martedì 11 ottobre 2016

Svogliato

  • Sento l'esigenza di cercare, correre, scartare, trasgredire.
    E, a volte, esagero. Boccate d'aria intense e forti. Quasi border line.
    I sensi in festa e l'adrenalina che corre. Anche se non sai bene verso dove. 
  • John Barish

_mlero è stata via per lavoro parte della settimana e fino a domenica. Sono stato molto bene da solo.  Quando sto da solo mi piace stare da solo. Io sono stato sempre poco telefonico, non mi garba conversare al telefono. Così sabato _mlero ha tentato di chiamarmi un paio di volte ma ma non ho risposto. Con un sottile vena polemica mi aveva messaggiato domenica mattina chiedendomi se fossi ancora vivo e le ho scritto la verità, mi godevo la mia solitudine e non avevo voglia di rispondere. Sabato sarei dovuto uscire e andare in milonga ma... tra una cosa e l'altra mi sono dilungato con questo diario. Mi sono goduto il mio eremitaggio casalingo, anche perché avevo fatto pieno di tango, fino alle tre di mattina, la notte precedente, tra venerdì e sabato.
No, penso che non potrei proprio più convivere. Sento che i miei sono tornati a bisticciare, a litigare. Tra maschi e femmine c'è un'impedenza aggiuntiva che si aggiunge a quella tra esseri umani. Vita sociale si spera piacevole, con altri, non può che essere alternata alla piacevole solitudine.

Domenica sera, dopo la visita alle due aziende biocontadine, siamo passati a prenderla. Superato il casino con mio figlio, di cui devo raccontare, siamo riusciti a fare una piacevole cena. Poi ho voglia di vederla, stiamo bene.
Qualche battuta, anche qualche pizzicotto. Le ho detto che mi sto moderatizzando, che sto perdendo i miei eccessi e che non mi piace questo. Quali eccessi, mi ha chiesto?
Non c'era molto tempo per parlare di molti eccessi. Così, provocatoriamente, ho accennato a quelli sessuali, eravamo già a letto, io ero anche stanco.
Una volta studiavo l'arte del sesso. [...] Ero curioso di cose nuove, inesplorate. [...] Ti piacerebbe fare sesso di gruppo?
Con altre persone? No.
Qui però io ho percepito un brevissimo esitare.
Eppure, quella volta, io avevo intuito che ti piacerebbe essere scopata da due uomini.
Mi ha risposto ancora un no, non molto convinto.

Voleva far l'amore, io ero stanco e con la tirannia della sveglia, la mattina. Ella è libera nella sua professione, non risponde a nessuno, ha i suoi luoghi, non deve stare nei luoghi di un'azienda, con certi orari. Era curiosa di ciò che feci.
Quante volte? Alcune volte. Dai.. dimmi!
Ma dove? In privè, in casa.
Con chi?

Ho troncato la discussione.
Ecco, io ho troncato la discussione.
I sensi in festa e l'adrenalina che corre sono il raccolto, bisogna lavorare prima. E' come se fossi svogliato.



34 commenti:

  1. Guardando la foto penso a quanto male può fare farsi fare un tatuaggio di quelle dimensioni proprio lì...
    Per il resto..hai capito che da solo stai bene e quandio vi vedete state bene.
    Forse lei vorrebbe sentirti più spesso quando non vi vedete, ma il desiderio di stare in contatto o lo si ha o non lo si ha...forzarlo non ha senso. Peró se una persona ti piace davvero la voglia di sentirla almeno una volta nell'arco della giornata ti viene...per cui penso che si, ti fa piacere averla come buona amica con cui ogni tanto fai sesso e altre cose,ma non di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > almeno una volta nell'arco della giornata ti viene
      Nel corso della giornata ci eravamo già scambiati dei pensieri.
      A me non piace telefonare: preferisco scrivere o parlare anima e corpo a quattr'occhi.

