mercoledì 11 febbraio 2015

Pronto per il tuo funerale - 3



(Pronto per il tuo funerale - 2)

Qui in alto a sinistra vedo come sarà l'Europa tra qualche anno. Gli europei? Non si vedono, sono là sotto. Mare Lorum è stata una fase molto efficace nel progetto di destabilizzazione e balcanizzazione europea e di inibizione del suo sistema immunitario.
Fortunatamente altri paesi d'Europa sono intervenuti per contenere la follia filomassmigrazionista non so se italiota o cattocomunista. Non che si sia passati a misure efficaci, ma almeno non si lavora più così alacremente e sistematicamente alla Grande Catastrofe, per dirla alla palestinese.
Sento l'odore di uovo marcio delle scoregge ipocrite dei vari scafisti bianchi, accoglientisti_senzaseesenzama_acasatua scandalizzati, orribilizzati e della loro catechesi supercazzolante. Io sono contento. Duecento in meno.  Immagini che dovrebbero essere divulgate in tutti i paesi d'origine. Una volta rifocillati i superstiti, imbarcati su arei per i rispettivi paesi d'origine per un rimpatrio entro quarantotto ore.
Io sono su quel camion e non posso che rallegrarmi del fatto che l'assalto sia stato spostato anche solo di poco, che qualcosa, per quanto piccolo, sia andato storto. Io ancora riesco a rallegrarmi quando so che il mio funerale viene spostato un po' più in là, anche solo di poco.

Ricordavate gli Anania sedicifigli a cui state pagando tutto e di più? La catechizzazione delle masse alla crescita del teratoma e gli sforzi per l'intensificazione della zootecnia umana intensiva non accennano a diminuire. Alacremente essi lavorano per il tuo funerale.

44 commenti:

  1. UomoCoso, insisto.
    Finche non ti metterai in testa il concetto che la "immigrazione" non è un fenomeno spontaneo, non riuscirai ne a capire come funziona ne a concepire un modo concreto per arrestare il fenomeno.

    Il rimpatrio è come un cerotto che tu metti ogni volta che io vengo da te con una forchetta e ti pungo su un braccio. Capisci bene che la cosa più furba da fare non è mettere il cerotto ma togliermi la forchetta di mano e magari darmi qualche calcio nel culo che mi dissuada dall'idea di andare a cercare un'altra forchetta.

    La parola "italiota", lo ripeto per la milionesima volta, significa "colono greco che abita nel sud italia".

    Dal punto di vista "cattocomunista", noi siamo colpevoli per il nostro benessere. Qualsiasi cosa ci capiti è solo una giusta punizione.

    Ovviamente, nelle prime due categorie trovi chi in questo vede un posto pubblico e una tutela, chi ci vede la ribellione verso i genitori e il gusto perverso della trasgressione. Tanto ognuno di loro è convinto che ci sarà sempre un "fascista" a cui verrà messo nel didietro invece che a loro, che sono nel giusto.

    Nella terza categoria ci sono quelli che sul "pentiti peccatore" hanno costruito imperi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Italiota: Sabatini Colletti ne riporta anche l'accezione dispregiativa.
      Anche il Garzanti.

      Elimina
    2. > Il rimpatrio è come un cerotto

      Sulle misure da prendere per contenere prima e ridurre poi il problema ho già scritto.
      Il rimpatrio sistematico è solo una delle misure.
      Cosa intendi con "togliermi la forchetta"? Quali misure?

      Elimina
    3. Ne sono consapevole. Sono un numero infinito le "mode" a cui io mi rifiuto di allinearmi.

      Elimina
    4. UomoCoso, i servizi di intelligence sanno benissimo da dove partono le navi-madre che scaricano gli immigrati a poca distanza dalle coste, sanno chi dove e come gestisce la logistica, sanno anche chi sono i finanziatori. Per altro, la stessa cosa si può dire per le milizie fondamentaliste che hanno preso il potere dopo le famose "primavere arabe" che i nostri "cattocomunisti" hanno festeggiato alla stessa stregua della elezione di Obama (in quel caso però nero e democratico ma sopratutto perché nero).

