giovedì 30 ottobre 2014

Due ruote correzionali

Ora che la sera devo rimontare ogni volta i fanali anteriori e posteriori (per poi rismontarli una volta biincatenata la bici nei pressi della stazione) le operazioni sono diventate ancora più lunghe.
E io provo sentimenti sempre più violenti rispetto a questa marmaglia di piccoli delinquenti che aumenta di giorno in giorno con l'aumento dell'importazione di balordi senz'arte ne parte favorita dagli scafisti bianchi cattocomunisti al governo (Cameron ha detto la cosa del tutto ovvia che ogni persona sensata e con qualche capacità di discernimento può capire).

Stamani ho preso un treno mezz'ora prima e, perstamadonna, sono finito nella bolgia di auto, SUV, berlinoni e robaccia varia  posizionale tedesca della buonapinguescema borghesia felsinea che portava in massa pecoreccia i suoi prodotti alla scuola privata di inquinamento cattolico. Voi non potere immaginare l'ingorgo che ciò crea in un mezzo quartiere. Quasi quasi mi creo un cartello così e me lo appendo sulla schiena, ho pensato

Pigri debosciati
portate a scuola i vostri figli in bici o a piedi
affinché non diventino idioti autossicodipendenti.
Come voi

Mi godrei poi gli insulti, eheheh.
A proposito, ieri ciclomanifestazione in città sul problema dei furti delle bici, guardate cosa scrive quella ragazza? Finalmente qualcuna inizia a dire cosa non si può dire a questa popolo marmagliesco di ladri e ricettatori.

Venerdì scorso, andando alla lezione di milonga in centro, ero in pista ciclabile stretta - progettata male a discapito dei pedoni su un marciapiede stretto senza togliere un metro allo spazio per le auto - sono venuto quasi alla mani con un biciclista. L'universitario meridionale (figuriamoci che classe dirigente che formerà, stiamo freschi) ganzetto arrogante era scocciato e poi aggressivo perché io, con il mio solido metodo educativo-correzionale, non mi sono spostato di un millimetro ed egli, in controsenso (avrebbe dovuto essere sulla pista ciclabile nel verso giusto sul marciapiede opposto), si è dovuto fermare.
Sto sulla destra (destra cosa? quale?), come ti permetti! cazzo vuoi? non mi mettere le mani addosso, etc. etc.
Gli ho detto di stare cagato, gli ho ripetuto "Se vuoi trasgredire, fallo con intelligenza" più volte ma secondo me non l'ha neppure capito. Poi si è spostato è andato via. L'intervento correttivo sarà servito?


34 commenti:

  1. Ho percepito (in mezzo a tanta ironia) una sorta di profonda insofferenza verso il genere umano. La domanda è: tutto, o solo una parte? Sembri aver bene in mente dove collocare questa "categoria"... a me manca sta certezza. Per me l'uomo è uguale, ovunque, sempre. In quanto uomo, imperfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'insofferenza è per la stupidità, Sarah.
      Del resto, devo dire, che devo anche essere grato a questa mediocrità che aumenta esponenzialmente quotidianamente perché mi permette di differenziarmi via via più da essa.
      :)
      Condivido la superbia che caratterizzava parte della vita di Siddharta e non ne ho ancora la compassione e la saggezza.

      Guarda, anche io sono un mediocre su alcuni aspetti, ad esempio nei rapporti con le donne.
      Ma non mi lamento né faccio ricadere essa su altri. Insomma, essere mediocri è umano. Non è umano (visto che dovrebbe essere Sapiens la specie) far ricadere su altri gli effetti della propria stupidità.

      L'uomo non è uguale. E' fatto di individui che, statisticamente, hanno connotazioni comuni e un'ampia possibilità, in bene o male, di comportamenti responsabili o irresponsabili, intelligenti o stupidi, miopi o lungimiranti, etc. individuali.
      Quella del discernimento, della responsabilità e respons-abilità dovrebbe essere proprio una caratteristica degli homo.

