domenica 18 giugno 2017

XIII milonga solidaria - 1

(XI milonga solidaria)

Non è un avvenimento di tango, è un avvenimento estetico nel quale c'è anche il tango.
Una sorta di festa, di reunione di molte comunità tanghere da varie
parti d'Italia. In un luogo, il lungomare Liberty di Viale Italia, a Livorno, che non può avere conrice migliore.
Ancora, le tande sotto il sole, prime e poi fino al tramonto, sono epicuree, una danza alla gioia. Abbracciati, nella creazione di una forma estetica inutile, come osserva Davide Sparti, al cospetto del
sole, due Re Sole. Tutto questo è molto difficile da esprimere a parole. Si potrebbe provare con una tecnica basata sul mosaico emotivo, piccole tessere che compongano una coreografia della gioia.
Così è stato surreale, negli ultimi settanta chilometri, la seconda metà già col chiaro del giorno, viaggiare in strade vuote, avrò incontrato forse quattro auto. Ciò che più di altro ha reso onirca
l'esperienza è stata proprio la presenza della luce: luce = giorno => traffico ma... non solo non c'era traffico, non c'era proprio movimento di alcun veicolo. Pazzesco, viaggiare di giorno per settanta
chilometri di strade vuote. V U O T E.

C'è stato un momento, in cui si è affogato il disco arancione-fucsia nel Tirreno, con grandi navi traghetti e cargo che partivano per le isole, che non sapevo se fotografare, se fermarmi con la tanghera o se ballare più intensamente per celebrare il Fucsia Immergente. Così mi
sono girato, per qualche metro sono stato io a indiettreggiare: guarda e saluta il sole che se ne va! - le ho detto.
Qualche volta, nelle tande di pausa, son uscito, ad andare ad appoggiarmi alla balaustra e vedere il mare, nel caldo afoso pazzesco, ventilato ma sempre vampate-folate di aria umida e calda erano.
Osservavo il mare e quell'enorme corpo danzate che celebrava un rito. L'anno scorso la vissi con _mlero e non ho traccia emotiva (e neppure in questo diario), mi rendo conto ora che non scrissi di quell'evento). Una pausa di due anni, prima di tornare al rito complessivo della Gioia della
Milonga Solidaria.
Ho in mente ancora quelle quattro donne che insieme, appena preso posto sulle sedie, erano chinate a chiudere le loro décolleté, tacchi alti, eleganti, attorno a piedi curati, involontariamente celebravano,
con una piccola coreografia improvvisata, l'inizio della festa.

27 commenti:

  1. Niente contest fotografico quest'anno ?

    RispondiElimina
  2. si dai, facci vedere un pò di gnocca tanghera

    RispondiElimina
  3. Effettivamente ...
    tutto questo parlare di gnocca, ma senza foto ...

    RispondiElimina
  4. Tutto molto bello, UCoso ma io oltre ad essere un povero sfigato, ne miliardario ne uomo assai importante, sono anche un rompicoglioni, ergo spiegami perché questo è nel tuo blogroll, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Fabristol leggo molte cose interessanti che la propaganda della Grande Ortodossia censura.
      Egli scrive anche cose assai opinabili.
      Io sono intervenuto con due commenti

      https://fabristol.wordpress.com/2017/06/19/quante-stupidaggini-sullo-ius-soli/#comment-13744 alle 16:47

      e

      https://fabristol.wordpress.com/2017/06/19/quante-stupidaggini-sullo-ius-soli/#comment-13746 alle 17:06

      che spero pubblichi.

      Elimina
    2. Niente, non vuoi vedere.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Francesco scrisse:
      > Lui vuole che tu non lo tradisca con pensieri impuri

      [...]

      Francesco, perché nel tuo diario non scrivi una pagina contro Lorenzo?
      Non mi va che tu lo faccia qui, ho chiesto più volte di evitare attacchi personali ritengo poco fondati.

      Elimina
    5. mi aspetto che farai altrettanto quando lo farà con me. ma dubito assai che ciò avverrà. benaltrista

      Elimina
    6. https://unuomoincammino.blogspot.it/2017/06/sole-spaccapietre-zampe-in-acqua.html

      ad esempio in fondo a questo post, tanto per fare un esempio.

      bella la libertà di espressione a senso alternato vero?