      Ora, sapere è metà del meccanismo. L'altra metà consiste nel fare. E noi, inteso come i governi, non vogliamo fare. Non vogliamo fare perché prima bisognerebbe affacciarsi al balcone di San Pietro ed annunciare che tutto quello che ci hanno raccontato negli ultimi x mila anni è una fanfaluca. Metafora che include tutte le ideologie attualmente egemoni, ovviamente.

      Se poi mi chiedi di andare nel pratico, la soluzione è una sola e cioè riprendere la politica coloniale.

      Elimina
    5. Le civiltà iniziano a collassare quando investono in valli difensivi.

      Elimina
    6. I cinque principali fattori di collasso, secondo Jared Diamond sono:

      o - sovrappopolazione e degrado ambientale
      o - mutazioni e modifiche climatiche
      o - anacronismi culturali, morali, religiosi che impediscono risposte risolutive per i problemi
      o - vicinato (culture limitrofi) ostile
      o - interdipendenza

      Al balcone di San Pietro ci sta lo scafista bianco n.° 1.

      Dunque tu pensi che la miglior difesa sia l'attacco.
      I grandi imperi (URSS, romano...) erano talmente espansi / in attacco in zone così grandi.... che poi sono collassati.
      In realtà, anche le culture hanno cicli e sono destinate alla senescenza.

      Elimina
    7. Il collasso inizia quando si smette di crederci. Gli aspetti pratici e logistici sono solo una conseguenza.

      "Dunque tu pensi che la miglior difesa sia l'attacco"
      Si. Non lo penso io. E' un fatto.
      Comunque in questo caso non si tratta di "attacco" fine a se stesso ma di andare ad imporre un qualcosa di analogo alla "pax romana".

      Elimina
    8. Onestamente a me sembra veramente strano doverle scrivere certe cose tanto sono banali.

      Elimina
  2. io dico solo una cosa. quella immagine l'ho messa prima io e tu me l'hai copiata-

    sulla tua felicità per i duecento morti che posso dirti..... l'ho scritto qualche tempo fa da Lorenzo.... magari verrà un giorno in cui anche noi, o i nostri figli più facilmente, saremo costretti ad andare via - che può anche non essere a causa di ragioni economiche - e forse qualche piccolo (piccolo, non grande neh) scrupolo di coscienza fattelo, intorno alla tua zona di comfort. perchè tu lo sai di vivere in una zona di comfort vero ? perchè essere nati a NYC, Cassina de Pecchi e Timbuctu non è esattamente la stessa cosa, questo lo sai si ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e per carità, se sul tavolo c'è solo mezzo panino e siamo in tre a digiuno da 48 ore intorno allo stesso il primo che arriva vince. ma non è che agli altri due sono dei pezzi di merda.....

      Elimina
    2. Francesco, la tua testa funziona male. Non so come dirlo con altre parole.

      Primo, esiste sempre il solito paradosso che in una società al collasso la gente muore di guerra, di epidemia, di carestia ma non ci sono le risorse per organizzare emigrazioni di massa. Per quello serve un surplus di risorse molto consistente.

      Secondo, l'idea che "non sono pezzi di merda" la esprimi perché questi non stanno facendo la cacca nel soggiorno di casa tua. In quel caso cambieresti opinione.

      Terzo, come scrivevo sopra, il fatto che tu pensi "magari un giorno" è la ragione per cui "un giorno" è domani, invece che tra mille anni. E' la ragione prima. Quindi per me tu sei il nemico in casa.


      Elimina
    3. > quell'immagine l'ho messa prima io

      Eh!?
      Io ho gugglato le immagini per "immigrazione" e ho utilizzato la dodicesima.

