domenica 19 aprile 2015

Poi la cancrena

Io scrivevo che con 2000 morti (1000 per i respingimenti a fuoco, 1000 clandestini condannati a morte in seguito a rientro dopo espulsione) all'anno si fermerebbe l'invasione.
Oggi una scafista bianca, qualche commissaria di qualche robo per i profughi e la tua invasione, diceva, scandalizzata, che dall'inizio dell'anno sono già 1500 i morti: 4 mesi su 12, così si arriva a 4500.
Salvini che nel ruolo pubblico che ha non può non essere diplomatico, un po' ipocrita, diceva che questi morti sono responsabilità di tutti coloro che lavorano per aumentare problema migratorio.
Ha semplicemente ragione.
Lavori per aumentare i flusso, considerando un x% di mortalità, lavori per aumentare la mortalità in mare. Senza considerare i morti per la ruandizzazione o la sirianizzazione d'Europa e d''Italia futuri.
Non solo supereremo ovviamente i 2000 morti a fine anno, ma in più avremo una invasione ulteriormente implementata. Il peggio che si possa ipotizzare.
Detto da me, per me ogni barcone che affonda è un problema (futuro) in meno, una carneficina in meno, una battaglia persa dagli invasori nella guerra immigratoria. Non sto affatto dicendo che mi dispiace per i morti, anzi, son proprio contento. Mi dispiace per essere dentro al problema al cui aggravamento lavorano milioni di persone che reputo, nella loro morale marcia, primi responsabili di queste morti.
Il medico pietoso fa la piaga puzzolente. Poi, insistendo, la cancrena.
E se a te non piace, ti scandalizzi, prendi, vai in questura e ti tiri nella tua casa due o tre immigranti, una famiglia clan di allegri clandestini vivi, invece di fare prediche sceme agli altri.

68 commenti:

  1. Detto questo, io aspetto sempre il tuo fattivo contributo alla causa della lotta alla migrazione. Passando da un'armeria. Dovrai fare un pò di attenzione, visto che i rom trovano la tua simpatia e gli etiopi no.

    Io in casa non vorrei nessuno. Ne marocchino né nativo di Budrio. A scanso di equivoci.

    Ieri ho visto una foto di come vivevano e come lavoravano i minatori italiani in Belgio. Cosa avrà potuto spingerlo a lasciare l'Italia e vivere in condizioni così bestiali? In compenso sappiamo perché si lascia la Siria, la Libia, l'Iraq. Rischiando la morte. A te non te ne frega un cazzo. A me nei fatti pure. Ma di festeggiare non c' è proprio nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che abbia un qualche residuo di simpatia per gli zingari che scema sempre piu' ogni volta che vedo l'aumentare della discarica nei posti dove si insediano, non significa che essi siano meno o poco incompatibili con i gagi.
      Come sai gli onesti non hanno accesso alle armeria, se non in forme limitate. Fino a prova contraria qui sono stati gli autoctoni a essere fatti fuori dagli alloctoni e non il contrario.
      Però tutto quello successo a Theo Van Gogh, alla vittima di Kabobo, ai compagni anarchici di Hebdo, sugli stessi barconi, quanto successo alle figlie di queste che volevano vivere occidentali, ecco, tutto questo lo si dimentica ad ogni affondamento.
      I migranti italiani in Belgio, in Svizzera, in Canada, negli Stati Uniti bussavano la porta e venivano talvolta accolti e non di rado respinti, non sfondavano la porta occupando poi le chiese per il diritto alla casa.

      Tu credi di sapere cosa succede in Siria, in Libia, in Iraq, Yemen, ...
      Ma ti ostini a non voler sapere che quei collassi sono volute, cercate e finalmente realizzate con le cicogne armi di guerra e di distruzione di massa.
      I primi responsabili di questi morti sono essi, gli ingravidatori seriali.
      Prima o poi arriveranno pure da te.
      Poi essi festeggeranno.

      Elimina
    2. cioè, un abitante di Aleppo o di Ramadi è responsabile di quello che gli succede? tutto si riduce al fatto che hanno qualche figlio in più rispetto agli europei ? uomo, quella gente viene qua perché pensa di stare meglio. perché se sta un minimo bene si guarda bene dal lasciare la loro terra. lo fanno anche i nostri laureati, figurati quelli lì....

      Elimina
    3. lo fanno anche i nostri laureati: i laureati italiani si muovono solo su invito delle universita', e dopo aver regolare permesso/visto.
      Non conosco nessuno che sia immigrato irregolarmente per fare un dottorato/postdoc.
      Io non metterei i laureati italiani sullo stesso piatto.

      Inoltre, scusate: chi emigra in questo modo e', molto probabilmente, connesso alla criminalita'.
      I casi di perseguitati politici/rifugiati di guerra sono molto meno del totale volume dei "migranti".
      Inoltre, i rifugiati di guerra vanno nei territori limitrofi (ad es. in Turchia).

      Io non mi auguro che crepino tutti in mare, che e' una morte orribile, ma occorre ermare il flusso, non c'e' posto per tutti, e tra mia madre anziana ed un immigrato, io scelgo mia madre anziana.

      Concordo con Lorenzo: e' un fenomeno che non e' spontaneo.
      Purtroppo, di questo passo chi soccombera' saranno proprio chi in Italia ha le proprie radici, storiche e culturali.
      Non sai quanto mi fa male.

      Elimina
    4. x Francesco:

      > qualche figlio in più

      Sì mio zio era una carriola e i figli nascono sotto i cavoli.
      La popolazione (islamica) della fascia subtropicale è decuplicata in zone subdesertiche.
      Solo qualche figlio in più, no?!
      L'esponenziale? Si usa per condire il radicchio, vero?!
      Sì, va bene Francesco.
      Infatti i figli dono di allahdiosanpancrazio vengono sotto i cavoli.

      Elimina
    5. x Nuvola Sospesa:
      > chi emigra in questo modo e', molto probabilmente, connesso alla criminalita'

      Questo non lo so, non ho dati. Certamente è successo in occasione delle cosiddette primavere arabe e in occasioni di vari collassi (ad esempio dopo l'assassinio franco-statunintense di Gheddafi) che le galere venissero aperte e venissero svuotate con vari barconi verso la discarica italiana.
      Il fondamentalismo islamico è già entrato in azione.
      Gli accoglientisti filo massmigrazionisti poi non hanno uno straccio di risposta uno su cosa facciano milioni in cui quasi certamente la maggior parte sono senz'arte né parte in un paese con 30% di disoccupazione, in fase di deindustrializzazione e di automazione progressiva sempre più spinta di tutti i lavori semplici.

      Quindi o questi evaporano, si suicidano o, ovviamente, dovendo mangiare, curarsi, viaggiare, divertirsi in un paese in cui questo non solo non è gratuito ma è caro, OVVIAMENTE delinqueranno.

