giovedì 4 giugno 2015

Cognizione di sé

Col mio amico scienziato si parlava, tempo addietro, che uno dei pochi animali che hanno cognizione di sé è il polpo. E' uno dei motivi per cui egli non lo mangia più. Come hanno fatto, gli zoologi, a scoprirlo? Con un esperimento proprio basato sullo specchio.
Ora un fotografo francese Xavier Hubert Brierre (qui il suo canale sul voitubo) lo ha ripetuto in una foresta equatoriale del Gabon. Risultati spesso... esilaranti! Non ho capito se alcuni di questi animali hanno capito che vedevano loro stessi.


35 commenti:

  1. Bisogna anche dire che gli animali non percepiscono le cose come noi. I primati ci sono ovviamente più vicini ma sicuramente un cane viene confuso dal fatto che l'immagine nello specchio non ha odore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando altri canali estetici, come quello olfattivo, infatti le cose cambiano molto.

      Elimina
  2. E come hanno dedotto che il polpo e' cosciente di se?
    O come hanno dedotto che il polpo pensava "Oh, quello sono IO!!!" in polpico?

    Comunque a me piacciono di più le seppioline e i calamaretti, i polpi, boh, mia mamma non me li ha preparati mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo aveva spiegato ma... non me lo ricordo.

      Elimina
    2. Chiediglielo di nuovo, sono curiosa!

      (Grazie!)

      Elimina
    3. Per la cronaca, devo avere letto in giro che gli esseri umani si riconoscono nello specchio intorno ai due anni. Che poi è più o meno il livello di un primate di quelli che imparano il linguaggio dei segni.

      Ci sono due difficoltà insormontabili.
      La prima è che noi non possiamo indagare l'intelligenza aliena, possiamo solo cercare similitudini con la nostra. Esattamente per lo stesso motivo per cui le sonde della NASA non cercano la "vita" come concetto generico ma esattamente la vita per come la conosciamo sulla Terra.

      La seconda è che noi non conosciamo nulla sulla nostra stessa coscienza, quindi anche se troviamo delle similitudini, rimangono li come sono, non si può elaborare niente altro. Cioè l'unica cosa che si può dire è che un certo animale, posto davanti ad un problema "umano", lo risolve con una soluzione simile a quella che potremmo escogitare noi. Da questo non possiamo trarre nessuna ulteriore conclusione, non ci dice niente su come pensa l'animale e nemmeno sul grado di prossimità col pensiero umano.

      Queste considerazioni valgono per i mammiferi, figurarsi con gli invertebrati. Lo "scienziato" non sa se il polpo è consapevole.

      Elimina
    4. Articolo:
      "Behavioural evidence suggests that cephalopod molluscs may have a form of primary consciousness."

      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17240163?dopt=Citation

      Elimina
    5. ecco Lorenzo il tuttologo...ma stai sbagliando, almeno per ciò che riguarda la ricerca delle sonde spaziali nello spazio...chi fa l'idraulico,
      l'informatico o l'impiegato su quello può parlare, ad ognuno il suo mestiere. uff.

      Elimina
    6. Lorenzo, grazie!

      Qui il link al full article: Cephalopod consciousness: Behavioural evidence. Poi lo leggo.
      Se ti interessa e non riesci ad accedere al full text poi te lo passo.

      Comunque e' vero: mia figlia aveva circa 18-20 mesi quando, mentre la allattavo, si blocca di scatto e mi dice: "C'e' la bambina negli occhi della mamma!" .
      Era ancora il tempo in cui si dava del "tu", pero'... di se' stessa diceva "hai fame" o "vuoi dormire" e non "ho fame" "voglio dormire"... che interessante! (per me, almeno!) Si e' data del tu credo fino ai tre anni, lo ricordo chiaramente.

      Elimina
    7. Giusto per precisare che forse non si capisce: mia figlia ha riconosciuto la sua immagine riflessa nella mia pupilla... wow!

      Elimina
    8. S, mi fai ridere. Le sonde nello spazio non cercano la vita, la cercano solo su certi pianeti dove, come scritto sopra, si ipotizzano condizioni simili a quelle passate o presente della Terra.

      Adesso completa lo spettacolo comico, dimmi tu che mestiere fai.

      Elimina
    9. Anzi non me lo dire, lo vedo nella palla di vetro, sei un dipendente pubblico.