      > felicità per i duecento morti
      Io non ho scritto "felicità". Ho scritto che sono contento. Sono cose diverse.
      Il confine è labile tra alcuni tipi di emozione.
      Direi sollievo. Ecco, sollievo e contentezza.
      Lo scampato pericolo non mi da sensazioni di felicità, personalmente, ma di sollievo e serenità ritrovata.


      Certamente io sto già pensando in prospettiva e la prospettiva è, semplicemente, il mors tua vita mea ovvero di una colossale e spaventosa guerra tra sterminate moltitudini di locuste.

      Come ho sottolineato molte volte, queste masse non sono nate per caso, come raperonzolo o perché qualche cicogna ha del tutto casualmente scaricato qualche centinaia di milioni di sacchetti di tela con, per caso pargoli dentro.
      Nel 2015, anche nel secondo e terzo mondo, le nascite sono quasi sempre volute, pianificate, etc.
      Tu pensi che il padre della Kyenge e le sue varie mogli abbiano per caso sfornato 38 pargoli? Nel 2015? Con i cellulari e i televisori sì ma i profilattici e la pillola no?
      Ma dove vivi, Francesco?

      Elimina
    4. Ma che guerra delle locuste, la soluzione l'ho scritta sopra. Solo che non riusciamo nemmeno ad immaginarla.

      Elimina
    5. E che muoiono quelli sbagliati Francesco, il che è un problema non da poco.

      Elimina
    6. Alahambra, io sono stato assolutamente limpido rispetto alla feccia falsipocrita della accoglienzasenzaseesenzamaacasatua.
      Io non ho alcuna tensione altruista nel considerare la vita degli altri superiori alla mia ne tantomeno nel volermi suicidare o immiserire per essere coerente a 'sta fanfaluca.
      Il caso dei conigliastri cattolici Anania è proprio una degli egoismi straripanti e senza limiti che si riversa sulla tua vita.
      Se tu osservi che essi sono egoici e incontinenti, qualcuno dirà che tu sei egoista e intollerante.
      Io invece penso che ci son casi in cui è "giusto" e opportuno che essi muoiano.
      Vogliamo metterla sul piano dei rapporti di forza? Beh, se così ci sta pure che muoiano quelli "sbagliati". O è meglio che crepino quelli "giusti"?

      Elimina
    7. @Lorenzo: la teoria del nemico in casa che pure capisco (nel senso che capisco il tuo punto di vista) non c'entra nulla con quello che io ho scritto. non più di qualche decennio fa per sopravvivere uomini come me e te non hanno esitato a mangiare dei cadaveri di uomo. cosa che normalmente non avrebbero fatto.
      l'esempio del panino non è altro che quello della cacca in soggiorno fatto da te. è l'istinto di sopravvivenza. o se preferisci, è la tragedia della storia e dei rapporti di forza. ma non è che la storia ha sempre ragione e i vincitori sono migliori dei vinti. e guarda che per ovviare a questo problema, se mai esso si presenterà, si costruiranno contrariamente a quanto ritieni degli enormi muri di cinta. come ho scritto tempo fa c'è un bellissimo film chiamato "i figli degli uomini" che descrive questa neanche tanto ipotetica società futura. quindi non mi scandalizza pensare che un giorno mia figlia, il figlio di UUIC o tuo nipote possano essere nè più nè meno degli attuali quarantenni del Niger o della Sierra Leone. ma non diciamo però che sia una prospettiva interessante. magari li scopriremo pronti a migrare clandestinamente in India, Cina e Brasile.

      @UUIC- in questo post stai dicendo un mare di cazzate perdonami. non guardare al padre della Kyenge ma alla Kyenge. quanti figli ha? di certo non 38. oggi nel nostro meridione un tempo prolifico si fanno meno figli che in Lombardia. le cose cambiano e lo sai benissimo. se anche ci fosse una politica demografica intelligente le migrazioni ci sarebbero lo stesso. i cinesi del figlio unico sono emigrati alla grande, per dire. e comunque caro mio, io spero per tuo figlio, di sicuro un pappamolle mollaccione come tutti gli adolescenti, di avere gli anticorpi per combattere e per migrare all'occorrenza. ma dubito fortemente. perirà.