      Solo che noi abbiamo il paese e parte notevole della sua parte in preda alle superstizioni religiose.
      La risposta che questi folli ti danno è inshallah o diovedeeprovvede e altre puttanate del genere che sono esattamente tra le concause di questa esplosione tumografica che si sta riversando qui come uno tsunami.
      Per non parlare dei piani di egemonia demografica come succede in Egitto nel tentativo degli islamici di seppellire sotto una marea cunicolare i laici.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho spostato qui, sotto la risposta di Francesco.

      Elimina
  3. UomoCoso, ne ho già scritto, la tua strategia è ovviamente sbagliata.
    Nessuno con due neuroni in testa si porta la guerra in casa, la guerra la combatti se possibile sul territorio del nemico. Quindi, fare sbarcare gli invasori per ammazzarli qui non ha nessun senso.

    Senza contare che ti troveresti a combattere due guerre, una contro gli invasori e l'altra contro i milioni di Franceschi post-comunisti e post-democristiani che sono programmati come robot per vedere nell'invasore il partigiano e in te il nazista e reagire di conseguenza. Ci sono milioni di falsità e di realtà ribaltate nella loro programmazione ma nella prima riga del codice c'è una routine che gli impedisce di rendersene conto.

    Invece, ci sono solo due opzioni.
    Essere invasi e fare esattamente la fine di tutte le civiltà vecchie e stanche che nella storia sono entrate in contatto con gente più vigorosa e vitale, quindi attraversare tutte le fasi del declino fino al prossimo medioevo.

    Portare la guerra in casa del nemico, nel nostro caso significa occupare militarmente una buona porzione del nord Africa. Dopodiché ci stanziano dei governatori con alle loro dipendenze forze militari adeguate a mantenere il controllo. Alle popolazioni locali si impongono esattamente le stesse condizioni che imponevano i Romani ai concittadini di Gesu.

    La verità impronunciabile è quella del famoso "scontro di civiltà". E la rogna evidente che andrebbe risolta a livello globale è quella degli sceicchi del petrolio che coi nostri soldi finanziano il terrorismo, i califfati islamici e anche l'immigrazione. Gli sceicchi sono la metà visibile della rogna ma esiste la metà invisibile e cioè i loro "partner" americani ed europei, che nella migliore delle ipotesi trattano con gli sceicchi per interesse, nella peggiore delle ipotesi sono i mandanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque, finché non avremo "pacificato" la Libia come i Romani pacificavano le provincie, finché non ci sarà un governatore italiano con una legione a imporre la "pace", continueranno a tirarci addosso migliaia di invasori ogni giorno.

      Punto.

      Se non vogliamo o non possiamo imporre la "pax romana" sulla Libia, sappiamo già come andrà a finire. D'Alema tutto contento che crollerà finalmente la "società borghese" col suo "capitalismo" dato per morto secoli fa.

      Elimina
    2. vale anche per te Lorenzo. vai all'armeria più vicina. so già che in prima linea saresti un fenomeno. il Rambo di Cinisello

      Elimina
    3. Purtroppo non mi rimane abbastanza vita.

      Come tutte le menti deboli la butti sul personale ma non fa nessuna differenza rispetto alle due opzioni sopra descritte.

      Per altro, l'intervento militare è stato ipotizzato da diversi "personaggini" della "sinistra", incluso il ministro Gentiloni Paolo, uno che ha studiato dal maestro Capanna.

      La differenza è che loro si muovono nell'universo delle menzogne per cui l'intervento militare è una missione di pace, cooperazione, sostegno ai governi stranieri, eccetera, tutte le buone intenzioni pace e amore. Invece della realtà dei fatti, che lo renderebbe efficace e cioè strumento di politica coloniale.

      Come ho scritto sopra, te Francesco sei parte del problema. Infatti io non credo che le cose si risolveranno positivamente per gli Italiani.

      Elimina
    4. > il Rambo di Cinisello

      Tempo addietro lessi che spesso i soldati più feroci nei combattimenti sono persone "insospettabili", tranquilli falegnami, casari, pittori, infermieri, dottori, etc. .

      Io se partecipassi ad azioni militari contro gruppi che detesto / odio (prendi ad esempio milizie islamiche qui, invasori, scafisti, etc.) penso che sarei spietato.

      In Svizzera ogni famiglia partecipa a corsi di difesa popolare, se ricordo bene, forse avrà anche delle armi.
      Non mi sembra un paese di derelitti, Francesco.
      Diciamo che hanno un senso comunitario ed un'etica pubblica abbastanza forte.
      Qui in Italia non è possibile per vari motivi.
      Criminalità organizzata, criminalità diffusa, etc.
      Il risultato è che siamo inetti e inermi quando l'invasione si porterà a livelli via via più aggressivi.

      Elimina
    5. io non mi sento parte di nessun problema. anzi, credo proprio di non esserlo, un problema. il punto è molto semplice: da sempre (SEMPRE!) ci sono fenomeni migratori. e che partono SPONTANEAMENTE in ragione dell'economia. non sono mai stato particolarmente sensibile agli "altri". te l'ho detto nel mio primo commento. non credere che a me piacciano i musulmani. quando osservo la loro cultura so benissimo che la nostra, fatta di maggiore tolleranza e maggior rispetto - ad esempio verso la donna - è superiore alla loro. penso che in qualche modo possano essere un pericolo (anche se non dimentico che siriani, libici e irakeni sono qui perchè gli occidentali italiani compresi hanno pensato che Assad, Gheddafi e Saddam fossero il male assoluto. allora mi verrebbe da chiedere conto ad esempio a Salvini, il cui partito ha appoggiato le primavere arabe o le guerre contro i satrapi del medio oriente). ma la soluzione bellica non porta da nessuna parte. e forse non c'è soluzione. perchè è un problema di equilibrio mondiale, di risorse, di ricchezza delle nazioni. Lorenzo addirittura parla di nuova politica coloniale.... boh, avrò capito male.... ma ve lo vedete il governatorato italiano a Tripoli? magari qualche soluzione migliore c'era prima, solo che un ex presidente del consiglio ha ad un certo punto detto "sic transit gloria mundi" (per inciso, è stato il suo, di Lorenzo, presidente del consiglio verosimilmente)

      Elimina
    6. > il punto è molto semplice: da sempre (SEMPRE!) ci sono fenomeni migratori

      Mi sembra perso.
      Ho citato vari paesi stati situazioni nei quali si usa anche il pugno di ferro contro la migrazione e di massa e clandestina.
      Non metto i link per tanto non servono ad un cazzo.
      Hai visto cosa fanno i turchi con le carrette del mare?
      Hanno una qualche regola di ingaggio.
      I poliziotti tedeschi e austriaci vigilano sui treni al Brennero e i clandestini NON entrano.

