mercoledì 22 luglio 2015

Misantropia termogena

Io sono nordico anche fisicamente.
Funziono bene con le temperature fresche e fredde.
Non rendo un cazzo al lavoro.
Mi sono trascinato a casa.
Ho dormicchiato sudando, col ventilatore.
Poi sono andato in milonga sotto le stelle, con un caldo merdafricano. Così si balla una tanda e si sta fermi due per asciugarsi.
Alle tre, scoperchiati, con _nni, nella notte, non un brivido, non una sensazione di freddo. Niente.
Sono arrivato in ufficio sudato e suderò tutta la giornata.
Inizio a detestare l'africa sempre più, la nostra specie tumorale causa di tutto ciò ancor più.

14 commenti:

  1. Vedo che anche alcune donne_lucertola che conosco iniziano a cedere.
    Ier non c'era _ica la mora del profumo che adora il caldo, il caldino, il calduccio, il caldaccio.
    Mi ha messaggiato che... non è venuta ieri in milonga perché... troppo caldo! (8|

    RispondiElimina
  2. AHAH...caro Man... la Natura è adattamento !!

    Chi non si adatta, muore. Quando verrà la prossima glaciazione, Madre Natura ti farà sapere.

    Oh, chiama lei, eh! Non ti preoccupare. Nel frattempo a Novosibirsk hanno bisogno di personale per prolungare la tratta ferroviaria siberiana. A -40 si congela mentre pisci, così puoi pure raccogliere e conservare il concimante in comode striscioline congelate... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se siamo ancora qui significa che natura non vincit omnia.

      Elimina
  3. Funziono bene con le temperature fresche e fredde.
    Non rendo un cazzo al lavoro.


    Guarda che tutti sono cosi'.
    Con il caldo, probabilmente sopra i 30-33 gradi, si lavora male.
    Soprattutto in ufficio dove non si può stare in mutande e canottiera, per esempio.

    I limiti fisici sono uguali per tutti, proprio perche' sopra da una certa soglia i meccanismi biologici cominciano a soffrire (funzionare male).

    RispondiElimina
  4. La macchina termica percepisce difficoltà nei processi di dissipazione del calore e inizia a lanciare i suoi
    Prego, rallentare! Prego, ridurre intensità, numero e durata dei processi! Prego, rallentare! ...

    > Guarda che tutti sono cosi'.
    No
    Credo che qualcuno, tempo addietro, misurò le capacità di adattamento alle temperature.
    Per il freddo misero un dito di persone di varia provenienenza in un secchiello ghiacciato, misurandone la temperatura dopo un tempo determinato.
    Gli africani avevano una resistenza al freddo decisamente minore, ovvero un sistema vascolare che lavora "male" (non porta caldo) alle zone esposte al freddo.

    RispondiElimina
  5. Gli africani avevano una resistenza al freddo decisamente minore, ovvero un sistema vascolare che lavora "male" (non porta caldo) alle zone esposte al freddo. infatti, a loro non serve questo.
    Ma invece bisognerebbe testare se le diverse provenienze dissipano il calore in modo diverso, a parità' di condizioni fisiche.

    Comunque, il fatto che non siano naturalmente adattati al freddo, potrebbe essere un punto a favore per confutare chi sostiene che dovremmo accogliere più immigrati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MIsurare la capacità di raffrescamento del corpo è più complesso, direi.

      > il fatto che non siano naturalmente adattati al freddo, potrebbe essere un punto a favore
      > per confutare chi sostiene che dovremmo accogliere più immigrati!

      Sarebbe un argomentare decisamente debole.

      Elimina
  6. "Io sono nordico anche fisicamente.
    Funziono bene con le temperature fresche e fredde."

    Idem. Il caldo, soprattutto quando è troppo, non lo sopporto e non lo tollero. Calcola poi che l'Emilia è in questi giorni è tra le regioni più calde e con un tasso di umidità spaventoso; in molte regioni non sanno neppure cosa sia l'afa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bassa padana è il luogo più caldo in questi giorni.
      Osservare questo diagramma in questa pagina.

      Ieri il caldo mi ha schiantato. Mi sono addormentato poco dopo le 22 e non ho neppure sentito una chiamata arrivata sul cellulare (dimenticato acceso) arrivata alle 22;25.
      Sui treni silenziosi come mai del ritorno osservo i volti tirati delle persone, occhi chiusi, quasi tutti si addormentano.
      Benvenuti nell'infernio della crescita delle temperatura dovuta alla crescita dei gas climalternati da inquinamento dovuti alla crescita economica e demografica.
      L'inferno della crescita qui e ora.

      Elimina
  7. Io sono mezza isolana e mi piace il caldo, ma deve essere secco. Cosi' no, decisamente. No.

    RispondiElimina
  8. vedrete cosa ci aspetta nei prossimi anni, il riscaldamento globale è inarrestabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il solito catastrofista.
      Pensa che ora R. ribasserà le tasse (non si può scrivere che aumenterà deficit e debito) per rilanciare consumi(smi) e crescita.
      Stai tranquillo, Arturo.
      Più CO2 per tutti in atmosfera!

      >;)

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.