      Elimina
    8. " ma non è che la storia ha sempre ragione e i vincitori sono migliori dei vinti"

      Questa frase mi risulta incomprensibile. Cosa significa che un concetto astratto come la sttoria "ha sempre ragione"? La storia non esiste, è una invenzione lettteraria che può avere più o meno relazione con degli eventi avvenuti nel passato. In quanto invenzione, ognuno ne ha una diversa. Per esempio i tagliatori di teste orientali dicono "crociato" come se fosse un insulto mentre per noi, se non fossimo marci dentro, dovrebbe descrivere un guerriero che si offriva volontario per liberare i Luoghi Santi dalla occupazione araba (originariamente per restituirli all'impero bizantino, poi per assoggettarli alla cristianità latina come feudi).

      Cosa significa "i vincitori sono migliori dei vinti"?
      A parte che se per la stessa considerazione si dovrebbe dire che i Tedeschi non erano peggiori degli Alleati e tantomeno dei Partigiani, qui tu stai dando una valutazione di ordine morale. Peggiori agli occhi di Dio?

      "e guarda che per ovviare a questo problema, se mai esso si presenterà, si costruiranno contrariamente a quanto ritieni degli enormi muri di cinta"
      Ovviamente no.
      Siamo più sotto la clina del declino, non siamo nella fase della costruzione del Vallo di Adriano, siamo invece negli ultimi secoli quando si inquadravano i Germani nei ranghi dell'esercito e gli si davano le terre (ormai disabitate) ben dentro il limes per accollargli l'onere di difendere l'Impero da altri Germani che stavano fuori.
      Non costruiremo un muro, cercheremo di assoldare i barbari per farci difendere da loro e nello stesso tempo manderemo carri pieni di monete d'oro (fasulle, lega d'oro artefatta) con sopra le nostre sorelle.


      "imagari li scopriremo pronti a migrare clandestinamente in India, Cina e Brasile."
      Non hai la minima concezione di cosa ci voglia per spostarsi dall'Italia alla Cina o al Brasile. Siamo sempre li, straparli, farnetichi. Non hai ancora capito che nessuno "migra" di sua sponstanea volontà a piedi senza niente ed attraversa gli oceani con un canotto.

      Inutile, è come parlare coi Testimoni di Geova.

      Elimina
    9. A riprova di quanto ho detto, la Libia non è una colonia Italiana, come dovrebbe essere, stiamo lasciando che ci fermenti il banditismo tribale e le milizie fondamentaliste e poi mandiamo le navi militari a caricare gli immigrati.

      La ragione non è nelle Sacre Scritture a proposito di vinti e vincitori che hanno ragione ne pratica, la ragione è che l'Italia è governata da gente come la signora Boldrini, la quale desidera "equalizzare" Libia ed Italia, Libici ed Italiani, tutto il mondo e tutte le persone. A costo di fare tabula rasa di tutto.

      Elimina
    10. > stai dicendo un mare di cazzate

      ?

      > non guardare al padre della Kyenge ma alla Kyenge. quanti figli ha?

      Allora: il tasso di fertilità delle italiane è di ca. 1.3 / 1.4 figli per donna. Il tasso di fertilità delle immigrate era quasi di 2.3 figli a donna.
      Il tasso di stabilità demografica è di 2.1 figli a donna.

      (cerca
      NATALITÀ E FECONDITÀ DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE
      2012
      Istat
      ovvero vai qui: http://www.istat.it/it/archivio/104818
      )

      Io non riuscito a trovare dati segmentati per provenienza: immigrate russe o ucraine quasi certamente faranno pochi figli. Quindi significa che marocchine o nigeriane faranno più figli di 2.3 a testa.