      Elimina
    2. Ah ok...avevo capito male. Allora si tratta di modi di diversi di voler comunicare...magari potete alternare un po' le cose per venirvi incontro.

      Elimina
  2. tu e _mlero

    due yogurt non esattamente a lunga conservazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me invece dura finché UomoCoso la farà durare.

      Elimina
    2. si, sono d'accordo. ma questa cosa non depone a favore di UUIC, perchè confermerebbe una impressione che è mia ma non solo mia.

      Elimina
    3. Non è solo tua. Lo dico da anni.

      Elimina
    4. Ihihih, Alahambra. Ecco che sei sbucata con le tue conferme.
      Mi ha strappato delle sane risate.
      Grazie. :)

      Elimina
    5. Dai, scendiamo dal pero.
      Le relazioni perfettamente simmetriche sono utopia. Ci sono mille ragioni per cui esiste una asimmetria, dal fatto che uomini e donne sono diversi al fatto che ognuno viene da un percorso diverso e va verso un percorso diverso.

      Nella antichità, quando si viveva confinati nel limite del villaggio e quando c'erano priorità di sopravvivenza, ci si adattava. Oggi si regge tutto su un equilibrio delicato, labile, se vogliamo superficiale.

      Poi certo, un conto è l'istinto, un altro la ragione.

      Elimina
  3. se fosse come scrivi, una donna con delle aspettative, ti manderà a f.c. max entro la settimana prossima.
    E cmq non si gioca così con i sentimenti, per avere una scopata sicura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le "donne con delle aspettative" sono capaci di farsi ammazzare pur di non affrontare la differenza tra realtà e immaginazione.

      Secondo me in questo caso semplicemente UCoso è un uomo con cui si possono passare delle belle giornate e che a quanto pare chiava come un ossesso (qui rimane il dubbio se sia tutto vero). Posso immaginare che una donna, arrivata ad un certo punto pensi "vabè, cosa chiedere di più dalla vita di uno con cui so bene e che mi chiava come un ossesso?".

      Certo, c'è sempre la voglia di assumerne il possesso, il controllo, di metterlo dentro il recinto, l'UCoso selvatico. Ma anche cosi, va bene uguale.

      Elimina
    2. > a quanto pare chiava come un ossesso

      No.
      Ricorda che io sono rimasto, per cinque anni, senza attività sessuale (a parte un paio di trombate con _ina la rossa, poi un paio di orgette con _ira di cui solo una "seria", poi qualche slinguazzo con _sketti, _polfi e _tra).
      Posso certo dire che non sono proprio un chiavatore ossessivo. Anche ora, stiamo sul paio di volte alla settimana, forse anche una.

      Elimina
    3. Beh, a me non interessa particolarmente ma spero ti renderai conto che certe tue "cronache" sono pari o sopra certa cinematografia di genere.

      Comunque, banalizziamo la cosa, se la soddisfi, non ha motivo di cercare altrove.

      Elimina
    4. Tu hai sollevato la questione del presunto chiavaggio ossessivo che non è affatto ossessivo.
      Fine.

      Elimina
    5. Dai, già io di mio sono pedante e didascalico, qui me lo tiri fuori con le pinze.

      Io non ho scritto "ossessivo", ho scritto "come un ossesso". Etimologicamente significa "come un indemoniato, un invasato", non significa in maniera patologicamente ripetitiva, frequente.

      "ossesso" significa "seduto vicino a qualcuno", nel senso dell'assedio. In epoca cristiana ha preso il significato della tentazione e della possessione demoniaca.

      Quindi, se vuoi, "chiavare come un ossesso" significa "chiavare come un demonio".

      Ti torna meglio adesso?