      Ma tu e voi inetti continuate le vostre litanie che non si può fare nulla e non fate nulla.

      Un problema così grave e con prospettive ancora più gravi, massimamente gravi, deve essere affrontato su più fronti.

      Finalmente anche Renzi e altri iniziano a capire che è necessario fermare questa invasione.
      Ma anche qui è elementare che non si può agire solo sui flussi.
      E' necessario passare ai rimpatri sistematici dei clandestini.

      E non deve essere una guerra anche se sono misure certamente coercitive. Non è che quando un carabiniere arresta uno che sta accoltellando la moglie lo fa offrendo i pasticcini, no!?

      Ho già scritto un primo insieme di misure sinergiche per contenere prima e ridurre poi.

      Quella cogliona radicalscem dell'Huffington Post (la giornalista Mauro) diceva che i respingimenti non sono efficaci.
      Ma quando cazzo mai ci sono stati i respingimenti chemiviendabestemmiare ancora??!! Zero respingimenti.
      Zero.

      Aaahhh ma essi sono ineeefficaaaaci.
      A per forza, non esistono.

      Elimina
    7. non mi pare che in Austria o in Germania difetti il numero di stranieri presenti. anzi, ce n'è ben più che da noi. potranno anche vigilare, i poliziotti, ma mi paiono un pò inefficaci. persino se vai nella inospitale (per me che odio il freddo) Malmoe c'è un 35% di stranieri. il 35%!!!!!

      quindi se non vuoi stranieri in Italia, l'unica strada è l'armeria. prova con le pagine gialle, troverai l'indirizzo a te più vicino

      Elimina
    8. Austria e Germania hanno un ulteriore catena ai piedi ovvero il loro passato.
      E infatti sono alluvionati di invasori più che noi.

      Malmoe è uno posto di Svezistan dove ampie parti della città sono state saccheggiate e messe a ferro e fuoco da islamici.
      Non ricordo se a Malmö o a Goteborg, bande di islamici sono andati a schiaffeggiare donne svedesi in topless.
      Non capisco come tu possa citarla ad esempio.
      E' come se tu citassi un lebbroso come persona in salute.

      Elimina
    9. è un esempio per dirti che non è che tutti gli extracomunitari sono in Italia

      Elimina
    10. Visto il livello delle tue osservazioni, Francesco, non posso che citare Paolo Bitta: "Mal comune... mal comune!". Non è che il fatto che qualcuno stia peggio aiuti a stare meglio. Quando ho mal di gola, non mi è di nessun conforto sapere che mio cugino è morto di tumore ai polmoni. Anzi, mi fa venire dei pensieri poco rosei perché se è toccato a lui schiattare a poco più di cinquant'anni...

      Elimina
  4. sei talmente pieno e convinto delle "tue" personalissime analisi ed ancora non hai capito che non devi temere questi "poveri" esseri umani...ancora non hai capito cosa ti farà e ti renderà schiavo Uomo? siamo stati colonia, per motivi diversi, degli Stati Uniti e lo siamo ancora, ma schiavi ci renderanno i Cinesi...medita Uomo, questa è la vera sorpresa del prossimo futuro...studia Uomo...studia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non devo temere?
      Scusa, ma le discariche diffuse che questi creano? la crescita demografica folle e le ulteriori colate di cemento? l'islamizzazione della società? il sovraccarico sulle strutture che osservo quotidianamente? i problemi di recupero delle risorse per vivere (energia, acqua potabile, cibo, ...) in un paese che ha già un deficit ecologico spropositato?
      gli assalti ai treni? gli scontri interetnici per le vie delle città? la teocratizzaizone della società? l'aumento della disoccupazione? il crollo di stipendi e salari per questa alluvione di manodopera?
      per quanto limitato dal tempo sono tutti episodi che ho documentato in questo diario
      Vuoi i link?


      Sono cose molto concrete.
      Dove vivi?
      Sono passato, venerdì notte, nei pressi della sala d'attesa di Bologna Centrale e le zone adiacenti.
      Un dormitorio di massa di sbandati, di derelitti.
      Cazzo, se uno dovesse aspettare si trova a doversi turare il naso, se una donna a temere ubriachi e molesti.
      Vogliamo parlare di cosa succede a Bologna ai servizi ginecologici subissati di carico extra?
      Ecco come questa alluvione umana entra nelle vite e lo fa giorno per giorno.

      Perché poi a casa mia, viene una coppietta di pachistani-bengalesi-indiani, insomma indoindiani e trombano nella loro macchina tamarra e poi 'ste merde che io li ho quasi beccati questa volta, scaricano tutta la loro monnezza nel nostro parcheggino isolato e dio listrafulmini che a me non me ne fotte un cazzo di 'ste minchiate di opportunità e ricchezza e bellezza e multuculturalità quando io devo fare lo spazzino e recuperare ogni volta i rifiuti che questi rifiuti umani invasori scaricano a qualche metro da casa mia dioporcolurido che mi viene da bestemmiare.

      Elimina
    2. Quanto mi sta sul cazzo la gente che ti dice "studia".

      Elimina
    3. Il problema è che ti dicono "studia" e poi non citano mai fonti, documenti.
      Hai presenti i preti o i mullah che ti ripetono passi del vangelo, del corano, della bibbia? Continuano a ripetere versetti, passaggi etc. perché per loro tu non hai studiato a sufficienza la loro dottrina.
      In questo caso Essepunto cita certamente i problemi di servilismo nei confronti degli USA, poi cita la Cina.
      Certamente la Cina e gli USA sono paesi imperialisti e, ovviamente, guardano i propri interessi.
      Ma è un muoversi ad un livello non metafisico ma quasi.

      Tu hai la violenza e la criminalità diffusa, la guerra dei poveri ma il meccanismo di delega, di transfer cerca di sottrarci dalle nostre responsabilità e mancate respons-abilità e cerca un caprio espiatorio esterno: il capitalismo, le banche, la Cina, etc. .
      Solo che questo non funziona quando hai i borseggi, i caseggiati islamici ormai extraterritoriali, gli scontri tra tunisini e algerini sotto porta di casa, etc., i ladri marocchini di biciclette "foglioviati" da vent'anni e che campano da vent'anni rubando bici anche la mia che se lo trovassi uno così o finisco male io o finisce male lui.

      Elimina
    4. S., i Cinesi sono invasori tanto quanto i Nordafricani, i Rumeni, gli Indiani, i Colombiani, gli Argentini, i Filippini (allunga l'elenco finché ti pare)... sai che differenza fa la provenienza quando parli di milioni di invasori? Marginale. Quel che conta è quanti sono. Fossero ben i discendenti degli Italiani a suo tempo emigrati altrove che pretendessero di ritornare, sarebbe una sciagura non meno grave. Milioni... riesci a figurarti una massa simile? No, probabilmente non ci riesci. Come tanti che pensano che i numeri basti scriverli su una pagina per capirne l'entità concreta.