      Quando io sono già stipato e alla mia scatola di sardine si aggiunge la Kyenege e parte dei suoi 37 fratelli, questoè GIA' un problema.
      Si capisce?

      Certo che potrebbe ulteriormente aggravarsi (come è, visto che gli stranieri e per invasione diretta e perché fanno più del doppio dei figli degli italiani annullando la decrescita degli italiani e portando la crescita ad un tasso folle del +1.8% in un solo anno).
      Ma il fatto che un problema già grave non sia, nel caso della Keynege, ancora più grave a me non pare di alcuna consolazione.

      Le migrazioni ci sono finché non vengono contrastate.
      Mio fratello mi ha raccontato cosa succede in Qatar, ad esempio.
      Non capisco perché misure che si adottano in altri paesi non solo non si vogliano adottare qui ma vengono addirittura credute impossibili.

      I nostri figli saranno le prime vittime complete di questo assalto migratorio. Complete perché già la nostra vecchiaia sarà assai stentata.
      E già ora, come ho vissuto più volte di persona, il degrado e la violenza delle migrazioni di milioni di senzarte ne parte sta facendo peggiorare velocemente la qualità della vita.

      Questo, però, mi sembra che non ti sfiori neppure, visto che ritieni che non possa essere affrontato e lo credi ineluttabile.
      Inoltre tu ritieni già ora giusto? un diritto? che tua figlia e mio figlio migrino. Dove?
      Hai chiesto agli abitanti del paese in cui essi si trasferiranno se sono d'accordo?

      Elimina
    11. voi due mi sembrate sì caduti dal pero..... ma chi è che obbliga qualcuno a migrare ????? ci sono organizzazioni così capaci di manipolare militari milioni di africani e arabi ? così desiderosi di rischiare la vita nel canale di Sicilia non avendo alcunchè con sè? senza arte nè parte erano pure 100 anni fa i nostri emigrati negli Stati Uniti, Mario Cuomo è stato un pronipote di uno di questi, quindi non facciamo paragoni perchè sono i nostri figli che non sanno fare neanche le moltiplicazioni ed è per questo che sforniamo degli incapaci, quindi non diamo colpa ai migranti. il decadimento persino fisico della nostra società è evidente. la qualità della vita l'abbiamo peggiorata ben prima che arrivassero i barconi carichi di immigrati. non parliamo poi, ripeto, dei nostri giovani. un ingegnere pakistano è sicuramente ben più capace e soprattutto ha più stimoli di un ingegnere italiano. tra dieci anni - parlo della generazione di mia figlia - il divario sarà ancor più ampio. e per quanto riguarda un ipotetico futuro diritto alla migrazione di mia figlia, se sarà l'istinto di sopravvivenza a guidarla, dell'opinione degli abitanti del paese in cui vuole andare se ne fotterà altamente. l'unico problema sarà il muro di cinta. se troppo alto potrà scoraggiarla e allora tenterà di andare da un'altra parte.

      Elimina
    12. Sei un drone, un robot, una macchina.
      Da adesso non ti rispondo più perché è inutile.

      Elimina
    13. No no sono in carne e ossa come te. Solo che io a differenza tua non ho scelto di fuggire dall'idea che ogni cosa ha una sua complessità. E sto in mezzo alla gente ricordalo

      Elimina
    14. > voi due mi sembrate sì caduti dal pero.....
      'spetta.
      Lorenzo ed io abbiamo tesi differenti sul problema.
      Estremizzando: Lorenzo ipotizza che ci sia un disegno di ingegneria sociale planetaria
      Io sostengo che ci sono varie concause, tra le quali la crescita demografica, il capitalismo globalista, il cattocomunismo, lo scollarsi tra biologia e incultura, gli anacronismi culturali, la volontà di colonizzazione dell'Europa, il dirittismo.