      Elimina
  4. x Francesco:
    x S.:
    Guardate, io non ho alcuna strategia in testa.
    Vivo, giorno per giorno, il qui e ora.
    Penso che sia la prima volta, nella mia vita, con una donna.
    Sono sempre sincero, non faccio promesse, niente lusinghe, rimango orso.
    Non adotto alcuna strategia allettante, nessun zucchero relazionale. Io tendo ad essere trasparente.
    Quel che scrivo qui, sostanzialmente, lo dico anche a lei.
    Ieri mattina abbiamo fatto l'amore molto intensamente, poi ciascuno per la sua vita.
    Se c'è una cosa che proprio non sto facendo è giocare con i sentimenti. Mai detto nulla di falso su sentimenti.
    Ci sono gli apprezzamenti quando ci sono cose che mi piacciono, ci sono critiche e allontanamenti quando ci sono cose che non mi vanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io penso che tu ti comporti così perchè puoi permetterti di comportarti così. io non sono ipocrita e ti dico quello che penso. per dire, la tanghera tatuata giovane che frequentavi.... con quella ti sei zerbinato e di te ha fatto quello che ha cazzo voluto. e sai perchè? perchè era giovane, bella, intrigante..... _mlero non è giovane, non è bella (forse, ma sei tu che certo non la descrivi in modo diverso), intrigante non so. nel mercato degli uomini e delle donne sei in posizione dominante. non c'è niente di male, le relazioni affettive sono relazioni sociali e si fondano su rapporti di forza.

      Elimina
    2. _mlero è più giovane di me, a metà strada ca. tra _tra e me.
      _mlero è una donna piacevole ma ... non bella.
      certamente è fine, non è una bomba erotica come lo era A-Woman, come è anche _tra.
      Questa è una tessera del mosaico.
      Un'altra cosa che mi stupisce è che... _mlero tende ad essere accomodante, su alcune cose non mi manda al diavolo... A-Woman aveva un carattere forte e, paradossalmente, quei litigi confermavano anche un'alterità, una impossibilità di 8esagero) "domarla" e quindi ravvivava una tensione.
      Con _mlero mi sono messo in testa di seguire un approccio più razinale in cui non siano gli ormoni e la libido a comandare.
      Il risultato è... che ormoni, passione, libido non comandano. ;)

      Elimina
    3. donna piacevole ma non bella mi ricorda il "racchia ma simpatica" di quando si andava alle superiori. direi che sei stato chiarissimo

      Elimina
    4. No
      Anche io mi considero un uomo piacevole ma non bello.
      Piacevole non è racchia, Francesco.

      Dire che oltre al bello e racchia/brutta ci sono varie vie di mezzo.

      Elimina
    5. guarda, non voglio insistere oltre modo e parlare di chi non conosco (io so vagamente come sei fatto, ma di lei non so nulla), ma se guardo a me stesso e penso alle donne che ho avuto nella mia vita (dalla relazione di coppia alla scopata occasionale) non ho MAI detto o pensato di essere stato con donne non belle. magari non fotomodelle lituane o soubrette argentine, ma bene o male il mio cazzo è stato vicino a donne che reputavo SICURAMENTE belle. la semantica va a braccetto con l'estetica nel mio caso

      Elimina
    6. Francesco, sono contento che tu abbia avuto sempre delle belle femmine, come tue compagne. Nessuno lo mette in discussione. Diciamo che in questa pagina non è discusso questo, però! ;)

      Elimina
    7. belle femmine per me, sia chiaro!

      Elimina
  5. Mi domando ormai da tempo perché mai tu esponga il tuo rapporto con _ amlero a questo fiume di considerazioni/ valutazioni/ giudizi.
    Propendo per credere che il profluvio di particolari scaturisca da puro piacere esibizionistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché questo è un mio diario, diciamo abbastanza "anonimo" (nei limiti delle semplici precauzioni che adotto). Questa relativa anonimità mi permette di trattarlo come un vero e proprio diario. E in un diario una persona può scrivere anche queste considerazioni, eSSe.
      I particolari sono non granché, almeno rispetto a quanto feci con il diario della ex-coppia (ma quello era un diario esplicitamente erotico).