      Elimina
    5. @lorenzo quanto mi stanno sulle ovaie chi non ha studiato o semplicemente ha studiato stronzologia, ma fa il tuttologo, in materie che continuamente presuppongono analisi socio-statistiche, geopolitiche e finanziarie.E voi due non avete studiato.
      @Uomo ma che link vuoi che ti metto? mica tutto lo scibile umano sta su Wikipedia? vuoi che ti prepari un elenco di libri e saggi attuali? bene basta dirlo.
      @MrKS anche lei non ha studiato...i Cinesi non sono invasori, migranti come quelli che cita, abbiamo firmato un trattato con il governo Prodi, sulla libertà di libero mercato e scambio, questi vengono, con grossi container nei nostri porti ed invadono tutto il nostro mercato della piccola e media impresa, nel frattempo con grossi portafogli ci stanno comprando pure il Colosseo, per dire, ultima La Pirelli, sono azionisti maggioritari in molte società alimentari e tantissime altre cose...che se le cercherà da solo. Ducumentarsi previene la decadenza cognitiva senile.buona notte

      Elimina
    6. Gli invasori possono presentarsi in tante fogge. Vogliamo aggiungere, agli invasori, anche gli Statunitensi? Abbiamo, sul nostro territorio, pure invasori italianissimi, proprio perché la categoria degli invasori è alquanto proteiforme. Invasore è chiunque "si allarga" senza tenere in considerazione il peso che il suo "allargarsi" ha su chi/cosa lo circonda.

      Prodi non l'ho mai conosciuto, così come non ho mai conosciuto alcuno degli "alti dirigenti" che si arrogano il diritto (?) di prendere decisioni al posto mio. La democrazia, prima che venga tirata in ballo a vanvera, non può esistere in corpi sociali che superino poche centinaia di individui, ergo non è mai esistita nell'Italia "unita". Ah, l'Italia stessa esiste o è essa stessa solo un costrutto voluto, tanto per cambiare, dalle dirigenze per il proprio esclusivo tornaconto?

      Quanto alla documentazione e alla decadenza cognitiva, senile o non senile, ho conoscenza di una quantità considerevole di persone istruite ma dall'intelligenza tarpata su più fronti. Posso affermare senza tema di smentita che intelligenza e istruzione sono variabili indipendenti che talora convivono nello stesso individuo, talora no.

      Elimina
    7. S. quindi tu proponi di affidare il Governo del Mondo ad una elite di super-cervelli che "hanno studiato" e di sopprimere la democrazia rappresentativa a suffragio universale dove il voto di un premio Nobel vale esattamente quanto quello di un analfabeta.

      Be' in effetti ci sono degli esempi molto interessanti, per esempio la Corea di Kim Jong un, il caro leader, che deve avere studiato un sacco visto che dovunque vada è circondato da gente col taccuino in mano per prendere nota di tutto quello che fa e dice.

      A me potrebbe andare bene se, insieme alla privazione della libertà conseguente, perché non avendo studiato non posso decidere quindi devo essere messo sotto tutela, venisse anche il fatto che il Caro Leader e i suoi generaloni col cappellone e coperti di medaglie smettessero di chiedermi qualsiasi cosa e invece mi provvedessero di tutto quello che mi serve per essere felice. Chi non ha studiato non paga le imposte, viene imboccato dalla mamma.

      MrCoso, invasore è uno che viene in casa tua e se ne impossessa. Uno che viene e te la compra non è invasore, si chiama acquirente. I Cinesi possono anche essere fastidiosi ma quello che ottengono se lo guadagnano. Magari illegalmente, tanto la nostra Agenzia delle Entrate non si accorge delle cose di cui ci accorgiamo tutti semplicemente uscendo di casa.

      Che gli Statunitensi siano invasori mi sembra ovvio, erano i nostri nemici in guerra, ci hanno sconfitto ed occupato con le armi. Ce la siamo andata a cercare, nel tentativo maldestro di ribellarci alla egemonia degli imperi coloniali che esisteva agli inizi del '900. Gli Statunitensi avrebbero potuto fare le stesse cose che fece Cesare in Gallia. A distanza di millenni per noi Cesare è un eroe e studiamo le sue imprese a scuola.

      Ma qui il discorso è un altro: esistono due gruppi di persone, quelle che credono che l'Italia, pur con mille sfighe, sia qualcosa che ha una identità ed un valore e quelle che credono che l'Italia, pur con mille meriti, sia qualcosa di mostruoso ed aberrante che deve essere demolito per costruire qualcosa di meglio.

      Inizialmente per demolire l'Italia e costruire qualcosa di meglio si pensava alla sacra trinità Marx-Lenin-Stalin. Siamo andati avanti per decenni con mezza Italia che, mentre si abbuffava alla greppia dello Stato, sfilava in corteo inneggiando all'abbattimento dello stesso Stato, alla soppressione della Repubblica e alla instaurazione della Dittatura del Proletariato.

      Poi un bel giorno lo scenario di cartapesta con lo stellone, la falce e il martello, l'operaio, il contadino e il soldato col mascellone volitivo è crollato e dietro è apparsa la miseria del terzo mondo.

      Problema, se non possiamo demolire l'Italia per costruire uno Stato comunista, cosa si può fare? Ideona, una società multietnica e multiculturale che copre tutta la terra, come avrebbe dovuto coprirla il comunismo. Basta sostituire l'operaio, il contadino e il soldato dal mascellone volitivo con il personaggi "multi", quindi il nero proletario, l'arabo credente, il travestito.

      Mentre in passato si mandava la gente ad addestrarsi nell'Europa dell'est allo spionaggio e sabotaggio perché l'idea era di agevolare la "liberazione" da parte della gloriosa Armata Rossa, adesso si manda la gente a "cooperare" nelle cloache del mondo con l'idea di agevolare la "liberazione" da parte dei "migranti".

      Una Boldrini oggi ha il ruolo che prima era di un Cossutta.

      Elimina
    8. x S.:
      > in materie che continuamente presuppongono analisi socio-statistiche, geopolitiche e finanziarie

      Come ho già scritto a casa tua, cercate continuamente un transfer, un capro espiatorio metafisico, teorie alte e complicate (che bisogna studiare molto) rispetto ad evidenze oggettive molto semplici.
      Ad esempio impronta ecologica (consumi) e biocapacità (produzioni) sia pur nel calcolo estremamente prudenziale, ottimistico ideato da Wackernagel e Rees,

      Adesso, Essepuntessa, guarda questo grafico: l'Italia ha bilancio risorse consumi con un deficit terrificante (non solo, in drammatico aumento proprio per la crescita da invasione migratoria e da alloctoni cunicularmente riproducentisi) già ora cinque volte il sostenibile.