      Elimina
    2. L'affermazione "l'uomo è uguale ovunque sempre" è cosi assurda che va oltre il campo della semplice scemenza, siamo nell'ordine della follia. Infatti è l'esatto opposto, non ci sono due uomini (plurale) uguali, sono tutti diversi. Aggiungere "ovunque sempre" significa riconoscere implicitamente che l'affermazione potrebbe comprendere delle eccezioni quindi è falsa.

      Elimina
    3. Oltre la follia di affermare l'esatto opposto della realtà, c'è un altro problema, quello di attribuire un valore positivo al concetto di "uguale". Cioè è bene che l'uomo sia uguale ovunque sempre, è male che l'uomo sia diverso anche solo una volta, da qualche parte.

      La domanda inevitabile è: "perché dovrebbe essere un bene che l'uomo sia uguale?" Facciamo un esempio banale, se l'uomo fosse uguale la minima variazione ambientale sfavorevole estinguerebbe tutta la specie. Invece siccome siamo diversi, anche se dovesse esserci una epidemia di Ebola solo una parte della popolazione verrebbe estinta ma grazie alla variabilità genetica ci sarebbero molti con una resistenza innata alla malattia, per varie ragioni. L'evoluzione in biologia si fonda proprio sul fatto che durante la fecondazione si mescolano i geni in maniera che non ci siano due individui con lo stesso genoma.
      E via via, si potrebbe continuare all'infinito.

      Elimina
  2. Non ho ben compreso la dinamica che ha causato il diverbio col rozzo meridionale. Stavi a piedi? Eravate in bici entrambi? Lui era contromano? Chi stringeva la via a chi? Secondo me con un sorriso si potrebbero dirimere conflitti (a volte) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul ponte di San Donato ci sono due marciapiedi stretti su ciascuno dei quali è stata non-intelligentemente creata una stretta pista ciclabile, una per verso (a occidente quella verso il centro/(porta), a oriente quello verso la periferia).
      L'universitario stava procedento controsenso sulla pista ciclabile sul marciapiede lato occidentale, quella verso il centro, in verso contrario, ovvero pedalando verso nord/periferia.

      Il sorriso ci sta tra persone che si rispettano.
      Con un arrogante che cerca di farti spostare o farti fermare (c'erano dei pedoni, uno dei due avrebbe dovuto fermarsi) il sorriso non va bene, perché ne rinforzerebbe la prepotenza e le cattive abitudini della quale essa è risultato.

      Più che a sorrisi c'è il rischio di finire a cartoni, in questi casi.

      Elimina
  3. non è servito, ma ci sono un sacco di ciclisti ottusi, fidati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ciclisti non sono né meglio né peggio degli altri bipedi.
      Diciamo che io mi illudo che alcuni di loro possano avere qualche intelligenza e coerenza superiore ma, appunto, rischia di essere una pia illusione.
      Del resto, vedo quotidianamente ciclisti che girano con cuffie auricolari coprenti.
      Capisci che la stupidità è veramente la cosa più comune, democratica ed egalitaria.

      Elimina
    2. Quella sulla stupidità è una massima da incorniciare. Chapeau.

      Elimina
    3. A proposito di massime e massimi...
      Il problema è che il buonismo moralistoide, politicamente corretto rinforza come null'altro questa incultura della irresponsabilità. Questo buonismo perdonista molto buono sì per spensierati, giulivi, egoici, esuberanti, furbastri, espansivi, delinquenti e compagnia bella è una delle cose che aumenta in modo massimo la stupidità e rinforza le cattive o pessime abitudini, fino al crimine.
      La mancanza di selezione naturale aumenta la diffusione degli stupidi perché non soccombono e si riproducono (più sono stupidi e più si riproducono).
      Le persone sono state sradicate dall'ecologia pavloviana dell'assumere su sé stesse le conseguenze (negative e correttive) delle proprie azioni.

      Elimina
  4. Ho vissuto a Bologna dal 78 all' 80, quando avevo dai 3 ai 5 anni e ci sono ricapitato 1 mese 10 anni fa : tutto è cambiato ; i Bolognesi la loro tradizionale accoglienza se la sono , e se la prenderanno ancor di più in quel posto :se devo affumicarmi di smog e godere della vista più di extrac e merid che altro allora molto meglio Roma...Non posso "andare a Jesi" come si dice a Bologna, perchè già ci sono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'accoglienza, se indifesa, passiva, non presidiata, buonista, diventa soccombenza prima e anche una sorta di correità implicita rispetto alle azioni degli "invasori".
      Marco Pie spiega molto bene Il paradosso Maori.
      La mia impressione, anche a sentire alcuni bolognesi e cercando alcune correlazioni cronologiche, è che il noto senso civico degli emiliani sia degradato non poco anche per l'arrivo di masse rilevanti di persone da zone d'Italia con senso civico inferiore, scarso o nullo.