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    12. > ad esempio in fondo a questo post,
      Intendi questo commento?, Francesco?

      Elimina
    13. Voglio che
      o - si rimanga in argomento o che, alla fine, ci si riconduca agli argomenti di ciascuna pagina e
      o - ci sia un confronto basato su argomentazioni.

      Potete confrontarvi in privato o sulle pagine dei vostri diari.
      Altrimenti diventa un'arena tra Lorenzo e Francesco.
      Ma io non deciso di tenere un'arena in pubblico ma un diario in pubblico.

      Elimina
    14. Questa equidistanza non ha alcun senso e lo sai. Chisse.

      Elimina
    15. non mi interessa il confronto, essendo lui come sai incapace di confrontarsi ma solo di prevaricare. mi interessa che gli sia tolta la licenza di criticare e offendere tutti indistintamente. se riuscirai da amministratore del tuo diario a farlo ne sarò contento. se così non sarà, credo sia opportuno evidenziare ed anzi denunciare le incongruenze del personaggio.

      Elimina
    16. Il confronto può anche essere durissimo.
      Ma deve essere in tema ed argomentato.
      Altrimenti diventa scambio di insulti e poi rumore.
      Io non dico certo di non menarsi dialetticamente, dico che bisogna farlo in tema e in modo razionale.
      Ecco, questa è una pagina su un evento di tango a Livorno e le modalità di interazione tra lettori e la baruffa tra i lettori e i commenti sulla baruffa e sulla psicologia e su uno che è brutto cattivo e l'altro caccadiavolo non c'entrano nulla.

      Anche perché, ripeto, avete spazi vostri sui quali potere sfogarvi.
      Io sono sempre dell'ovvietà politicamente scorretta che in casa altrui o ci si comporta come decide il padrone di casa oppure si smamma.

      Elimina
    17. Insomma, te non hai niente da dire ma quello che conta è che qualcuno zittisca me.

      Mi sto sbellicando dalle risate.

      Elimina
    18. UCoso e poi la smetto. E' tutto già visto e rivisto, detto e ridetto.

      Guarda qui, io ho scritto un commento offtopic A TE sul blog Fabristol. Arriva Francesco e, non avendo niente da dire, fa la "battuta sulla checca". Secondo lui questa sarebbe la necessità di togliermi la licenza di criticare e offendere e di denunciare la mia incongruenza.

      Poi tu arrivi e fai tutto un fascio. Che è la cosa che mi fa girare le palle.

      Quante volte ti ho detto che basta dirlo e mi levo dalle palle. Ma lo devi dire a me, non ad "voi" generico.

      Comunque ripeto, chisse. Anche tu, se ti facessi un problema non potresti uscire dal tuo blog, visto quello che trovi negli altri. Lo sai bene.

      Elimina
  5. Per qualche istante ho scattato qualche immagine, prima di iniziare a ballare, che pubblicherò presto.
    Poi seguiranno alcune selezioni dalle varie gallerie.

    RispondiElimina
  6. Leggo décolleté, tacchi alti, eleganti... e mi viene in mente il pianto di dolore che avrei voluto farmi qualche settimana fa a causa di alcune scarpe. È un dolore indescrivibile, non ti godi più nulla, smetti di divertirti e pensi solo al dolore ai piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vanità è una pessima consigliera. Occorrerebbe cominciare a ragionare in modo un po' più pragmatico, che tanto piacete o non piacete indipendentemente dal "centimetraggio" dei tacchi.

      P.S. Vale anche per gli uomini, anche se i parametri sono altri (per ora).

      Elimina
    2. Problema frequente, Clorinda bella, nel mondo del tango.
      So impara anche a stare sui tacchi (la mia vicina, _aria fece un laboratorio con Javier Rodriguez che le diede alcuni suggerimenti che la portarono a risolvere il doloroso problema.

      Come alpinista ho visto molte persone in crisi per calzature tortura senza alcun centimetro di tacco.

      Elimina
    3. Una volta gli uomini avevano scarpe a punta che rovinavano i piedi, era la sagra dell'alluce valgo...

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.