      Non c'è nulla né di complicato, di sofisticato, di statistico, non bisogna essere esperti di ucasologia alla Sapienza o a Messina:
      ho un mezzo chilo di pasta e 30 persone invece che 5 e ancora 3 kg di pasta in dispensa. La importo da là ma non me ne vendono più, sono aumentati.

      Poi, cosa succede?

      Elimina
    9. Il Caro Leader ti fa un discorso su come coltivare i funghi in cantina, allevare le carpe nella vasca da bagno e cose cosi. Quando ha finito se ne va seguito dai generali col blocco di appunti e tu prendi la vanga e vai a seppellire qualche vicino di casa che nel frattempo è morto di fame.

      Elimina
    10. Lorenzo: "Uno che viene e te la compra non è invasore, si chiama acquirente."

      In linea di massima hai ragione. Quando però le "offerte" sono di quelle che non si possono rifiutare, magari perché sono formulate secondo sistemi di regole definite in luoghi lontani da persone che hanno in mente un piano per legarti nuovamente ad una catena e usarti secondo convenienza (WTO? FMI? che ne so? volano tutti così in alto che sulla mia testa può arrivare solo la loro merda), è allora che parlare semplicemente di "acquirente" diventa riduttivo. Per dire, corre voce che dalle parti dell'Iraq, una quindicina d'anni fa, ci fosse l'intenzione di cominciare a vendere roba in euro anziché in dollari, e si è visto com'è andata a finire.

      Elimina
    11. @lorenzo tuttologo, torna su youporn...fai un favore all' umanità.
      cmq non hai capito una mazza ed hai completamente travisato, ma che dico riformulato ma che dico...nulla, perchè hai parlato da solo.
      @Uomo idem con patatine.
      @MrKS, premesso che avevo premesso gli States, non ti allargare
      parlo di Cinesi, italiani che dovessero avere ancora le palle di investire, a parte i pedoni con i loro Suv, non esistono e, cmq non sarebbero invasori ma imprenditori. ma non esistono.

      Elimina
    12. Se qualcuno ti fa una offerta che non puoi rifiutare ci sono solo due casi, è l'ambasciatore di Serse che ti propone un accordo come all'inizio del film "300", oppure è un tuo socio in affari.

      Nel primo caso hai due alternative, fare buon viso a cattivo gioco oppure rifiutare e fronteggiare le conseguenze.

      Nel secondo caso fa parte del gioco.

      Attualmente coi Cinesi siamo nel secondo caso e cioè noi ci siamo messi volontariamente in un certo tipo di affari e abbiamo dei soci più svegli di noi che ci fanno il culo a strisce. Per essere più precisi, alcuni di noi beneficiano degli affari e la maggior parte di noi si trova col culo a strisce.

      Per il discorso del trattati internazionali eccetera, entro certi limiti siamo arbitri del nostro destino. Volendo, potremmo prendere d'assalto i palazzi governativi come fecero i Rumeni e pretendere la riscrittura della Costituzione dove si dice che questi trattati non sono vincolati alla approvazione popolare. Senza contare che nessuno ci obbliga ad incaricare Tizio o Caio di governarci o di scrivere le leggi.

      Fosse per me l'Italia sarebbe un mix tra Sparta e la Svizzera. Ma la maggior parte degli Italiani la vede diversamente.

      Elimina
    13. Cara "S" non c'è niente da capire, i robot come te ripetono degli stereotipi. Quello del "tuttologo" e dello "studiare", con la parte negativa dello "ignorante", è appunto uno stereotipo che sul blog di UomoCoso viene usato spesso e volentieri da certi "fenomeni".

      Il punto è che devi decidere dove mettere il segno.
      Dicci, o dea, chi ha diritto di parlare e chi non ce l'ha. Dicci intorno a chi dobbiamo fare capannello col taccuino in mano per prendere nota.

      Elimina
    14. Imprenditore è anche chi gira casa per casa a riparare lavatrici, magari in nero. L'errore (intenzionale) delle dirigenze è spacciare l'idea che l'impresa debba essere su scala megalitica o non essere classificabile come vera impresa, il che porta al concetto attuale (strumentale per pochi e fallimentare per la comunità nel suo insieme) di investimento inteso come movimento di mezzi faraonici per ottenere chissà quale alto risultato. In effetti, quando si parla di investimenti in grande stile si tratta sempre (sempre non è una parola che uso spesso, ma qui ci sta bene assai) di speculazioni, che è un modo elegante per dire truffe. Un modo come un altro per tenere i sottoposti al loro posto, adeguatamente sotto al tallone della nuova aristocrazia. Nuova in termini cronologici e di tecniche impiegate per la gestione dei sottoposti, ma perfettamente sovrapponibile alle aristocrazie d'ogni tempo: tagliagole della peggior specie. Dirigenze cinesi incluse, ma certamente non solo quelle.

      Ah, per chiarezza terminologica: gli "imprenditori" megalitici fanno parte a pieno titolo delle dirigenze, termine da intendere nel senso più lato ed inclusivo possibile.

      Elimina
    15. elucubrazione tutta tua Mr.
      neanche mi sfiorava tutta sta pippa.

      Elimina
  5. "£da sempre (SEMPRE!) ci sono fenomeni migratori. e che partono SPONTANEAMENTE in ragione dell'economia"

    Falso.
    Non solo falso da un punto di vista storico ma falso anche nella pretesa marxista di ridurre l'universo a variabili economiche.

    "... non credere che a me piacciano i musulmani."

    No a te piace qualsiasi cosa serva a demolire noialtri. Tutto quello che è "exo" è intrinsecamente bello e buono, tutto quello che è "endo" è intrinsecamente brutto e cattivo.

    "... la soluzione bellica non porta da nessuna parte. "

    Falso. Non solo falso storicamente da ovviamente introdotto come dogma di fede. Tutte le civiltà umane sono state fondate sulla "soluzione bellica", INCLUSA la fottuta Italia. La differenza è che siccome noi siamo brutti e cattivi a priori, le guerre nostre sono fasciste e sbagliate a priori. Quelle degli altri invece sono guerre buone, per esempio se vieni qui ti porto a visitare la sede di Rifondazione "Che Guevara". La unica nostra opzione è appoggiare qualche "partigiano", quindi il problema si riduce nel qualificare questo qualcuno come "partigiano". Per esempio si potrebbe decidere che una tale milizia o un tale sedicente governo della Libia sono formati da emuli di Pertini (il quale meriterebbe tutta una trattazione a parte) e a quel punto potremmo fornire armamenti o anche mandare truppe ad affiancare questi combattenti antifascisti.