      > ma chi è che obbliga qualcuno a migrare ?????
      Maledetto quel giorno che non salvai quel documento dell'Istat che segmentava i flussi migratori per censo sociale. La maggior parte dei flussi migratori sono dovuti a piccola e media borghesia dei paesi di origine che vuole migliorare il proprio tenore di vita e farlo il più rapidamente possibile? Come? Andando a fare i consumisti nei paesi consumisti.

      > 100 anni fa i nostri emigrati negli Stati Uniti
      1 - chiedere ai nativi ameridni cosa ne pensano
      2 - i migranti che non rispettavano le severe condizioni venivano reimbarcati sui bastimenti che tornavano in Italia per il prossimo carico (visitare il museo a Ellis Island).
      3 - Gli Stati Uniti erano vuoti (ovvero svuotati col genocidio dei nativi) e non una scatola di sardine come l'europa.

      > un ingegnere pakistano è sicuramente ben più capace
      Questo talvolta. Puoi avere ragione.
      C'è una componente di scenescenza, di regressione sociale dovuta all'agio.

      > dell'opinione degli abitanti del paese in cui vuole andare se ne fotterà altamente

      Questo testimonia, ancora una volta, la sostanziale violenza, lo spirito prevaticatore delle migrazioni.
      Quindi dallla prevaricazione una persona intelligente si difende anche con metodi molto duri, uno sconclusionato può arrivare a sostenerle addirittura qualche pretesa di giustezza. Del resto, si arriva sempre al pietismo garantista e giustificazionista per ogni possibile peggiore comportamento.
      Per quello Gustavo Olivi sottolineava sarcasticamente
      una certa ecologia dei leghisti: se vedono una merda la chiamano merda e non diversamente escremento

      "perche’ e’ nato e cresciuto in un contesto “povero” e privo di “role models” cui ispirarsi per poter diventare un cittadino educato, civile, tollerante, aperto, multiculturale, buono e comprensivo, e poi e’ finita che, spinto dalla “fame” e dalla “poverta'”, in mezzo a tante difficolta’ e incomprensioni, il “povero” privo di “role models” e’ ..."

      > sua complessità

      I problemi complessi devono essere affrontati su puù fronti sinergicamente.
      Nessuna persona sensata potrebbe credere che per risolvere un problema complesso non solo non si debba aggredire su molteplici fronti ma si metterebbe addirittura ad alimentarlo, ad acuirlo, a favorirlo.

      Elimina
    15. questa mattina a radio 24 un giornalista di LIbero ha detto quanto segue: "sarà politicamente scorretto, ma non ci possiamo come stato fare carico dei problemi dell'umanità".

      solo che quello è l'effetto al limite, o meglio il possibile scenario, non la causa.

      Elimina
    16. Detta in poche parole.
      Sulla scialuppa Europa da 10 posti, ci sono 70 o 80 persone.
      Ora ne altre 200 o 2000 a botte di 10 alla volta la arrembano.

      > non ci possiamo come stato fare carico dei problemi dell'umanità
      Ha sbagliato.
      Noi non siamo neppure stati capaci di limitare a 10 le persone imbarcate sulla scialuppa da 10.
      Puoi immaginare che strategie valide possono venire da quelli che si sono messi in 80 sulla scialuppa da 10, chiedono a ciascuna donna presente di fare 3 figli e poi applaudono e chiamano gli altri 2000 che stanno arrivando.

      Elimina
  3. Il problema è sempre quello: la deresponsabilizzazione delle persone lascia ampio margine ai peggiori comportamenti.
    La ricetta e la morale è sempre quella: responsabilizzare le persone sulle conseguenze delle loro scelte ed azioni applicandone ad esse gli effetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errore, la "responsabilità" significa che tu hai uno status per cui sei chiamato in giudizio a rispondere per le azioni tue e di chi dipende da te.

