domenica 5 ottobre 2014

Anche un poco oltre

Il partire
  1. alle otto
  2. per un giro nella prima meta' della giornata 
ha annientato il gruppo: da nove a tre.
Il giro della zia l'avevo chiamato, oggi ho usato anche il termine di gita-scoreggia, sono quei giri che trovo persino nojosi nella loro passeggiatitudine. Quando sto bene.
Ecco, nella seconda metà della gita io sono stato in silenzio, prossimo ai limiti fisici. Antibiotici e altro mi hanno reso un'ameba.
Lo stato era quello di una impegno costante contro la mancanza di vigore, anche per stare in piedi (che in un momento ho messo male, per debolezza un piede e _zzz e A-Woman si sono spaventati un tot perché sotto c'era un dirupo di una sessantina di metri con tot di massi sfasciati sotto, non sarebbe stato poco salutare finire lì sotto). La seconda metà del giro è stato uno sperare di tornare a casa per mettermi a letto, avevo freddo (in crinale vento teso freddo da oriente e sono state tre ore su quattro e mezza di crinale), mi tremavano le mani.
Così ora scrivo questa pagina con la scelta di essere rimasto a casa invece di andare alla (bella) milonga de “la tarde” detta del TPO.
Arrivare ai limiti, forse anche un poco oltre. Poi basta.

18 commenti:

  1. Cioè, sei andato a scarpinare con awoman ?

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. ma allora siete in buoni rapporti...

      Elimina
    2. Bello vedere come a tutti interessi il lato "umano". Stavo per chiedere lo stesso anch'io...

      PS Uomo, stai quieto. Torna in forze e poi riprendi a scarpinare. La prossima volta resta a casa a leggere e sentire musica ;)

      Elimina
    3. lo sai che io trovo la cosa inspiegabile. come si fa ad andare in giro con una con cui si è fatto sesso acrobatico e poi è finita ?

      Elimina
    4. Ci vuole solo un po' di faccia di tolla da parte di entrambi. Come per molte altre cose della vita. Anzi, la faccia di tolla penso sia il requisito fondamentale.

      Elimina
  3. Boh, io sono per andare al limite quando si e'nel pieno delle forze.

    Quando si prendono antibiotici, la cosa migliore da fare e' riposate. Si rischia di prolungare sensibilmente la convalescenza. Per l'organismo, quando deve guarire, la miglior medicina e' il riposo e il sonno (accompagnato dai rimedi medici del caso).

    E' la linea guida per i bambini, per esempio: se stanno male, devono stare a casa e guarire presto. Mandarli con l'influenza e la febbre serve solo a logorarli.
    Per gli adulti, spesso con il lavoro e' difficile... ma secondo me non dovresti organizzarti le escursioni proprio mentre il corpo necessiterebbe riposo. La prossima volta non farlo ok?

    Riposati! (ok, ok, la smetto di sputare sentenze!)

    B.

    RispondiElimina
  4. Gli antibiotici di perse non sono un grosso problema, almeno non cosi debilitante da non permettere di camminare o da farti tremare le mani.
    Gli antibiotici di solito si prendono per prevenire o per combattere una infezione batterica. L'infezione batterica invece è una cosa che ti debilita parecchio, sia perché mobilita le risorse del corpo per combatterla, sia perché i batteri rilasciano delle tossine allo scopo di deprimere la risposta immunitaria e le tossine sono veleni molto molto potenti.

    Più che il riposo serve una alimentazione adeguata ed evitare di prendere una successiva infezione opportunista, tipo un mal di gola di tipo virale. Gli antibiotici non hanno alcun effetto sui virus. Più che riposare ti suggerisco di stare lontano dalla gente e dai luoghi chiusi.

    Il riposo è automatico, quando non ce la fai più il corpo ti obbliga a fermarti.

    RispondiElimina
  5. x nottebuia:
    Sì, siamo in buoni rapporti. Io le voglio bene.

    x Wannabe Figa:
    Mah, sai, quello per me era/è/avrebbe dovuto essere un giro della zia. Invece con la condizione fisica da ameba mi ha portato al limite.
    Ero sicuro che non avrei avuto problemi e invece...
    Devo anche dire che un uscita, aria buona, sole, natura, mi ha fatto anche bene.
    Solo che da un certo punto in poi sono stato esausto.

    x Nuvola Sospesa:
    Buongiorno!
    Come risposto a Vorressere Nagnocca ero convinto di farmela come bersi un bicchier d'acqua.
    E invece sono arrivato al limite.
    La sera, dopo che abbiamo cenato, _zzz è andato in milonga, io me ne sono stato a casa.
    In qualche modo i limiti li ho superati e poi li ho riconosciuti. Penso che ciò sia proprio la parte educativa, formativa della trasgressione intelligente.
    Grazie per l'attenzione.
    Io con te mi sento un po' in debito.
    Ogni tanto passi qui, lasci un pensiero carino ma... io non frequento casa tua. Devo venirti a leggere, Nuvola Sospesa.

    x Lorenzo:
    Qui l'amoxicillina è stata un sostegno farmacologico pre e post operatorio. La bocca è un luogo infetto e averci una ferita coi punti dentro comporta un rischio settico notevole.
    Quindi questi pro (la profilassi) è il valore aggiunto corrispondente ai contro (avvelenamento antibiotico, debilitazione che esso comporta, etc.).
    Io rifuggo dagli antibiotici e li uso rarissimamente, quando essi sono necessari. Se ricordo bene, tre volte negli ultimi cinque anni.
    o - polmonite da influenza suina
    o - estrazione tripla
    o - impianto triplo

    >quando non ce la fai più il corpo ti obbliga a fermarti.
    Infatti ieri poi mi sono fermato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco, il tuo peggiore nemico quando sei debilitato sono le persone. Dalle persone prendi le malattie. Prendere una malattia mentre sei debilitato non è una buona idea.

      Quindi non incontrare gente.

      Elimina
    2. UnUomoInCammino: non sentirti in debito!
      Io pure leggo i blog che mi pare a me, commento quando ho qualcosa da dire e tempo per farlo.

      Passa da me se ti va, non per obbligo.
      Io non e' che commento per attirare lettori!
      :)


      Elimina
  6. Tieni questa, così ti ricarichi e ti senti un supereroe :D

    https://www.youtube.com/watch?v=_PRah1fs1dM

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Vorressere Nagnocca mi garba tanto. Adesso lo imposto come url del profilo Linkedin.

    :-)

    RispondiElimina
  9. x Francesco:
    > sesso acrobatico
    Non solo quello.

    x Lorenzo:
    > faccia di tolla
    ?
    > non incontrare gente
    Mi pare ragionevole.
    Diciamo che ciò che ha valore aggiunto comporta sempre dei rischi.

    x Nuvola Sospesa:
    Ci sono pagine interessanti anche a casa tua.

    x Lisa Miller:
    x Lorenzo:
    Visti solo di sfuggita, poco tempo. Grazie.

    x Wannabe Figa:
    Sai che io cerco di trovare una soluzione cruscantica per tutto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, le relazioni con le persone si fondano sulla faccia tosta, ovvero su maschera e finzione.

      Mi viene rimproverato qui di non farne uso.

      Il "valore aggiunto" è una espressione da venditore, in quanto tale la rigetto. Diciamo che incontrare la gente è naturale e piacevole. Come mangiare il salame. Epperò quando sei malato meglio non correre rischi inutili.

      Elimina
  10. a relazione finita ricordo solo il sesso acrobatico. che se non ricordo male aveva un voto altro. quindi ribadisco, come si può ?????

    RispondiElimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.