    "... ma ve lo vedete il governatorato italiano a Tripoli? "

    I post-comunisti, post-democristiani nella loro programmazione robotica hanno la capacità di cancellare le informazioni che non collimano con l'universo immaginario in cui si muovono. Per cui i comandanti delle forze NATO o UE o ONU dispiegate in cento mila aree di guerra nelle famose operazioni di "peace keeping" o anche di guerra dichiarata come nel caso dell'Afghanistan (la nostra partecipazione dipende dal fatto che gli USA hanno invocato la clausola di mutua difesa della NATO) non sono dei "governatori", sono degli "amici in visita". Non c'è limite alla coglionaggine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La coglionaggine di essere in guerra da decenni senza nemmeno saperlo.

      Non "guerra" per modo di dire, proprio guerra con tutti i crismi. Ma ancora, l'importante è mentire e continuare a ripetere le menzogne, cosi si cancella la realtà.

      Elimina
    2. saper insultare non ti rende più simpatico. neanche più intelligente. men che meno se poi dici anche inesattezze e falsità. soprattutto quando sostieni che a me piacerebbe il non italiano, cosa veramente ma veramente sbagliata, e chi mi conosce lo sa bene.

      nel frattempo ti segnalo un indirizzo utile

      http://www.store.armeriacaspani.it/

      Elimina
    3. La lista civica che avevo co-fondato è esplosa proprio perché i cattolici e una parte dei comunisti (quelli cattolici) non accettavano l'evidenza scientifica oggettiva della realtà.
      Io andavo fuori di matto perché la loro malafede e il loro fanatismo negava evidenze storiche, matematiche, scientifiche.
      Certo poi si arrivava agli insulti, perché o sono mentecatti (che non è un complimento) oppure sono in malafede, che è peggio, perché la disonestà intellettuale è la prima e la peggiore delle disonestà.

      Gli studiosi di decrescita hanno già studiato vari scenari, uno dei quali è detto "della fortezza".
      Quando l'aggravarsi della crisi diventerà più manifesto, vuoi per la fine dei risparmi consumati dagli italiani, vuoi per la presa di coscienza della forza numerica da parte delle varie etnie, vuoi per la diminuzione progressiva di risorse dovute e all'impoverimento del paese (uno straccione non può importare nulla) vuoi per la diminuzione dei paesi esportatori (con surplus di biocapacità), ci saranno orde e bande che razzieranno tutto il possibile, dagli incubi cittadini (potete osservare le immagini di città come Aleppo, Damasco, la stessa Gaza, Kobane che sono peggio di NYC di Jena Pliskenn e assolutamente reali.)
      Chi non sarà armato soccomberà anche in provincia attaccato da bande di predoni morti di fame disposti a tutto, assalendo poderi e contadini (la distruzione della cultura contadina comporterà un ulteriore immiserimento, distruzioni delle produzioni e ulteriore calo di derrate e legna per scaldarsi in inverno).
      Anche Zygmunt Bauman ha studiato la relazione tra violenza e progressivo isolarsi in quartieri sempre più blindati e difesi.
      L'incursione del commando islamico nella redazione di Hebdo è solo uno degli episodi di guerra urbana (se ti sei dimenticato cosa è la guerra in città guarda il video in questa pagina).

      Purtroppo neppure avere delle armi sarà sufficiente per difendersi.
      La neomedioevalizzazione procederà celermente.
      La cosa grottesca, Francesco, è che tu descrivi questa realtà a mo' di battute provocatorie quando la realtà ti ha già superato, persino in Europa, decine di volte.

      Elimina
    4. Francesco, io scrivo di fatti.

      I fatti sono che tutte le istituzioni che conosci sono state forgiate dalla guerra, nel passato e nel presente. Incluse quelle italiane.

      Inoltre i fatti sono che l'Italia è impegnata in guerra da decenni, vedi "my name is Roberto Cocciolone" ma causa "cattocomunismo" ci piace giocare alla mite pastorella.

      Anche perché lo F-35 italiano è simbolo nazifascista tale quale il B-52 sul Vietnam e in contraddizione con tutta la mistica del partigiano scalzo, che il talebano è tal quale il Vietcong. E se viva Ho Chi Mihn allora anche viva Al Zarkawi.

      La gente che si definisce (sempre in maniera impropria) di "sinistra" ha la testa cosi infilata su per il colon che è impossibile fare un ragionamento razionale.

      Elimina
    5. Tanto per la cronaca, la prima guerra combattuta dall'Italia ufficialmente dopo la seconda guerra mondiale fu nel 1991 durante il governo Andreotti.

      La seconda guerra combattuta dall'Italia fu nel 1996 durante il governo Dalema.

      Chi ha voglia può ottenere facilmente l'elenco completo a cui si possono aggiungere le missioni militari a profilo più basso come ad esempio le forze di interposizione.

      Che combattiamo guerre senza saperlo e senza ricavarne un utile dimostra solo quanto siamo coglioni.

      Elimina
    6. uomo, ma allora vedi che è un problema di risorse..... se in Italia non ci fosse un cazzo verrebbero forse gli extracomunitari? certo che no....

      la Cina e l'India di oggi sono quelle di 50 anni fa? certo che no....

      le cose cambiano. Roma è stata la capitale di un impero sterminato che poi è imploso. sono i famosi corsi e ricorsi storici. non sta scritto da nessuna parte che la vecchia Europa debba essere quella che è stata in questi anni.

      che poi, la vecchia Europa è quella che si è massacrata nella prima metà del secolo scorso. a noi sembra lontanissimo quel periodo, ma sono "solo" 70 anni fa.....

      Elimina
    7. Il "problema di risorse"... allora diciamo che a me piace la tua donna, la tua macchina e la tua casa. Vengo li, ti do una botta in testa, ti butto nel naviglio e mi prendo tutto. Se qualcuno obbietta gli dico che è un problema di risorse e panta rei, oggi c'è il vecchio Francesco e domani non c'è più.

      "... non sta scritto da nessuna parte che la vecchia Europa debba essere quella che è stata in questi anni."
      Non sta scritto da nessuna parte che il tuo culo deve essere quello che è stato in questi anni, quindi facciamo in modo che tu sollazzi un simpatico gruppetto di sodomiti. Fattelo piacere, le cose cambiano.

      A chi sembra "lontanissimo" quel periodo? A quelli che nel 2015 propongono di demolire i monumenti costruiti durante il Ventennio?
      A quelli che cantano "bella ciao" (che tra parentesi non è un canto della resistenza)?

      Elimina
    8. UUIC: "Gli studiosi di decrescita hanno già studiato vari scenari, [...] la realtà ti ha già superato, persino in Europa, decine di volte."

      Quando UUIC scrive interi paragrafi come quelli compresi tra i spezzoni che ho citato scrive in un modo che mi sembra davvero impossibile possa essere non compreso, frainteso, negato. E' come voler negare che il bianco è più chiaro del nero e che quindi il nero è più scuro del bianco, laddove il grigio si colloca da qualche parte tra i due estremi.