      Elimina
  5. La maleducazione dei suvvisti e dei ciclisti è una delle cose più insopportabili che possano esistere. Sinceramente, quando qualcuno ne mette sono uno, io ci godo. Mi riferisco ai ciclisti della domenica che vanno in gruppo e stanno fianco a fianco belli larghi occupando mezza carreggiata chiacchierando amabilmente tra loro come se fossero al bar. Li ho spesso insultati tirando giù il finestrino...con epiteti non proprio da signora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci tengo a precisare che i ciclisti in questione sono tutti di razza veneta. La maleducazione, purtroppo, non conosce confini geografici.

      Elimina
  6. Io ho questo problema: vado al parco a passeggiare o a correre, a volte ci vado coi nipoti bambini. C'è gente che si presenta in abbigliamento da ciclista-astronauta, bicicletta da competizione e poi pretende di correre sulle stradine come se fosse un percorso riservato ai ciclisti, quando non solo al massimo è "ciclabile" ma ci sono anche delle sezioni dove è vietato andare in bici.

    Un conto è essere portatori di qualche handicap ed essere costretti a girare per il parco in bici, posso capire. Tieni una andatura da passeggio, quando serve rallenti o ti fermi. Prendi il tuo spazio e lasci spazio agli altri.

    Un altro conto è pretendere di fare le corse dentro il parco perché ti devi allenare ma non lo vuoi fare per strada perché ci sono le macchine e allora ti viene comodo farlo nelle stradine del parco.

    Io non ho fini educativi e mi scanso se posso. Il giorno che uno di questi cretini mi dovesse venire addosso è meglio se mi finisce, perché se mi rialzo sono cavoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo l'idea contraddittoria. Vale la pena di educare le persone a cui vuoi bene. Con quelle che non ti piacciono il tuo verbo "educare" è attiguo a "punire" e siccome è uno spreco di energia, non ne vale la pena. Senza contare, come scrivo sotto, che vivendo a Gotham esiste il rischio di prendersi una coltellata.

      Elimina
  7. La maleducazione è la dimostrazione che siamo condannati a ripiterci in eterno nel nostro sguazzare nella merda. La maggior ciclisti, e parlo da tale, pensano che tutto sia loro permesso e dovuto senza rendersi conto di essere tali e quali, nella loro arroganza, ai motorizzati che criticano tanto.

    RispondiElimina
  8. chi ruba una bici è un figlio di buona donna

    RispondiElimina
  9. comunque encomiabile questa iniziativa

    RispondiElimina
  10. x Mareva:
    x Spirito Libero:
    C'era un filosofo ciclista che a Monaco di Baviera aveva ribaltato il paradigma di sopraffazioni e usava i metodi degli automobilisti contro di loro.
    Creava ingorghi pazzeschi parcheggiandosi in mezzo ad una corsia, passava con la bici a tracollo sulle auto parcheggiate sulle piste ciclabili e altre cose del genere.
    Divenne cosi' famoso che arrivo' alle televisioni federali.
    Siete abituati a considerare lo spazio come spazio automobilistico non pensando che non e' affatto scontato sia cosi' ne' lo deve essere.
    Uno degli inquinamenti delle auto, oltre a quello fisico dell'ingombro, a quello chimico e' anche filosofico: non concepire che e' l'auto di piu', una cosa che su 10000 della evoluzione umana non e' esistita per 9999.
    Infatti siete qui a lamentarvi sui soprusi e gli sgarbi dei ciclisti che saranno lo 0.01 per mille di quelli degli automobilisti.
    Riflettete.
    Comunque e' certo che la maggior parte dei ciclisti, essendo italiani, avranno lo stesso senso del vivere comune, civico della maggior parte degli automobilisti.
    Senza dubbio.

