mercoledì 7 settembre 2016

Pozzanghere atlantiche


  • Le giornate si sono fatte d'un uniforme intollerabile per periodi interminabili
    MrKeySmasher

Così, ieri, in città è arrivato un ventone che sembrava che arrivasse l'ira di Giove Pluvio numero due e poi, dopo le trombe e i mulinelli e e la furia annunciata poca pioggia, quella che lascia una schiumaccia bianca (di inquinanti) sull'asfalto. Mentre il treno mi portava a sud, verso l'Appennino riarso, vedevo da una parte nuvoloni cupi e dall'altra già il sereno.
Sono sceso e qualche goccia è arrivata. Una pioggia così stitica che non è riuscita a formare neppure una pozzanghera. Proprio come nei periodi di siccità peggiore.
Atlantico, che porti piogge e giorni sereni, con i cumuli di panna bianca nel cielo blu e temporali e tempo delle quattro stagioni e caldo e fresco gradevole, dove sei finito?
Ho controllato sul calendario e in medio Appennino è dalla prima decade di luglio che non ci sono piogge di una certa rilevanza (solo un paio di spruzzate, più o meno come quella di ieri, a macchia di leopardo). Ieri, comunque, non l'ho neppure segnata, visto che il mio criterio è che... si formino almeno delle pozzanghere.

(immagine: via luke76)

24 commenti:

  1. La vista del GRA sotto il cielo grigio mi deprime....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui tornato sereno/poco nuvoloso.
      A me irritato mesi senza pioggia.

      Elimina
  2. La natura non si lascia più capire.
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' abbastanza semplice: stiamo mettendo milioni di tonnellate di gas serra in atmosfera dalla rivoluzione industriale (diciamo, arrotondiamo, dal XX secolo).
      La serra non rilascia tutto il calore solare, la temperatura aumenta.
      La cella di Hadley sì sposta a nord e per ciò sì "saharizza" il clima d'Europa, specie quella meridionale centro occidentale.
      Troppi rifiuti anche in aria.

      Bentornata Magnolia! :)

      Elimina
  3. La natura non si lascia più capire.
    :(

    RispondiElimina
  4. ...chissà da dove arrivano tutti 'sti rifiuti... sarà mica il "problema n. 0" (come lo chiami tu) all'opera? Noooooooooo! Bestemmia!

    Se ne hai voglia, fai un salto su oilcrash.com e apprezzane la veste totalmente rinnovata, con i contenuti degli articoli aggiornati per adattarli alla situazione corrente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il teratoma umano che divora tutto, produce "mera" (fosse quella ...) e distrugge se stesso (fosse solo se stesso...).
      Il problema numero zero!

      Elimina
    2. > produce "mera" (fosse quella ...)
      -> produce "merda" (fosse solo quella ...)

      Elimina
    3. Messer Pigiatasti

      Sono andato a curiosare Oilcrash Italia aprendo alcune pagine.
      Ma l'unica cosa che sono riuscito ad ottenere è una pagina grigio chiaro vuota con la frase "«La speranza è l’ultima a morire ma alla fine arriva anche il suo turno.»
      Mi sembra che ci sia o io abbia qualche problema. Non ho ottenuto risultati migliori cambiando navigatore.

      Elimina
    4. Appunto. Quella è la veste rinnovata che estrinseca tutto quello che ritengo sia ancora il caso di dire.

      Elimina
  5. io sono stato lì e pioveva di brutto. e che posti di merda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto da te e scrivi che eri in Romagna, se ho capito bene. Quindi non eri affatto "lì" ovvero la fascia di Appeninno a cui mi riferisco.

      Elimina
  6. Ciao Uo', nel frattempo qua sta piovendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma ha già smesso. Niente di che.

      Elimina
    2. Però da lui non commenti in anonimo....😑😑😑

      Elimina
    3. Eh, ma solo perché non c'è come opzione.
      Però che bei commenti che ti lascio in anonimo, anche se si capisce subito che sono io.

      Elimina
    4. Qui di nuovo caldo e poco nuvoloso.
      Interminabile serie di giornate con lo stesso meteo (quasi) sereno. Due palle così!

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.