mercoledì 24 luglio 2013

Betulle - 3

(Betulla - 2)
  • Una cosa che mi manca di quando facevo la boscaiola, era camminare da sola nel bosco, mi sentivo primitiva e forte.
    Sara, commento.

Ecco, una dei regali della Val Grande è stato questo commento e l'emozione evocatami da Sara e il verbo, il modo proprio per evocarla ed esprimerla.
Sentirsi primitivi e forti, selvatici.
Madre, in grembo tuo risiede la sapienza e la forza del Padre.



(fotodi_gdainvalgrande)

7 commenti:

  1. Subito dopo la laurea ed è stato il primo lavoro che ho trovato e ci sono restata 2 anni e mezzo nel bosco. Da lassù guardavo la Val di Magra, ed è stato un modo più intenso per amare la mia terra, che pur amo ancora oggi smisuratamente e il privilegio di aver svolto uno dopo l'altro lavori che mi hanno fatto prendere cura della sua bellezza.
    All'epoca del bosco è stato curioso il fatto di ritrovarmi compiaciuta, io che ero abituata a sentirmi fare i complimenti perchè ero carina e studiosa, nel accogliere invece gli elogi dei colleghi uomini per l'impegno e la serietà che ci mettevo in quel lavoro di forza,
    Ma già fin dall'antichità il geografo Strabone, sottolineava il fatto che noi donne liguri, avvezze alle fatiche del bosco e delle montagne fossimo forti "come gli uomini.

    RispondiElimina
  2. Claudio Risè usa "morgane" per donne selvatiche.
    Due anni e mezzo nei boschi dell'Appennino... uh che esperienza! Era una vita aspra quella dei montanari. E usurante!
    Però oggi molte persone vivono male e malate proprio per la mancanza pressoché completa di movimento fisico (notizia di ieri, il 52% dei bolognesi NON fa ALCUNA attività fisica/sport) e questo induce sensibili peggioramenti dello stato d'animo, è deprimente.
    La vita nella Natura è molto oltre il solo movimento fisico.
    Rende forti, sereni, agili come dei primitivi! :)

    RispondiElimina
  3. ( Premetto che due volte a settimana passo 3-4 ore nelle faggete e cerrete a funghi e raccoglier bellezza (Foto))

    RispondiElimina
  4. In media io ne passo 3 o 4 alla settimana.
    Di più nella bella stagione, un po' di meno nel resto dell'anno. Mi ricarica.
    Mi fa sentire... primitivo, forte, selvatico.
    A volte poi... vado in milonga. Che godurioso e sublime contrasto! (:

    RispondiElimina
  5. Mai bevuto il succo di betulla ?

    RispondiElimina
  6. No.
    Sapevo di alcune proprietà terapeutiche della betulla ma non sapevo che esistesse un succo di betulla. In effetti un po' di roba.

    RispondiElimina
  7. EH.
    I russi, ne vanno pazzi ... e la materia prima non gli manca : http://it.wikipedia.org/wiki/Ecosistemi_della_Russia .

    Asseriscono che faccia bene alla regolazione dell'intestino.
    Infatti, trovi il succo di betulla in qualsiasi bottega di specialità russe, anche da Kalinka in via Galliera ( a 30 metri dall'incrocio con via dei Mille ) a Bologna.

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.