martedì 6 ottobre 2015

Il gommista



Sabato mattina sono andato dallo sfasciacarrozze nell'altra valle e ho recuperato quattro pneumatici quasi nuovi, un cerchione per 50 euri. Direi che ho risparmiato almeno il 75%. Stamani sono andato dal gommista, mi ha fatto montaggio, equilibratura e convergenza, mi ha regalato un set usato per ruota di scorta, ha lavorato quasi un paio d'ore, 60 euri (ho visto che ha diminuito, per il montaggio, equilibratura da 10€ a ruota a 7.5€). Era stato bravo con la macchina estiva, mi aveva sistemato un problema ostico e così sono tornato, mi piace premiare le persone che lavorano bene. Lo osservavo affascinato nella sua maestria di movimenti veloci e precisi. Preferisco far lavorare le persone e manutenere le cose, che consumare oggetti, materia, riempire il mondo di oggetti seminuovi o semivecchi resi rifiuti, far funzionare le discariche aree (inceneritori), etc. . Lo so, facendo così, sono stato un problema per la crescita del PIL. Lo sono stato con molto piacere e soddisfazione.
Ci siamo anche messi a conversare un po', mi ha raccontato di come ha cucinato, lessandoli, dei marroni con qualche rubizza frase in dialetto che mi ha fatto sorridere. Mi sono preso tre ore di permesso al lavoro ma mi sono goduto l'economia, una base di relazioni umane.
Ecco, io penso che questa decrescita sia molto piacevole, non solo ecologica o locale o...

Peraltro osservo - riesco ancora a scandalizzarmi - che appena si parla di (merdosa ripresa della) crescita, c'è stato una raffica di orribili aumenti. Siamo sempre alle solite. E io odio. sempre più profondamente, le elegie e le apologie dell'inflazione.
Anche a quell'artigiano hanno annunciato qualche settimana fa, in occasione del rinnovo del contratto, un aumentato pesante dell'affitto ed egli li ha mandati a fare in culo, si trasferirà in un altro piccolo capannone nei pressi. La proprietaria così perderà in poco tempo il secondo affitto su tre in quello stabile. Gli ho detto che ha fatto molto bene, perché la sua azione è stata ecologica, educativa, ma vadano a scopare il mare, quelle merde! Io sto pensando di non frequentare alcune milonga che in questi giorni hanno aumentato il prezzo già irragionevolmente alto del 12.5% dopo aumenti in cascata (in quattro anni quasi il 30%, un'altra del 25% in due). E' doveroso impegnarsi contro questi aumenti ingiustificati, premiare la moderazione nei prezzi e bastonare, in tutti i modi possibile, l'ingordigia.

36 commenti:

  1. Il consumismo cieco e becero degli anni pre crisi che spingeva a cambiare le cose ben prima del loro naturale esaurimento per fortuna è diminuito. Da anni mi vesto con cose acquistate ai mercatini, e rivendo o riciclo ciò che non uso più ma è ancora in buono stato. Si. ..forse l`economia girerà di meno a causa nostra. ..ma il portafogli e l`ambiente ringraziano...

    RispondiElimina
  2. Il consumismo cieco e becero degli anni pre crisi che spingeva a cambiare le cose ben prima del loro naturale esaurimento per fortuna è diminuito. Da anni mi vesto con cose acquistate ai mercatini, e rivendo o riciclo ciò che non uso più ma è ancora in buono stato. Si. ..forse l`economia girerà di meno a causa nostra. ..ma il portafogli e l`ambiente ringraziano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto.

      Noto che gongolano, la demagogia di R. straripa, aboliamo questa tassa, aboliamo quella.
      Adesso la ripresa dei consumi... e giù applausi (non so se a Radio 24 ma ho sentito che c'è stata una ripresa netta delle importazioni, che mi vien da bestemmiare, la crisi 2009 - 2015 non ha insegnato nulla ma proprio nulla a il_bobbbbolo dei politicanti, dei consumisti, dei economicastri, dei venditori di fumo).

      Elimina
    2. Per forza che c'è una ripresa delle importazioni (e del PIL, ovvero del giro d'affari lordo)... quanta gente abbiamo importato da un anno a questa parte, in percentuale sul totale degli abitanti già presenti? Qual è il rapporto tra quella percentuale e la percentuale della ripresa delle importazioni e del PIL? Trasparirà mica qualche nesso? Quanto fa due più due?

      Elimina
    3. Demenziale che in un servizio replicato in pari pari in più tg mi sia capitato di sentir inneggare entusiasticamente al fatto che finalmente l'inflazione stia aumentando... certo, a redditi fermi o in calo un aumento dell'inflazione è manna dal cielo. Chissà perché non ci avevo pensato.