    RispondiElimina
  11. "passava con la bici a tracollo sulle auto parcheggiate sulle piste ciclabili"

    Cavolo! Non ci avevo mai pensato. La prossima volta che, da pedone, trovo uno di quei bei macchinoni da millemila euro parcheggiato bello bello su un marciapiede lo scavalco, alla lettera (indosso sempre scarponi da trekking, per cui sarà particolarmente facile e divertente, offrono un'ottima presa). Probabilmente sarà domani stesso. Grazie per l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente finché il macchinone non appartiene ad un mafioso albanese che esce dal bar antistante e ti tira una coltellata.

      Bello sapere che voi vivete in contesti bucolici, io che sono nato e vivo nel ghetto devo calcolare il rischio e in questo caso non ne vale la pena.

      Elimina
    2. Lorenzo, ma sai che quando racconti queste cose penso che io, qui in Turchia, vivo molto più sicura? Non so se e' perché non vivo in una zona problematica della citta' ma in una sorta di "bolla sicura", pero' io qui non ho alcuna paura di questo tipo. Certo, nella stampa rimbalzano e fanno audience molte cose negative e "mancanza di libertà d'opinione", ma se devo descrivere un'opinione sulla gente che incontro, davvero non e' criminale. Non ho alcuna paura che qualcuno venga a darmi una coltellata per uno sgarbo. Anzi, la gente e' di norma molto sensata e rispettosa. E per gente, non intendo "i colleghi di lavoro" ma anche persone che incontro in citta' nei posti più vari.
      Ma forse, e questo puo' essere vero, posti davvero malfamati non li frequento perche'mi trovo a non viverci.

      En passant, mi fa male sapere che l'Italia e' ridotta a questo modo.

      B.

      Elimina
    3. Ci sono due opzioni, la prima è che il posto dove vivi sia più "civile" di una periferia italiana. Cosa possibilissima. Di questo dobbiamo ringraziare 70 anni di cattocomunismo ed in particolare l'ultimo ventennio in cui abbiamo spalancato le porte alla feccia di tutto il mondo. La seconda opzione è che il posto dove vivi sia uguale o peggiore alla periferia italiana ma tu non te ne accorgi. Cosa meno probabile ma ancora possibile visto che ogni giorno capita di leggere di qualche malcapitato aggredito mentre fa jogging o passeggia in zone a rischio.

      Elimina
    4. Da Corriere.it:

      "Milano - Da gennaio a ottobre 2014, i tentativi di occupazione abusiva in città sono stati 1.278 , circa il doppio rispetto al 2010 (erano 667). In quegli appartamenti, in 3 casi su 4, c’erano cittadini stranieri, tra cui 256 egiziani, 205 romeni, 143 marocchini. Gli italiani che hanno occupato o tentato di occupare sono stati 324. Queste cifre spiegano anche quali siano i gruppi che hanno sentinelle nei quartieri (per trovare gli alloggi vuoti) e fanno affari sfondando le porte per 500 euro."

      Elimina
    5. Però se leggi l'Espresso, gli Italiani sono un popolo di ignoranti e razzisti xenofobi perché non è vero che ci sono il 30% di immigrati, sono "solo" il 7%.

      A nessuno però viene in mente che questo 7% (che comunque fa circa quattro milioni) si concentra in certe aree e come deve essere la vita di un vecchietto o di una donna che abita nella case popolari.

      Elimina
    6. Penso che la Turchia possa assomigliare all'Italia degli anni 50 o 60, ovvero di un paese che si affaccia sui panorami di un agio di massa ma che ha ancora norme morali e codici comportamentali piuttosto severi, tipici di societa' rurali e/o povere (in quelle societa' il delinquere viene percepito molto piu' dannoso proprio per l'esiguita' delle risorse).