      Un generale dovrebbe essere responsabile dell'esercito che comanda. Ma prima devi formare un generale. Un fantaccino non ha la responsabilità del generale.

      Quindi, non si può pretendere la stessa "responsabilità" da tutte le persone se prima non si fa in modo che queste persone raggiungano uno "status" minimo che implica la minina responsabilità.

      Gli appartenenti alle prime due categorie della sinistra non possono essere responsabili di niente. Infatti si limitano ad eseguire.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ringraziare i francesi e gli USA che hanno bombardato la democrazia sulla Libia.

      Elimina
    2. Si si ma torniamo alla "soluzione" di cui si parlava sopra. A parte che ti pregherei di usare la parola "democrazia" in un contesto dove questa parola abbia almeno un vago significato. Non esistono democrazie islamiche. Se fossero esistite avrebbero avuto anche senso le "primavere" ma siccome non esistono, siamo semplicemente passati da dittature tribali a banditismo tribale e/o a sedicenti "califfati".

      Elimina
    3. Anche te fai l'errore consueto e cioè sovrapporre certe categorie ad un contesto completamente alieno. Questo tipo di errore non solo porta a trarre conclusioni sballate ma non ti permette di vedere le alternative.

      Elimina
    4. > Non esistono democrazie islamiche.

      Stai sfondando 'na porta aperta, Lorenzo.
      Non esistono le democrazie qui, figuriamoci quelle bombardate in Iraq, in Libia, in Afganistan.

      A volte penso che essi non abbiano tutti i torti ad odiare il falso ideologico che abbiamo bombardato loro addosso.
      Essi si rendono conto che - cito sempre Massimo Fini - NON vogliono prenderlo nel culo tanto meno col loro consenso.

      Elimina
    5. No. Non hai capito.
      Le democrazie per esistere hanno bisogno di un certo substrato che nei Paesi islamici non esiste e non è mai esistito. Non dipende dalle bombe.

      Certo, se bombardi qualcuno, questo qualcuno si incazza. Quindi conviene bombardarlo abbastanza da non dargli l'opportunità di replicare. Siccome "bombing the enemy into submission" è una strategia chiaramente fallimentare perché la "submission" la ottieni solo con "boots on the ground", come dicevo sopra non bastava bombardare la Libia, bisognava pacificarla e per pacificarla bisognava azzerare le elite locali che sono quelle che adesso capeggiano le milizie tribali e i califfati.

      Elimina
    6. E le cose che dico non le invento, vengono da una esperienza millenaria di imperi coloniali, fatti e disfatti.

      Avere tutto attorno delle zone di guerra non è igienico per l'Italia e per l'Europa. Sarebbe il caso di prendere la cosa in mano prima che ci scoppi in faccia. Oppure declinare e sparire.

      Elimina
    7. > Non dipende dalle bombe.

      Accidenti, Lorenzo, mi obblighi a spiegare cosa intendo per acqua calda.
      Eseguire delle azioni armate di assassinio e di rimozione delle loro dittature e farlo con delle ipocrisie che consistono nel fatto che ciò è giusto per il "dritto alla democrazia" e altro stupidame del genere è oviamente folle anche dal punto di vista politico e sociologico.
      La democrazia cos'è?
      E inoltre, non è che si può esportare come la Coca Cola o i furbofoni samsung.
      Le forme di governo e gestione del potere non possono che essere il risultato di un evoluzione che, se imposta dall'esterno, non è ne evoluzione né stabile.
      Hanno assassinato Gheddafi e questi sono i risultati.
      Chi semina vento raccoglie tempesta.
      Non puoi imporre lo Scia come hanno fatto le canaglie USA in Persia.
      Prima o poi il fantoccio viene fatto fuori.

      In ogni caso rivogersi a sinistra, non qui.
      Là dove sono amicissimi dei fratelli mussulmani, tunisini, siriani, libici, etc. .
      Suonare Vendola, Bergoglio, Boldrini, Mogherini, etc.

