono i noci che sono già sparati sul giallo.
      Più in su, dall'altra parte della valle, i lecci soffrono ancora la siccità estiva ed alcuni sono bruni (molti forse ignorano che sono l'unico sempreverde del genere Quercus), si riprenderanno.
      Qualche pioppo inizia a ingiallire, pure, come i tigli.
      Quaota troppo basso per i faggi, sono in collina, non in montagna.

      Elimina
  3. Oh!
    Il bollito in salsa verde!
    Come mi manca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che avevo praticamente finito le acciughe (rimasto solo l'olio assai saporito) e i capperi erano pochissimi. Uscita molto bene lo stesso.
      Beh, Nuvola, è una cosa semplice che puoi preparare anche là.
      Buondì

      Elimina
  4. Ti toccherà accendere il riscaldamento...

    RispondiElimina
  5. Un rituale non so se zen o benedettino che ridà importanza alle mani.

    Io sono per lo zen. Lavorare, usare le mani a me rilassa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me. Moltissimo.
      Buongiorno Magnoli@.

      Elimina
  6. Un rituale non so se zen o benedettino che ridà importanza alle mani.

    Io sono per lo zen. Lavorare, usare le mani a me rilassa.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.