      Elimina
    2. ah che tempi, che tempi quelli !

      Elimina
    3. Pensa che con _mlero, avendo ella una gran testolina, ed essendo assai più disinibita e pure culturalmente favorevole alle sperimentazioni, pigiando un po' sull'eros creativo penso che si arriverebbe facilmente ad affacciarci su orizzonti nuovi, ampi.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Non può dirsi questo esattamente un diario perché si rivolge a un pubblico.

    RispondiElimina
  8. Non può dirsi questo esattamente un diario perché si rivolge a un pubblico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un diario è tale perché perché privato, eSSe?
      Buondì

      Elimina
  9. Il diario non è necessariamente privato. La sottolineatura che ho fatto nell'ultimo commento voleva rimarcare una mia impressione di gusto esibizionistico più che di dialogo col proprio sè. Quello che percepisco è che il bisogno di un confronto con altre menti sia minore rispetto al piacere di esibire. Insomma quest'ultimo aspetto mi sembra preponderante. Senza alcun giudizio, veramente.
    Sai cosa c'è? A me non farebbe gran che piacere leggere alcuni tipi d' intervento che, a volte, mi paiono entrare come a gamba tesa in faccende molto private. Con molta probabilità io ne uscirei un po' infastidita e vorrei proteggere il mio vissuto. Proprio perché in questo blog la realtà supera l' estro letterario, mi sono permessa di scrivere quel commento.
    Buonanotte

    RispondiElimina
  10. Il diario non è necessariamente privato. La sottolineatura che ho fatto nell'ultimo commento voleva rimarcare una mia impressione di gusto esibizionistico più che di dialogo col proprio sè. Quello che percepisco è che il bisogno di un confronto con altre menti sia minore rispetto al piacere di esibire. Insomma quest'ultimo aspetto mi sembra preponderante. Senza alcun giudizio, veramente.
    Sai cosa c'è? A me non farebbe gran che piacere leggere alcuni tipi d' intervento che, a volte, mi paiono entrare come a gamba tesa in faccende molto private. Con molta probabilità io ne uscirei un po' infastidita e vorrei proteggere il mio vissuto. Proprio perché in questo blog la realtà supera l' estro letterario, mi sono permessa di scrivere quel commento.
    Buonanotte

    RispondiElimina
  11. eSSe, io tengo un diario da lunedì 17 ottobre 2005. Il perché di un diario in rete è composto da molte tessere: certamente una di queste è un certo esibizionismo, certamente molto più vivo nel diario della ex-coppia. Ma non è certo l'unica tessere e ora, ha perso molta importanza.
    In quel diario mi allenai a interventi non solo pesanti ma anche petulanti, ossessivi: c'erano due o tre troll la cui esistenza, come noto, è il fare cagnara fine a se stessa. Uno di questi fu caustico oltre misura, talvolta con acume, anche se raramente, visto che ella/egli era succube della propria dinamica.
    Quindi ebbi tempo di sviluppare una certa scorza: diciamo che ad un certo punto decisi di impedire i commenti anonimi proprio per evitare i troll, evitando comunque la moderazione. Questo perché è vero che ci sono interventi a gamba tesa ma è anche vero che una certa libertà di espressione di critica, a volte può produrre stimoli interessanti.
    Qui di estro letterario non ce n'è granché e ora meno che in passato. Però quello che scrivo è reale. Diciamo che scrivo solo una piccola parte di quanto mi accade (e in questo periodo meno che in passato, per mancanza di tempo).
    Il mio pensiero, che mille volte affermai nell'ex-diario, è che la realtà supera di gran lunga la fantasia. Diciamo che, ora, ho perso non poco degli estremismi che mi piacciono tanto e quindi anche la realtà è meno estrema. Comunque...
    Grazie per il commento. eSSe. Sempre con stile e garbo.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.