sabato 8 ottobre 2016

Regno delle cose di mezzo

Esso, sono in mezzo al limbo. Sono nel regno delle cose di mezzo.
L'arrivo di _mlero mi ha allontanato da quasi tutti gli estremismi che mi piacevano, che ero.
O forse il regno delle cose di mezzo è, per me, l'estremo che non mi appartiene.
O, forse, è solo il tempo.



14 commenti:

  1. Pfft, avresti dovuto vedere come andava in giro mio fratello prima di trovare una che lo strigliasse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque è un peccato che tu sia impegnato, ti avevo trovato delle ottime candidate: leggi qui.

      Mille e non più mille, è evidente.

      Elimina
    2. Ahaha, sei finito in un covo della setta vegana/antispecista.
      Ohi, ohi, muoro dal ridere! Ahahaha.

      Una cosa che sconvolge questi fondamentalisti è proprio il fatto di riportarli alla realtà della diversità, della Natura che è anche selezione, competizione feroce, e tutte quelle cose terribilmente politicamente scorrette che sono tanto, tanto sbagliate.
      Il problema è complesso, grave, esteso anche lì: ugualismo, artificializzazione, sradicamento dalla Natura, urbanismo, etc. .

      Da tempo penso che tutte queste malattie del genere umano l'urbanismo e l'artificalizzazione spinta hanno un non piccolo ruolo.

      Nietzsche osservo', in Genealogia della Morale, questo essere fottuti, la necrosi de "lupo e agnello che il primo è cattivo e il secondo e', poverino, così buono".
      Sì, sì, proprio buono! Slurp. ;)

      Elimina
    3. Si ricollega a questo.

      Esiste comunque una differenza di genere. Negli uomini è radicato l'istinto del cacciatore, della uccisione, della materialità del vivere. Nelle donne invece no, subentra un "distacco" con la "natura" e hanno anche spesso un rapporto stranamente conflittuale con il corpo, vedi la faccenda della bulimia o della anoressia.

      Senza arrivare a certi estremi, ho osservato in passato che anche accudire gli animali da compagnia come se fossero figli è il segno che c'è qualche rotella incastrata.

      Non è il mio lavoro ma sicuramente c'è una casistica.

      Elimina
    4. Non aver figli è, per una donna, un dramma ecologico, esistenziale. Quante donne senza figli (spesso singole) si consolano con un animale da compagnia? Io ne vedo spesso in milonga, coi loro barboncini fuffettosi, coi loro cagnolini da borsetta. Molte di queste donne si ammalano di veganismo, ad esempio.
      La materialità del vivere, il radicamento nella Terra, nei suoi cicli di vita e DI MORTE, sono il dispositivo ecologico e quihdi spirituale principe!
      In un certo senso la mancanza di maternità per una femmina, una sorta di mancanza di iniziazione, un po'come la perdita della dimensione virile, marziale, per i maschi.
      Da questi problemi non possono che seguirne altri.

      Elimina
    5. L'avevo pensato anche io ma:

      1. io non ho figli, prendo in prestito quelli di mio fratello come se fossero i miei. Esattamente come è previsto che io faccia nel meccanismo del clan, fino dalla notte dei tempi. Mio fratello ha i figli e ha un cane. Credici o no, lui spende piu tempo per il cane, lo dice lui stesso. Una cosa che per me sarebbe impensabile, si carino il cane, mi ha anche preso in simpatia, lo ammazzerei senza pensarci un attimo se dovessi sfamare un nipote-figlio. Tu vai al parco e vedi facilmente che la gente, donne e uomini, hanno un rapporto malato, perverso, con gli animali da compagnia.

      2. anche le donne maritate e con figli hanno problemi ed idiosincrasie rispetto alla loro "corporeità" e alla "natura". Oltre diete e idiosincrasie alimentari, facci caso, gli uomini si esprimono fisicamente, vedi la tua "virilità" sui sentieri appenninici. Per la maggior parte delle donne è incomprensibile, bello il paesaggio, non ci si può arrivare in macchina, magari due passi coi tacchi alti? E' paradossale se pensiamo che le donne più degli uomini vivono di cicli e concepiscono la vita. Eppure, nello stesso momento è come se avessero perso un pezzo.

      Quindi la mia conclusione è che questo "distacco" è in parte indotto da un condizionamento e in parte connaturato.

      Elimina
    6. "I maiali non esistono in natura. Sono prodotti ed allevati solo per essere macellati e trasformati in cibo, colla, pennelli e altre cose. Ci si esercitano anche i chirurghi sui maiali."

      Buahahhah! Ma Lorenzo, vuoi far venire una sincope a ste povere animaliste antispeciste che già soffrono per via dei presidi ai mattatoi. Insensibile e irrispettoso!

      A volte penso che a certa gente servirebbe davvero una guerra (come dicono tanti vecchi), così magari scoprirebbero qual è il vero ordine della Scala Naturae.

      Elimina
    7. Vero, sono insensibile. Però irrispettosi sono loro, che disprezzano gli avi.

      Esagerato, una guerra. A parte che ci pensano i "nuovi italiani" a mettere tutti in riga a ceffoni, basterebbe tenerli due settimane in un bosco senza niente da mangiare o da bere.

      Caspita, devo chiamare il marito della Parodi, sindaco di Bergamo credo, perché ho appena inventato un nuovo show televisivo.

      La serie sadica "il bosco dei vegani".

      Elimina
    8. Il guaio è che quando è diventato sindaco, il marito della Parodi da bravo miliardario cantava "Bella Ciao" coi suoi amichetti.

      Elimina
  2. O forse il regno delle cose di mezzo è, per me, l'estremo che non mi appartiene.

    O, forse, il regno delle cose di mezzo E', per te, l'estremo che TI appartiene QUI e ADESSO ...
    Lascia perdere il cosiddetto “invecchiamento” ( ah, il tempo ) : non mi sembri confuso e babbeo, e magari come prodotto derivato dal confronto con _mlero c'è una quiete compiaciuta, sorniona, appagata del proprio punto di vista, sui fronti abituali;
    { che poi, le battaglie contro i mulini a vento – la moltitudine che ragiona con un reticolo di enti dissimili dai tuoi – sono spossanti e alla lunga sfibrano, o peggio ...
    essere consapevole del proprio, e starsene un po' sulla riva del fiume a guardare, è saggio }.

    Chissà.

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cause dei problemi, del malessere e le soluzioni sono quasi sempre in te.
      L'invecchiamento ovvero il calo del testosterone NON è affatto una cosa trascurabile: significa che i rapporti con l'altro sesso di deerotizzano, piano piano.
      Significa che il propulsore dell'attrazione perde vigore.
      Mentre i problemi di impedenza con l'altro sesso, quelli, rimangono tutti.

      Elimina
  3. Ma smettila dai.... tutta una posa la tua... una sorta di pensiero debole snob... poi vediamo che succede quando ti manderà a fare in culo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco, io osservo un panorama, un paesaggio.
      Sono anche troppo onesto per non rendermi conto che quanto lo compone è costituito da molteplici cose.
      Che la cosa sia snob o debole conta poco.
      A volte penso che io stia tirando la corda quasi, volessi implicitamente, che ella rompa la relazione.

      Elimina
    2. allora sei molto più che snob

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.