domenica 8 febbraio 2015

Finita bene

Avevo già scattato almeno una ventina di foto quando... per riprendere gli arabeschi di cristallo pazzeschi di un ramo curvo di peccio stracarico di bianco gelo ... avevo messo le mani in tasta e... Ho perso il furbofono, porcagalerasozzaladra!
Mi ricordo ancora il momento in cui, probabilmente l'ho perso. Avevo visto un giovane maschio di cervo procedere con grande fatica e nascondersi in basso, verso il ruscello. Cercato di avvicinarmi ma … il cervo si era dileguato. Messo il furbofono in tasca destra dei calzoni ma... deve essere uscito. Non mi fregava assolutamente nulla del furbofono, imprecavo per le foto perse in una delle giornate di candida bellezza invernale più belle di mai. Al ritorno a casa mi chiama mio fratello: guarda che ha chiamato Tizia Caia, ha trovato il tuo cellulare , questo è il suo numero.
Tutto bene una splendida giornata che finisce bene. Mercoledì sera andrò a recuperare il furbofono e giovedì ci saranno le foto di solo metà di questa giornata di grande bellezza. Racconterò.
Abbiamo camminato per quasi sei ore in neve fonda fino a 100cm, aprendo noi la traccia. Penso che avremo fatto cinque ore nette di step duro no morbidosprofondante, alternandoci in testa. Uno sforzo fisico tosto.
Che goduria però!

10 commenti:

  1. Fortuna che l'hai ritrovato il furbofono, non è mica biodegradabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...l'ha perso mentre perculava la tipa che sgommava di brutto e spalava due etti di neve alla volta...

      Elimina
    2. Sì, però in quella zona ancora all'ombra la neve era soffice... Evidentemente deve essere caduto di piatto, altrimenti sarebbe sparito nel bianco.

      No, nottebuia. Uno dei lati positivi dei luoghi di montagna faticosi è che essi tengono lontano la marmaglia pigrogliona.

      Elimina
  2. potrebbe nascere un amore con tiziacaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imbastiamo le trame per un film, Francesco.
      ;)

      Elimina
    2. Ma che trama, i film che predilige Francesco sono del tipo:
      Entra l'idraulico, signora dov'è il guasto, venga che le faccio vedere, la signora si piega in avanti, parte la musichetta funky elettronico e si arriva al dunque nella suddivisione canonica fellatio, dietro, cavallina, davanti happy ending.

      Elimina
    3. quel genere si chiama "gonzo", per l'esattezza

      Elimina
    4. Ho letto la definizione di "gonzo pornography" su Wikipedia ma onestamente non sono riuscito a cogliere la sottile differenza tra i generi, se non in termini quantitativi.

      Elimina
  3. Per fortuna esistono ancora persone perbene a questo mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come rispondevo sopra a nottebuia, l'asprezza della montagna (e in qualche misura l'asprezza della milonga, anche se lì non è la fatica ma la dimensione di tecnica ed espressione artistica a rendere "erta" l'esperienza) sono un filtro efficace che screma le persone.
      Con le eccezioni ma... sostanzialmente è così.
      Dopo il crollo del colosso di fango dai piedi di neve, ancora più convinto che agio e comodità, tecnologia e energia disponibili a cani e porci, non solo hanno portato a regressioni incredibili delle masse ma anche a un netto peggioramento dei valori morali ma anche etici.
      Il detto "La necessità aguzza l'ingegno" dice più di un trattato di sociologia e di storia.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.