      Elimina
    9. Bisogna per prima cosa attribuire un qualsiasi ruolo agli "studiosi".

      Torno a dire, come sopra, che fintanto che io pago le tasse, pretendo di partecipare al governo della Polis, quindi alla politica. Questo significa essere "liberi" cittadini.

      Altrimenti sono schiavo, non pago le tasse, non partecipo al governo della Polis.

      Qualsiasi cosa dica lo "studioso", a me serve solo come informazione per potere prendere una decisione. Non posso delegare le decisioni ad altri altrimenti sono schiavo.

      Ora, la teoria dello "studioso" è strumentale a togliere la libertà dalle mie mani con la scusa che non posso decidere perché non so. Ci deve essere qualcuno che sa, sopra di me, che decide al posto mio.

      Faccio notare che si sono combattute guerre per molto meno.

      Elimina
    10. Gli studiosi, talvolta scienziati bagascia come certe baldracche della universitò di Modena filonuclearisti arriva un potente (B.) e questi gli scrivono tutto quello che vogliono, specialisti del millimetro quadrato pro OGM, i tuttologi alla Veronesi, i fanatici della crescita dell'insostenibilità, psicologi della sofisticata complicanza astrusa che devono spendere pagine per spiegare in psicologichese per spiegare che attenzione alla tua identità non va bene e devi essere buono e aperto alla ricchezza del multi(in)culturalismo etcetera etcetera etcetera.

      Prendi una realtà scomoda, puoi inventarti una teoria di plastica, alta colta e sufficientemente complicatoastrusa per cui non sarai mai suo studioso o esperta e quindi stai zitto con cui smentirla.

      Elimina
    11. Il discorso del nucleare è interessante.
      Le informazioni necessarie per decidere se si tratta di una soluzione praticabili sono su Wikipedia, non sono scritte in sanscrito e chiuse nel sacello del sancta sanctorum di un tempio tibetano nascosto sulla cima di un monte inaccessibile.

      Basta una considerazione e cioè che al costo per KW ottenuto calcolando la costruzione della centrale e il suo funzionamento a regime (che sono quantificabili) bisogna aggiungere il costo dello smaltimento delle scorie (di ogni tipo, dal combustibile alle tute usa e getta degli addetti), il costo degli inevitabili incidenti non catastrofici durante il funzionamento della centrale e il costo dello smantellamento della centrale una volta arrivata a fine vita.

      Se in una sola di queste voci si riporta "impossibile calcolare il costo", significa che non si può stabilire quanto costa il KW prodotto da una centrale nucleare, potenzialmente potrebbe essere "n" volte quello stimato.

      Ma qui ci imbattiamo nel modo di pensare della gente che deriva dalla educazione. Per me, che ragiono in maniera "pseudo-aristocratica" e quindi sono portato alla conservazione, la soluzione ideale ha il costo più basso possibile a fronte della resa minima necessaria ed è reversibile. Cioè io sono disposto ad avere meno per essere più libero. Un'altra persona invece, educata in maniera "edonistica", pretende di avere qualsiasi cosa in qualsiasi momento e modo, quindi la soluzione ideale è quella con la resa massima possibile indipendentemente dal costo e dalle conseguenze. Cioè è disposta alla schiavitù pur di soddisfare le proprie pulsioni.

      Elimina
    12. Gli studiosi dicono la loro. Io prendo in considerazione quel che dicono, lo passo al vaglio della mia intelligenza (non istruzione), quindi lo sottopongo al filtro del sospetto (sempre opportuno, vista l'indole umana media), dopo di che decido se quel che mi è stato illustrato è degno d'attenzione, è una sciocchezza o è una fregatura. Non sono come quelli che usano la calcolatrice, battono "2x2". ottengono "0" e, siccome si fidano ciecamente della perfezione del mezzo, manco sono sfiorati dal dubbio che il risultato possa essere una cazzata perché magari hanno semplicemente pigiato un tasto sbagliato. Gli studiosi sono studiosi, ma se partono per la tangente (perché poco accorti o perché disonesti) tante volte, anche solo "a spanne", me ne accorgo.

      Elimina
    13. Se invece di un limite di 3 kilowatt mi mettessero un limite di 1 kilowatt io mi adeguerei senza problemi.

      Se mi dicessero che ho due alternative, avere 10 kilowatt ma una centrale nuclerare o 1 kilowatt ma una ventola con un alternatore sul tetto, io sceglierei la ventola senza pensarci un nanosecondo.

      Elimina
    14. Vedete, voi due, MesserPigiaTasti e Lorenzo, siete due persone che non hanno messo la mente all'ammasso e con una forte dimensione spirituale.
      Invece l'economia delle masse animata dall'ingordigia a breve termine autoalimenta la propria capacità metabolica creando ogni sorta di dipendenze, di compulsioni, di consumismi e servizismi.

      Per il_bobbolo il massimo è proprio avere più centrali nucleari per tutti in modo che il furbofono possa andare in 4G per vedersi la partita della pedata Salernitana - Chievo mentro sono a Venezia a cui sono andati con un TAV mettendosi il maglione per l'aria condizionata findus
      e civoglionocertamente piùcenrtralinucleariper tutti e più crescita

      e altre puttanate del genere che permeano i discorsi di tromboni, scienziati, politicastri ed economisti baldracca, di ultras delle ideologie da bar sport, tecnoteisti, progressisti e crescitisti dementi?

      Elimina
    15. L'espressione "spirituale" fa riferimento al trascendente. Per me invece è semplicemente il comportamento del buon padre di famiglia che si fa i conti in tasca e porta rispetto per gli antenati.

      Elimina
    16. Nota del tutto secondaria:
      ma "Smasher" non deriva da "to smash" che vuol dire "rompere, distruggere"?
      Quindi non direi PigiaTasti, semmai DistruggiTasti/Chiavi (oh, c'e' chi punzona gli hard disk, ci saranno anche quelli che distruggono i tasti).

      E' solo una nota semantica, eh!

      MrKeySmasher, perche' hai scelto questo pseudonimo? Perche' accetti che ti traducano PigiaTasti? E' solo una curiosita'.

      Elimina
    17. CumuloCosa, rispondo alla ultima domanda: perché non può farci niente. Come puoi vedere tu stessa. :)

      Elimina
    18. Ma almeno nel mio caso lo so che e' voluto... invece magari uno non sa che smash e' distruggere, e mi stona un sacco se penso che voglia essere una traduzione... preferisco di gran lunga l'opzione forzatura a bella posta. :)

      Che poi, mica hai risposto riguardo al motivo della scelta dello pseudonimo (visto che l'ha scelto da se).

      Io mi chiamo Cumulonembo perche' in fondo sono pacchiana! :)

      Elimina
    19. Ma chissenefrega perché un picchiato in testa si sceglie uno pseudonimo più o meno ridicolo. Che domande fai. E' una tautologia, se uno è picchiato in testa si presenta come Pincopalla e se uno si presenta come Pincopalla è picchiato in testa.

