mercoledì 18 febbraio 2015

Kaizen



Kaizen
o - (改善) è la composizione di due termini giapponesi, kai (cambiamento, miglioramento) e zen (buono, migliore), e significa cambiare in meglio, miglioramento continuo.


" il che rende difficile la comprensione. Per altro così non è per niente immediata la lettura"
Alahambra, commento

"la parte dei commenti è esteticamente sgradevole"
Francesco, commento


Tra gli interessi citati nel mio profilo, c'è il kaizen, il miglioramento continuo. I giapponesi ne fecero e ne fanno uno dei punti di forza del lor modello sociale e produttivo (ecco, il JIT è stato ed è massimamente problematico da numerosi punti di vista. ecologico in primis, anche del kaizen, con filosofia, prendere il buono e lasciare il cattivo).


una forte spinta motivazionale ed un senso d’appartenenza all’Organizzazione, tali da far coincidere gli interessi del singolo con il gruppo d’appartenenza

Nell'organismo/organizzazione c'è una parte fondamentale: i lettori, questo diario e il mio io virtuale appartengono non poco ad essi.
Ho cercato di capire cosa ci fosse dietro ad alcune osservazioni: il nuovo formato per la lista degli ultimi commenti per alcuni rendeva "difficile la comprensione", era "sgradevole". In un paio di giorni ho osservato che l'anteprima del commento (25 caratteri), in effetti, era un po' troppo concisa, striminzita. Questo era dovuto all'ampiezza ridotta del riquadro laterale. Anzi alle ampiezze ridotte. Il modello "Minima" che adotta questo diario risale al 2004: nel frattempo le ampiezze dei visori sono aumentate sensibilmente. Beh, forse è ora di cogliere la pappa al balzo, continuo col kaizen. Potrei omettermi da un kaizen per... il mio diario? Ho aumentato le ampiezze di un terzo, del riquadro principale, di tutto in proporzione, anche quella del riquadro laterale a destra e quindi dell'anteprima dei commenti (a 34 caratteri). Le pagine ora sono un po' più larghe e meno estese in verticale, quindi un po' più ergonomiche spero.
Ecco, poi ditemi che non ci voglio bene... :)

Strane coincidenze, in una delle prime prove aveva il contatore del diario a 230000.

5 commenti:

  1. Ci ho una rottura di "kaizen", io! Uh, e che rottura di "kaizen" ci ho!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una rottura del kaizen!?
      Nooo!

      Elimina
    2. JIT ?

      ...

      Formidabile concetto, il kaizen.
      Concreta e in questa direzione, è la tua azione del rimodellamento del diario.
      Però ...
      le risposte subordinate sono indentate pochissimo, ed è faticoso riconoscere i diversi segmenti della cascata di commenti.

      ó_____ò

      Elimina
    3. ( e qualche volta - ad esempio - sbaglio a posizionare il commento ... come quello qua sopra, con il quale volevo iniziare un nuovo segmento di conversazione, e non accodarmi allo scambio tra te e Clorinda ).

      Elimina
    4. Un altro principio del kaizen e' di utilizzare componenti "standard".
      Da questo punto di vista ho utilizzato le modalita' "standard" di indentazione dei commenti.
      Sebbene possano essere utili le indentazioni multilivello (viste su WordPress) tendono a produrre commenti filiformi disposti in verticale.

      Elimina

Rumore, robaccia fuori posto, pettegolame, petulanze, fesserie continuate e ciarpame vario trollico saranno cancellati a seconda di come gira all'orsone.