      Elimina
  3. Sono appena andato a ritirare lo scooter dal meccanico. Perdita di olio da qualche guarnizione. Mi ha detto che ci sono altre perdite ma non vale la pena di smontare tutto per cambiare le guarnizioni. E' che il mio scooter è quasi nuovo pur avendo 15 anni, quindi lo uso finché non muore. Mi ha controllato la trasmissione, cambiato il liquido del radiatore, gonfiato le gomme, 120 euro. Non so dire se è tanto p è poco, però so che qui trovare gente che lavora bene è molto molto difficile. Ho visto moto uscire dal meccanico e perdere una ruota.

    Poi sono andato dal ciclista per chiedere se posso sistemare il cambio della bici che ho recuperato da un amico, mi dice che no, me lo tengo cosi. Va bene, tanto non ci devo fare il Giro D'Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia vecchia auto non estiva va abbastanza bene, è assai spartana, consuma non eccessivamente (comunque la uso poco).
      Valore: zero.
      Se mi viene addosso uno, forse mi pagheranno le spese del carro attrezzi e di demolizione.
      Ma io continuo a fare una manutenzione sistematica, puntuale, rigorosa.
      Mi dicono che "non conviene" ma essi usano il criterio del solo aspetto economico e diretto e di breve termine.
      Io la uso e faccio il possibile perché non muoia.

      Sì, trovare gente che lavori bene è difficile.
      Ora che è morto il mio meccanico (decisamente in gamba!) il figlio non sa riconoscere un rumore, un battito che ho dal ritorno dalla montagna, nell'auto estiva.
      Molti medici sono diventati dei passacarte, molti meccanici dei cambiatori di liquidi e pezzi di ricambio su indicazioni di strumenti elettronici.

      Diciamo che in campagna esistono ancora persone che hanno una capacità manuale straordinaria: direi che molta parte dei gasisti sono quasi tuttofare. Io li ammiro molto.

      Elimina
  4. Se rinasco, apro un autodemolizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho pagato c'erano due calendari grandi così, nell'ufficio, con due belle gnoccone come mamma le aveva fatte.
      In effetti nella migliore iconografia donnomotoristica. :)

      Elimina
    2. Io invece voglio fare il guardiano di un'isola remota.

      Elimina
    3. Con in prezzi che hanno certi, dovrebbero farti trovare due mignottone in carne ed ossa che ti attendono al varco, con annesso servizio di intrattenimento. Altro che calendari...

      Elimina
    4. Lorenzo, anni fa in un "documentario" sull'isola di Montecristo ebbero il coraggio d'affermare che faticavano assai a trovare persone disposte ad assumere il ruolo di guardiano residente in loco. Non ci ho creduto neppure per un minuto. Dev'essere uno di quei posti da imboscato dove non metti piede se non hai una fila di raccomandazioni lunga da qui a Messina (e, nota bene, vivo in Piemonte).

      Elimina
    5. L'isola di Montecristo puo' andar bene per passarci le vacanze, viverci in pianta stabile rischia di diventare come l'Overlook Hotel.

      Elimina
    6. > Dev'essere uno di quei posti da imboscato dove non metti piede se non hai una fila di raccomandazioni lunga da qui a

      Io sono per più riserve integrali e per il fatto che siano più integrali possibile.
      Gli homo sono i più grandi devastatori della natura e meno ce ne sono è megli é (in certi luoghi moltiplica per 1E+27).

      Elimina
    7. l'Isola di Montecristo non è mica in mezzo al Pacifico meridionale, ci si va in barca. Magari può essere un problema in inverno.

      Elimina
  5. Io non ho molta fiducia nella categoria dei meccanici, poi se vuoi la ricevuta sembra che gli fai un torto personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, per la maggior parte sono cialtroni.

      Elimina
    2. Per il principio "No taxation without representation" in questo momento si dovrebbe fare una guerra di indipendenza, altro che l'evasione fiscale.

      Elimina
    3. x Sara
      x Francesco:
      Riporto la provocazione di _rio, alter-ego anarcomunista di Lorenzo: "perché pagare lo stato quando esso usa i tuoi soldi contro di te"?

      x Lorenzo:
      Stiqamo attenti; panmixisti globalisti e filomassmigrazionisti usando
      "representation because of taxation" e io sono massimamente contrario al fatto che i lavoratori ospiti abbiano voce in capitolo sulle scelte politiche del paese che li ospita. Per il resto, anche il fisco deve essere gestito su base comunale, con qualcosa alla provinciale, poco alla regione, quasi nulla allo stato, meno alla CE.