      A differenza di Lorenzo io penso che il perdonismo buonista sia una catatterizzazione culturale piu' che ideologica piu' che partitica.
      Inoltre la pseudo destra italiana non e' meglio della pseudo sinistra in quanto apologizza la violazione delle leggi (peraltro una pletora di leggi create per essere fighi, belli, etc. e poi trasgredite dagli stessi che le hanno definite) da parte dei potenti mentre il centro-sinistra cattocomunista ha una fissazione strutturalista, classista per cui le masse non hanno mai colpa e responsabilita'.
      Insomma una incultura della irresponsabilita' in cui a destra i capi dei furfanti manigoldi ladri truffarori corruttori non hanno responsabilita' e una sinistra in cui masse di idioti, di incapaci, di furbastri, finti invalidi, ricettatori, ladruncoli, assenteisti, etc. hon hanno responsabilita'.
      Insomma, in Italia non hanno responsabilita' ne' il vertice del ghiaccione ne' la sua parte immersa. E'sempre colpa di qualcun'altro, di qualcos'altro.

      In questo scenario si aggiungono milioni di balordi (importati da scafisi sulle barche e scafisti in colletto bianco mestieranti speculatori dell'accoglienza) con un senso etico, civico, della responsabilita' ancora peggiore o del tutto assente.

      Elimina
    7. Penso che la Turchia possa assomigliare all'Italia degli anni 50 o 60, ovvero di un paese che si affaccia sui panorami di un agio di massa ma che ha ancora norme morali e codici comportamentali piuttosto severi, tipici di societa' rurali e/o povere (in quelle societa' il delinquere viene percepito molto piu' dannoso proprio per l'esiguita' delle risorse)

      Oh, sai? Mi fai sorridere. Per quello che vedo io (ovvero, metropoli turche, non cittadine di provincia o di campagna) la Turchia e' come l'Italia o meglio. Che "si stiano affacciando al benessere" e' una favola che si raccontano gli europei per sentirsi superiori. Certo ci sono grandi differenze tra gli strati sociali, e grande differenza tra metropoli e provincia. Ma qui, i politici sono corrotti come altrove, o magari anche di piu', la popolazione non e' piu' virtuosa di altrove, ma nonostante tutto mi sembra che non raggiunga certi eccessi di brutalita' di stile americano (per ora, almeno).

      E, come notava mia madre oggi, l'apparente tenore di vita degli abitanti di un quartiere neanche all'ultimo grido della citta' in cui sono era paragonabile a quanto si vede in Italia.

      B.

      Elimina
    8. Visitai la Turchia nel 1992 e quindi e' un po' che manco... :)
      Leggendo qualcosa, guardando qualche pellicola turca, qualche documentario, percepisco una forte differenza tra la Turchia rurale e quella cosmopolita, consumista, modernista della grandi citta', in primis Istanbul. Ad esempio, la Turchia (ovvero alcune sue citta') sono uno dei paesi (come la Russia, il Giappone, la Corea, Parigi) nei quali il tango ha avuto piu' successo.
      Comunque ho molto da leggere ed ascoltare da te, direi.
      Tentato di trovare una spiegazione alla tua affermazione che il degrado di molte periferie banlieue italiane e' assente.
      Da cosa dipende, allora?

      Elimina
    9. Dal cattocomunismo.

      Che tra parentesi è una verità che non si può dire. Perché vorrebbe dire riscrivere la Storia e ridiscutere la montagna di balle su cui si fonda l'Italia repubblicana.

      Elimina
    10. A proposito, ecco smentita la favola degli operai picchiati dalla Polizia.

      Video Operai Polizia

      All'inizio del video si vede chiaramente che c'è un gruppetto di poliziotti sulla sinistra, un gruppo d i manifestanti deviano dal loro percorso, girano alla loro destra e vanno apposta contro i poliziotti.

      Prego notare che i poliziotti non effettuano nessuna carica, semplicemente sono li fermi a sbarrare la strada in quella direzione.

      E questo si aggiunge alla comica di Renzi che accusa i dissidenti di essere "la sinistra che non cambia che è la destra" e i dissidenti che accusano Renzi di non essere di sinistra ma di destra. Niente di nuovo sotto il sole le stesse accuse se le scambiavano Gaber e De Andre negli anni '70.

      Però UomoCoso se per tua tranquillità interiore preferisci demandare a fattori metafisici per me va bene tanto ormai è troppo tardi per qualsiasi cosa.

      Elimina

    11. Alla fine la risposta è diventata una pagina, Lorenzo.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.