mercoledì 1 ottobre 2014

Vie più sottili - 1

Anche a me mancano, come a Diamanta. E' stato, fu un periodo un della vita, quello in cui potevo reggere quegli estremi e anche la durezza che lo caratterizzava.
Io riuscii ad evitare di ingolfarmi di transe perché avevo capito che quelle esperienze divinatorie non potevano e non possono essere iterate, ripetute che di tanto in tanto, anche solo per non banalizzarle, per tenerle speciali.
_ena, la capa guru dell'associazione, osservava che è bene trovare vie più sottili al piacere, al benessere, a quegli stati superiori. Anche solo semplicemente perché il tempo passa, non puoi usare più il corpo in modo estremo e la biochimica divinatoria che esso così genera.
Ora sono fini, la musica, le atmosfere dell'anima, gli abbracci. Non solo i bassi delle casse che ti vibrano torso e cuore. Ora sono torso e cuore che vibrano, quasi impercettibilmente, in quegli abbracci, sono il batticuore di lei abbandonata tra le tue braccia e la musica a portarti via. Non luci fluo ma chiaroscuri. Non l'erba di radure o la sabbia di spiagge ma un parquet nero, morbido come il caffè.
La chiamavo milonga del mio cuore. La chiamerò milonga del mio cuore.

Il tempo passa. Tra un'oraequaranta minuti tre impianti, per tre molari che non ci sono più da ottobre dell'anno scorso. Il tempo che scorre.

15 commenti:

  1. 'azzarola! ..per tre impianti insieme è bene si, ricorrere a "stati superiori", da qualsiasi sostanza vengano indotti/procurati/sollecitati... ;)

    RispondiElimina
  2. ecco, pensa ai molari e all'impianto che non a quelle cose che non capiro mai e poi mai..... io faccio fatica ad abbracciare me stesso, pensa gli altri.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra, le uniche persone che non devi abbracciare sono quelle per strada con i cartelli Free hugs. Danno abbracci e fottono il portafoglio :)

      Elimina
    2. ..ahhh!!.. le ho viste per la prima volta a Minorca, quest'estate.. le free hugs.. fanciulline proprio niente male che se non fosse stato per una sguardo fucilato della mia dolce consorte, magari un abbraccino con annesso portafoglio gliel'avrei pure lasciato.. ahah!!

      Elimina
    3. > sguardo fucilato della mia dolce consorte

      Ecco, io so che esistono 'ste robe e ... non le capisco. Non le capisco, non le reggo.

      Elimina
    4. A me di fondo fa anche un po' senso.

      Elimina
    5. Non ho capito Uomo. Ti riferivi alla dolce consorte? :)

      Elimina
  3. Alla fine capisci che sono davvero poche le cose che contano nella vita. Gli affetti cari, gli abbracci dati e ricevuti con il cuore. Una carezza inaspettata, un sorriso in una giornata uggiosa. Piccole cose ma grandi.

    RispondiElimina
  4. x franco battaglia:
    Ahaha
    La chimica, quella anestetica. L'abbiamo usata si' oggi, quella. In effetti una chimica che... stordisce. Era uno degli idiomi di quei contesti ma anche popolaresco per indicare gli effetti di certe sostanze.

    x Francesco:
    Non abbracci le donne con le quali hai avuto momenti di gioco, di sesso, di tenerezza?

    x Wannabe Figa:
    Mica tanto free, eh!?
    Come banalizzare l'abbraccio,
    Penso che un mio amico "goano" se ne ando'in una comunita' buddista in Germania, per una vacanza estiva. Si facevano mezz'ora di abbracci al giorno.
    Ma con la quantita' NON avranno la qualita'.
    Forse avranno reso meno inibito il toccare qualcun'altro, il contatto fisico con gli altri.

    RispondiElimina
  5. x Spirito Libero:
    Il tango (salon) e' fatto di cose piccole, precise e preziose. Poi c'e' anche quello escenario che molto appariscente, piu' danza moderna che tango. In quello ci sono cose molto grandi, c'e' sport, non puoi percepire le manifestazioni dell'anima che abbracci.

    RispondiElimina
  6. chissà che conto del dentista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me sa tanto di pseudosocialità postfrikkettona

      Elimina
  7. x Sara:
    'nzomma, da quanto ho iniziato a ottobre dell'anno scorso sono gia' 2100€ e ora ne serviranno altri 4800€.

    x Francesco:
    A cosa ti riferisci? Goa o tango?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì.
      La goa trance piu' tardi psychedelic trance era, tra le varie correnti delle danze elettroniche e loro culture, quella technofreak o neofreak.
      Pseudo soclaita'.. non so.
      Il pseudo non e'piu' vero o piu' falso di altri contesti simili.
      La socialit' nelle palestre e' meno pseudo? e quella negli ambienti del liscio o del boogie?

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.