      Elimina
    4. sai quanto gliene fotte della rappresentanza a quello che non fa la ricevuta. a quello gli va bene tutto, Renzi, Salvini, Sbirulino, basta che le tasse continui a non pagarle

      Elimina
    5. E' molto semplice: se il popolo non paga le tasse, non ci saranno denari per mantenere i serviz ed essi verranno tolti. Poi si alzano mila mililardi di persone incazzate contro l'ecologia del pareggio di bilancio e i fondamentalisti invasati del dirittismo.

      Elimina
    6. UomoCoso, mi fai veramente ridere al concetto di "lavoratori ospiti". I "lavoratori" in una Nazione che si rispetti, vengono selezionati ed invitati in base alle necessità e solo se e quando ne esiste la necessità. Quelli che vengono fatti entrare impunemente in Italia e in Europa, senza permesso e che poi tutti si affannano ad "ospitare" non sono ne "profughi", ne "rifugiati" ne "lavoratori", sono invasori e vengono qui per prendere quello che è nostro.

      Possiamo diluire e nascondere il fatto del "prendere quello che è nostro" ma è un fatto puramente meccanico che solo un fanatico religioso può negare in funzione dei suoi dogmi.

      Francesco, per quanto mi riguarda è inutile che tu cerchi di ricondurre l'argomento al livello della fila alle Poste.
      Non starò qui a ripetere la storia dei principi su cui si fonda uno Stato nazionale.
      Invece di dico un'altra cosa: chi evade le tasse sul suo lavoro fa un danno molto minore di chi prende uno stipendio per non lavorare e, guarda caso, questi ultimi sono quelli che inveiscono contro i primi, non per ragioni ideali ma perché nelle loro testoline a maggiore prelievo del non-Stato corrisponde maggiore dazione nei loro confronti o maggiore solidità delle tutele.

      Elimina
    7. evviva l'evasione fiscale, evviva..... stato ladrooooooo, abbasso la ricevuta fiscale, ricoveri aggratis alla faccia di chi fa il 7300000, evvivaaaaaa!

      (alla Giannino, quello che diceva di avere tre master e cinque lauree

      Elimina
    8. E' del tutto ovvio che NON considero un ospite col*i che sfonda la finestra o il portoncino e si installa nella tua casa contro la tua volontà. Infatti, quelli, io li chiamo con il termine preciso di invasori.

      Elimina
    9. Ripeto, non ho voglia di rifare il solito giro di giostra sulla "economia sommersa", argomento trito e ritrito.

      Dico un'altra cosa: le imposte emanano dalla cittadinanza, dal patto fondativo su cui si fonda lo Stato/Nazione. Se vengono meno questi presupposti, quindi se si compie il progetto di eliminare la "sovranità popolare", non esiste più l'Italia Nazione quindi le imposte sono la gabella di un oppressore estraneo.

      Da cui non solo è diritto dei cittadini sottrarsi alla gabella ma dovrebbero battersi per la propria indipendenza.

      Elimina
    10. Lorenzo, giusto per orientarmi meglio... dico male se dico che nelle tue parole colgo un'eco di quelle di Jefferson?

      Elimina
    11. sottrarsi alla gabella ma nel frattempo con l'ospedale aggratis.... ah quanta falsità, peggio di un Giannino qualunque.... e come lui col vizio di pontificare...e gli vengono pure dietro! che paese di merda!

      Elimina
    12. Francesco, penso che sul pagare un REALISTICO servizio ospedaliero (oggi si spendono capitali non da poco in cure senza concreta speranza che procurano più sofferenze che altro anche ai diretti interessati) nessuno abbia da ridire. Il problema è che con la "gabella" si pagano anche tante cose piccole e grandi che sono contro l'interesse di quella "gabella" la paga. Una delle origini di questa mancanza di sovrapponibilità tra desiderato e implementato sta nelle dimensioni dei "giochi": come non perde occasione di ricordare UUIC, un passo assai saggio da compiere sarebbe frammentare le entità amministrative e vincolarle alle disponibilità locali, anzi localissime, avvicinando il pagatore all'amministratore dei servizi. In questo modo potremmo contare su una assai salutare (e il più possibile "fisica") possibilità di controllarne l'operato e di addivenire per vie il più brevi possibile alla rimozione ed eliminazione degli amministratori truffaldini e/o troppo "disinvolti". Inoltre, l'effetto delle spese sarebbe DIRETTAMENTE sotto agli occhi dei pagatori, concretamente riscontrabile e direttamente godibile, il che potrebbe invogliare (se l'amministrazione del versato si dimostra soddisfacente) a contribuire con un po' meno peso sull'animo. Buttare tutto in un pentolone che ormai riguarda, alla lettera, centinaia di milioni di persone non è certo un buon modo di procedere, se visto "dal basso" (che è dove stiamo noi, non dimentichiamolo).