      Elimina
    10. Come sai, anch'io sono un dipendente pubblico. Direi che non è, non deve essere e non può essere un insulto (cerca altre formule più fantasiose, dài, questa ormai è consunta e tu hai una gran testa). Pensa che, nonostante io sia un dipendente pubblico, sono perfino consapevole del fatto che il concetto di "vita" può essere assai aperto, comprendendo potenzialmente anche forme assai lontane dalla nostra, e non solo dal punto di vista somatico.

      Elimina
    11. Invece è un insulto. Suck it up.

      Come tutte le cose, prima di parlare di "vita" bisogna intendersi sul significato della parola. La questione è complessa:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Vita

      Elimina
    12. Io sono alto 1.76, non mi pagano per questo.
      Rimane valido tutto quanto sopra.

      Elimina
    13. Be', messa in questi termini, devo cominciare a considerare un insulto anche "lorenzo"? Perché sei un fenomeno nel passare da ragionamenti oggettivamente d'alto profilo ad altri dove pare tu abbia svenduto l'ultimo neurone al mercatino dei pregiudizi. La cosa mi rattrista, perché è una manifestazione di precarietà nell'equilibrio. Cos'è che ti punge e, di quando in quando, ti fa traballare?

      Elimina
    14. Al contrario Sig. SchiacciaTasti. Lorenzo è di una coerenza cristallina, ed è precisamente quella che a voi manca.

      Elimina
    15. Alè, eccola col carico da undici!

      Elimina
    16. MrKeySmasher, bisogna saper resistere alle provocazioni di Alahambra.

      Elimina
    17. Comunque, per essere precisi, non di pre-giudizio si tratta ma di giudizio a ragione veduta, anzi, come esito di inaudite sofferenze.

      Infatti nessuno di noi, purtroppo, vive nel Paradiso Terrestre dove non siamo stati ancora maledetti e "con dolore partorirai figli" e "con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita" e "avrai a che fare con la Pubblica Amministrazione".

      A me fanno ridere due cose.
      La prima è l'orgoglio del pezze-al-culo. Un po' come l'orgoglio dei Napoletani con le montagne di immondizia alla finestra del primo piano.
      La seconda è l'idea che si possa avere la botte piena di tutte le tutele irragionevoli del "pubblico", che partono dal carattere prevalentemente assistenziale di tutta la P.A. e arrivano ai cortei dei sindacati che invocano "meritocrazia" ma guai a verificare sul serio e la moglie ubriaca del "rispetto" per il "pubblico funzionario", detto anche "servitore dello Stato", senza rendersi conto non solo del privilegio di cui sopra ma che gli sgherri dello Sceriffo non sono simpatici a nessuno a Nottingham.

      Elimina
  3. quindi la coscienza di te stesso te la darebbe lo specchio?
    ah ah ah questa è bella!
    gli scienziati hanno talmente la testa nelle nuvole che a volte non si rendono nemmeno conto delle castronerie che dicono!
    se fosse vero, infatti, , il berlusca denuncerebbe il proprio chirurgo estetico, la santanchè non se la tirerebbe così tanto e tanti, tanti esseri viventi appartenenti alla categoria homo sapiens non riuscirebbero nemmeno a passarci, nei pressi di uno specchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo specchio riflette solo la luce.

      Elimina
  4. ...eppure non mi viene meno voglia di mangiarmelo...
    con tutta la sua coscienza di se...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara' intelligente ma alla livornese con patate e prezzemolo non e' affatto malaccio! ;)

      Elimina
  5. Strabiliante è anche la capacità di memorizzazione di alcune scimmie. Questo , per esempio, mi aveva impressionato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "This monkey is better than College students at remembering sequences of numbers."

      !

      Elimina
  6. sembrano umani che guardano "amici" il programma della De Filippi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una battuta ma... non lo e'.
      Il fatto che altri primati abbiano un'etologia del tutto simile alla nostra ci stupisce, perche'noi crediamo sempre di ... non essere "bestie".

      Elimina
  7. Esperimenti coi polpi hanno rivelato che sono di una prontezza, una memoria e una capacità di immagazzinare esperienza, incredibile..

    RispondiElimina
  8. A me questa storia del polpo che si specchia mi fa pensare a un tronista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che a me invece richiama alla mente una vecchissima trasmissione con Umberto Smaila e le ragazze cin cin: Polpo grosso.

      Elimina
    2. Oh che graziose... polpettine! :)

      Mi chiedo come siamo riusciti a sopravvivere all'estetica degli anni '80.
      Ecco, ci hanno salvato le polpettine cin cin!

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.