      Elimina
    8. La democrazia è il meccanismo secondo cui un gruppo più o meno consistente di abitanti di un certo posto ha la facoltà di nominare i propri dirigenti.

      La cosa che manca perché ci sia una democrazia nei Paesi islamici è tutto il percorso che parte dalle città-stato e arriva fino alla costituzione degli Stati nazionali. La stessa cosa che manca nel meridione d'Italia e i risultati li vedi. Quello che in altre parole si chiama "senso civico", dal concetto di appartenenza ad una Polis.

      Tu continui a fare ragionamenti di tipo moralistico.
      A me invece non importa che abbiano assassinato Tizio o Caio ma che non l'abbiano sostituito con un governatore alla Ponzio Pilato con tanto di legione al seguito.

      Rivolgersi a sinistra? A sinistra aggiungono al tuo "semina vento" masochista la soluzione di portare la tempesta a casa.

      Elimina
    9. Comunque se pensi che certe cose accadano per caso, siamo sempre li, come non è casuale l'apparizione dal nulla degli immigrati, altrettanto non è casuale la sostituzione delle dittature nei Paesi musulmani con milizie tribali e califfati.

      La domanda da porsi è "cui prodest".

      Elimina
  5. essendo lil mondo islamico composto da una ammasso di tribu, è chiaro perchè le nostre elite vogliono gli islamici in europa, per distruggere gli stati nazionali. Gli islamici in Europa in effetti non sono un gruppo coeso ma un insieme di etnie diverse spesso in contrasto tra loro. Forse solo lo stato islamico ha una parvenza di statualità di origine europea

    RispondiElimina
  6. Diciamo però una cosa, che i francesi, non potendo emigrare in quanto re Luigi non aveva colonie, oppure era oneroso portarli nelle colonie, decisero, sempre comunque sobillati e organizzati, di porre fine al regno tramite la rivoluzione francese. La mancanza di emigrazione può creare malcontento che manipolabile per far cadere i regimi. L'emigrazione è un mezzo per mantenere lo status quo Tutti questi arabi che vengono in Italia hanno anche la funzione di spopolare i loro paesi, in maniera tale che le fazioni che le governano o che guerreggiano possano controllare meglio le risorse. La guerra infatti ha anche una funzione di spopolamento. Basti vedere la fine degli yazidi e dei cristiani, ma anche dei sunniti iracheni, sottomessi da un branco di stronzi provenienti dal resto del mondo che hanno l'obiettivo di proteggere nella sostanza i gasdotti strappati alla Siria per conto dei sauditi.

    RispondiElimina
  7. Si sta andando verso un mondo di profughi e emigranti,in un caos comunque ben organizzato

    RispondiElimina
  8. "Durante un'operazione di salvataggio alcuni uomini armati su un barchino hanno minacciato una motovedetta della Guardia costiera che stava soccorrendo un'imbarcazione con migranti a bordo, a circa 50 miglia da Tripoli. Gli uomini armati hanno intimato agli italiani di lasciare loro l'imbarcazione dopo il trasbordo dei migranti. E così è avvenuto. Il fatto sarebbe avvenuto tra le 15 e le 16 di questo pomeriggio. La motovedetta della Guardia costiera, una volta terminato il soccorso dei migranti, ha lasciato in mare l'imbarcazione usata dagli scafisti, che è finita quindi nelle mani degli uomini armati a bordo del barchino. Probabilmente, verrà usata per nuovi viaggi verso l'Italia. Il personale della Guardia Costiera a bordo delle motovedette che fanno operazioni di ricerca e soccorso nel canale di Sicilia non è armato."

    Ricordatevi cosa vi dico: uno di questi giorni al posto del "barcone" dei "migranti" troveranno un gruppo di simpatici tagliatori di teste che li prenderanno con tutta la motovedetta e poi ce li faranno vedere vestiti di arancione.

    Cassandra ha parlato.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.