      Elimina
    13. ribadisco

      all'idraulico che non fa fattura NON GLIENE FREGA UN CAZZO DEL NO TAXATION WITHOUT REPRESENTATION. anche di fronte allo stato più efficiente ed efficace possibile e con l'aliquota più adeguata possibile la fattura NON TE LA FA SE PUO'! scusate il maiuscolo, ma io di essere preso sul culo da questi argomenti mi sono rotto i cabbasisi come dicono a Trapani. qui state a dare diplomi di giustificazionismo a persone il cui unico scopo è fottere gli altri.
      e non è roba del sud. conosco un imprenditore bergamasco che ha messo la sede legale a Roma perchè ha i tribunali con i tempi più lunghi per andare a sentenza! bergamasco! non di Enna!
      ma fatemi tutti il piacere, voi e la rivoluzione fiscale

      Elimina
    14. MrCoso, non si inventa niente. E' molto più facile che io citi Jefferson piuttosto che Lenin.

      Francesco, l'idraulico è un italiano come gli altri. Quindi è un minus habens. Non è che "non gliene frega un cazzo" della democrazia moderna, non la conosce, non ne sa nulla.

      Se non fosse cosi, non avremmo un Parlamento di gente nominata, non eletta, con una legge incostituzionale che sta provvedendo a riformare la Costituzione nell'indifferenza generale e non avremmo avuto tre governi incaricati (sempre dagli stessi) senza che nel frattempo si svolgessero delle elezioni.

      Insisto, uno Stato o esiste o non esiste. Il nostro forse non è mai esistito ma adesso ci viene detto chiaro e tondo che lo vogliono sostituire con qualcos'altro. Questo "altro" non è fondato sulla sovranità popolare quindi non ha la facoltà ne il diritto di imporci delle tasse e nemmeno di applicare sanzioni.

      L'idraulico, se non fosse una protoscimmia, si dovrebbe dichiarare prigioniero politico.

      Elimina
    15. x Francesco:

      Ci sono due problemi ed essi esistono, sussistono insieme.
      1 - paesani e cittadini furbastri (non voglio pagare le tasse, ho il diritto (?) a servizi e consumismo
      2 - enti territoriali (dal comune alle unoni di comuni, aree metrpolitane, province, etc. fino allo stato e alla comunità europea) che sono dissipatori, hanno etologia parassitoide, diffusori di problemi come assistenzialismo.

      Cosa facciamo?

      > e non è roba del sud

      Ti ho citato molte volte dati inequivocabili (di organizzazione ed enti pubblici peraltro in maggior parte animati da persone lavoratrici del sud) in cui l'evasione è molto più grave al sud.
      Se vediamo altri dati come l'evasione del canone RAi, l'evasione delle tasse automobilistiche, i dati del meridione sono forse anche più stridenti.
      Allora, ancora una volta, guarda qui o qui o qui.

      > conosco un imprenditore bergamasco

      Conosco una donna vercellese alla quale piaceva trombare in piazza => tutte le piemontesi amano trombare in piazza.

      Non funziona così.
      Tu hai gli strumenti culturali (e forse anche gli studi) che ti permettono di distinguere tra un caso di tua conoscenza e la statistica.

      Elimina
    16. anche l'idraulico che conosco è bergamasco

      uomo, della statistica me ne batto le palle quando le mie orecchie sentono la parola "rivolta fiscale". ti ricordi i forconi? erano quasi tutti del centro-nord, e poi si scoprì che era gente fallita, con banche ed equitalia alle calcagne ecc...

      Elimina
    17. anche perchè al sud ti diranno "eh mai voi al nord siete ricchi, noi siamo poveri.....".

      Elimina
    18. Anche la Gina era vercellese.

      Ritengo che tu non voglia capire.

      > della statistica me ne batto le palle
      Infatti.

      Le province del sud, cpme tutte le altre, si autodetermineranno e cià varrà per fisco, governo, gestione dei servizi etc.
      Uno dei passi più iomportantti per responsabilizzare è togliere gli alibi.

      I forconi none erano siciliani in origine? Ricordo male?

      Elimina
    19. http://www.giornalettismo.com/archives/1264605/chi-e-a-capo-dellonda-del-9-dicembre/

      tutto nacque da 'sto coglione veneto che poi fu pure messo al gabbio

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.