      Adesso ripensa al motivo per cui ti presenti come CumuloCosa.

      Elimina
    20. E prima che tu ti faccia venire strane idee, uno che si chiama Mario si può presentare come Piero, non gli serve presentarsi come Pincopalla. Diventa inevitabile quando uno che si chiama Mario è anche picchiato in testa.

      Elimina
    21. E' d'uso scegliere uno pseudonimo (anche se c'e' chi ci mette il proprio nome, e a volte anche il cognome).

      Io nome e cognome non ce lo voglio mettere, quindi scelgo uno pseudonimo.

      Che tale pseudonimo sia ridicolo ci sta, in quanto pseudonimo (Cumulonembo mi piace di più di, che ne so, Wonderwoman (ah ah ah). Son gusti).

      Ripeto: tutto il rispetto per chi ci mette nome e faccia. Io, pero', non ce li metto.

      Elimina
    22. Ok, basta fuori tema, lasciate perdere, erano domande oziose.

      Elimina
    23. Eh no, "quindi" un bel niente. Se tu ti chiami Maria ti puoi scegliere come pseudonimo Laura, niente ti obbliga a scegliere "onda del mare azzurro una notte d'estate che faceva caldo e c'era tre quarti di luna".

      Non esiste nessuna correlazione tra la necessità di non usare il nome vero e lo pseudonimo assurdo. Tranne appunto la picchiatointestaite.

      Elimina
    24. Poi è d'uso dove? A Paperopoli?
      I Romani chiamavano uno "il pelato" perché era pelato, oppure "il grosso cece" perché aveva una escrescenza sul naso a forma di cece. Piacere, sono Maria "la culona" Rossi.
      Attenzione con gli usi e i costumi...

      Elimina
    25. Ok, capiamoci. "Nuvola-colorata-di-rosa" e' un nome che ha inventato mia figlia. Io sono partita da li'. Ora sono Cumulonembo, perche' mi gira così'.
      Certo, potevo chiamarmi con un nome normale, diverso, ma non volevo. Se proprio avessi voluto mettere un nome avrei messo il mio!

      A me, in fondo, m'importa assai come mi percepiscono qui sui blog.
      Sembro picchiatella? Ok, mi sta bene.
      Il mio nome e cognome lo do in pasto a chi se lo merita.

      Comunque mi rendo conto che ho creato un sotto-filone off topic su un blog di un altro utente in cui si trattava di ben altro e mi sento come se gli stessi facendo un torto.

      Quindi, Lorenzo, se vuoi ti rispondo altrove, perche' sono chiaramente off topic e mi fa specie.

      Elimina
    26. Cumulonenmbo....
      E' più scientifico di Nuvola Sospesa! :)

      Elimina
    27. Cumulo, la questione del nomignolo col quale frequento questo blog era già emersa in un'altra occasione e ne avevo offerto dettagliata motivazione in qualche commento ormai seppellito nel passato (non aveva niente a che fare con l'essere "picchiati in testa"). In effetti "MrKeySmasher" l'avevo inteso come "signo Schiacciatasti", nel senso musicalmente deleterio dell'espressione. Poi le circostanze mi hanno portato ad abbandonare un'idea che avevo in mente, mentre l'account Google è rimasto e lo uso senza pensarci più di tanto. Se ti ha fatto fare una bella risata, ne son solo contento. Non è una cosa seria.

      Elimina
  6. Interessante questo episodio per capire il trattamento riservato ai migranti italiani in viaggio verso le americhe:

    "il “Matteo Brazzo”, nel 1884, in un viaggio di tre mesi con 1.333 passeggeri ha avuto 20 morti di colera ed è stato respinto a cannonate a Montevideo"

    da http://www.museonazionaleemigrazione.it/museo.php?id=5&percorso=2

    _zzzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettiamo anche qui un bel collegamentazzo.

      Le emigrazioni degli italici e di altri europei in Sud America hanno comportato i genocidi di numerose culture amerinde.
      Solo che se ricordi questi fatti oggettivi
      o - a destra si incazzano come dei bufali perché noi siamo noi candidi e lindi
      o - a sinistra sclerano isterici perché tu sarai certamente un nazifascioleghista xenofobo che lo vuoi usare contro la "ricchezza" delle migrazioni di massa
      o - al centro i cattolici si mettono a pregare il padreterno e poi vanno a Santa Maria delle culle per voler avere il 3o o il 4o figlio che non devi mica usare il sesso per il piacere e poi solo per fare figli tanti belli numerosi

      I nostri emigranti bussavano la porta e spesso veniva chiusa loro in faccia, come hai documentato.
      Qui invece ci sono masse di milioni che sfondano la porta e si installano in casa tua che è loro diritto e tu sei brutto cattivo lamentoso.

      Elimina
  7. - L'idea di bloccare i barconi in partenza viene bocciata dal Vaticano. "E' un'idea mostruosa, orrenda, inumana" quella di "bloccare persone disperate che fuggono dalla fame o dalla guerra: lo chiamerei un crimine di guerra", ha affermato Margaret Archer, presidente della Pontificia Accademia della Scienze sociali -

    Sono secoli che abbiamo il Vaticano in mezzo ai coglioni, sarebbe il caso di occuparlo e sfrattare la Chiesa, che traslochino pure in Colombia o dove gli pare. Anzi, vadano ad abbracciare il prossimo in Palestina, a mettere in pratica l'esempio del Cristo la dove tutto ebbe inizio.

    Ma poi penso che bisogna mandare via anche Vendola, Boldrini e tutti i compagni, chi rimane?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pastori che come tutte le categorie umane sono composti in gran parte da persone mediocri se non scadenti sono sempre interessati all'aumento quantitativo del gregge che sfruttano. Infatti essi dicono alle pecore di mettersi tra i maroni (in politicamentecorrettese si dice "accogliere" altri milioni di pecore).
      Poco importa se l'ovile è già zeppo come 'na scatola di sardine o se la quantità di fieno calerà drasticamente.

      Il vaticancro (come l'islammerda e altra cacca religiosa) è una fonte millenaria dell'inquinamento peggiore, quello ideologico.
      La setta comunista derivata da quelle tradizionali non è affatto diversa.
      Sono esagitati con la testa piena di teorie contronatura e quindi folli.

      Chi rimane?
      Guarda che questa orribile castalia ha un gregge che bela come gli è stato chiesto di belare ma che sotto sotto, è in disaccordo con non poche teorie (scriteriate) del pastore.
      Che poi le pecore siano a loro volta non poco decerebrate, questa è un'altra realtà.
      In genere però se ne accorgono troppo tardi, quando il pecoraro lo porta al macello.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.